Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Breve storia della Reale Aviazione Navale britannica fino alla I guerra mondiale

Reading Time: 10 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: GRAN BRETAGNA
parole chiave: Aviazione di marina britannica, Royal Naval Air Service, Royal Navy, Royal  Air Force

 

Il Royal Naval Air Service o RNAS fu il braccio aereo della Royal Navy fino alla fine della prima guerra mondiale, quando si fuse con il Royal Flying Corps dell’esercito britannico per formare un nuovo servizio (il primo del suo genere al mondo), la Royal Air Force. L’idea di creare un servizio aereo per la Royal Navy risale al 1908 quando si pensò di acquisire un dirigibile ad uso navale. Nel 1909, Sir John Fisher, First Sea Lord, diede il suo appoggio al progetto ma il  dirigibile “Mayfly” in realtà non volò mai e si spezzò a metà nel settembre 1911. Se l’idea del supporto aereo per la Marina aveva i suoi detrattori, l’esperienza del ‘Mayfly’ ne confermò l’immaturità. Il nome (Mayfly … che potrebbe essere letto come may fly, può volare) non fu certo una scelta di buon auspicio per la creazione del Royal Naval Air Service.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Vickers-Naval-132-81-bw-1024x633.jpg

il varo del Mayfly

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Thomas_E_and_Horace_Grant_Grant_-_Wreck_of_Britains_greatest_airship_The_Mayfly_at_Barrow_1911_-_MeisterDrucke-184240.jpg

il suo tragico debutto, settembre 1911

In realtà, alcuni ufficiali della Royal Navy incominciarono ad addestrarsi, anche se a spese loro, al pilotaggio di aerei già nel 1910, al di fuori dell’addestramento navale formale. Fu così che quattro ufficiali frequentarono il Royal Aero Club sull’isola di Sheppey, nel Kent per apprendere l’arte del volo. Sebbene sarebbero diventati i futuri istruttori della componente aerea della Royal Navy, non è chiaro quanto l’Ammiragliato avesse qualche fiducia in quel progetto. Oltre al fatto che il corso era a spese loro, era stato preteso che i volontari partecipanti fossero tutti celibi (era considerata un’attività pericolosa ed i tassi di mortalità tra gli studenti piloti erano alti). Ciononostante il seme era stato seminato. L’idea di un velivolo che fornisse alla UK Royal Navy un maggior livello di protezione grazie alla capacità di ricognizione avanzata (ricordo che all’epoca non esistevano i radar per cui l’avvistamento delle navi nemiche era solo ottico) offerta da un aereo in quota. In altre parole un valore aggiunto in termini tattici e strategici sia in campo difensivo che offensivo.

Quando il Royal Flying Corps fu creato, il 13 aprile 1912, era destinata a comprendere tutti i voli militari. La UK Royal Navy non fu ovviamente contenta del trasferimento di tutte le forze di aviazione navale in un corpo dell’esercito e decise di formare un proprio ramo di volo con un centro di addestramento a Eastchurch.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cpt-Murray-Seuter-700x551-1.jpg

Commodore Murray Sueter

Il comando di questo gruppo fu affidato a Murray Sueter, che aveva lavorato allo sviluppo di dirigibili per la marina. A quel tempo, l’Ammiragliato aveva abbastanza potere politico per garantire che questo atto fosse completamente incontrastato ed il Royal Naval Air Service fu ufficialmente riconosciuto il 1 luglio 1914 dal Primo Lord dell’Ammiragliato Winston Churchill. Sebbene il nuovo servizio fosse completamente separato dal Royal Flying Corps, condivideva la Central Flying School. Ne nacque una rivalità fra i due che soffriva della maggiore predisposizione della Difesa britannica verso la Royal Navy.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RNAS-Coastal-Class-Airship-C23A-in-volo-su-un-convoglio-1917MeisterDrucke.jpg

il dirigibile C23A della RNAS in supporto tattico ad un convoglio in transito, ca. 1917 – photo credit Royal Navy

Di fatto, allo scoppio della prima guerra mondiale, nell’agosto 1914, l’RNAS aveva più aerei sotto il suo controllo rispetto all’RFC ed il giorno di Natale del 1914 l’RNAS attaccò le basi Zeppelin tedesche a Cuxhaven e Wilhelmshaven. Il 24 dicembre 1914, sotto il comando del Commodoro Reginald Tyrwhitt, gli incrociatori leggeri HMS Arethusa e HMS Undaunted, insieme ad otto cacciatorpediniere della 3ª Flottiglia cacciatorpediniere, salparono da Harwich con le portaerei HMS Engadine, HMS Riviera e HMS Empress, ciascuno con tre idrovolanti Short 184 a bordo, scortati da 2 cacciatorpediniere e 10 dieci sommergibili sotto il comando del commodoro Roger Keyes. Alle 06:00 del 25 dicembre, a 12 miglia nautiche a nord di Helgoland, sette idrovolanti furono lanciati con successo. Il loro obiettivo principale era attaccare gli hangar dei dirigibili tedeschi a Cuxhaven ed effettuare una ricognizione della base navale di Wilhelmshaven. Il maltempo ostacolò la missione e gli aerei si limitarono a sganciare alla cieca le loro bombe. Le navi subirono attacchi da un certo numero di idrovolanti tedeschi e da due degli Zeppelin che furono però contrastati dal fuoco britannico. Solo tre aerei (tra i quali quello di Charles Edmonds, che ritroveremo in seguito) riuscirono a tornare dalla flotta, mentre altri tre rimasero a corto di carburante e, dopo un ammaraggio di fortuna, furono raccolti dal sottomarino HMS E11. Il settimo pilota ammarò dopo aver subito un guasto al motore e fu prelevato da un peschereccio olandese e portato in Olanda, prima di tornare in Inghilterra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è attacco-a-Cuxhagen-657x1024.jpg

Non esistendo una tecnologia adatta al decollo e all’atterraggio sulle navi prima della prima guerra mondiale, i piloti navali britannici iniziarono le loro attività volando su idrovolanti che venivano calati in acqua da gru e, similarmente, dopo l’ammaraggio venivano riportati a bordo. Si incominciarono a studiare soluzioni alternative come il lancio degli aerei da piattaforme trainate ad alta velocità dalle navi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SOPWITH-CAMEL-TRAINATO-DA-UN-CACCIA-A-10-NODI-DA-UN-LIGHTER-LT-S.-d.-cULLRY-1918-31-LUG.jpg

Una foto storica, 31 luglio 1931, un Soptwith Ship Camel (pilota S. Cully) imbarcato su una piattaforma trainata a circa 20 nodi da un caccia, tenta un decollo. Notate l’equipaggio che trattiene l’aereo mentre il pilota da motore per il decollo. Arrivato al massimo dei giri, sarebbero stati tolti i cunei id blocco e lasciato libero l’aereo di decollare. Di fatto il coraggioso pilota aveva solo 58 piedi di “pista” per portare l’aereo in volo o sarebbe precipitato in mare con conseguenze disastrose.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ILTENE1.jpg

il momento del decollo. L’esperimento ebbe successo ed il pilota atterrò indenne a Martlesham Heath

Questi studi, non esenti da rischi per il personale, portarono, all’inizio della I guerra mondiale, all’installazione di catapulte che venivano montate sulle navi e di piattaforme di atterraggio, antesignane dei ponti di volo attuali. 

Elenco degli idrovolanti e delle navi portaerei esistenti e utilizzati:

HMS Hermes
Un incrociatore leggero trasformato in portaerei. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Hermes-1024x591.jpg

HMS Hermes

HMS Empress, HMS Engadin, HMS Riviera, HMS Vindex und HMS Manxman
ex traghetti convertiti, potevano trasportare tre idrovolanti. Furono le piattaforme da dove partì il primo attacco aeronavale a Cuxhaven il 25 dicembre 1914.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Manxman.jpg

HMS Manxman

La HMS Vindex aveva una rampa di lancio e fu la prima nave a lanciare un aereo non idrovolante ovvero dotato di un normale carrello con le ruote. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMSVindex-1915-1024x605.jpg

HMS Vindex, 1915

HMS Ben-my-Chree
anch’esso un ex traghetto veloce (faceva servizio all’Isola di Man) che fu acquisito dalla Royal Navy britannica nel corso della prima guerra mondiale per essere utilizzato come nave appoggio idrovolanti. Aveva una velocità media di oltre 24 nodi (durante le prove a mare raggiunse 24,6 nodi) ed era in grado di trasportare fino a 2549 passeggeri con un equipaggio di 119 persone.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Ben-my-Chree.jpg

HMS Ben-my-Chree

Nei cantieri Cammell Laird di Birkenhead la HMS Ben-my-Chree fu adattata per il trasporto di idrovolanti, rimuovendo le sovrastrutture a poppavia della seconda ciminiera e costruendo un hangar. La nave poteva ospitare sei idrovolanti che venivano calati in mare utilizzando le gruette di bordo. A prua, la nave aveva anche una piattaforma di 18 metri di lunghezza per l’eventuale decollo direttamente dal bordo. La nave venne anche armata di cannoni in due fasi successive. Verso la fine di maggio 1915, fu dislocata nei Dardanelli per partecipare alla campagna di Gallipoli dove giunse il 12 giugno. I suoi velivoli vennero principalmente impiegati nel bombardamento delle posizioni di artiglieria navale costiera. Inizialmente il colonnello F.H. Sykes, comandante del Royal Naval Air Service, ordinò che gli idrovolanti venissero impiegati per un’intensa campagna fotografica aerea della zona, grazie alla quale fu possibile effettuare, il 12 agosto 1915, il primo attacco con l’impiego di siluri lanciati dall’aria. Un pilota della RNAS, il capitano di fregata pilota C. Edmonds, decollato dal HMS Ben-my-Chree, attaccò una nave turca con un siluro da 14 pollici, volando a circa 5 metri dall’acqua per poter lanciare il siluro quanto più vicino alla superficie.  In realtà, si scoprì che il suo obiettivo, dato per affondato, si era arenato dopo essere stato però silurato dal sottomarino britannico E14. Dopo il primo attacco, Edmonds effettuò un secondo il 17 agosto contro una nave da 5.100 t questa volta con successo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Short_184-idrovolante-royal-air-naval-service.jpg

idrovolante short type 184 impiegato da Edmonds nel suo attacco con il siluro alla nave turca

HMS Ark Royal
Fu la prima nave della Royal Navy ad essere completata come nave appoggio idrovolanti. La capacità di carico era di 5 idrovolanti e 2 normali aerei con ruote. Questi ultimi dopo il volo dovevano dirigersi a terra per essere recuperati mentre gli idrovolanti dopo essere ammarati venivano recuperati con le gru. Gli apparecchi utilizzati in origine erano due Sopwith Type 807, due Wright Pushers, uno Short 135 e due Sopwith Schneider con necessità di atterraggio sulla terraferma. Una caratteristica unica della nave era la vela per mantenere la prua orientata verso il vento per la partenza dei velivoli. Combatté a Gallipoli e anche dopo la prima guerra mondiale.  Ribattezzata HMS Pegasus nel 1934, il suo nome fu dato alla nuova portaerei HMS Ark Royal.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS_Pegasus_FL3090.jpg

HMS Ark Royal poi HMS Pegasus

HMS Campania
Un ex Cunard Liner, dopo la sua conversione a metà del 1915, la nave operò con la Grand Fleet.  Dalle sperimentazioni emerse la necessità di un ponte di volo più lungo per consentire il decollo di aerei più grandi per cui fu modificata di conseguenza. La HMS Campania non partecipò alla battaglia dello Jutland nel maggio 1916, ma effettuò numerosi pattugliamenti. Di fatto fu sempre relegata a compiti di addestramento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hms-Campania_flat_fying_off_deck.jpg

HMS Campania

HMS Manica
una nave a vapore equipaggiata con la prima piattaforma per il lancio di palloni di sbarramento/osservazione della Royal Navy

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hmas-manica-dirigibile.jpg

HMS Manica si prepara al lancio di un kite baloon, Gallipoli, 1915

HMS Nairana
La nave fu varata nel 1915 e convertita per operare con aerei a ruote dal suo ponte di decollo a prua, nonché idrovolanti che potevano essere calati in acqua. Operò durante la guerra con la Grand Fleet e nel 1918-19 venne impiegata durante l’intervento britannico nella guerra civile russa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS_Nairana_1917.jpg

HMS Nairana in camouflage dazzle

HMS Furious
Incrociatore da battaglia convertito, con un cannone da 18 pollici a poppa e un ponte di volo a prua. Ricostruito dopo il 1918 con un ponte di volo continuo, prestò servizio anche durante la seconda guerra mondiale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Furious.jpg

HMS Furious

HMS Argus

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Argus.jpg

HMS Argus con camouflage dazzle

In origine un piroscafo, varato nel 1914 con il nome di Conte Rosso, fu completato nel settembre 1918 con la creazione di un ponte di volo completo.

Una componente di successo ed in rapido sviluppo
La crescita del RNAS durante la prima guerra mondiale portò la componente dai 720 dipendenti iniziali a 55.000 verso la fine della guerra, al momento della sua fusione con la RFC. Gli iniziali 93 velivoli erano cresciuti fino a poco meno di 3.000 e i sei dirigibili erano diventati 103.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nl113_Dawson_008_Sopwith_Schneider_3715_FAAM_800x553.jpg

idrovolante Schneider No.3715 nella fase di imbarco su HMT Jerico

La Marina mantenne dodici stazioni di dirigibili lungo la costa della Gran Bretagna da Longside, Aberdeenshire nel nord-est ad Anglesey nel ovest. Oltre agli idrovolanti, agli aerei da trasporto e ad altri velivoli ad uso “navale”, l’RNAS manteneva anche diversi squadroni di caccia sul fronte occidentale, oltre ad ad una limitata capacità di bombardamento strategico indipendente, in un momento in cui tali operazioni erano diventate altamente speculative.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sopwith-Strutter-biposto.jpg

Sopwith 1½ Strutter biplano due posti general purpose

L’accesa rivalità tra i servizi influenzò l’approvvigionamento dei velivoli  e molti Sopwith Strutter biposto, a torto o a ragione, vennero trasferiti dagli squadroni di bombardieri strategici del RNAS agli squadroni RFC sul fronte occidentale. La richiesta insistente della UK Royal Navy per ottenere aerei Sopwith, sebbene non specificamente adatti ad un impiego navale, fece si che gli squadroni da caccia RNAS ottennero dei caccia Sopwith Pup mesi prima dell’RFC (poi sostituiti prima con dei triplani Sopwith e poi con il Camel) mentre gli squadroni del RFC continuarono a combattere con i loro obsoleti Sopwith Pups.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è comandante-dello-squadrone-Edwin-Dunning-su-un-Sopwith-Pup-atterra-a-bordo-di-HMS-Furious-il-2-agosto-1917-MeisterDrucke-270024.jpg

Sqn Cdr E. H. Dunning in un tentativo di atterraggio sul HMS Furious con un Sopwith Pup (agosto 1917)

Alla fine della guerra, il 1 aprile 1918, la RNAS fu fusa con la RFC per formare la RAF. Al momento della fusione, il servizio aereo della Marina aveva 67.000 tra ufficiali e uomini, 2.949 aerei, 103 dirigibili e 126 stazioni costiere.

Una curiosità
Gli squadroni RNAS furono assorbiti nella nuova struttura, cambiando il numero di squadrone aggiungendo 200 al numero originario. In altre parole, lo squadrone n. 1 del RNAS (un famoso squadrone di caccia del RNAS) divenne lo squadrone n. 201 della RAF.

Nei corsi e ricorsi storici, la UK Royal Navy riguadagnò il proprio servizio aereo nel 1937, quando la Fleet Air Arm della Royal Air Force (che copriva gli aerei da trasporto, ma non gli idrovolanti e gli aerei da ricognizione marittima del Coastal Command) fu riassegnata all’Ammiragliato e ribattezzata Naval Air Branch. Nel 1952, il servizio aereo navale tornò al suo nome precedente al 1937, Fleet Air Arm.

Andrea Mucedola

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 122 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »