If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Amerigo Vespucci, un fiorentino che scrisse la storia della navigazione

livello elementare
.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Amerigo Vespucci, Caraibi, Brasile, Colombia
.

maxresdefault

l’Amerigo Vespucci, nave scuola della Marina militare italiana prese il nome dal celebre navigatore Amerigo Vespucci che, nel XVI secolo, scoprì numerose nuove terre tra cui il Brasile

Tutti conoscono l’Amerigo Vespucci, nave scuola della Marina Militare Italiana nota come la nave più bella del mondo. Questo veliero, nursery di futuri comandanti, prese il nome da un grande navigatore fiorentino del sedicesimo secolo, le cui scoperte cambiarono le conoscenze nautiche della sua epoca. Un secolo in cui, un altro grande Italiano, Cristoforo Colombo, scoprì il nuovo continente cambiando la storia del mondo. Amerigo Vespucci, come vedremo, non gli fu da meno e con le sue scoperte ed osservazioni apri una nuova era nella navigazione astronomica.

Chi fu Amerigo Vespucci?
Amerigo Vespucci nacque a Firenze il 18 marzo 1454, terzo figlio di un notaio fiorentino, Nastagio o Anastasio Vespucci, e di una nobildonna di Montevarchi, Lisa (Elisabetta) Mini, in una famiglia quindi benestante e di nobili origini.

349330ae7e70db4c53ee8137bdc566d4Amante delle arti e delle scienze, su incarico di un banchiere di Firenze, Lorenzo di Pierfrancesco dei Medici, si trasferì nel 1489 a Siviglia, in Spagna, dove affascinato dal contatto con la gente di mare sviluppò ancor di più il suo desiderio di viaggiare verso l’ignoto. In quel fecondo periodo incontrò anche un visionario genovese, chiamato Cristoforo Colombo, anche lui grande marinaio alla ricerca di sovvenzioni per i suoi viaggi di esplorazione. Un capitano che li a poco avrebbe scoperto oltre l’oceano l’isola di Guanhami, l’odierna Waitling nelle Bahamas, che lui battezzò San Salvador, aprendo l’era moderna. Fu a seguito di questa grande scoperta geografica, avvenuta il 12 ottobre 1492, che Amerigo  Vespucci imbarcò come pilota di Alonso de Hojeda, incaricato di esplorare per conto della Corona di Spagna le coste meridionali del continente americano. Il primo viaggio avvenne tra il 1497 e il 1498, in compagnia di Juan de la Cosa (celebre cartografo e pilota cantabrico), sotto il comando di Juan Diaz de Solis. La spedizione, voluta dal re Ferdinando II di Aragona, aveva lo scopo di calcolare la distanza tra l’isola di Hispaniola (scoperta da Colombo) e la terraferma. Fu così che le navi approdarono nell’attuale Colombia, probabilmente nella penisola della Guajira.

Un navigatore ed esploratore eccezionale
I diari del Vespucci sono fonti incredibili di conoscenza antropologica in cui egli descrisse minuziosamente gli usi e costumi degli indigeni locali. Inizialmente la spedizione si diresse verso la laguna di Maracaibo che,  ricordando a Vespucci la laguna di Venezia, viene chiamata Venezuela, ovvero piccola Venezia. Dopo aver costeggiato le coste del Centro America e  navigato nei Caraibi tra la Florida e l’isola di Cuba la spedizione rientrò in Europa portando con sé un patrimonio cartografico e etnologico importante. 


.
Il secondo viaggio di Vespucci verso il continente americano avvenne tra il 1499 e il 1500, nel corso della spedizione diretta da Alonso de Hojeda: anche questa volta, è presente Juan de la Cosa. Arrivati nei pressi della Guyana, Vespucci si separò da de Hojeda  e decise di proseguire in direzione sud, fino a giungere circa a 6 gradi Sud, alla foce del Rio delle Amazzoni scoprendone l’estuario. Parlerà del suo arrivo tra la bocca nord e la bocca sud (Parà) del fiume in una lettera inviata a Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici. Anche di  tale viaggio, Amerigo lascia in eredità numerose descrizioni relative alla fauna incontrata (a stupirlo fu la bellezza dei pappagalli) ed alle popolazioni locali. Fu proprio durante questo viaggio che individuò le stelle che in seguito verranno denominate “Croce del Sud“, una costellazione che indica la direzione del Sud geografico. La spedizione si concluse rientrando verso nord, passando nei pressi del fiume Orinoco e dell’isola di Trinidad prima del ritorno in Spagna.

97mappa-viaggi-vespucci

.
Amerigo Vespucci intraprese quindi un terzo viaggio, questa volta al servizio del Portogallo, in una spedizione guidata da Gonzalo Coelho, fino alle isole di Capo Verde dove incontrò Pedro Alvares Cabral che con le sue navi era in procinto di rientrare dall’India verso il Portogallo. Nell’arcipelago africano, conobbe Gaspar da Gama, un esploratore ebreo che gli descrisse con cura la vegetazione, la fauna ed i popoli indiani.

Dalle reciproche conoscenze Vespucci comprese che i luoghi che aveva scoperto nei suoi viaggi precedenti non potevano far parte dell’Asia e doveva quindi trattarsi di un nuovo continente.

Insieme con Coelho, navigando verso Occidente, giunse nei pressi delle coste del Brasile e, il primo giorno dell’anno 1502, raggiunse una meravigliosa baia che fu battezzata Rio de Janeiro (Janeiro in portoghese è gennaio). Il viaggio avventuroso continuò verso sud, nella direzione del Rio de la Plata (nominato, inizialmente, Rio Jordan) per poi proseguire fino a 52 gradi Sud di latitudine, a poca distanza dallo stretto che, scoperto dal portoghese Ferdinando Magellano ben diciotto anni più tardi, ne prenderà il suo nome. Vespucci, forse frenato dalle basse temperature, non si spinse oltre la Patagonia.  Nei suoi scritti descrisse, di fatto scoprendole, nuove stelle come Alfa Centauri e Beta Centauri, ai tempi invisibili alle latitudini mediterranee ma di cui si trovava traccia negli scritti antichi. Una scoperta straordinaria che solo in seguito fu compresa per la sua importanza.

Nel biennio 1503-1504, sempre agli ordini dei Portoghesi, intraprese un quarto viaggio che lo portò a scoprire prima un’isola in mezzo all’oceano, in seguito chiamata isola di Fernando de Noronha, e poi le coste brasiliane. Si trattò di un’esplorazione che non condusse a nuove scoperte particolarmente significative ma che gli permise di realizzare molte osservazioni stellari e dedurre un nuovo metodo per individuare, con la tecnica della distanza lunare, la longitudine.

downloadNominato dal re Ferdinando II di Aragona Piloto Mayor de Castilla” nel 1508, Amerigo Vespucci  diventò responsabile dell’organizzazione dei viaggi nelle terre nuove e della formazione di giovani cartografi e piloti. Vespucci si adoperò ad  insegnare ai futuri navigatori ad utilizzare l’astrolabio e il quadrante per le misure stellari, all’epoca unici strumenti per la navigazione di altura.

Amerigo Vespucci morì a Siviglia il 22 febbraio 1512, indossando l’abito francescano, cosa che aveva fatto anche Colombo e, come espressamente richiesto, lasciò tutti i suoi beni alla moglie Maria Cerezo dalla quale non ebbe figli. Amerigo Vespucci è riconosciuto come uno degli esploratori più importanti del Nuovo Mondo che prese meritoriamente il suo nome (Amerigo – America). Anche questa storia merita di essere raccontata.

Un continente col suo nome
Sebbene alcuni pensino il contrario, fu il cartografo Martin Waldseemuller a rinominare il continente con il femminile del suo nome in latino (cioè Americus Vespucius) nella “Cosmographiae Introductio“. Il nome del grande navigatore fu inserito sul planisfero da lui disegnato nel 1507, seguito da tutti i cartografi  di tutta l’Europa. Così al suo nome fu associato il Nuovo Continente. Dal punto di vista nautico, ciò che lo rese famoso non furono tanto i suoi viaggi transatlantici e le sue doti di marinaio ma le deduzioni di carattere teorico che seppe trarre durante le sue navigazioni. La sua importanza «resta legata alle sue competenze e alla capacità dimostrata nel comprendere e divulgare le novità di carattere cosmografico e geografico apportate dalla scoperta dell’America» (Luzzana Caraci).

amerigo05Amerigo Vespucci era in possesso di una preparazione cosmografica e geografica che potremmo definire eccezionale per la sua epoca, unita all’abilità nell’uso di tutti gli strumenti nautici come il quadrante, l’astrolabio, la bussola (usata per la misura delle direzioni) ed il compasso per la misura delle distanze esistenti o percorse; questi strumenti erano utilizzati per orientarsi o per posizionarsi in mare aperto mediante precise misure, per quell’epoca, delle altezze degli astri celesti. Teniamo conto che all’epoca non esisteva ancora un metodo per misurare la longitudine mancando il cronometro, per cui la navigazione veniva ancora effettuata per latitudine. La longitudine veniva quindi stimata grazie alle conoscenze geografiche.

Ciò nonostante, il concetto era compreso e venivano fatti tentativi di stimarla come quello pensato da Vespucci. Il grande navigatore fiorentino ne ideò uno che descrisse in quattro lettere (inviate a Lorenzo di Pierfrancesco dei Medici, da Siviglia il 18 o 28 luglio 1500, da Capo Verde il 4 giugno 1501, da Lisbona alla fine luglio 1502, e un’altra, in un frammento,  della fine del 1502). La prima e la seconda lettera testimoniano i calcoli di longitudine effettuati mediante l’applicazione del suo innovativo e ingegnoso sistema ‘delle distanze lunari’ che sfruttava la differenza oraria in cui sarebbe stata osservata la congiunzione della Luna con Marte nel luogo in cui si trovava al momento dell’osservazione con quella prevista in Europa. Oggigiorno i sestanti moderni “fermano” la misura ai secondi di osservazione (non all’ora come Amerigo Vespucci) basandosi su uno strumento fondamentale per il calcolo che non esisteva all’epoca: il cronometro.

Molto ci sarebbe ancora da raccontare su Amerigo Vespucci, un gigante del mare le cui scoperte ed intuizioni tutti i marinai dovrebbero conoscere, ma ci torneremo con altri articoli.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 1.570 times, 4 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share