Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le navi del futuro avranno ancora bisogno di marinai? Una nuova classe di navi americane sembra aver raggiunto un elevato livello di tecnologia autonoma

Reading Time: 3 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: COSTRUZIONI NAVALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NA
parole chiave: navi del futuro

751xNxACTUV-3.jpg.pagespeed.ic.Oq4dctBU31

Da tempo si sta notando una sempre maggiore spinta nella ricerca e sviluppo di veicoli autonomi sia in campo aeronautico, terrestre che marino ad uso civile e militare. Sono mezzi estremamente interessanti che offrono alte prestazioni a prezzi nel tempo minori di mezzi equivalenti che prevedono invece la presenza di esseri umani a bordo. In campo militare la robotica sta fornendo un supporto alle operazioni sempre più significativo: si va da robot infermieri a AUV con compiti di trasporto di materiali e personale. Di contro la loro elevata autonomia operativa solleva ancora dubbi sulla loro sicurezza quando all’interno di aree regolamentate (si pensi al sorvolo di abitati o lungo le rotte marittime con intenso traffico). Un altro punto di “preoccupazione” è la capacita offensiva che stanno raggiungendo. Una cosa è  avere a disposizione sistemi con elevata autonomia, un’altra è fornirgli  la  capacità di eseguire operazioni in totale autonomia, con impiego di sistemi d’arma potenzialmente pericolosi per la loro capacità di discernimento non umana. Il vecchio detto “se le guardie controllano i ladri chi controllerà le guardie?” è sempre valido.

images (1)

Il 30 marzo 2016, l’agenzia DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) del governo statunitense ha pubblicato le prime riprese video di un nuovo mezzo navale con scafo a trimarano completamente autonomo e concepito per operare in funzione antisommergibili denominato Anti-Submarine Warfare Continous Trail Unmanned Vessel (ACTUV). Si tratta di un vascello di nuova concezione, di circa 130 piedi (40 metri) di lunghezza, costruito in fibra di carbonio che  è stato varato di recente a Portland, Oregon.

DARPA ha iniziato a rilasciare qualche informazione su questo innovativo sistema riportando che il mezzo ha superato con successo il test di manovra raggiungendo velocità di 27 nodi in acque interne. L’ACTUV è stato consegnato il 7 aprile 2016, ed ha iniziato le prove in mare aperto nell’estate 2016 al largo della costa della California. Il suo compito operativo primario sarà il controllo delle aree marine per contrastare ingressi di sommergibili e sottomarini. Essendo totalmente autonomo, opererà senza  un equipaggio a bordo, affidandosi per la sicurezza della navigazione ai sistemi di bordo. La sua autonomia potrebbe essere di mesi senza necessità di intervento umano.

In futuro, la piattaforma potrebbe essere presa in considerazione per molteplici missioni, tra cui operazioni di contromisure mine, una forma di lotta navale nella quale i sistemi autonomi hanno già raggiunto elevati livelli di capacità.

I primi test effettuati hanno confermato questa sua capacità operativa, in particolare ad operare in aree con intenso traffico mercantile in sicurezza, ma  la LEIDOS, ditta alla quale DARPA ha appaltato il progetto, ha comunicato che prima di poterla considerare alla pari di una nave armata con equipaggio sarà necessario lavorare ancora molto. LEIDOS dal 2010 sta lavorando con DARPA ed ha utilizzato un modello, chiamato Pathfinder per lo sviluppo del nuovo vascello, affinando le nuove tecnologie offerte dagli AUV.

Raytheon ha consegnato lo  Scalable Sonar System (MS3), un sistema sonar modulare di quinta generazione a scafo sviluppato per ACTUV. L’MS3 segna un miglioramento delle prestazioni e l’affidabilità delle tecnologie collaudate di questo tipo di sonar e consente la ricerca di bersagli subacquei, sia  attiva che passiva, ed il monitoraggio acustico di aree di interesse economico. E’ dotato anche di un sistema di scoperta ed allarme anti siluro e di avoidance di oggetti alla deriva. I dati raccolti dal sonar possono essere immediatamente elaborati dal sistema operativo dell’ACTUV che mantiene cosi la situazione di sorveglianza operativa della zona.

Il concetto operativo del sistema è illustrato in questo video della DARPA:

Una domanda che ci potremmo porre è se avremo ancora bisogno di marinai nel terzo millennio? Io ritengo di si … sebbene la tecnologia offra soluzioni sempre più prestanti, che potrebbero rendere questi mezzi pienamente autonomi, la presenza di un minimo di equipaggio a bordo, a mio avviso, resterà sempre necessaria. Una governance delle macchine potrebbe essere pericolosa in un ambiente complesso e articolato come il mare, dove nulla è come sembra e tutto cambia continuamente.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 533 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Fernando Cerutti Fernando Cerutti
    12/04/2016    

    Dal punto di vista concettuale non c’è nessuna differenze nell’avere un sistema che opera da solo, se i dati dei suoi sensori sono disponibili in tempo reale ad un centro di controllo dove eventualmente potrebbe risiedere l’attività di classificazione, analisi, tracciamento e decisionale. Il carico maggiore dovrebbe consistere nella parte comunicazioni, se deve trasmettere in tempo reale i dati grezzi o parzialmente filtrati. Problemi normativi potrebbero nascere nel settore della sicurezza della navigazione, perché mandare in giro un natante autonomo così grande probabilmente ha delle ripercussioni sul rispetto delle norme per prevenire gli abbordi in mare.
    .

    • admin admin
      14/04/2016    

      Concordo pienamente con te. Mi lasciano perplesse anche alcune applicazioni come nella guerra di mine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »