Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’ecoscandaglio e l’autopilota

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: ecoscandaglio, autopilota

    

Anche se non essenziale, avere un ecoscandaglio a bordo è molto utile. Lo strumento si basa sulla trasmissione di un’onda acustica nell’acqua tramite una sonda detta trasduttore sonar.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ecoscandaglio.jpg

Il tempo di ritorno dell’eco e la velocità del suono nel mezzo consente di calcolare la distanza dal fondo. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sonar-1024x525.png

Questo strumento, oggi sempre più sofisticato al punto da essere usato dai pescatori sportivi per l’identificazione dei banchi di pesce sul fondo o nel volume, ha sostituito i vecchi sagolini piombati (cima graduata con cono di piombo per zavorra) ormai obsoleti. Sulle imbarcazioni di qualsiasi dimensione troviamo da anni pratici display digitali dotati di sensori di temperatura, orografie del fondale e, nei fish finder, sagome di pesci presenti sott’acqua. In particolare, dal vecchio glorioso Seafarer ai moderni echo sounder cartografici, viene applicato un principio simile a quello dei radar per localizzare i bersagli. Il trasduttore rimane il vero cuore dello strumento che produce fasci acustici a diverse frequenze, in genere con possibilità di scelta tra 50 e 200 KHz. Le frequenze più basse consentono portate maggiori e quindi si impiegano su fondali maggiori, quelle più alte hanno portate migliori ma una maggiore discriminazione degli echi restituendo immagini più dettagliate. 

Questo strumento, indipendentemente dal tipo, deve essere sempre controllato stagionalmente nel fissaggio, cablaggio e durante l’alaggio ed il successivo varo (pulizia e infiltrazioni).

Attenzione, solitamente i velisti diportisti necessitano solo del dato della profondità, senza richieste “vision” più dettagliate che sono invece ricercate dai pescatori amatoriali e dai professionisti.

Ricordiamoci di impostare il valore di profondità tarato dalla linea di galleggiamento, dal trasduttore stesso o dal fondo chiglia per non avere spiacevoli sorprese a causa di un’errata valutazione della profondità; un incaglio non piace a nessuno.

Attenzione
Non sempre conoscere la profondità sotto la barca ci permette di effettuare manovre correttive per la sicurezza dello scafo. Spesso è troppo tardi e ci possiamo trovare in secco. Se l’apparecchio si bloccasse o funzionasse male le cause potrebbero essere interferenze di altri apparecchi o fili elettrici nelle vicinanze o la matassa di abbondanza cavo arrotolata e fascettata male (alcuni avvolgono il cavo ad “8” o a spirale creando un cortocircuito elettromagnetico, di fatto autoschermandosi).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è interphase-echo-200.jpg

Può essere invece utile montare sonar orizzontali Echopilot o Interphase, preziosi per accostare ad una banchina sconosciuta (le cui batimetriche sulla carta sono poco chiare) o per atterraggi notturni in zone poco note. Strumenti comodi anche nelle traversate notturne per individuare ostacoli semisommersi (container, bombole gas, tronchi), considerando però che hanno limiti legati alla velocità (sotto i 5 nodi) ed al disturbo causato dalle onde che potrebbe impedire di discriminare oggetti in prossimità della superficie (in pratica non si vede un gran che e spesso si hanno pochi secondi per reagire prontamente).  

Un’altra buona ragione per tenere gli occhi sempre aperti sull’orizzonte piuttosto che su un monitor!

L’AUTOPILOTA
Quando si naviga a vela le ore di navigazione sono spesso molte e nelle tirate interminabili e noiose sotto il sole non c’è miglior amico dell’autopilota. Tiene la rotta molto bene, senza distrazioni e aiuta nelle manovre di bordo ma non ha occhi di guardia per evitare collisioni e abbordi. Si avvale di una bussola elettronica di rotta fluxgate in posizione remota e lontano da interferenze elettriche e masse metalliche. E’ uno strumento utile, certo non indispensabile. Il problema è che spesso ci si affida un pò troppo all’autopilota senza “guardia alzata”, ovvero senza mantenere quell’attenzione costante e attiva su eventuali ostacoli e sull’anticollisione con le altre barche.

Dal tipo a pozzetto con “braccetto” estendibile per timone a barra e dislocamenti fino a 4-6 tonnellate, al modello esterno per ruota tipo Tiller Pilot, o al più performante montato sul settore o pistone idraulico, l’autopilota è però sempre un gradito compagno di viaggio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bussola-elettronica-1024x749.jpg

La bussola elettronica fluxgate, la centralina, l’unità di potenza attuatore (lineare a braccio meccanico elettrico o idraulico) e l’unità di controllo display ripetitore sono i componenti principali che bisogna conoscere e manutenere con cura. Il trasmettitore dell’angolo di barra è un’informazione aggiuntiva, ormai standard, che indica sul display l’inclinazione della pala e può tornare spesso utile per conoscere la posizione del timone al centro.

Il modello stand-alone non è interfacciato ad altri sensori (i.e. lettura del vento, per mantenere un angolo costante rispetto all’aria, o del gps, per mantenere la direzione verso un waypoint). Questo comporta che “vede” un’unica informazione, la prua bussola e un pò di “Gain” da regolare manualmente. A vela, in condizioni troppo invelate, può essere scomodo ma anche dannoso e pericoloso, provocando straorzate o strapoggiate e causando rotture anche gravi. Insomma, un pò come mettere al timone un amico che non sa niente di vela.

Per permettere ad un pilota automatico di agire e reagire meglio bisogna integrare sensori per sentire le variazioni e … molta forza per timonare. Alcuni malfunzionamenti sono causati dagli elettromagneti della frizione dell’attuatore. Quando la frizione è inserita (ovvero quando lavora in auto) c’è tensione, quando premiamo stop invece non c’è ed il braccio dell’attuatore può girare a vuoto. Il braccio lineare deve essere orizzontale o con leggerissima pendenza per evitare che condensa o gocce d’acqua di mare passino l’O-ring ed entrino nella scatola, provocando blocchi alla frizione non facendola innestare (o peggio sbloccare).

Tra i controlli importanti ricordiamo il bullone di collegamento (da 10 o 12mm) del pistone al settore del timone che tende col tempo a corrodersi e spezzarsi. Controllare sempre il livello dell’olio (nei linear drive idraulici), le spazzole del motore elettrico (se consumate o non fanno contatto con il rotore) ed il cablaggio 12 volt. Chiunque prova la comodità di un autopilota, non solamente lo apprezza tantissimo, ma difficilmente potrà farne poi a meno. Uno dei principali svantaggi degli autopiloti elettronici è il consumo di energia, in media dai 4 ai 6 ampere, ma dipende sempre dalle condizioni del mare, di assetto delle vele e dalla forma di carena. Come sempre, ricordatevi che comandate voi e non lui.

Buon vento.

 Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 227 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »