Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il programma di costruzioni di emergenza VICTORY

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: US program Victory, Liberty
.

Nel 1943, dopo il successo del programma Liberty che aveva invertito il trend dei rifornimenti attraverso l’Atlantico, la U.S. Maritime Commission valutò appieno non solo le esigenze di tutti i teatri, cominciando a dare priorità al Pacifico, ma anche le prospettive a medio/lungo termine e non solo quelle a breve termine che avevano imposto il programma Liberty: venne pertanto avviato, sempre nell’ottica della cosiddetta “flotta di emergenza”, un nuovo programma per la progettazione di un tipo di nave che avesse una buona capacità di carico e una velocità piuttosto elevata, utile per la fase finale per la guerra, indispensabile per la domanda e lo sviluppo dei traffici nel dopoguerra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VICTORY-1024x659.jpg

L’obiettivo era anche quello del rimpiazzo dei Liberty che, con i loro 11 nodi di velocità massima, erano già state considerate vulnerabili rispetto ai sommergibili nemici della prima fase della guerra ed erano un facile bersaglio per i nuovi sottomarini. Il progetto standard studiato dalla Commissione prevedeva una nave lunga 136 metri e larga 19 metri.
Il 28 aprile 1943 il progetto fu approvato; a questa classe di navi venne dato il nome di “Victory” e fu contrassegnata dalla sigla VC2, (V per Victory, C per cargo e il numero 2 la identificava per una nave di medie dimensioni, ovvero con una lunghezza al galleggiamento compresa tra 122 e 137 metri).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Red-OaK-Victory-1024x506.jpg

La SS Red Oak Victory è l’ultima nave sopravvissuta di 747 navi di tutti i tipi costruite nei cantieri navali di Richmond Kaiser durante la Seconda guerra mondiale. Continua a servire oggi come nave museo e come monumento alle migliaia di uomini e donne che hanno lavorato duramente per costruire queste navi

Anche i Victory come le Liberty avevano cinque stive: tre a proravia del cassero centrale e due a poppavia. La portata era di 10.850 tonnellate di merci tutte sistemate nelle stive, quasi analoga a quella dei Liberty, ma molto più razionale. L’equipaggio era formato da 62 civili e 28 militari, questi ultimi addetti alle armi ed alle telecomunicazioni. Gli alloggi erano situati nel cassero centrale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è WSA_Photo_4235.jpg
La differenza principale rispetto ai Liberty era costituita dal sistema di propulsione: le turbine a vapore sostituivano la motrice alternativa a vapore (come nei piani originali tanto cari all’Ammiraglio Land), anche se su alcune delle prime unità vennero provati diversi tipi di apparato motore, con il risultato di una unità con propulsione diesel ed un’altra almeno temporalmente con macchina alternativa di prestazioni elevate (tipo Lentz).
La propulsione a turbina alla fine prescelta assicurava una velocità di circa 17 nodi (31,5 Km/h). Anche il profilo e le tecniche costruttive dei Victory erano diversi da quelle dei Liberty. Una modifica importante riguardava la progettazione dell’ossatura dello scafo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BLUEFIELD-VICTORY--1024x672.jpg

Durante la guerra ne furono costruiti 414 esemplari, di cui 97 adibiti a trasporto truppe ed ulteriori 117 come trasporti di attacco, AKA; un totale di 531 navi. Grazie alle Victory fu possibile stabilire un efficiente collegamento marittimo con e tra i vari teatri di guerra e queste navi veloci, caratterizzate da una soddisfacente possibilità di carico, furono ampiamente utilizzate sia sul fronte dell’Atlantico che su quello del Pacifico.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PRODUZIONE-VICTORY-.jpg

Non solo per rendere le Victory meno vulnerabili agli attacchi degli U-Boot, ma anche per mantenere adeguati flussi di merci su più lunghe distanze con un numero minore di unità, le stesse vennero progettate per raggiungere velocità prima di 15 e poi di 17 nodi, ossia da 4 a 6 nodi più veloci delle Liberty, con maggiore autonomia. Mentre le Liberty erano propulse da motrici a triplice espansione da 2.500 cavalli (1.900 kW), le Victory erano propulse (salvo due eccezioni sperimentali) da turbine a vapore con potenze da 6.000 a 8.500 HP (4.500 a 6.300 kW) e gli ausiliari di bordo erano ad azionamento elettrico anziché a vapore. Un miglioramento tecnologico ed operativo ma anche maggior costo di acquisizione e conduzione più costosa e complessa, con necessità di equipaggi più preparati.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LANE-VICTPRY-.jpgAlla fine della guerra, la Maritime Commission autorizzò la vendita di 170 Victory ad armatori privati; 20 furono dati in prestito alla U.S. Army ed i restanti entrarono a far parte della flotta di riserva. Quando la U.S. Navy ritenne di non necessitare più di queste navi nel breve/medio termine, pur rimanendo possibile il loro utilizzo per future emergenze, esse furono poste “in naftalina”, ossia rimorchiate in porti di stoccaggio, generalmente estuari di acqua dolce e salmastra per limitare la corrosione catodica (come nella foto a conclusione), svuotate di combustibile ed attrezzature, e sigillate tutte le aperture verso l’esterno. Per combattere la corrosione provocata dalla salsedine fu installato un sistema di protezione catodica per lo scafo e di deumidificazione per gli spazi interni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VICTORY-FLEET-.jpg

Alcune di queste navi ritornarono in servizio in occasione di crisi internazionali, come la Guerra di Corea, la chiusura del Canale di Suez del 1956 e la guerra del Vietnam. Altre furono mantenute in attività come supporto logistico al Ministero della Difesa, per qualsiasi necessità di trasporti transoceanici e operazioni militari di altre agenzie governative.
Nel 1959, otto Victory furono riclassificate e trasformate in navi di supporto elettronico, telemetrico e recupero per la NASA a fronte del programma spaziale americano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ULTIME-VICTORY--1024x436.jpg
L’11 agosto 1960, l’Haiti Victory recuperò la capsula del satellite artificiale Discoverer XIII, il primo oggetto costruito dall’Uomo ad essere recuperato dallo spazio. Nel novembre dello stesso anno fu ribattezzato Longview, divenendo l’eponimo di una nuova classe di navi, composta da altre due Victory, continuando a dare supporto al programma spaziale oltre ad assolvere una serie di attività scientifiche in campo missilistico per conto della U.S. Air Force.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LONGVIEW-.jpg

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 183 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »