Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

I pirati dell’antichità – parte III

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: EPOCA REPUBBLICANE E IMPERIALE
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Pirati

 

Questo non vuol dire, ovviamente, che in epoca romana il Mediterraneo rimase, dopo Pompeo, sempre esente da qualsiasi forma di pirateria. Il dominio del mare non è come quei trofei che si possono ostentare tutta la vita dopo aver vinto una sola gara ma il frutto di un’azione di vigilanza e di dissuasione adeguatamente estesa, credibile ed a carattere continuativo.

Lo comprese perfettamente Ottaviano Augusto, ben consigliato dal suo fraterno amico e braccio destro Marco Agrippa, che si dimostrò il più grande ammiraglio di tutti i tempi. Quest’ultimo, dopo aver costruito, armato ed addestrato una nuova flotta perfettamente efficiente, liberò il Tirreno ed il mar Siculo dalla rovinosa pirateria orchestrata da Sesto Pompeo (37-36 a.C.), liberò anche l’Adriatico dalla pirateria esercitata dai Liburni a partire dal golfo del Quarnaro (35-33 a.C.), e poi, avendo consentito con la vittoria navale di Azio l’instaurazione della pace sulla terra e sui mari (29 a.C.), pose le fondamenta per l’istituzione, da parte di Augusto, delle flotte imperiali permanenti, distribuite nelle principali basi navali dell’Impero. Furono queste flotte, con il loro silenzioso ma incessante servizio, ad inibire il rifiorire della pirateria e ad assicurare la tutela della legalità in mare secondo la legge di Roma, che garantiva a tutti la libertà della navigazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Augustus__Agrippa.jpg

Nel periodo dell’alto Impero, pertanto, gli inevitabili tentativi di ricostituire qualche forma di pirateria organizzata furono numericamente trascurabili ed ebbero vita breve. Fra di essi, si ricordano: un’effimera ripresa delle incursioni piratiche ad opera degli Isauri nelle acque sarde (6 d.C.), situazione prontamente sanata da Augusto; dei saccheggi piratici contro i Galli ad opera di navi germaniche (47 d.C.), poi affondate dalle triremi romane di Corbulone; il ricorso alla pirateria da parte dei Giudei di Giaffa, battuti dai Romani e dalla burrasca, nonché un’analoga presenza piratica giudaica sul lago di Tiberiade, annientata dalle navi di Vespasiano (67 d.C.).

In quella stessa epoca, se i mari che bagnavano le coste dell’Impero erano accuratamente controllati dalle flotte romane, lo stesso non poteva avvenire lungo le rotte commerciali esterne, come quelle verso l’India e la Cina. Pertanto, per i viaggi nell’oceano Indiano, che avevano frequenza annuale (essendo cadenzati secondo i monsoni), le navi romane venivano dotate di coorti di arcieri incaricati di respingere i frequenti attacchi dei pirati. La capacità delle flotte romane di garantire la sicurezza della navigazione iniziò a deteriorarsi progressivamente con l’avanzare della decadenza; e questa fu, a sua volta, causa e conseguenza delle invasioni barbariche, visto che la penetrazione dei Goti iniziò con delle incursioni navali di stampo piratesco dal mar Nero verso l’Egeo, in assenza di un idoneo contrasto.

La reazione imperiale si limitò infatti al tardivo avvio di sporadiche operazioni velleitarie spesso vanificate da epiloghi incoerenti: missioni condotte da Tenagino Probo contro i pirati Goti (nel 269), che vennero poi accolti nell’Impero;
da Carausio contro le piraterie dei Franchi e dei Sassoni, appropriandosi egli stesso dei bottini ed autoproclamandosi poi imperatore in Britannia (286);
da Costantino contro la fama di pirateria dei Franchi, di cui saccheggiò inutilmente alcune terre (313). È peraltro chiaro che fu proprio questo imperatore ad infliggere il colpo di grazia alle forze preposte alla difesa dell’Occidente, disarmando Roma e l’Italia, e portando con sé, a Costantinopoli, le migliori risorse navali (330).

Nel bacino occidentale del Mediterraneo, la perduta capacità di opporsi efficacemente alle scorrerie piratiche condotte dai Vandali insediatisi nel nord-Africa fu la premessa del sacco vandalico di Roma (455) e delle reiterate successive incursioni sulle coste d’Italia. La flebile reazione occidentale conseguì due successi onorifici: l’intercettazione e la neutralizzazione, nelle acque della Corsica, di una formazione navale vandalica in rotta verso l’Italia (456) e la messa in fuga, ad opera dell’imperatore Maggioriano, di alcuni pirati Mauri comandati da un Vandalo e sbarcati sulla costa della Campania (457).

Da parte orientale, tre soli imperatori bizantini avviarono delle spedizioni navali contro i Vandali: Teodosio II, la cui imponente forza navale non andò oltre la Sicilia (441), Leone, la cui flotta enorme venne lasciata incendiare dal nemico (471), ed infine Giustiniano, le cui forze poderose, imbarcate su 500 navi – di cui oltre 90 da guerra (inclusi dei nuovissimi dromoni) –, affrontarono i Vandali con un secolo di ritardo, annientandoli, ma lasciando l’Africa del Nord desolatamente spopolata (534).

La successiva vittoria nella guerra Gotica ed il conseguente ritorno temporaneo dell’Italia nella sfera dell’Impero (553) consentì ai Bizantini di consolidare il loro parziale recupero del dominio del mare e li pose al riparo da significative minacce piratiche, sia da parte dell’atipica pirateria barbarica, orientata quasi esclusivamente verso i saccheggi delle coste, sia da parte di quella classica, prevalentemente votata agli abbordaggi in mare. Va peraltro osservato che, in quei tempi lamentevoli, con il drammatico impoverimento generale del nord-Africa e di tutte le altre coste del Mediterraneo, si era praticamente azzerato l’incentivo ad intraprendere la rischiosa attività da fuorilegge dei pirati, essendo svanite le speranze di ricavare lauti guadagni dalle rapine in mare, visto che i traffici commerciali marittimi si erano ridotti a livelli infimi rispetto al periodo aureo dell’alto Impero. 

Sotto tale ottica, spicca ulteriormente la straordinaria efficacia della prevenzione precedentemente esercitata dalle flotte dell’antica Roma contro la pirateria in tutti i mari dell’Impero (le cui sterminate coste ed isole non potevano certamente essere presidiate dalle legioni, che erano di consistenza appena sufficiente al controllo dei confini terrestri). Se i Romani riuscirono ad ottenere, con il loro imperium maris, il rispetto delle proprie leggi perfino nell’alto mare, nonostante i notevoli limiti tecnologici esistenti nell’antichità, qualche valido insegnamento dovremmo pur trarlo. Fra i fattori del loro successo vanno indubbiamente annoverati l’organizzazione delle flotte imperiali, che assicurava un’adeguata presenza navale ovunque necessario, e il diritto romano, che forniva ai pirati la certezza della pena.

Ma appaiono ancor più importanti due aspetti tipici della mentalità romana: la decisa determinazione, come quella che abbiamo visto sia nel giovane Giulio Cesare sia nella magistrale guerra lampo di Pompeo Magno contro i pirati, ed il radicato senso pratico, che non perdeva mai di vista il fine ultimo e ricercava le soluzioni caso per caso, rifuggendo da ogni dogmatismo

Domenico Carro

 

PARTE I PARTE II PARTE III

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 207 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
16 visitatori online
16 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 27 alle 09:13 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x