Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Corsari romani – parte I

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: III SECOLO a.C.
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Roma

 

Se davvero non vogliono mangiare, almeno bevano!” esclamò beffardamente il console Publio Claudio Pulcro, stizzito del responso negativo fornito dal pullario nel constatare che i polli sacri non uscivano dalla loro gabbia per andare a mangiare. Quell’auspicio chiaramente infausto, verificatosi proprio sul ponte della sua nave ammiraglia, risultò insopportabile al comandante in capo romano, visto ch’egli voleva attaccare immediatamente la flotta punica ormeggiata a Trapani, sicuro di coglierla di sorpresa. Ordinò pertanto di gettare quella gabbia a mare e si diresse con la sua flotta di 120 quinqueremi verso la più vicina imboccatura del porto [1].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 03-1_aes_signatum.jpg

Aes signatum in bronzo del III a.C. (RRC 2, 12/1). Sul dritto, due polli sacri apparentemente intenti a beccare, con in mezzo due stelle, protettrici dei marinai. Sul rovescio, due rostri navali, probabilmente collegati ad una delle vittorie navali della prima Guerra Punica, e due delfini. (da G. Foti, Funzioni e caratteri del «pullarius» … cit., pp. 99-100).

Per i Romani, i polli in questione non erano una “specie protetta”, né erano oggetto di specifici tabù religiosi, ma il comportamento sprezzante del console fu comunque un errore imperdonabile perché fornì agli equipaggi la sensazione di affrontare il combattimento in un contesto nefasto e, pertanto, di andare incontro ad una inevitabile sciagura. Cosa che si verificò puntualmente. La superbia e l’impulsività erano sempre stati i difetti congeniti della gens Claudia, ma in nessun’altra occasione avevano provocato delle conseguenze di tale gravità.

Affogato il pollame, l’arroganza del console si era ben presto tramutata in viva preoccupazione e poi nel disperato tentativo di salvare il salvabile, perché la contromossa dei Cartaginesi, usciti dall’opposta imboccatura del porto mentre le navi romane ancora stavano entrando, aveva scompaginato a tal punto la flotta del console da far subire ai Romani la prima ed unica grande sconfitta navale della loro storia. Il console riuscì a portare in salvo solo una trentina delle sue navi – con un temerario stratagemma che ingannò il nemico[2] – mentre le rimanenti caddero in mano punica.

E siccome le disgrazie non vengono mai sole, l’esiziale psicosi dei perdenti si impadronì anche della seconda flotta, comandata dall’altro console, Lucio Giunio Pullo. Costui, per sottrarsi all’ingaggio del nemico affrontò nel modo peggiore la burrasca, venendo quindi sconfitto da questa anziché da quello [3]. In tal modo i Romani, nell’arco di una sola estate, persero entrambe le flotte di cui disponevano: in totale un migliaio di navi, da guerra ed onerarie [4].

Per quanto forte e bene organizzata, nessuna grande potenza del mondo antico avrebbe mai potuto continuare a sostenere un conflitto eminentemente navale, qual era la prima Guerra Punica, dopo una perdita di quelle dimensioni, a meno di non ricorrere a qualche espediente non convenzionale: ad esempio fomentando la pirateria, come fecero in tempi successivi i re d’Illiria e diversi altri sovrani e tiranni ellenistici, quali Filippo V di Macedonia, Nabide di Sparta, Antioco III il Grande, re di Siria, e soprattutto Mitridate VI Eupatore, il crudele e spietato re del Ponto. Una soluzione di tal genere sarebbe stata poco coerente con la mentalità dei Romani, che erano destinati a combattere una lunga serie di guerre contro i pirati, considerati i comuni nemici dell’intera umanità [5].

Dunque, i pirati no; ma ciò non esclude i corsari
Sebbene i due termini vengano spesso utilizzati come sinonimi, vi è fra di essi una profonda differenza concettuale, poiché il pirata è un fuorilegge che utilizza le navi per assalire le sue prede (altro naviglio o siti costieri) a scopo di rapina o per ottenere il pagamento di riscatti, il tutto ad esclusivo beneficio delle proprie tasche, mentre il corsaro agisce su mandato del proprio governo contro obiettivi scelti in modo tale da colpire i nemici della Patria, essendo peraltro autorizzato a trarne qualche guadagno a parziale compensazione dell’impegno profuso.

Va anche osservato che, sebbene i Romani avessero perfettamente messo a fuoco la figura del pirata (tanto che questo termine ci è pervenuto dal latino rimanendo inalterato), essi non potevano avere alcuna cognizione del nostro concetto di corsaro, poiché nel mondo antico tale ruolo non era ancora stato definito. I corsari nacquero infatti in epoca medievale nel Mediterraneo, ove la lotta armata condotta da privati per catturare navi mercantili nemiche venne chiamata guerra di corsa e risulta ben documentata perlomeno a partire dal XII secolo, molto prima che il fenomeno si estendesse anche all’oceano.

Quanto ai Romani, essi si sono trovati a porre in atto un’inedita guerra di corsa condotta da privati cittadini autorizzati ad agire come veri e propri corsari, sia pure ante litteram, nel corso della fase più critica della prima Guerra Punica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 03-2_rostro_egadi-1024x635.jpg

Il primo dei rostri navali romani recuperati, fra la decina di reperti consimili rinvenuti negli anni recenti nelle acque delle Egadi: lato destro e aspetto frontale, con le incrostazioni marine che presentava prima del restauro. (Soprintendenza del Mare della Regione Sicilia)

Questo epico conflitto era stato affrontato da Roma per respingere l’espansione cartaginese che, avendo già raggiunto Messina, costituiva un’inaccettabile minaccia nei confronti della nostra Penisola e del traffico marittimo fra il Tirreno e lo Ionio. Per i Romani, dunque, quella non fu solo una guerra per il possesso della Sicilia, ma anche e soprattutto una guerra per il libero utilizzo del mare. D’altronde Cartagine era, di gran lunga, la maggiore potenza navale del Mediterraneo, nonché l’indiscussa, vigile e gelosa detentrice del controllo del mare [6]: nessun risultato utile avrebbe quindi potuto essere conseguito contro di essa senza prima aver ridotto all’impotenza le sue flotte da guerra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tusa-rostri.jpg

il compianto professor Tusa con uno dei rostri recuperati alle Egadi

Roma si era pertanto dotata anch’essa di grandi flotte di quinqueremi, come quelle puniche; aveva accuratamente addestrato centinaia di equipaggi ed aveva affrontato la rivale per mare con ferma determinazione, riportando su di essa una serie ininterrotta di smaglianti vittorie navali – Milazzo, Tindari, Ecnomo, Capo Bon – intervallate da altri importanti successi negli sbarchi navali in costa (Segesta, Sardegna, Corsica, Kelibia, Pantelleria, Palermo). Tutte queste operazioni vittoriose, avvenute nell’arco di un decennio[7] e funestate solo da due naufragi provocati da burrasche di eccezionale violenza[8], erano state salutate dalla popolazione dell’Urbe con incontenibile entusiasmo ed avevano determinato la celebrazione di ben otto trionfi, di cui quattro specificamente “navali” per le vittorie conseguite in mare[9].

 

Domenico Carro

Note
[1] Così iniziò l’infelice battaglia navale di Trapani (249 a.C.), a proposito della quale gli scrittori romani hanno posto l’accento sulla questione degli auspici (Val. Max. 1, 4, 3; Flor. epit. 1, 18, 29; Eutr. 2, 26); il commento di Cicerone sottolinea l’ininfluenza degli auspici sull’esito delle battaglie, ma condanna il mancato rispetto delle prescrizioni religiose e delle usanze patrie (Cic. div. 1, 29; 2, 20 e 71). Ignorare gli auspici equivaleva a rompere “l’equilibrio con gli dei” (la pax deorum): G. Foti, Funzioni e caratteri del «pullarius» in età repubblicana e imperiale, in «Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano», LXIV-II, (2011), p. 97
[2] Passò davanti alle navi puniche che potevano intercettarlo, ostentando i segnali di vittoria come se avesse già sconfitto tutte le altre (Frontin. strat. 2, 13. 9)
[3] Raggiunse Lilibeo con due sole quinqueremi (Diod. 24, 1), mentre tutte le altre navi affondarono o divennero inservibili per i danni subiti.
[4] Pulcro fu condannato dal popolo, Pullo si suicidò (Cic. nat. deor. 2, 7)
[5] Cic. off. 3, 107
[6] I Cartaginesi erano convinti che, senza la loro approvazione, i Romani non avrebbero nemmeno potuto mettere in mare le loro navi (Diod. 23, 2)
[7] Dal 260 al 250 a.C.. Per una ricostruzione di questi eventi sulla base delle fonti antiche: D. Carro, Classica (ovvero “Le cose della Flotta”). Storia della Marina di Roma. Testimonianze dall’antichità: I. Le origini – II edizione, Roma 2000, pp. 48-69
[8] Nelle acque al largo di Punta Secca (255 a.C.) e di Capo Palinuro (253 a.C.), con una perdita complessiva di oltre 400 navi.
[9] A. Degrassi, Inscriptiones Italiae, vol XIII – Fasti et Elogia, fasc. I – Fasti Consulares et Triumphales, Roma 1947, pp. 548-549

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II

PARTE III

print

(Visited 107 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »