Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Occhi dallo spazio per gli oceani: come SWOT guarderà l’acqua del mondo

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Satelliti, bacini acquiferi, monitoraggio dallo spazio

 

In maniera provocatoria potremmo dire che il nostro pianeta dovrebbe chiamarsi Oceano e non Terra, considerando che oltre l’80% della sua superficie è occupata dalle acque.
Una superficie liquida che svolge un’importante funzione di regolazione del clima terrestre e ci consente di poter vivere sul nostro pianeta. Grazie alla disponibilità di sempre nuovi sistemi satellitari è oggi possibile ricavare in near real time, ovvero in quasi tempo reale, le condizioni dei nostri oceani. Un importante e ambizioso progetto internazionale, Surface Water and Ocean Topography (SWOT) fornirà in un prossimo futuro dati ad alta definizione dei bacini di acqua salata e dolce sulla superficie terrestre, esaminando oltre il 90% della superficie del pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è swot-1024x767.jpg

Il 12 dicembre, la NASA lancerà in orbita terrestre il satellite Surface Water and Ocean Topography (SWOT) dalla Vandenberg Space Force Base in California su un razzo Falcon 9. La missione nasce da un programma di collaborazione tra la NASA e l’agenzia spaziale francese Centre National d’Études Spatiales (CNES), con il contributo dell’Agenzia spaziale canadese (CSA) e dell’Agenzia spaziale britannica. Il satellite misurerà l’altezza dell’acqua nei corpi d’acqua dolce della Terra e negli oceani, fornendo informazioni su come l’oceano influenza il cambiamento climatico e sull’influenza antropica, in termini di contributo termico, su laghi, fiumi e bacini idrici. Dai dati raccolti sarà quindi possibile creare dei modelli più accurati per la prevenzione delle inondazioni e sugli innalzamenti futuri dei mari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mar-nero-1024x782.jpeg

Vista dall’alto del Mar Nero: il satellite SWOT aiuterà i ricercatori a studiare caratteristiche oceaniche come correnti e vortici in luoghi come il Mar Nero con immagini più accurate rispetto ai precedenti satelliti di osservazione oceanica. Crediti: Osservatorio della Terra della NASA

Vediamo in particolare cosa si aspettano di trovare:
SWOT esaminerà per la prima volta quasi tutti bacini sulla superficie terrestre. L’acqua è essenziale per la vita su questo pianeta, non solo per motivi economici ma perché svolge anche un ruolo fondamentale nello stoccaggio e nello spostamento di gran parte del calore e del carbonio in eccesso intrappolati nell’atmosfera terrestre dalle emissioni di gas serra. Questo processo fondamentale per la nostra sopravvivenza Influenza anche il tempo meteorologico e, su scala temporale maggiore, il clima. Attraverso i dati raccolti i ricercatori potranno monitorare il bilancio idrico della Terra, in parole semplici, partendo dalla situazione attuale, valutare le dinamiche dei flussi d’acqua per poter prevedere la situazione futura. In pratica, il satellite contribuirà a colmare le lacune su come il livello del mare stia cambiando lungo le coste, offrendo dati più accurati che potranno essere utilizzati per migliorare i modelli per le proiezioni dell’innalzamento dei livelli del mare ed effettuare previsione più accurate sulle inondazioni costiere. SWOT consentirà di monitorare gli oceani e i corpi d’acqua dolce del pianeta con una definizione senza precedenti, inferiore a 60 miglia (100 chilometri), contribuendo a migliorare la comprensione da parte dei ricercatori del ruolo dell’oceano nel cambiamento climatico. I ricercatori ritengono che le caratteristiche oceaniche di breve durata, come fronti e vortici, assorbano molto del calore e del carbonio in eccesso, stimato oltre il 90%, intrappolato nell’atmosfera dalle emissioni di gas serra causate dall’Uomo. Comprendere le loro dinamiche porterebbe allo sviluppo di modelli per poter predire ondate di calore marino e valutare possibili conseguenze. Va compreso che è fondamentale comprendere quando l’oceano rallenterà l’assorbimento del calore in eccesso intrappolato in atmosfera, rilasciandolo nuovamente nell’aria. Questo fattore andrebbe ad aggravare l’attuale accelerazione del riscaldamento globale, causando disastri a livello globale.

Non ultimo, il satellite consentirà di ottenere una visione ad alta definizione dei corpi d’acqua dolce, per generare un quadro molto più completo del bilancio idrico della Terra con la possibilità di poter osservare l’intera lunghezza di quasi tutti i fiumi larghi più di 330 piedi (100 metri), visualizzandoli per la prima volta in tre dimensioni. Allo stesso modo, SWOT esaminerà oltre un milione di laghi di dimensioni maggiori di 15 acri (62.500 metri quadrati), monitorando le condizioni di siccità e migliorando le previsioni di alluvione per i fiumi. Queste ultime sono necessarie per le agenzie di gestione dell’acqua e tutti coloro che hanno necessità di monitorare le acque nelle loro aree locali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è topex.jpg

Mappa generata al computer della topografia degli oceani della Terra, creata dai dati raccolti dal satellite TOPEX (Ocean Topography Experiment). Il satellite utilizza un altimetro radar per misurare le variazioni di altezza sulla superficie del mare, rivelando dettagli sulle correnti, i vortici oceanici, le strutture geologiche del fondo marino, venti e onde. (Foto di © CORBIS/Corbis via Getty Images)

Una missione così ambiziosa è stata resa possibile grazie alla collaborazione ormai decennale tra la NASA ed il CNES, iniziata negli anni ’80 per monitorare gli oceani tramite i satelliti, utilizzando i primi altimetri radar per studiare il livello del mare con il satellite TOPEX (Ocean Topograhy Experiment) lanciato nel 1992. La partnership NASA-CNES è continuata in questi ultimi trent’anni ininterrottamente, includendo nella ricerca altre agenzie, tra cui la CSA e l’Agenzia spaziale del Regno Unito per SWOT, nonché l’ESA (Agenzia spaziale europea), l’Organizzazione europea per lo sfruttamento dei satelliti meteorologici e la Commissione europea per il satellite Sentinel-6.  Occhi dallo spazio che ci consentiranno di poter valutare il futuro prossimo del nostro pianeta e, forse, di aprire gli occhi a coloro che non vogliono vedere.

 

in anteprima illustrazione pittorica del satellite Surface Water and Ocean Topography (SWOT) in orbita con i suoi pannelli solari e le antenne dello strumento KaRIn dispiegate – Crediti: CNES

.

 

Fonti
NASA 
Home – NASA SWOT

.
.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 153 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »