Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I pirati dell’antichità – parte I

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Pirati

.

Quando fu preso in ostaggio dai pirati, il giovane Caio Giulio Cesare li schernì, li insolentì e li diffidò, promettendo loro la condanna a morte non appena fosse tornato libero. Era stato catturato in mare nel 75 a.C. mentre navigava in pieno inverno verso Rodi, ove doveva frequentare un corso di retorica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 04-6_nave-pirati-1024x576.jpg

Nave di pirati greci, in atto di ammainare la vela mentre sta per raggiungere un mercantile da depredare. Vaso ateniese del 520 – 500 a.C. proveniente da Vulci (Etruria). British Museum (foto D. Carro)

Ma non era solo uno studente venticinquenne: possedeva già un’esperienza di guerra contro i pirati, avendo partecipato tre anni prima alla vigorosa spedizione navale condotta dal proconsole Publio Servilio Vatia contro la Cilicia. Sapeva bene, pertanto, di che pasta fossero fatti i suoi carcerieri, e non ebbe dubbi su come comportarsi. Non appena il legno a bordo del quale si trovava sequestrato si ormeggiò nel porto di Mileto, egli inviò i propri servitori a terra per farsi prestare tutto il denaro occorrente. In poco più di un mese, riuscì a mettere insieme una somma ingente. Consegnò ai pirati l’importo stabilito per il proprio riscatto. Tornato libero, si procurò diverse navi. Le armò. Con quella flottiglia salpò di notte da Mileto alla ricerca dei pirati. Li sorprese alla fonda in una caletta poco lontano. Li assalì, ne catturò un buon numero, li portò in catene a Pergamo e li fece mettere a morte, proprio come aveva preannunciato.

Questo brillante successo personale fu però pressoché irrilevante a fronte dell’enorme dimensione assunta dalla pirateria in quel periodo. Cos’era dunque successo? Come mai si era giunti a tale situazione?

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cesare-caio-.jpg

Gaio Giulio Cesare: oltre alle sue celeberrime doti di statista, di condottiero e di scrittore, egli fu un provetto nuotatore, un impavido marinaio, un abilissimo tattico nella guerra navale, un geniale stratega anche nell ambiente marittimo mediterraneo e oceanico, un acuto precursore delle grandi operazioni di assalto anfibio. Gaio Giulio Cesare. Museo Archeologico Nazionale di Napoli (foto D. Carro)

Sin dagli albori della navigazione la pirateria si era manifestata come una piaga endemica, visto che la vastità delle distese marine consentiva ai più scaltri di predare con ampie garanzie di impunità. In effetti, quasi tutte le popolazioni marinare dell’antichità classica ebbero, soprattutto nell’epoca più arcaica, delle frange dedite alla pirateria: vi furono dei pirati fenici, dei pirati etruschi, dei pirati greci provenienti dalle più disparate regioni dell’Ellade. Le grandi potenze navali cercarono di imporre a quelle rivali la rinunzia alla pirateria in determinate aree, come fecero i Cartaginesi nel loro secondo trattato navale con i Romani (IV sec. a.C.), ma ciò non poté certamente evitare che gli arrembaggi continuassero altrove, nella sconfinata estensione delle acque non interdette. Vennero anche condotte delle ricorrenti campagne navali contro i pirati da parte delle maggiori flotte da guerra, come quelle degli Ateniesi, dei Rodii e degli Alessandrini, ma sempre entro aree piuttosto ristrette e con risultati comunque effimeri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rostro-nave-romana-1-861x1024.jpg

Per tale motivo, sia nel mondo ellenico che in quello ellenistico, qualsiasi viaggiatore era terrorizzato dall’incombente rischio di essere intercettato da qualche nave predatrice: la letteratura greca abbonda di racconti di viaggi condizionati da tale minaccia. D’altronde, la presenza dei pirati era talmente comune, che assunse un certo rilievo perfino nella mitologia: gli Ateniesi dedicarono un tempio agli dèi Castore e Polluce, che avevano liberato la loro città dai pirati; dopo aver cacciato i predoni dal mare Egeo, questi stessi gemelli divini parteciparono alla spedizione navale degli Argonauti, che furono a loro volta scambiati per pirati dagli abitanti di Cizico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 04-2_dioniso-pirati-1024x576.jpg

Scena navale mitologica con Dioniso (a poppa, con la tunica azzurra) e Sileno (seduto al timone). Il dio punisce i pirati del Tirreno, i quali, gettatisi in mare, vengono trasformati in delfini. Particolare di un mosaico policromo del III sec. Museo del Bardo (Tunisi)

Eumeo, il servitore fedele di Ulisse, era stato rapito dai corsari fenici e ridotto in schiavitù; analogamente, la principessa Issipile, figlia del re di Lemno e nipote di Dioniso, fu catturata dai pirati e venduta. Al dio Imene, che presiedeva ai matrimoni, veniva attribuita la liberazione di alcune fanciulle rapite dai pirati; anche Bellerofonte, figlio di Glauco, risultava aver sgominato una masnada di filibustieri che infestava le acque della Caria. La ninfa Pimplea venne rapita dai pirati e tenuta prigioniera in Frigia, ove si recò per liberarla il pastore siciliano Dafni (figlio di Mercurio), a sua volta salvato in extremis dall’intervento di Ercole; lo stesso Ercole dovette compiere la sua ultima fatica nel giardino delle Esperidi, le sette ninfe che erano state rapite dai pirati: egli uccise questi ultimi e riconsegnò le fanciulle al loro padre Atlante.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dioniso-e-delfini-688x1024.jpg

la leggenda di Dioniso ed i pirati, foto andrea mucedola

La fama di audacia ed efferatezza dei pirati era talmente radicata nell’Ellade, che venne immaginato perfino un loro empio tentativo di catturare in mare una divinità maggiore, qual era Dioniso: il dio si difese tuttavia con tutti i suoi poteri soprannaturali, terrorizzando gli assalitori, che si gettarono in mare, finendo trasformati in giocosi delfini.

Fine I parte – continua

Domenico Carro

 

PARTE I PARTE II PARTE III

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 195 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »