Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Storia della marina colombiana – parte II

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX – XXI SECOLO
AREA:DIDATTICA
parole chiave: Colombia
.

Finalmente nel 1895 le forze navali colombiane rinacquero ancora una volta, raccogliendo tutte le unità disperse fra le varie amministrazioni. Presto cominciarono gli attriti con gli Stati Uniti per il controllo del costruendo canale di Panama; nel 1903 essi fomentarono una rivolta che si concluse con l’indipendenza della repubblica di Panama e la conseguente separazione di quella provincia dalla Colombia. Ad ogni modo la Marina non era in grado di far sentire una sua significativa presenza e, tanto meno, quando dietro ai secessionisti c’erano gli Stati Uniti.

A Panama si trovava una piccola forza navale composta dalle cannoniere Cuaca, Panama, Chucuito e dai piroscafi armati Lautaro, 21 de Noviembre e Medellin. Non vi fu alcuna reazione allo sbarco dei marines dalla cannoniera Nashville e le operazioni contro i ribelli portarono all’affondamento del Lautaro, un vecchio trasporto che aveva servito in Cile e in Perù; altre navi furono catturate o danneggiate e alla fine le unità superstiti non poterono fare altro che arrendersi venendo in gran parte cedute alla nascente e modestissima marina panamense.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leutaro-affondato-a-panama-1903.jpg

Dopo il 1900, la flotta colombiana arrivò ad essere teoricamente composta da una notevole quantità di navi, ma in realtà era un’accozzaglia di unità dei più svariati tipi e provenienze che durante le insurrezioni cambiavano di mano, erano mal comandate e malandate, come dimostrano i frequenti affondamenti in navigazione o nel corso di esercitazioni.

Nel 1914 le principali unità erano l’incrociatore torpediniere Almirante Lezo, da 1220 tonnellate le cannoniere Pinzon, Bolivar e Bogotà e due cannoniere fluviali. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è incrociatore-el-baschir.jpg

Sull’incrociatore merita di essere spesa qualche parola. Fu costruito nel 1892 dai cantieri Orlando di Livorno per il Marocco, che allora era uno stato indipendente, con il nome di El Bashir. Era una buona nave, definita elegante e armata con un cannone da 120, 5 da 102, 6 da 37 e 4 tubi lanciasiluri. Fu acquistato a inizio ‘900 mentre il Marocco era travagliato una serie di crisi internazionali divenendo nel 1912 protettorato francese.

Nel febbraio 1933 scoppiò un’altra guerra contro il Perù che iniziò con il bombardamento aereo della nave colombiana Cordoba, un dragamine tedesco che, assieme al gemello Bogotà, era stato acquistato nel 1932 che fu colpito da una bomba che però non scoppiò. Altrettanto fortunata fu la cannoniera fluviale Barranquilla che urtò contro una mina che però non produsse gravi danni. La guerra navale si trascinò con stanchezza e fu soprattutto caratterizzata da attacchi aerei alle unità dei due schieramenti che tuttavia risultarono di scarso effetto perché entrambe le nazioni disponevano di un’aviazione quantitativamente e qualitativamente limitata, ma anche questa volta, come più di un secolo prima, la Colombia non colse alcun successo sia per la disparità delle forze in campo che per l’aggressività peruviana che, con due cacciatorpediniere, attraversò il canale di Panama portando la guerra navale anche sul versante Atlantico colombiano che dovette essere frettolosamente protetto con batterie terrestri e una base aerea, mentre l’incrociatore peruviano Coronel Bolognesi e due sommergibili paralizzarono il traffico navale nel Pacifico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-CruceroexploradorBAPBOLOGNESI2.jpg

Una risposta sarebbero stati i due caccia Antioquia e Caldas acquistati in Portogallo: erano unità moderne e ben armate e avrebbero ristabilito l’equilibrio con le navi peruviane, numerose ma tutte di vecchia costruzione che, tuttavia, poterono giungere a Cartagena a operazioni belliche ormai concluse.

Durante al seconda guerra mondiale la Colombia, con parte della popolazione favorevole all’Asse, rimase neutrale e solo all’inizio del 1945 dichiarò guerra alla Germania.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è caccia-Calda-colombia.png

Ad ogni modo, come accadde in Venezuela, la neutralità non fu sufficiente per difendersi dai sommergibili tedeschi che affondarono diverse navi colombiane in quanto svolgevano traffico a favore degli Stati Uniti. Il 29 marzo 1944 il cacciatorpediniere Caldas, di scorta alla petroliera Cabinas sulla rotta Cartegna-Panama avvistò il periscopio del sommergibile U154 e lo attaccò prima con il cannone e poi con bombe di profondità: la petroliera fu salva, ma il sommergibile, benché danneggiato, riuscì a sfuggire.

Non diciamo nulla di nuovo affermando che nel dopoguerra anche la marina colombiana fu principalmente equipaggiata dagli Stati Uniti. Benché i due vecchi caccia classe Anqtioquia siano restati in servizio fino a fine anni ’60 , il nerbo della flotta era costituito dai tre caccia di scorta tipo River, Almirante Padilla, Capitan Tono e Almirante Brion che si alternarono in Estremo Oriente durante la guerra di Corea a fianco delle altre forze alleate. Assieme a questi furono poi ceduti tre caccia delle classi Fletcher e Summer, trasporti veloci APD e varie unità ausiliarie, ma il governo cominciò a diversificare le forniture navali a partire dai grandi cacciatorpediniere 20 de julio e 6 de agosto da 3300 tonnellate e armati con sei cannoni da 120 costruiti in Svezia nel 1958; ci si rivolse anche al mercato tedesco mentre l’arsenale di Cartagena cominciò a costruire molte serie di motovedette e navi pattuglia.

La Marina colombiana odierna
La Armada de la Republica de Colombia oggi comprende quasi 35000 uomini, con una forte componente di fanteria di marina, suddivisi fra i suoi tre teatri operativi: Atlantico, Pacifico e Amazzonia. Esiste anche un Comando especifico nell’arcipelago di Sant’Andrès, situato nell’Atlantico a est del Nicaragua e molto lontano dalla Colombia continentale la cui popolazione, nel 1903, rifiutò l’annessione a Panama.

Non vi sono grandi navi: la flotta “oceanica” della Colombia si basa oggi sulle quattro fregate missilistiche classe Almirante Padilla da 2100 tonnellate, costruite in Germania negli anni ’80, integrate delle due corvette antisommergibili ex coreane Barinho e Tono e da due sommergibili tipo 209 (Pijao e Tayrona). Queste navi sono intervenute assieme alle forze internazionali collaborando alle operazioni antipirateria al largo del Corno d’Africa.

Sono poi molto numerosi i pattugliatori e le motovedette di ogni tipo e dimensione; si tratta di circa ottanta unità di cui la metà è destinata sui fiumi interni lungo i quali forniscono un efficace supporto alle operazioni anfibie e ai colpi di mano dell’esercito: si tratta di un complesso di unità di seconda linea molto importante e altamente operativo in quanto il principale impegno della marina è oggi la durissima lotta ai narcotrafficanti che operano con mezzi sofisticati in tutto il paese sia lungo le coste, da dove parte la droga per gli Stati Uniti, sia lungo le valli fluviali dove si trovano le coltivazioni.

Guglielmo Evangelista

in anteprima, consegna della corvetta missilistica ex-sudcoreana Almirante Tono alla marina colombiana

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 84 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »