Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Elektroboote

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: sommergibili
.

Normalmente non sento molto il fascino delle armi del crepuscolo tedesche, nella stragrande maggioranza dei casi furono esercizi progettuali mai testati o tentativi di mettere in linea tecnologie ancora immature. Tecnologie che per quanto rivoluzionarie e che aprirono nuove strade nel dopoguerra richiesero anni se non decenni di sviluppo per essere veramente operative. Per essere provocatorio, ritengo storicamente e operativamente molto più rilevanti e utili il piccolo L3 e il Falco CR42 di progetti come l’Horten 229 e l’Heinkel 162 o il Maus, sebbene non arrivarono a nulla o si rivelarono costosi fallimenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TYPE-XXIII-U-BOAT.jpg

U- boote type XXIII

Ci furono però delle eccezioni
La tecnologia missilistica tedesca era senza paragoni mondiali e produsse armi efficaci e affidabili. Armi che nel 44/45 si dimostrarono in grado di infliggere notevoli danni ed ebbero immediati e enormi sviluppi nel dopoguerra. Lo stesso si può dire dell’ultima generazione di sottomarini.  Innanzitutto una piccola precisazione semantica che sembra pedante ma è molto rilevante, fino al 1944 tutti i battelli subacquei del mondo erano detti sommergibili, il che vuol dire che erano mezzi navali adatti alla navigazione in superficie e che all’occorrenza potevano immergersi, perdendo però manovrabilità e velocità. Per sua natura il sommergibile dispone di limitate prestazioni in immersione e non è in grado di operare per periodi prolungati al di sotto della superficie dell’acqua. Il sottomarino è invece un mezzo navale progettato per operare principalmente in immersione, questa è la caratteristica che lo distingue dal sommergibile. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è helmuth-walter.jpg

Helmuth Walter, l’inventore della turbina Walter

Cosa era successo?
Nel 1943 le perdite di sommergibili erano diventate gravissime e tutti gli accorgimenti e le migliorie apportate ai battelli germanici non potevano riportare la bilancia a pendere a favore del sommergibile. Quest’ultimo rimaneva in svantaggio nei confronti dei sistemi di protezione ai convogli adottati dagli anglo-americani. Un esito in realtà prevedibile fin dal 1939, visto che i primi battelli della seconda guerra mondiale non erano che quelli della prima con modifiche minori. Modifiche che avevano incrementato marginalmente le loro prestazioni e sicurezza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è turbina-walter.jpg

Sistema turbina Walter

La prima reazione tedesca era stato il tentativo di sviluppare la cosiddetta turbina Walter cioè un sistema di propulsione unico basato su un apparato motore in grado di operare in assenza di aria (AIP – air independent propulsion). Una tecnologia avanzatissima che effettivamente era la strada del futuro della propulsione subacquea, ma che divenne operativa per i battelli convenzionali solo negli anni ’90.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-3008-elektrobbot.jpg

U 3008 – Type XVIII – L’U-3008 lasciò Wilhelmshaven per il pattugliamento il 3 maggio 1945, ma tornò in porto dopo la resa. Il 21 giugno 1945 fu portata dagli Alleati da Wilhelmshaven a Loch Ryan, quindi trasferita negli Stati Uniti, raggiungendo New London, Connecticut, il 22 agosto. L’unità servì nella US Navy fino al 1948.

Contemporaneamente, il direttore dell’ufficio costruzioni navali della Kriegsmarine, valutando questi progetti, ebbe l’idea di utilizzare lo scafo ottimizzato per la navigazione in immersione del Type XVIII inserendo, al posto del sistema propulsivo Walter, un sistema motoristico convenzionale  aumentando al massimo possibile il numero degli accumulatori elettrici. Lo scafo del Type XVIII in effetti aveva un dislocamento di ben 1485 tonnellate, al di sopra di quello dei IX-C, con una sezione, tipica dei battelli Walter, a otto rovesciato, ed un sistema costruttivo ad ordinate esterne che lasciava la possibilità di poter usufruire di spazi notevolissimi.  Nel complesso si giunse ad avere una dotazione di batterie tripla rispetto ai battelli più grandi sino ad allora operanti (Type IX-C).

Il nuovo sommergibile avrebbe avuto, al posto delle turbine Walter, due motori elettrici veloci da 2500 HP ciascuno ed i motori Diesel utilizzati dai modelli VII-C. Stava prendendo forma l’elektroboote, un battello con linee estremamente idrodinamiche, dotato di un sistema propulsivo convenzionale ma con fortissima capacità di batterie.  L’intuizione era di combinare uno scafo dalle linee ottimizzate per la navigazione in immersione con un sistema di propulsione già collaudato ed efficiente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-BOAT-TYPE-VIIC.jpg

In altre parole, quello che rendeva il tutto rivoluzionario non erano le tecnologie, tutte rodate e efficienti, ma la loro combinazione in un complesso sinergico.

Per un confronto il sommergibile Type VII poteva navigare in superficie al massimo a 17,7 nodi e aveva un autonomia di 8500 miglia a 10 nodi in superficie. Poteva immergersi in 30 secondi e in immersione poteva navigare utilizzando i motori elettrici per un ora a 8 nodi o percorrere 120 miglia a 2 nodi. Potevano rimanere immersi per 48 ore al massimo e operare fino a 150 metri di profondità. Da questo si capisce che erano mezzi ottimizzati per la navigazione in superficie che si immergevano solo se braccati da vicino e per il tempo strettamente necessario ad evitare i cacciatori. Quando la pressione aeronavale alleata li costrinse a navigare in immersione questo ridusse quasi a zero la loro efficacia perché navigando coi soli motori elettrici erano praticamente immobili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è elektrobbote-snorkel-u-3008.jpg

l’U 3008 durante il servizio post bellico nella USN

Neppure l’uso dello snorkel modificò significativamente la situazione perché, pur permettendo di navigare immersi usando i diesel, non permetteva di navigare a velocita superiori ai 5/7 nodi, una velocità insufficiente per inseguire i convogli alleati che navigavano alla velocita di almeno 8 nodi (massima 10/12). Se fossero stati impiegati, le caratteristiche e la prestazioni dei nuovi battelli forse sarebbero state tali da poter incidere sulla situazione strategica e tattica nei mari, ma sicuramente rappresentarono un passaggio importante dal sommergibile al sottomarino moderno. In superficie potevano navigare a 15,5 nodi ma non emergevano quasi mai. La loro velocità in immersione era quasi tripla rispetto agli altri battelli, 17,2 nodi che potevano mantenere per un ora e mezza (oppure mantenere 16 nodi per quattro ore). In pattuglia potevano restare costantemente immersi navigando a nove nodi per 60 ore. Impiegando lo snorkel per 5 ore potevano ricaricare completamente le batterie e rifornirsi d’aria e subito dopo riprendere la navigazione in immersione a nove nodi senza mai emergere.

Questo riduceva enormemente la loro vulnerabilità perché il tipico radar del 1945 poteva rilevare uno snorkel non oltre gli 800 metri di distanza. Senza usare lo snorkel e riducendo la velocità, potevano rimanere immersi per sei giorni consecutivi. Anche il sistema di combattimento era stato rinnovato: disponevano di 24 siluri filoguidati (numero ridotto a 20 nelle missioni più lunghe) che, grazie a nuovi sistemi di rilevamento e tiro, potevano essere lanciati restando immersi sino a 50 metri e navigando alla velocità di 13 nodi, senza bisogno di arrivare a quota periscopica. Tutte le armi potevano essere lanciate in un unica salva prodiera dato che non avevano bisogno di tubi lancia-siluri poppieri visto che i siluri stessi erano in grado di eseguire virate anche di 180°.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-BOOT-TYPE-XXI-1024x582.jpg

I battelli tipo XXI scendevano in sicurezza fino a 260 metri ed i loro sensori idrofonici riuscivano ad individuare un convoglio ad oltre 100 Km. di distanza (una nave isolata veniva sentita a 25 Km). Inoltre, il sonar poteva fornire tutti i parametri di lancio senza utilizzare il periscopio o rallentare. Erano stati dotati di un sistema idraulico di ricarica dei tubi di lancio che permetteva di ricaricare i 6 tubi di lancio nel tempi in cui un tipo VII ricaricava un solo tubo, cosa che permetteva di attaccare più volte consecutivamente.

In caso di navigazione in superficie erano dotati di radar (per la scoperta di aerei in avvicinamento fino a 30 Km) e di rilevatori radar (scoprivano un radar volante a bassa quota a 50 Km di distanza rilevando la direzione di provenienza del segnale). Oltre ai motori diesel e a quelli elettrici ad alta velocità, imbarcavano motori elettrici da agguato estremamente silenziosi che alla velocità di 3,5 nodi li rendevano difficilmente rilevabili da idrofoni. Anche in caso di navigazione veloce in fase di disimpegno la rumorosità era estremamente ridotta; a 15 nodi producevano la stessa rumorosità di un sommergibile americano classe Gato che navigava a 8 nodi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è submarine-USN-class-Gato.jpg

sommergibile americano classe Gato – costruita per la USN e varata nel 1941–1943, fu la prima classe di sottomarini prodotti in serie durante la seconda guerra mondiale

La loro autonomia consentiva missioni prolungate fino ai Caraibi senza particolari problemi. Anche la costruzione era stata semplificata e se un tipo VII veniva costruito in 22 mesi, un tipo XXI poteva essere costruito in solo 9 mesi. La loro costruzione iniziò il 13 agosto del 1943 per cui il loro impatto bellico fu limitato. Ad esempio nell’aprile 1945, solo otto erano operativi, trenta alle prove di consegna, ventisette in allestimento finale, trentasei in costruzione, mentre diciassette erano stati distrutti dai bombardamenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U2511_Bergen.jpg

Tre elektroboot,  battelli Type XXI in porto a Bergen, Norvegia, nel 1945. Al centro l’U-2511, l’unico della classe che riuscì a condurre un pattugliamento di guerra

Di queste unità una sola salpò per una vera e propria missione di guerra. L’U-2511 lasciò Bergen il 30 aprile 1945 ma fu costretto ad interrompere la propria missione a causa della capitolazione della Germania (8 maggio). Comunque, nonostante fosse stata annullata senza che si fosse conseguito alcun risultato concreto (in termini di affondamenti) questa missione dimostrò le potenzialità dei nuovi sommergibili.

Incontrato un numeroso gruppo di navi da guerra inglesi, l’U-2511 superò agevolmente lo schermo protettivo delle unità di scorta, eseguì un attacco simulato contro l’incrociatore pesante HMS Norfolk e si allontanò senza essere scoperto. Non vennero lanciati siluri in quanto gli ordini proibivano tassativamente di impegnarsi in azioni di attacco durante i viaggi di trasferimento in zona di operazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è capitano-di-corvetta-schnee-german-navy.jpg

Capitano di Corvetta Adalbert Schnee in torretta sul U-201

Poco prima, si era lasciato alle spalle alcuni cacciatorpediniere semplicemente virando di 30°, sfuggendo così alla loro caccia. Il suo comandante, Capitano di Corvetta Schnee, un veterano che era stato comandante del sommergibile type VII-C U-201, definì la sua unità “qualcosa di completamente nuovo rispetto ai sommergibili precedenti“.

Il Primo Ministro inglese W. Churchill, poco prima della fine della guerra aveva scritto: “I sommergibili muniti di snorkel sono un primo passo verso un nuovo ruolo dell’arma sottomarina concepita da Doenitz. Egli ha molta fiducia nell’entrata in servizio dei nuovi modelli e i primi di essi stanno già facendo le prove in mare. Il successo della Germania dipenderà in gran parte dal ritmo di produzione di questi mezzi. La loro alta velocità in immersione ci preoccupa e pone nuovi problemi.

La guerra sottomarina si stava rivoluzionando, come l’ammiraglio Doenitz aveva previsto, una nuova era iniziata e la guerra sottomarina e antisommergibile doveva ripartire su nuove basi. 

Gianluca Bertozzi

 

FONTI
La battaglia dell’Atlantico di Peillard Léonce
Sommergibili della seconda guerra mondiale di Erminio Bagnasco

.

 
Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime    

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 528 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »