Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Archeologia: emergono dal fondo del Tevere tracce del ponte di Nerone

Reading Time: 6 minutes

.

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: I SECOLO DOPO CRISTO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Tevere, Nerone, Ponte Neroniano, Ponte Trionfale
.

In questi caldi giorni estivi, l’abbassamento del livello dell’acqua del Tevere ha portato alla luce i resti lapidei del Pons Neronianus, un ponte costruito nel I secolo d.C. la cui storia merita di essere raccontata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ponte-trionfale4.jpg

Quando si nomina l’imperatore Nerone (Nero Claudius Caesar Augustus Germanicus) il pensiero va al grande incendio di Roma accompagnato dai suoi versi e dalle note della sua lira. Un’immagine non edificante che dà un’idea immeritata del quinto imperatore romano, ultimo appartenente della dinastia giulio-claudia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nerone.jpgNerone regnò dal 54 al 68 d.C. in un periodo di grande trasformazione. Sebbene nei primi anni del suo Impero, sotto la guida del filosofo Seneca, la sua politica fu favorevole al popolo, di cui conquistò i favori con elargizioni e istituendo spettacoli pubblici gratuiti, la corruzione della classe aristocratica e del Senato lo portarono agli eccessi per cui è tristemente famoso. Un’immagine parzialmente rivista dalla maggioranza degli storici del XX secolo che ritengono che Nerone non fosse né pazzo, come lo descrisse Tacito e Svetonio, né particolarmente crudele per la media dell’epoca in quanto i suoi comportamenti autoritari non furono in realtà molto dissimili da quelli degli altri imperatori del periodo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NERONE-porto-di-Ostia.jpg

Negli ultimi anni della sua vita la paranoia di Nerone si accentuò ed egli si rinchiuse in sé stesso e nei palazzi dedicandosi all’arte e alla musica, lasciando il governo quotidiano al prefetto del pretorio, il poco raccomandabile Tigellino a cui andrebbero attribuite molte delle nefandezze attribuite a Nerone.

Nerone era sicuramente stravagante ed aveva comportamenti eccessivi ma non tutto ciò che gli venne imputato dai suoi storiografi antichi è vero, come, ad esempio, il grande incendio di Roma. Non a torto, si lamentava dello sviluppo urbanistico della città eterna, in cui nelle abitazioni popolari, le insulae, costruite interamente in legno, per cucinare venivano accesi fuochi, spesso senza controllo, che causavano vasti incendi.

Quelle case popolari, cresciute disordinatamente e senza rispetto delle norme igieniche e urbanistiche, erano un grande problema sin dai tempi di Augusto che, non a caso, aveva creato il corpo dei Vigili del fuoco (Vigiles) nel 6 d. C. All’inizio erano solamente 600 ma, in breve tempo raggiunse un contingente di 7000 uomini suddivisi in 7 coorti, comandato dal praefectus vigilum che dovevano controllare le 14 regioni in cui Augusto aveva suddiviso la Capitale. Il loro nome ufficiale era Cohortes Vigilium e il loro motto recitava Ubi dolor, ibi vigiles (dove c’è il dolore, lì ci sono i vigili).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cohortes-vigilum-pompieri-roma.jpg

Cohortes Vigilium

Sebbene nell’immaginario collettivo si tenda ad attribuire a Nerone la responsabilità del grande incendio di Roma, gli storici ritengono che in realtà la responsabilità fu dei numerosi speculatori edilizi che ruotavano intorno al Senato, palazzinari dell’epoca che avevano solo da guadagnare nella distruzione e ricostruzione della città. Il canto di Nerone con la lira davanti all’incendio è poco probabile. In realtà, Nerone si diede immediatamente molto da fare per prestare soccorso alla popolazione, arrivando ad aprire i suoi giardini e facendo sequestrare imponenti quantitativi di derrate alimentari per sfamarli.

Una decisione che attirò l’odio dei Patrizi, tra cui vi erano molti dei sospettati per l’incendio, che incolparono con false testimonianze i Cristiani, che già avversavano per motivi ideologici. Secondo lo storiografo Tacito “« … per far cessare tale diceria, Nerone si inventò dei colpevoli e sottomise a pene raffinatissime coloro che la plebaglia, detestandoli a causa delle loro nefandezze, denominava cristiani.

In occasione dei lavori di ricostruzione, Nerone svolse un ruolo attivo sviluppando nuove e lungimiranti regole edilizie, destinate a frenare gli eccessi della speculazione e tracciare un nuovo impianto urbanistico sul quale è tuttora basata la città eterna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sesterzio.-Zecca-di-Roma-64-d.C.-Nerone-2.jpg

Ma non solo. Nerone portò a termine i lavori iniziati dall’’imperatore Claudio per costruire un nuovo porto a circa 4 km a nord di Ostia, detto appunto Portus, con due lunghi moli aggettanti sul mar Tirreno, un’isola artificiale ed un faro, e gli diede il nome di Portus Augusti. Altre opere notevoli, sebbene non realizzate, furono il tentativo di completamento del taglio dell’istmo di Corinto e quello della realizzazione di un canale lungo la costa dall’Averno a Roma lungo 237 km, non completato a causa dei costi e degli infiniti problemi tecnici e logistici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ponte-trionfale2.jpg

Pons neronianus

Tra le opere “minori” del periodo, il Pons Neronianus, in realtà costruito anni prima e poi restaurato o addirittura ricostruito durante il suo imperio. Il Ponte era tutt’altro che un’opera secondaria e compare ancora nei cataloghi dei monumenti di Roma del XII secolo. Si ritiene che il nome trovi una possibile giustificazione per il fatto che l’imperatore aveva  ampi giardini e proprietà nell’area dell’attuale Vaticano, per cui un ponte in quella zona sarebbe stato funzionale per il loro accesso.

In realtà la sua funzione fu ben più importante.  Il Ponte collegava il Campo Marzio, una zona umida prosciugata, che ospitava alcuni edifici pubblici e dove venivamo organizzate le parate militari, e il Vaticano, una vasta area residenziale. Per questo motivo veniva chiamato anche Pons Triumphalis perché collocato sul percorso impiegato dai generali romani vittoriosi per entrare dentro le mura di Roma. Secondo le fonti, i generali romani vittoriosi, al ritorno delle loro campagne militari, entravano a Roma per la via Flaminia o per la via Cassia. La legge romana impediva però l’ingresso ai magistrati militari entro il pomerium (contrazione di post moerium, l’area oltre le mura cittadine) per cui si dovevano fermare ai campi Vaticani, davanti al Tempio di Bellona che era proprio nei pressi del ponte Trionfale. Era in quel luogo dove il Senato decretava o negava il Trionfo. Ottenuto l’alto onore dal Senato, il Trionfatore veniva vestito con una toga purpurea e gli veniva posta in mano una palma, come promessa di pace. Il ponte era quindi un importante luogo sociale e possiamo immaginarci le legioni romane entrare a Roma attraversandolo accolti da ali di folla esultante.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pons-Triumphalis.jpg

Da un punto di vista ingegneristico la posizione del ponte non fu probabilmente tra le più felici, essendo stato realizzato su una stretta curva del Tevere, in una pianura alluvionale soggetta a cambi di forma delle sue anse. Questo avrebbe causato, in caso di alluvione, la perdita del contatto della struttura del ponte con i nuovi margini del fiume. Di fatto, durante il secondo secolo d. C. il ponte fu smantellato ed i pilastri di pietra furono rimontati per creare un nuovo ponte in un’area più stabile a valle.

Sebbene il suo nome restò nelle fonti, la sua antica funzione si perse nel tempo.  I resti di quella struttura sono oggi ricomparsi a causa della siccità, poche pietre in un fiume tristemente a secco che però, come abbiamo letto, ci danno la possibilità di ricordare tante pagine dimenticate della storia romana.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

 

print
(Visited 170 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »