Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Pillole “blu” e subacquea: esistono dei rischi?

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MEDICINA SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: FISIOLOGIA
parole chiave: DIDATTICA

 

Sono sicuro che questo articolo incuriosirà molti …  Su Divernet, uno dei siti Web di immersione più famosi al mondo, è apparsa una notizia che potrebbe far accendere una lampadina di allarme a qualche subacqueo … vintage. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è retraite_05.gifEsistono dei farmaci, regolarmente assunti da chi ha problemi cardiaci e di ipertensione,  che provocano disidratazione, ovvero l’acqua persa è maggiore di quella assunta. Questa situazione di squilibrio dei liquidi interni, tra le altre cose, favorisce il rischio di incorrere in una Malattia da Decompressione (MDD). Inoltre, questi farmaci causano un aumento del flusso sanguigno periferico e sono spesso somministrati a chi, per diversi motivi, ha problemi legati alla disfunzione erettile. Da recenti studi, sembrerebbe che questo effetto di vasodilatazione potrebbe però creare problemi ai subacquei che ne fanno uso. I ricercatori ipotizzano che l’uso del sildenafil e di altri farmaci con effetti simili (inibitori della fosfodiesterasi PDE5) possa promuovere l’insorgenza della malattia da decompressione (MDD). Sembrerebbe infatti che i vasi sanguigni “dilatati”, aumentando il flusso di sangue/ossigeno, consentono al corpo del subacqueo di assorbire più azoto, con il rischio di sottostimare i limiti non deco calcolati dal computer subacqueo o tramite le tabelle di decompressione. Ciò significa che se ci immergiamo fuori curva, gli obblighi di decompressione (soste alle varie profondità) potrebbero essere sballati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è viagra.jpeg
L’autore dell’articolo apparso su Divernet, Bob Cole, ha effettuato una ricerca per comprendere se ci potesse essere una relazione tra i casi segnalati di MDD e l’uso di queste sostanze ma, nei Rapporti annuali sugli incidenti subacquei del British Sub-Aqua Club, non ne ha trovata traccia. Non c’è da meravigliarsi in quanto non fu diverso nel 1994, quando Wilmshurst, Davidson, O’Connell e Byrne, ricercando il legame tra MDD neurologico e il forame ovale pervio (PFO), scoprirono che non c’erano state segnalazioni di casi inspiegabili di MDD collegati al PFO.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è subacquea-didattica01-1024x544.jpg

Sempre secondo l’autore, si dovrebbe essere prudenti per ridurre il potenziale rischio di incorrere in una MDD a causa dell’uso di questi medicinali. Sebbene ricercatori non forniscono un messaggio chiaro su quanto tempo prima sia consigliato interrompere l’assunzione del farmaco prima di fare immersioni, gli utilizzatori dovrebbero parlarne con il proprio medico subacqueo.

Di fatto bisogna considerare che l’emivita del sildenafil (Viagra) è di 4 ore, del vardenafil (Levitra) di 4-6 ore e del tadalafil (Cialis) di ben 17,5 ore; il che significa che “la forza” del farmaco si riduce del 50% alla fine di quei periodi. Per eliminare completamente questi farmaci dal nostro corpo sarebbero invece necessarie sei emivite, ovvero  24 ore per il Viagra, 36 per il Levitra 36 ore e … 105 ore per il  Cialis.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scuba-diving-love.jpg

immergiti in sicurezza … effettua i controlli medici ogni anno e, per ogni dubbio, chiedi sempre al tuo medico dello sport specializzato in medicina subacquea ♥ BE SAFE BE SMART

Ritorniamo sempre al concetto di sicurezza consapevole
Avere una comprensione generale del comportamento dei gas che respiriamo nel nostro corpo durante un’immersione è essenziale per i subacquei. La perfusione dei gas nei tessuti, ovvero il processo di diffusione del sangue ai tessuti, è la chiave per questa comprensione, ed è quindi importante cercare di identificare i fattori che potrebbero aumentare o ridurre il flusso sanguigno. Non sarebbe quindi consigliato effettuare immersioni subacquee L’immersione subacquea effettuata da persone che fanno uso di farmaci che possono influenzare il flusso sanguigno potrebbe quindi essere non consigliata. Parlatene sempre a priori con un medico specializzato in medicina subacquea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bodrum-diving-1024x538.jpg

Come è noto, quando pianifichiamo le nostre immersioni, è sempre necessario prendere in considerazione tutti gli aspetti che potrebbero modificare i limiti calcolati dall’algoritmo del computer o dalle tabelle di decompressione che stiamo utilizzando, al fine di ridurre i rischi associati. Questo normalmente include, il tipo di attività, la temperatura dell’acqua (che comporta il raffreddamento della pelle), la respirazione e lo stato fisico pre e post immersione. Questo include l’ingestione di sostanze alcoliche e medicine. Sono nozioni di base che normalmente vengono insegnate nei primi i corsi subacquei e non dovrebbero essere mai trascurate.


L’influenza dei farmaci sull’immersione è un campo in cui c’è ancora molto da studiare. Divers Alert Network (DAN) ha finanziato uno studio sul rischio di tossicità da O² nei ratti, per scoprire se il Viagra potrebbe causare una variazione dell’ossigeno a livello celebrale a causa dell’aumento del flusso sanguigno. Una ricerca effettuata dal team del dottor Ivan Demchenko della Duke University ha concluso che l’insorgenza della tossicità da O² nei topi trattati con il Viagra è stata più rapida rispetto a quelli a cui non era stato somministrato il farmaco. Considerando i tempi di emivita di questi farmaci, gli effetti potrebbero essere ben maggiori per i consumatori di altre molecole, come ad esempio il Cialis, che impiega più di quattro giorni per scomparire dal nostro corpo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è old-diver-.jpg

Mi direte … ma noi non siamo topi e i topi, normalmente, non si immergono … ciononostante la notizia è meritevole di approfondimenti da parte dei nostri medici subacquei che potranno così consigliare coloro che, per motivi sanitari, ne fanno uso. La prudenza, come sempre, è d’obbligo.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 313 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »