Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Leif Erikson “il fortunato”, navigatore ed esploratore norreno del X secolo

tempo di lettura: 9 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: X SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO

Tutti conoscono la casa di telefoni Ericcson, che prende il nome da Lars Magnus Ericsson, che la fondò 145 anni fa prevedendo che l’accesso alle comunicazioni sarebbe stato presto un bisogno umano fondamentale. Oggi non parleremo del geniale e visionario inventore svedese ma di un altro Ericsson o meglio Erikson il cui cognome significa semplicemente “figlio di Erik”. Mi riferisco a Leif Erikson, figlio di Erik il Rosso, esploratore norreno e fondatore del primo insediamento europeo in Groenlandia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è STORIA-NORDICA-Viking_expansion.png

Mappa generica che mostra aree di insediamenti Norreni e Normanni della Normandia – legenda: marrone 8 secolo – rosso 9 secolo – arancio 10 secolo giallo 11 secolo – verde contatti ma non insediamenti – autore Briangotts –  Viking expansion.png – Wikimedia Commons

La nostra storia incomincia intorno all’anno 1000 in terra di Islanda, la terra dei ghiacci. In quel periodo, il cosiddetto “periodo caldo medievale” (MWP), che durò dal 950 al 1250, le temperature erano leggermente più alte di quelle odierne ed i mari erano sgombri dai ghiacci anche nelle alte latitudini. A causa delle variazioni astronomiche, dal 1400 al 1700, questo periodo particolarmente caldo subì un raffreddamento significativo che viene ricordato come quello delle piccole glaciazioni. A causa delle condizioni climatiche di quei periodi le attività dei popoli del Nord vennero condizionate fortemente. 

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2000_year_global_temperature_including_Medieval_Warm_Period_and_Little_Ice_Age_-_Ed_Hawkins.svg.png

Comparazione fra dieci ricostruzioni pubblicate sui maggiori cambiamenti di temperatura avvenuti negli ultimi 2000 anni di Ed Hawkins – elaborato da RCraig09 2000+ year global temperature including Medieval Warm Period and Little Ice Age – Ed Hawkins.svg – Wikimedia Commons

In particolare, nel periodo caldo medievale, i mari settentrionali furono più liberi dai ghiacci ed i Norreni poterono muoversi più liberamente, colonizzando la Groenlandia ed altre terre periferiche del continente nord americano.

Non chiamiamoli Vichinghi
Abituati a vederli come predatori spietati, i “Norreni” erano un gruppo etnolinguistico di popoli germanici che nel Medioevo abitò la Scandinavia, caratterizzato da una propria lingua appartenente al ramo germanico settentrionale, un idioma da cui sono derivate le moderne lingue scandinave. Vista la loro dislocazione potremmo chiamarli più propriamente Nordici o Normanni, ovvero gli uomini del Nord. Dall’VIII secolo in poi queste popolazioni iniziarono un’espansione che li portò ad espandersi, creando stati e insediamenti nelle Fær Øer, nel Regno Unito, in Irlanda, in Islanda, in Finlandia, in Russia (Rus indicava “i popoli che remano”, parola scandinava) fino in Sicilia e nell’Italia meridionale con i Normanni. Erroneamente spesso il termine Norreno è assimilato a quello dei “Vichinghi” che erano in realtà un ristretto gruppo dei Norreni dedito all’esplorazione e al saccheggio a bordo delle loro veloci navi, i dreki, che si differenziavano come forma e struttura da quelle commerciali impiegate dagli altri Nordici. Potremmo dire che i Vichinghi erano in qualche modo i pirati/guerrieri dei Norreni.

Sebbene spesso il loro modus vivendi fosse molto simile, Norreni e Vichinghi avevano usi e costumi diversi. La loro differenziazione, con bellissimi esempi delle loro navi, appare evidente nell’arazzo normanno di Bayeux dell’XI secolo d.C..  I dettagli seguenti (più compiutamente descritti nel Arazzo di Bayeux – Wikipedia) mostrano molti particolari interessanti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bayeux-affresco-normanni-1024x506.jpg

L’arazzo normanno di Bayeux risalente all’XI secolo d.C.. narra la conquista del trono d’Inghilterra da parte del duca di Normandia, Guglielmo il Bastardo, poi Guglielmo il Conquistatore

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bayeux-arazzo-normanni-1024x595.jpg

Si tratta di un lungo rotolo di lino di 70 metri, largo circa 50 centimetri, composto da otto elementi cuciti tra loro, con fili di lana di otto colori diversi, che ci mostrano le diverse navi impiegate dai uomini del Nord

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è arazzo-bayeux-2.jpg

notare il momento dello sbarco in Inghilterra con il lancio a prora di un’ancora

In particolare, i guerrieri indossavano un elmo conico con paranaso, una spada, un lungo scudo e, talvolta, una cotta di maglia. Sono presenti anche degli arcieri, un tipo di soldati armati con archi lunghi già impiegati nel V secolo dalle popolazioni barbare e poi molto diffusi nella cultura anglosassone dal XIII secolo. L’abbigliamento degli altri Norreni, per lo più marinai, artigiani, contadini ed agricoltori, era limitato a una lunga camicia, una cintura, pantaloni lunghi e stretti, scarpe corte e occasionalmente un mantello. La stretta camicia si allargava sotto la vita e aveva le maniche lunghe. La leggenda che i Vichinghi portassero elmi con le corna non corrisponde a realtà in quanto sarebbero stati decisamente poco pratici in combattimento. Tali elmi venivano infatti indossati solo nelle cerimonie religiose o politiche del clan.

Una curiosità
I guerrieri avevano generalmente capelli corti e il viso ben rasato, mentre gli altri uomini a volte portavano i capelli più lunghi, con barba o baffi ben curati. A tal riguardo, i Norreni erano popoli molto puliti che usavano farsi il bagno in grandi tinozze di legno con acqua riscaldata, indossando poi vestiti puliti. Si prendevano cura dei loro capelli e, non a caso, nei loro sepolcri sono stati ritrovati pettini in quanto, secondo la tradizione, nessun Norreno avrebbe dovuto entrare nell’aldilà con … i capelli in disordine.

Leif Erikson, tra leggenda e storia
Intorno al 985 d.C. questi abili esploratori del Nord fondarono insediamenti all’estremità meridionale della Groenlandia, allevando bovini, ovini e caprini, e cacciando nelle ricche e pescose acque. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eric-rosso.jpg

Erik Thorvaldsson il rosso, padre di Leif, frontespizio xilografico dalla pubblicazione islandese del 1688 di Arngrímur Jónsson di Gronlandia (Greenland). Fiske Icelandic Collection. EIREKUR hinn Ravde/, fyrste Ladnams madr Grænlands. Hop bygd i Grænlande, ANNO 986 – autore Arngrímur Jónsson
Eric the Red.png – Wikimedia Commons

Tra di essi Erik Thorvaldsson detto il rosso, per via del colore dei capelli e della barba, che, secondo la saga a lui dedicata, raggiunse per primo dall’Islanda la Groenlandia, fondando una colonia commerciale sulla costa meridionale. Una terra che all’epoca gli apparve tanto meravigliosa che la descrisse come verde e rigogliosa, da cui il nome Groenlandia che significa Terra Verde. Dopo la scoperta tornò in patria per organizzare una spedizione più consistente di uomini, donne e animali che imbarcò su 25 navi (di cui solo 14 arrivarono a destinazione) per poi stabilirsi nei fiordi sudoccidentali dell’isola. In particolare, Erik si stabilì a Brattahlid, nel fiordo che prese poi il suo nome, l’Eriksfjord.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Leifr_hinn_heppni.jpg

Leifr hinn heppni, “Leif il Fortunato”, come scritto all’inizio del XIV secolo sul Hauksbók, il più antico manoscritto della Saga di Erik il Rosso. Il termine “fortunato” o più propriamente che portava fortuna derivò dal fatto che in uno dei suoi viaggi aveva salvato dei naufraghi – fotografia dall’Arnamagnæan Collection, manoscritto (Hauksbók) del XIV secolo  – autore sconosciuto – Fonte  https://myndir.handrit.is/file/Handrit.is/…/HIGH_QUALITY_DISPLAY Leifr hinn heppni.jpg – Wikimedia Commons

Secondo le fonti, suo figlio Leif Erikson durante una delle sue esplorazioni, sbarcò, probabilmente  per un errore di rotta, in una regione sconosciuta situata  più a Sud della Groenlandia, che chiamò Vinland. 

Il nome Vinland potrebbe essere legato all’uva selvatica che sembra vi crescesse in abbondanza, ma il nome potrebbe essere legato semplicemente alla fertilità della terra in quanto legato al termine Vln, ovvero luogo dove si coltiva, la fattoria.

Dopo aver trascorso un duro inverno a Vinland, Leif tornò in Groenlandia e non fece più ritorno sulle coste nordamericane, lasciando però dietro di sé delle tracce della sua permanenza sul continente americano. In seguito, suo fratello Thorvald guidò una nuova spedizione a Vinland, ma tutti gli sforzi per stabilirsi nella regione fallirono a causa del clima, particolarmente duro in inverno, e degli aspri scontri con i nativi americani chiamati dai Norreni Skrælingjar, ‘gente di brutto aspetto’. Probabilmente si trattava di Inuit o di Beothuk, usi a vivere da sempre in quelle regioni ostili che non avevano gradito l’arrivo di quegli strani uomini biondi. Quando il padre morì, Leif Erikson assunse la carica di capo dell’insediamento in Groenlandia e alla sua morte, intorno al 1025, suo figlio Thorkel Leifsson gli succedette.

Le diversi fonti
Le esplorazioni di Leif sono raccontate nella saga islandese Eiriks, scritta intorno al XIII secolo (Saga di Erik il Rosso). Secondo quel documento Erikson salpò dalla Groenlandia alla Norvegia intorno all’anno 1000. Lungo la strada, da buon eroe epico, conobbe anche l’”amore”, alle isole Ebridi situate al largo della costa occidentale scozzese dove incontrò la figlia di un capo locale, Thorgunna, da cui ebbe anche un figlio, Thorgils. Thorgunna scoprì di essere incinta poco prima della sua partenza per la Norvegia per cui non lo seguì, promettendo però di mandare il figlio da lui appena in grado di navigare. Leif riprese quindi il suo viaggio per raggiungere la Norvegia dove prestò giuramento di fedeltà al re Óláfr I Tryggvason che, in seguito, lo convertì al Cristianesimo.

Óláfr, un tempo legato agli antichi dei, era stato un grande e spietato guerriero che, durante quattro anni di scorrerie dalla costa orientale dell’Inghilterra fino alla Normandia giunse alle Isole Scilly dove incontrò un profeta di fede cristiana che gli predisse che presto sarebbe stato ferito gravemente in battaglia, si sarebbe ristabilito dopo sette giorni ed un giorno sarebbe diventato re di Norvegia. L’evento (forse un ammutinamento) si avverò e la leggenda vuole che Óláfr, impressionato dalla profezia ricevuta, si convertì al Cristianesimo facendosi battezzare insieme a tutti i suoi compagni. Tra l’inverno del 995 e l’estate del 996 il re percorse in lungo e in largo le coste della Norvegia, riconosciuto da tutti quale nuovo sovrano, imponendo la nuova religione anche se … spesso in modo coercitivo e violento. 

La conversione al Cristianesimo fu per lui un elemento essenziale in un progetto politico volto a realizzare l’unificazione del Paese sotto un forte potere monarchico, prendendo come esempio i regni europei. Inn questo fu aiutato da una già esistente cristianizzazione di molte terre del nord che videro nel potente re una protezione dai pericoli legati alle scorrerie dei vichinghi. Secondo Carla Del Zotto, la sua opera di conversione toccò fortemente anche coloro con cui venne a contatto. Un anno dopo, Olaf decise di rimandarlo in Groenlandia con l’incarico di diffondere la nuova fede anche tra i coloni occidentali in Groenlandia. Leif Erikson riprese il mare ma al suo arrivo trovò non pochi ostacoli per la sua opera di conversione, in particolare da parte del padre; forse non fu per caso che ripartì per le nuove esplorazioni  che portarono alla scoperta della Vinland. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Groenlendinga-saga.png

Le differenti rotte per la Groenlandia, la Vinlandia, l’Hellulandia e la Marklandia percorse da vari personaggi nelle Saghe degli Islandesi, in particolare nelle Saga di Erik il Rosso e nella Saga dei Groenlandesi – Fonte Basato sui testi della Icelandic Saga in Íslendinga sögur: og þættir, Svart á Hvítu, Reykjavik, Iceland, 1987 – autore Masae

Un’altra saga islandese, la Groenlendinga saga (o “Saga dei groenlandesi”), ritenuta più attendibile della Saga di Eiriks, sostiene che Leif Erikson venne a conoscenza di quella nuova terra da un commerciante islandese Bjarni Herjulfsson, che aveva avvistato quelle coste dalla sua nave ben 14 anni prima del viaggio di Leif … ma non aveva osato sbarcare a terra. Secondo questa saga, Leif Erikson approdò prima a Helluland (terra piatta, Labrador), poi a Markland (terra della foresta, Terranova) e alla fine a Vinland.

Leggende che trovarono una verità molti secoli dopo
La prova dell’effettivo sbarco del coraggioso navigatore norreno sulle coste nord americane si ebbe all’inizio degli anni ’60, quando, durante gli scavi a L’Anse aux Meadows, sulla punta più settentrionale di Terranova, venne scoperto un campo base vichingo dell’XI secolo. L’insediamento di circa 80 uomini comprendeva almeno otto edifici, tra cui una fucina e una segheria, che doveva rifornire un cantiere navale. La costruzione più grande misurava 28,8 metri per 15,6 e consisteva in numerose stanze. Curiosamente i nativi algonchini hanno in una loro leggenda lo sbarco di uomini biondi e pelosi sulle loro coste.

Chi scoprì per primo il continente americano? 
Sicuramente furono i grandi esploratori Norreni che però non ne compresero l’importanza. Non ci fu da loro, se non per un breve tempo, la volontà di colonizzare le nuove terre, idea poi abbandonata a causa delle estreme condizioni climatiche che divennero sempre più proibitive durante la piccola glaciazione. A partire dalla fine del XIX secolo, molti nordamericani incominciarono a celebrare Leif Erikson come il primo esploratore europeo del Nuovo Mondo e, nel 1925, per il centenario dell’arrivo del primo gruppo ufficiale di immigrati norvegesi negli Stati Uniti, il presidente Calvin Coolidge dichiarò che Erikson era stato il primo europeo a scoprire l’America. Nel settembre 1964, il Congresso degli Stati Uniti approvò una risoluzione per dichiarare il 9 ottobre “Leif Erikson Day“. Ciononostante, il 12 ottobre di ogni anno in America si continua a celebrare il Columbus Day, in onore della scoperta del Nuovo Mondo da parte di Cristoforo Colombo che, di fatto, ne iniziò la conquista. 

 

in anteprima la splendida nave  norrena di Godstad Gokstadskipet1 – Museo delle navi vichinghe di Oslo – Wikipedia – foto di Karamell

 

Fonti

Reeves, Arthur M. et al. (1906). The Norse Discovery of America. New York: Norrœna Society. 

Örnólfur Thorsson (ed.) (2001). The Sagas of Icelanders, Penguin Books. ISBN 0-14-100003-1

Carla Del Zotto (2021). Óláfr Tryggvason, Il re vichingo, Apostolo della Norvegia, Graphe.it, ISBN 9788893721257

Campbell, Gordon (2021). Norse America: The Story of a Founding Myth. Oxford: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-886155-3.

Ingstad, Helge (1985). The Norse Discovery of America (Volume 2): The Historical Background and the Evidence of the Norse Settlement Discovered in Newfoundland. Oslo: Norwegian University Press (Universitetsforlaget AS). ISBN 82-00-07039-5.

Reeves, Arthur Middleton (1890). The finding of Wineland the Good : the history of the Icelandic discovery of America. London: H. Frowde, Oxford University Press.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 531 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
19 visitatori online
19 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 27 alle 10:30 am
Mese in corso: 66 alle 01-06--2024 10:29 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x