Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Fukushima update: dal nucleare all’idrogeno

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: GIAPPONE
parole chiave: Cesio-137, contaminazione, centrale elettrica Daiichi, terremoto, disastro di Fukushima, campo di ricerca sull’energia dell’idrogeno di Fukushima, resilienza giapponese, disastri naturali, nucleare, radiazioni, sforzi di ricostruzione, tsunami

 

Recentemente quattro ex dirigenti del gruppo TEPCO, la società che gestisce l’impianto nucleare di Fukushima, sono stati condannati a pagare un risarcimento di 13mila miliardi di yen (corrispondenti a circa 94,6 miliardi di euro) per non essere riusciti a prevenire i danni provocati dal disastro alla centrale del 2011. Una severa sentenza, pronunciata dalla Corte Distrettuale di Tokyo, che fa sicuramente riflettere. L’ammontare del risarcimento include sia le spese per il complesso smantellamento dei reattori danneggiati, sia i residenti locali che, a seguito del disastro, furono costretti a lasciare l’area.

In estrema sintesi è stato contestato il livello di affidabilità della valutazione sulle eventuali attività sismiche nella regione di Fukushima eseguita da una commissione governativa nel 2002, ovvero nove anni prima del disastro, arrivando alla determinazione che la possibilità di un forte evento sismico nell’area, seguito da uno tsunami, era probabile. I dirigenti condannati ritengono però che tale valutazione fosse discutibile e che quindi non poteva essere previsto un evento di tale violenza.

Quale è la situazione attuale?
Secondo i cronisti locali, grandi porzioni della prefettura di Fukushima dopo oltre dieci anni sono ancora abbandonate, nonostante gli sforzi per rilanciare l’area e attirare gli ex residenti. Il governo giapponese ha stanziato miliardi di dollari per la ricostruzione e gli sforzi di decontaminazione per riportare le persone sfollati dal disastro di Fukushima e posti di lavoro. Ma la prefettura ha registrato un calo della popolazione del 10% negli ultimi dieci anni, quattro volte maggiore rispetto al 2,5% della vicina Prefettura di Miyagi.

Ricorderete che a seguito dello tsunami generato dal terribile terremoto di magnitudo nove e del conseguente incidente nucleare di Fukushima Daiichi, più di 160.000 persone evacuarono l’area circostante la centrale nucleare. La massiccia ondata di marea interruppe l’alimentazione ai sistemi di raffreddamento dell’impianto e portò alla fusione dei tre nuclei del reattore. Circa 20.000 persone morirono o restarono disperse a causa del disastro che superò l’incidente di Chernobyl del 1986. In quel caso, l’incidente non fu dovuto però ad un evento naturale ma ad un folle esperimento di un tecnico della centrale che volutamente fece superare i limiti. Dall’indagine emerse infatti che vi sarebbero stati errori di procedura nel corso di un test di sicurezza sul reattore nº 4 della centrale, finalizzato a ottenere la definitiva omologazione dell’impianto, per verificare la possibilità di alimentare le pompe del sistema di raffreddamento anche in caso di black-out elettrico, utilizzando l’elettricità prodotta dal movimento inerziale delle turbine per il tempo necessario ad attivare dei generatori di emergenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fukushima-desertedstreets.jpg.990x0_q80_crop-smart-e1443726699349.jpg

Per Fukushima fu una cosa diversa e i segni permangono indelebili. Nella vicina città di Namie, a nord di Okuma, un monumento in pietra elenca i 200 residenti che persero la vita nello tsunami. L’intera popolazione di 21.000 abitanti della città fu costretta da evacuare dopo che i venti prevalenti diffusero le maledette radiazioni dalla centrale nucleare. Nel 2017, una parte di Namie è stata riaperta per consentire il ritorno degli ex residenti, ma solo circa 1.600 persone sono tornate indietro, ovvero meno del 10 per cento della popolazione originaria della città. Secondo i sondaggi, più della metà di coloro che furono evacuati non prevede più di tornare.

Fukushima sta ora cercando un futuro diverso. L’impiego del nucleare presenta in quell’area altamente sismica un pericolo sempre presente e l’alternativa potrebbe essere l’idrogeno anche se non scevra di problemi. La Fukushima Innovation Coast mira a ricostruire la produzione industriale della zona attraverso progetti altamente tecnologici di nuove strutture alimentate ad energia pulita.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fukushima-Hydrogen-Energy-Research-Field-FH2R.jpg

Il “Fukushima Hydrogen Energy Research Field (FH2R)” è stato costruito a Namie, nella prefettura di Fukushima. L’idrogeno viene prodotto dall’elettricità generata dagli impianti di energia solare costruiti nel campo di ricerca.

Tra questi progetti il Fukushima Hydrogen Energy Research Field (FH2R) di Namie che è stato realizzato su un sito precedentemente destinato ad un nuovo impianto nucleare formalmente abbandonato nel 2013. In seguito al disastro nucleare di Daiichi, il terreno fu poi ceduto al governo locale, lasciando il posto all’impianto per l’energia a idrogeno. L’azienda giapponese Toshiba Energy Systems & Solutions (Toshiba ESS) è tra le parti dietro il sito di energia a idrogeno di Fukushima ed ha iniziato la costruzione nel 2018, di fatto concludendo la realizzazione alla fine del 2020.

Il Fukushima Hydrogen Energy Research Field può produrre fino a 1.200 normali metri cubi di idrogeno all’ora utilizzando energia rinnovabile e può adattarsi, a seconda dell’offerta e della domanda, nella rete elettrica. Il sistema di elettrolisi dell’acqua alcalina della struttura è stato progettato e costruito da una filiale di Asahi Kasei, una multinazionale chimica giapponese fondata nel 1931. L’elettrolizzatore utilizza l’elettrolisi a membrana di cloro-alcali, che è un processo industriale consolidato attraverso il quale vengono prodotti contemporaneamente cloro, soda caustica e idrogeno, utilizzando salamoia ed elettricità. L’idrogeno verrà quindi utilizzato per alimentare auto e autobus alimentati a celle a combustibile, sistemi stazionari di celle a combustibile a idrogeno e unità navali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fukushima_ice_wall-1024x640.jpg

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe venne informato sulla situazione nella centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi mentre visitava la struttura il 19 settembre 2013.  AFP PHOTO / Japan Pool JAPAN OUT (photo credit JAPAN POOL /AFP/Getty Images)

FH2R è solo una parte degli sforzi più grandi per dare il via alla ripresa a Fukushima un decennio dopo il disastro nucleare, riflettendo lo spirito di resilienza giapponese tanto caro al recente scomparso ex premier giapponese Shinzō Abe. Volendo, con la giusta determinazione, si può fare ma andrebbero chiariti gli impatti a lungo andare delle scorie, forse più impattanti di quelle di un reattore nucleare di ultima generazione.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 81 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »