Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Storia del sommergibile che visse due volte ma sotto due bandiere

Reading Time: 9 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR BALTICO
parole chiave: Sommergibili, classe L

 

Abbiamo spesso raccontato come le navi sono qualcosa di più di un insieme di ferro e legno. Ognuna di loro ha una sua caratteristica “materiale e spirituale” che nasce con il primo equipaggio, al momento del varo, e si evolve fino all’inevitabile disarmo, lasciando ricordi indelebili in coloro che in quegli anni la hanno vissuta. Oggi raccontiamo la storia curiosa di un sommergibile britannico, L-55, che visse … due volte ma sotto due diverse bandiere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Submarine_Flotilla_1933_claas-L-at_Gosport-1024x774.jpgI sommergibili britannici classe “L” presero parte sia alla prima che alla seconda guerra mondiale. Ne furono costruiti 17, suddivisi in tre tipi,  costruiti tra il 1916 ed il 1920. Il primo tipo includeva i battelli numerati da L1 a L8, il secondo da L9 a L33 (L34, L35, L50 e L51 furono cancellati e L36 to L49 non furono ordinati) ed il terzo da L51 a L71 (sebbene dal L 57 al L 68, L 70 e da L 72 al L 74 furono cancellati). L’armamento dei primi due sottotipi consisteva in un cannone da 4 inch mentre nel terzo consisteva in due cannoni sempre da 4 inch posti a livello della timoneria. Inoltre, i sommergibili erano dotati di sei tubi lanciasiluri: il primo sottotipo aveva quattro tubi di prua e due trasversali nella parte centrale dello scafo, il secondo e il terzo avevano invece sei tubi di lancio prodieri.
immagine: sommergibili classe L in porto a Gosport

L-55, che apparteneva alla terza serie, aveva un dislocamento in superficie di 975 tonnellate in superficie, una lunghezza di 70 metri, 7 metri di larghezza, e possedeva due motori diesel Vickers diesel da 2,400 hp (1,790 kW), due motori elettrici da 1,600 hp (1,193 kW) per due alberi motore che consentivano una velocità di 17 nodi in superficie e circa 10 nodi in immersione, assicurando un raggio operativo di 4,500 NM a 8 nodi. Il suo robusto scafo era suddiviso da paratie trasversali in otto compartimenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55_00-1024x626.jpg

L 55 con bandiera britannica

Nella primavera del 1919 l’L-55 entrò in servizio nella UK Royal Navy, e fu destinato nel Baltico per partecipare alle ostilità contro la marina bolscevica durante la guerra civile, in aiuto ai Paesi baltici. Gli scopi dell’operazione, denominata, Red Trek erano di fermare l’ascesa del bolscevismo nell’area, per sostenere l’indipendenza dell’Estonia e della Lettonia, per proteggere gli interessi britannici nel Baltico ed assicurare la libertà della navigazione in quel mare. Non a caso la flotta britannica fu quindi destinata nella bellissima città di Tallin, in Estonia.

Come racconteremo, il 4 giugno 1919, il sommergibile britannico L 55, a seguito degli esiti di uni scontro con navi russe, affondò, in un punto di coordinate 59º55” Nord – 28º46’06 Ovest, ad una profondità di 32 metri nel Golfo di Finlandia. Nessun membro dell’equipaggio si salvò e questa è la sua storia.

Sotto due bandiere
Il 4 giugno 1919, due cacciatorpediniere russi, l’Азард e il Gavriil, (comandanti N. N. Nesvitsky e V. V. Sevastyanov) intrapresero una campagna di ricognizione per intercettare le forze nemiche, precedendo ad una certa distanza la corazzata Petropavlovsk comandata da P. Yu. Postelnikov. Quel giorno nessuno si sarebbe immaginato che l’Азард sarebbe entrato con onore negli annali di combattimento della Marina sovietica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Azard-1928-1941a-1024x512.jpg

Il cacciatorpediniere Азард – wikipedia

Alle 17:37, nella baia di Koporskaya, al largo della costa meridionale del Golfo di Finlandia, i cacciatorpediniere russi avvistarono contemporaneamente le scie di due siluri che si muovevano direttamente verso di loro sul loro lato sinistro. In quel momento, non essendoci nella baia nessuna altra unità navale, immaginarono che dovevano essere stati lanciati da un sommergibile nemico. I cacciatorpediniere manovrarono immediatamente per evitare i siluri e, pochi secondi dopo, sulla rotta dell’Азард, ad una distanza di circa 1200 iarde, apparve la torretta di comando e parte dello scafo prodiero del sommergibile. Probabilmente il battello subacqueo era stato costretto ad emergere dopo aver lanciato i siluri, cosa che sembra succedesse di frequente all’epoca. Per ordine del Comandante della Divisione navale, Rostovtsev, che era a bordo dell’Азард, l’unità si diresse a tutta velocità contro il sommergibile per speronarlo, aprendo immediatamente il fuoco. Un colpo del cannone da 102 millimetri dell’Азард colpì la timoneria del sommergibile che, nel frattempo, disperatamente aveva intrapreso le procedure di immersione rapida. Rostovtsev, nel suo rapporto post evento, indicò pochi secondi dopo un’enorme colonna d’acqua apparve improvvisamente nei pressi del sommergibile, probabilmente per un’esplosione avvenuta nel vicino campo minato. Si osservò “un forte vortice, con l’aria che usciva con una forza tremenda, formando schiuma bianca” e frammenti metallici furono scagliati in aria. Del sommergibile non si seppe più nulla ma, pochi giorni dopo, l’ammiragliato britannico annunciò ufficialmente l’affondamento del loro battello. Sebbene la causa dell’esplosione fosse stata attribuita ad una delle mine della barriera antisommergibili posata dagli inglesi, il comandante della Азард, N.N. Nesvitsky, ricevette un encomio per la sua tempestiva azione e fu tra i primi marinai ad ottenere l’Ordine della Bandiera Rossa. Ironia della sorte l’Азард affondò a causa di una mina navale il 28 agosto 1941.

Il ritrovamento del relitto
Alla fine del 1926, il relitto fu scoperto per caso da due dragamine, Клюз e Защитникe, che agganciarono e recuperarono un dispositivo del cannone da 4 pollici appartenente al L-55. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dragamine-russo-Kuroe.jpg

dragamine Клюз

Nel novembre del 1927, fu ordinato dalla marina russa ai dragamine Змей e Клюз di identificare il punto esatto dell’affondamento. Le operazioni di ricerca furono però ostacolate sia dal maltempo autunnale sia dalla presenza delle numerose mine navali che erano state posate nel 1919 dai Britannici nelle acque della baia di Koporskaya. In realtà, nell’autunno del 1927, i dragamine erano riusciti a distruggere buona parte delle mine navali ormeggiate la cui cassa era stata posta a profondità fino a 40 piedi. Restavano però presenti le mine ormeggiate antisommergibili, che erano state poste ad una profondità della cassa intorno ai 60 piedi e che rappresentavano ancora un grande pericolo per le operazioni di ricerca. Operando con molta attenzione il Змей e il Клюз scoprirono una grande massa di metallo sul fondo della baia. Per affinare la ricerca, decisero di strascicare dei grappini (specie di ancorotti a quattro uncini, normalmente usati per ripescare oggetti dal fondo del mare) al fine di afferrare resti del relitto. La procedura ebbe successo e, il 20 novembre, il Змей (tradotto dragone) trovò sul fondo, un relitto che si rivelò poi essere L 55.  Secondo i rapporti del capo palombaro N.S. Khrolenko, il battello subacqueo giaceva adagiato sul fondo ad una profondità di 32 m.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_3912-web-EPRON-X-XII.jpgIl 21 novembre 1927 i palombari dell’ EPRON, Экспедиция подводных работ особого назначения (ЭПРОН) ovvero “Special Expedition for Underwater Works“, un’agenzia governativa dell’Unione Sovietica per il salvataggio di merci e attrezzature di valore da navi e sottomarini affondati, guidati dal maestro palombaro F. A. Shpakovich, confermarono il ritrovamento.

Il 27 aprile 1928 fu presa, a livello dell’Autorità centrale, la decisione di sollevare il sommergibile, seguendo il progetto tecnico di un ex sottotenente della flotta zarista, l’ingegnere navale Timofey Ivanovich Bobritsky, che aveva al suo attivo il sollevamento di ben dieci relitti tra navi da guerra e civili, compresi dei sommergibili. Dopo aver calcolato che la massa dell’L-55 non poteva superare le 860 tonnellate, tenendo conto  della capacità di sollevamento della nave appoggio, la Kommuna (ex Volkhov), Bobritsky propose di portarlo in superficie utilizzando dei teli di metallo, posti sotto il fondo della battello. Il relitto del sommergibile giaceva infatti su un fondo soffice (di sabbia e argilla) cosa che, in alcuni casi, avrebbe facilitato il lavoro dei palombari. Il sollevamento si presentava comunque molto lungo e rischioso a causa della presenza delle mine navali. Cosa che si verificò quando, in un momento critico in cui la nave appoggio non poteva muoversi, una mina emerse improvvisamente vicino ad essa, passando sotto la fiancata della nave senza però esplodere.

La mattina dell’11 agosto 1928, il sommergibile fu finalmente portato in superficie, mostrando un enorme buco nello scafo che fu immediatamente riparato. Lo stesso giorno, la nave di recupero e salvataggio Kommuna si diresse a Kronstadt, trasportando il battello alla sua nuova destinazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volkhov_launched_at_putilovskaya_verf_in_saint_petersburg_17_november_1913-1024x711.jpgPer quanto possa sembrare incredibile, il Kommuna è una nave di salvataggio sommergibili centenaria, ancora in servizio con la flotta del Mar Nero della Marina russa. Si tratta di un catamarano a doppio scafo, impostato a San Pietroburgo nel novembre 1912 con il nome di Volkhov. La nave fu varata l’anno successivo e messa in servizio il 14 luglio 1915,  battezzandola il 31 dicembre 1922 con il nome Kommuna. E’ provvista di  quattro gru ognuna con capacità di sollevamento da 250 tonnellate che le permettevano di recuperare gli scafi dei sommergibili affondati. Di fatto ha servito nelle marine della Federazione russa imperiale, sovietica e russa durante la rivoluzione russa e le due guerre mondiali. Sembrerebbe che il suo ultimo compito sia di mettere al sicuro i segreti dell’incrociatore Moskva affondato nel mar Nero

Nel settembre del 1928, durante la pulizia e l’ispezione dei compartimenti del sommergibile, furono scoperti i resti di 38 (34?) sommergibilisti inglesi. La marina sovietica informò immediatamente il governo britannico e gli offrì di consegnare i corpi dei marinai per la loro sepoltura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55-bare-equipaggio-sul-truro.jpg

30 agosto 1928, trasferimento delle salme a bordo del Troru

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è recupero-salme-l-55.jpgPrevio accordo tra Inghilterra e Norvegia, il trasporto norvegese Troru si recò quindi a Kronstadt per svolgere questa delicata missione. Il 30 agosto 1928, nella rada della città, alla presenza delle maggiori autorità, le bare con i resti dei membri dell’equipaggio del L-55 furono trasferite a bordo del Troru che si diresse quindi verso l’Inghilterra. L’equipaggio fu sepolto in una fossa comune presso il cimitero navale reale di Haslar, a Portsmouth, il 7 settembre 1928.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55-kronstadt.jpg

in bacino a Kronstadt

II sommergibile tornò a vivere per una seconda vita
Potremmo dire che quel giorno si concluse la prima delle sue vite ma ne stava per iniziare una seconda. Il battello fu esaminato e fu riscontrato che la parte poppiera della torre di comando ed un terzo del lato sinistro (dal compartimento centrale al sesto) erano stati completamente distrutti, ed i motori principali e ausiliari, i raccordi e le tubazioni erano stati gravemente danneggiati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55-danno-sullo-scafo.jpg

ispezione del sommergibile a Kronstadt

Gli elementi raccolti, da cui si confermava la causa dell’affondamento, determinarono che L-55 era affondato a causa dei gravi danni allo scafo causati sia dal colpo del proiettile di artiglieria dell’Азард sia della successiva esplosione provocata dall’urto con un ordigno nel campo minato inglese.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55-danno-della-mina.jpg

il danno causato dalla mina ormeggiata sullo scafo del L 55

Il battello subacqueo fu quindi sottoposto a un attento studio da parte di specialisti sovietici che fu poi funzionale alla progettazione e costruzione dei sommergibili russi serie II e III, che utilizzarono alcune delle soluzioni tecniche di maggior successo dei designer britannici. Fu inoltre deciso di procedere con dei lavori di recupero, finanziati (si trattò di un milione di rubli) con un fondo pubblico che fu chiamato “Response to Chamberlain“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55_05-663x1024.jpg

Gli ingenti danni allo scafo ed ai meccanismi principali e ausiliari e la completa assenza di documentazione tecnica complicò il compito di ripristinare il sommergibile. Alcuni esperti, più scettici, consideravano questa idea praticamente impossibile e senza speranza. Tuttavia, le difficoltà non spaventarono i progettisti dell’Ufficio tecnico n. 4 che “copiarono” magistralmente i circa mille disegni dal sommergibile inglese e, con la collaborazione di esperti sommergibilisti, in particolare deal più anziano ingegnere meccanico delle forze sottomarine russe, K. F. Ignatiev, furono in grado di guidare i costruttori nel ripristino del battello.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55-fine-lavori.jpg

Il 27 luglio 1931 il sommergibile fu completamente restaurato e presentato alla Commissione Permanente di Collaudo e Accettazione delle Navi. Dopo tre settimane di test di accettazione, con una nuova bandiera ed equipaggio, il 7 agosto 1931, il battello entrò a far parte delle forze navali del Mar Baltico, mantenendo, come tradizione nautica, lo stesso nome “L-55”. Il 10 dicembre 1932, la “L” latina fu però sostituita nella documentazione dalla lettera “L” russa, Л, ed il sommergibile fu registrato come Л-55.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55_07-1024x713.jpg

Dal 1933, il battello fu utilizzato per testare le attrezzature navali e addestrare il personale, subendo poi un necessario ammodernamento nel 1934-1935. In quell’occasione i motori diesel originali, pesantemente usurati, furono sostituiti da dei 42BM6 russi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è l-55_01-1024x672.jpg

sotto bandiera sovietica Л-55

Il 10 gennaio 1940, il sommergibile fu ritirato dal servizio e, dopo varie vicissitudini, nel dicembre 1944 si trasferì da Kronstadt a Hanko, dove fino alla fine della guerra venne utilizzato come battello appoggio. Il suo disarmo avvenne l’8 aprile 1947 e, nel 1960, fu smantellata per recuperarne il metallo. Terminò così la sua seconda vita il sommergibile che solcò i mari sotto due bandiere.

Andrea Mucedola

 

immagini del L 55 dal sito 

Fonti
http://www.navy.su/navysub191745/l55/index.htm
Dmitriev V. I. Costruzione navale sottomarina sovietica. M., 1990
Jane’s Fighting Ships. London
Bazilevsky S. A., Dmitriev V. I. Breve storia della costruzione navale di sottomarini sovietici. L., 1982
wikipedia

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 198 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »