Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Come combattere il fouling – parte I

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Antivegetativo, manutenzione dello scafo, antifouling

 

Da sempre il peggior nemico degli scafi, il fouling ha trovato nei giorni d’oggi diverse soluzioni pratiche, relativamente poco costose e rispettose dell’ambiente. Ce ne parla in questi due articoli l’architetto e perito navale Sacha Giannini. Buona e attenta lettura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 43.jpg

Una soluzione antivegetativa rispettosa dell’ambiente
L’ossido di rame è il principio attivo più utilizzato nelle pitture antivegetative attualmente diffuse. Il Regolamento di esecuzione UE (2016/1089) del 5 luglio 2016, ha approvato e autorizzato dal 1 gennaio 2019 un nuovo elenco di biocidi e “articoli trattati” meno inquinanti e testati a livello dermico per la sicurezza degli operatori. L’ossido di rame e di “dirame” vengono riconfermati validi e tra i più diffusi principi attivi esistenti e destinati ad essere utilizzati nei prodotti di tipo 21 (16CE1724) “anticrostanti”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ossido-di-rame-i-puro-97.jpg

La svolta epocale nell’uso sostenibile e “verde” delle antivegetative non è tanto il 2019, come spesso molti considerano, ma è il risultato di un lungo percorso di date a partire dal Regolamento UE sui biocidi n. 528/2012 (in sostituzione della Direttiva Biocidi 98/8/CE), e ancor prima nel 5 ottobre 2001, quando a Londra l’IMO adottava la Convenzione internazionale per il controllo delle vernici antivegetative (Anti Fouling System Convention, AFS) bandendo di fatto il TBT (stagno), largamente utilizzato per oltre 30 anni nelle carene di barche e navi, ritenuto da quel momento e, improvvisamente, come “il più potente inquinante tossico che sia mai stato deliberatamente riversato in mare dall’Uomo”. Nel 2003, e ancora nel 2008, si rafforzava tale divieto ma siamo arrivati al 2012 (finalmente) per far recepire anche in Italia questo regolamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è a.jpg

Dunque, gli aggiornamenti al 2019 nell’utilizzo dei 22 prodotti BPR (European Biocide Product Regulation) usati come biocidi, divisi in quattro gruppi, riguardano in particolare molti altri settori specifici piuttosto che la nautica (disinfettanti, preservanti per alimenti, repellenti, pesticidi, …). Il 4° gruppo (prodotti 21 e 22 ) relativo ad “altri biocidi” è quello di nostro interesse nautico per quanto riguarda almeno il prodotto 21 di “prevenzione della fissazione di organismi incrostanti su scafi e imbarcazioni”; meno il 22 che, sebbene appartenente allo stesso gruppo, è relativo alle “imbalsamazioni di cadaveri umani e animali”. Con un tocco di humour inglese poteremmo dire che sempre di preservazione si tratta!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ld.png

La legge n.163/2012 è dunque la vera svolta nazionale, anno in cui l’Italia ratifica la Convenzione di Londra e vieta l’applicazione e l’utilizzo di composti organostannici (OTC) proibiti dall’IMO, in particolare il temibile e utilizzato tributil-stagno (TBT), pena l’arresto fino a due anni o l’ammenda fino a 15.000€ con sanzioni estese anche all’armatore e al comandante.

Nella nautica diportistica e commerciale l’ossido di rame è ormai da anni il più diffuso, consolidato e confermato componente nella miscelazione delle vernici antivegetative. Ad oggi più del 90% delle pitture antivegetative attualmente in commercio contiene rame. Al momento, non c’è alcuna proposta da parte della IMO di bandire o restringerne l’uso. Il rame è quindi riconosciuto e registrato a livello internazionale ancora come un componente sicuro ed efficace.

Tutte le attuali antivegetative in commercio si basano essenzialmente su due principi.

Antiadesione ottenuta prevalentemente basandosi sulle proprietà dei siliconi, teflon e similari o sulla solubilità e sfogliabilità delle superfici (auto leviganti).

Biotossicità di sostanze “ammesse” come i composti del rame (o di zinco) e un certo numero di composti organici (fungicidi, battericidi, alghicidi) come i tannini, terpeni, nicotinammide o il temibile dichloro-N-[(dimethylamino) sulphonyl] fluoro-N-(p-tolyl) methanesulphenamide che, in questo caso, già il nome è prevenzione!

Negli anni passati la “cura” si è rivelata, come abbiamo visto, a volte più temibile della “malattia” (vedi l’uso dello stagno), ma fortunatamente oggi la tutela e protezione della natura ha arrestato un processo di lenta ed invisibile distruzione dell’ambiente marino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è denti-di-cane-invertebrati-38-638.jpg

Un tempo (anni 60/70 fino agli anni ’90 ) c’erano meno barche da diporto e anche un pò meno moda di … dover fare carena! C’erano i sommozzatori che raschiettavano a mano le navi per eliminare quei maledetti  denti di cane (ma non solo), tanto che in una sola giornata, mentre si eseguiva lo sbarco o l’imbarco delle merci, si “faceva scafo”. Il problema era che veniva asportata anche parte della pittura antivegetativa (composta da rame e piombo) che era dannosa per l’ambiente marino. 

Oggi chiunque pulisce (in proprio) la carena in acqua può incorrere in una denuncia per inquinamento e sostenere un processo o una sanzione amministrativa. L’unica pittura antivegetativa su cui è consentito intervenire, anche a barca galleggiante, è quella siliconica o a base d’acqua o limitati prodotti certificati e sperimentali che non contengono inquinanti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hj.jpg

Il fouling è il tentativo dell’ambiente marino di “appropriarsi” dei corpi estranei, in esso introdotti, creandosi un proprio invitante e disabitato nuovo habitat. Per noi invece è un danno e ciò che viene immerso in acqua marina o dolce deve necessariamente essere trattato (in pratica avvelenato) per la propria resistenza

Il fouling (dal verbo inglese to foul, che significa insudiciare, incrostare) è ben noto a tutti i diportisti, almeno nel suo aspetto esteriore, visibile nelle formazioni che “ornano e decorano” la superficie dell’opera viva delle imbarcazioni e la linea di galleggiamento. Si parla di “biofouling“, poiché l’intero processo è determinato dalla colonizzazione dinamica delle superfici sommerse ad opera di numerosi organismi viventi. Si parla di “antifouling” per indicare i veleni atti a combattere e contrastare questo naturale fenomeno. Infine di “biocida” dal greco bios = vita e il latino caedere = uccidere indicando quindi qualcosa che “uccide la vita”.

Quali sono gli eventi che si verificano dopo l’immersione di uno scafo in mare?
Entro pochi minuti inizia la deposizione di un biofilm macromolecolare organico che si trova disciolto nell’acqua e deriva dalla decomposizione di organismi vegetali ed animali, che rappresenta la “vita invisibile del mare”. Il processo di formazione di questo primo involucro, che si realizza nel tempo di 1-3 giorni, rappresenta un evento “condizionante”, in quanto nessun organismo, vivente, morto o inorganico, può depositarsi prima che tale rivestimento sia completato. Studi particolari stanno valutando come ritardare questo processo naturale e mantenere lo scafo in uno stato di protezione permanente, evitando che si completi il ciclo di rivestimento del biofilm primordiale (Slim).

La fase successiva, anche questa della durata di pochi giorni, consiste nell’attecchimento al biofilm primario di organismi unicellulari tra cui prevalgono inizialmente batteri corti il cui numero diviene progressivamente dominante. La crescita del biofilm microbico, anche grazie all’aumento dimensionale degli organismi filamentosi, si realizza non solo come aumento di spessore, ma è generalmente caratterizzata dalla formazioni di vere e proprie appendici filamentose che agevolano la cattura e l’adesione di spore, microalghe, funghi e protozoi, oltre che di particelle inorganiche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rosada-6_sacha-OK-1024x768.jpg

L’ultimo stadio di sviluppo è rappresentato dalla crescita di organismi più complessi, tra cui tipicamente macro alghe e numerosi invertebrati marini come i Balanidi, detti per la loro forma “denti di cane“. In genere i materiali sommersi sono tutti potenzialmente colonizzabili, anche se con alcune differenze. Quelli che presentano bassa energia superficiale (polimeri come il teflon, silicone o il carbonio) resistono meglio all’iniziale formazione del biofilm, al contrario di quelli che hanno una elevata energia di superficie come i materiali acrilici.

Gli effetti dannosi del Fouling
Il fouling aumenta l’attrito, riduce la manovrabilità, la velocità, aumenta il consumo di carburante, di inquinamento e il tempo di percorrenza. Le imbarcazioni possono subire danneggiamenti, in particolare quelle in legno ma anche quelle in ferro, per effetto dell’attività corrosiva di molti batteri che “attaccano” il metallo. Al fine di prevenire e ritardare questo fenomeno esistono le vernici antivegetative che tutti i diportisti conoscono essere un appuntamento, come anche una spesa fissa, annuale.

Le vernici antivegetative sono dunque i prodotti in assoluto più importanti per la cura dello scafo della nostra barca. Per il momento il mercato è ancora improntato quasi esclusivamente su pitture contenenti sostanze tossiche nella loro matrice. La tossina (come il rame, lo zinco, …) viene inglobata tra gli “ingredienti” della pittura (leganti, pigmenti, addensanti, solventi) che a contatto con l’acqua di mare si libera in acqua. I leganti sono le resine o polimeri che rappresentano la vera base della vernice. I pigmenti danno il colore. Nero o rosso sono i più puri perché sono del colore del veleno di cui sono fatti. Molto utilizzato è il blu o il bianco come le murate ma sono questioni mimetiche e di vestito. I solventi garantiscono la “stendibilità” e la viscosità del prodotto, e che evaporano dopo l’applicazione e l’asciugatura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 004_VARO.jpg

La tecnica più diffusa è quella di creare dei film chimici in grado di dissolvere in acqua i composti tossici e inibire con efficacia repellente o letale organismi indesiderati. Auto levigante, erodibile, a solubilità controllata, a rilascio progressivo, autopulente, self polishing sono tutti sinonimi di vernici antivegetative che rilasciano nell’acqua sostanze che inibiscono, respingono o ritardano l’attacco e lo sviluppo delle incrostazioni vegetali (alghe) o animali (molluschi).

Per ottenere questo rilascio le pitture devono essere parzialmente solubili. Nelle imbarcazioni veloci (oltre i 25 nodi), o con navigazione costante, o che si fermano in acque caratterizzate da forti correnti (fiumi) sono indicate antivegetative non solubili o a bassissima solubilità o erodibilità: quelle chiamate a matrice dura. Qui il rilascio degli agenti inibitori è ottenuto con meccanismi non correlati alla solubilità del legante ma ad esempio, attraverso alte concentrazioni di biocidi per cui il rilascio delle particelle avviene per contatto.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uu-1024x353.png

Nel tempo però sulla carena rimane solamente la matrice non attiva dell’antivegetativa e quindi vi sarà un accumulo di spessore con i successivi carenaggi che a discrezione andranno rimossi e carteggiati se si volesse ripristinare e mantenere sempre le solite due mani!

Le vernici “auto leviganti” nel tempo si riducono di spessore e sono progettate per “sfogliarsi” durante l’utilizzo, e quindi, finché rimarrà uno strato di vernice sullo scafo, per quanto sottile, questo sarà sempre protettivo. In pratica, l’azione chimica dell’acqua, collegata all’azione meccanica causata dal movimento della barca, rigenera ogni mano di antivegetativa (azione ablativa).

Fine parte I – continua

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II

print
(Visited 440 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »