Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I misteri del cenote Zapote

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: GEOLOGIA MARINA
parole chiave: Cenote, doline

 

Fare una vacanza in Messico è un’esperienza che non dovrebbe mancare nel portfolio di ogni appassionato di subacquea. In particolare, i colori del mare e della natura lussureggiante che fa da cornice alle spiagge offrono panorami da film. In qualche modo, si diventa parte di un’avventura da sogno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cenote-dos-ojos-1024x937.jpg

Sono stato in Messico due volte, la prima volta nel 1985, quando scoprii l’isola di Cozumel e Tulum, e poi una decina di anni fa quando coronai un sogno, immergermi nella giungla, o meglio, nei cenote che popolano la fascia costiera intorno a Playa del Carmen. Scelsi un resort, immerso nella vegetazione, lontano dal rumore della cittadina, ma che offriva un assaggio della natura tropicale messicana. Bastava poco per ritrovarsi all’interno di una giungla rigogliosa, fitta e inaccessibile a piedi, tagliata da strade sterrate bruciate dal sole. Inoltre il resort non era lontano dalle zone dei cenote dove avrei potuto così immergermi; un’esperienza subacquea che mi mancava.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cenote-zapote.jpg

I cenote sono grotte naturali di rara bellezza che si congiungono fra di loro in una ragnatela di cunicoli che si aprono in ampie caverne aeree dalle cui sommità scendono le radici delle mangrovie superiori. Un mondo alla rovescia che ha un fascino particolare.

Entrando attraverso piccole spiaggette si entra in pozze trasparenti che aprono le porte al mondo sotterraneo. In immersione, una foschia spettrale ti fa comprendere che stai attraversando l’aloclino, dove l’acqua salata incontra l’acqua dolce. Il primo strato povero di ossigeno, impenetrabile alla maggior parte della materia organica che precipita nei cenotes, è infatti ricco di Sali. Quando il materiale organico si decompone, lo zolfo rilasciato viene intrappolato in uno strato d’acqua appena sopra l’aloclino. Questo strato maleodorante di idrogeno solforato è tossico per quasi tutte le specie e poche creature vi possono sopravvivere.

Fra i tanti cenote da visitare quello noto come Zapote è quello che offre una delle immersioni più singolari al mondo. Una volta che i subacquei scendono attraverso la dolina a forma di clessidra, si avvicinano all’aloclino, circa 30 metri più in basso. Attraversandolo si osservano enormi formazioni rocciose a forma di campana, che sembrano penzolare dal soffitto inferiore del cenote fino ad una profondità di quasi 40 metri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è zapote-.jpg

Il cenote Zapote, che fu scoperto da Vincente Fito nel 2011, ospita la più grande e vasta presenza di queste campane, chiamate Hells bell ovvero campane dell’inferno, che i ricercatori abbiano fino ad oggi trovato.

Lo sviluppo di una campana inizia con una gemma emisferica che inizia a crescere con una forma conica verso il basso e acquisisce la forma a cono cavo una volta che ha raggiunto una lunghezza di 3–4 centimetri ed una larghezza di 4 centimetri. La sua crescita non è costante, con rallentamenti e fermi alternati a crescite rapide a causa della variazione della composizione chimica dell’acqua. A El Zapote, le Hells Bells si sono sviluppate al margine tra l’aloclino e lo strato d’acqua dolce superiore dove la calcite sembra dissolversi. La datazione radiometrica di alcuni esemplari indica che crebbero durante il medio tardo Olocene, a partire da oltre 5.200 anni fa, fino ai giorni nostri.

Ma come si erano formate?
Formazioni simili erano state osservate nel 1999 nei cenote di Puerto Morelos da Jerónimo Avilés Olguín Segovia, ricercatore, speleologo e paleontologo che ipotizzò che la loro crescita, legata alle formazioni stalattitiche carbonatiche delle grotte, era modulata dai batteri intrappolati nello strato di idrogeno solforato. In un articolo del 2018, pubblicato sul Journal of Palaeogeography, Palaeoclimatology, Paleoecology, Avilés, il dottor Wolfgang Stinnesbeck dell’Università di Heidelberg e diversi coautori ipotizzarono che le formazioni fossero il risultato di un “meccanismo biogeochimico”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hells-bells-zapote-cenote-36-1024x1024.jpg

Di fatto le strutture di El Zapote contengono uno straordinario ecosistema diversificato di microrganismi, inclusi archea e batteri che metabolizzano l’idrogeno, ossigeno e vari composti azotati e solforati. Il metabolismo di questi microrganismi può influenzare la crescita delle Hells Bells consumando l’anidride carbonica e facilitando così la deposizione di calcite e metabolizzando l’azoto. Le Hells Bells potrebbero avere quindi un’influenza biologica nella loro formazione in quanto l’attività microbica può produrre la laminazione dei depositi che inn qualche modo assomigliano a quelli di alcune stromatoliti d’acqua dolce.

In sostanza, questi piccoli batteri estremofili modificano la composizione chimica dell’acqua appena sopra l’aloclino, creando le condizioni necessarie per la formazione delle campane.

Per potersi formare le campane richiedono un ambiente con scarsa illuminazione, uno spesso strato di idrogeno solforato e una superficie di crescita quasi orizzontale, cosa che non è comune in tutti i cenote. Ciò che è ancora più interessante è che lo strato esterno delle formazioni a campana è vivo. Nella loro ricerca, Avilés e i suoi coautori hanno trovato solfobatteri simili a quelli nello strato tossico che ricopre l’esterno di tutte le campane, che contribuiscono continuamente ma in diversa misura all’accumulo di calcio.

Per poter immergersi in questi cenote occorre una certificazione subacquea avanzata, sia per la sicurezza dei subacquei che per la salvaguardia di questi particolari ecosistemi.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 196 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »