Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Caccia ai sommergibili tedeschi lungo le coste americane: operazione Teardrop – parte II

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Sommergibili, Ops Teardrop, Gruppe Seewolf

 

In realtà, da diverso tempo gli U-Boot tedeschi operavano al largo della costa orientale degli Stati Uniti, la cui maggior parte era dotata di snorkel cosa che li rendeva meno individuabili dalle navi di pattugliamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u-866.jpg

U-866

La situazione nel marzo 1945, non era comunque molto rosea per i sommergibili operanti nell’Atlantico. Il 16 marzo 1944, l’U-866 (alla sua prima missione) era sopravvissuto a malapena ad un attacco con bombe di profondità lanciate dal cacciatorpediniere di scorta USS Lowe (DE-325) vicino a Sable Island (circa 175 NM a est-sud-est della Nuova Scozia) e si era appoggiato sul fondo. Le unità USS Lowe, USS Pride (DE-323), USS Mosely (DE-321) e USS Menges (DE-320) continuarono a colpirlo fino alla sua fine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AtlanticStates.jpg

La petroliera statunitense Atlantic States fu probabilmente colpita e danneggiata il 5 aprile 1945, mentre il piroscafo belga Belgian Airman e la petroliera statunitense Swiftscout potrebbero essere state affondate sempre dall’U-879 rispettivamente il 14 e il 18 aprile. La petroliera norvegese Katy potrebbe essere stata colpita e danneggiata il 23 aprile –  photo credit and source The Mariner’s Museum, Newport News VA

L’U-857 e l’U-879 erano entrati nel Golfo del Maine alla fine di marzo ed il 5 aprile 1945 l’U-879 aveva silurato e danneggiato la petroliera Atlantic States, che dovette essere rimorchiata in porto. Nel giro di poche ore, due cacciatorpediniere statunitensi di scorta e due fregate iniziarono la caccia ad un sottomarino la cui identità resta incerta.  L’affondamento fu accreditato al cacciatorpediniere USS Gustafson (DE-182), il 7 aprile 1945. In realtà, dopo la guerra, dall’esame dei movimenti dei sommergibili tedeschi, emerse che nessun battello era stato affondato e le navi avevano scaricato le loro bombe su un eco non sub.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Belgian-Airman-mv.jpg

il mercantile Belgian Airman affondato al largo di Cape Henry, Virginia

Il 14 aprile 1945 l’U-857, silurò e affondò il mercantile Belgian Airman al largo di Cape Henry, Virginia. Ciò provocò un’immediata caccia al sommergibile da parte di sei unità navali provenienti da Hampton Roads, con l’appoggio di cacciatorpediniere e cannoniere provenienti da Rhode Island, idrovolanti Mariner e aerei Ventura decollati da Norfolk ed Elizabeth City e diversi dirigibili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è swiftscout-tanker-us.jpg

la petroliera Swiftscout. L’attribuzione dell’affondamento non è certa (U-587 o U-879) – Photo courtesy of SSHSA

Gli attacchi dei sommergibili continuarono. Il 18 aprile, la petroliera Swiftscout fu silurata e affondata al largo del Delaware Capes, ed il 23 aprile fu il turno della petroliera norvegese Katy, colpita da un siluro lanciato probabilmente dall’U-857 o dall’U-879, al largo di Cape Henry.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è katy-TANKER-NORVEGESE.jpg

la petroliera norvegese Katy – Photo courtesy of The Mariners Museum, Newport News VA

Nella notte tra il 29 e il 30 aprile, l’U-879 cercò di attaccare il convoglio KN-382, ma fu avvistato dalla fregata USS Natchez (PF-2). Il sommergibile fu immediatamente inseguito dai cacciatorpediniere USS Bostwick (DE-103), USS Coffman (DE-191) e USS Thomas (DE-102). Alle 01:15 del 30 aprile, l’USS Bostwick scaricò uno sbarramento di cariche di profondità che costrinse il sottomarino a scendere a 600 piedi. Nonostante le manovre evasive del sottomarino, poco più di tre ore dopo, fu la volta del USS Coffman e del USS Thomas che attaccarono con bombe di profondità, affondando alla fine il battello con tutto il suo equipaggio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hedgehog-anti-submarine.jpg

bombe di profondità – sistema anti sommergibili hedgehog

Ops Teardrop
L’operazione Teardrop includeva due task force (Barrier Force), ciascuna composta da due portaerei e oltre venti cacciatorpediniere di scorta. L’analisi dell’intelligence statunitense e gli analisti operativi della decima flotta furono così in grado di tracciare i movimenti del Gruppe Seewolf attraverso l’Atlantico, facilitati dalla possibilità di intercettarne e comprenderne i messaggi quasi contemporaneamente alla loro trasmissione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-Mission-bay.jpg

portaerei di scorta USS Mission Bay

La Prima Barrier Force comprendeva venti cacciatorpediniere di scorta divisi tra una Northern Force, guidata dalla portaerei di scorta USS Mission Bay (CVE-59), comandata dal capitano di vascello John R. Ruhsenberger, e la Southern Force, guidata dalla portaerei di scorta USS Croatan (CVE-25), comandata dal capitano di vascello Kenneth Craig.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-Croatan.jpg

portaerei di scorta USS Croatan

Grazie alle intercettazioni dell’intelligence fu quindi creata una barriera di sorveglianza lunga 120 NM nel sud dell’Atlantico centrale dell’Islanda, a circa 30 gradi di longitudine ovest, con le due portaerei di scorta e quattro unità di scorta ciascuna operanti a circa 40 –50 NM di distanza. In accordo con il periodo dell’anno, le condizioni meteorologiche furono avverse, con frequenti nebbie pesanti e mari con onde tanto alte che furono descritte “montane”. Più di 100 marinai sulla portaerei USS Croatan rimasero feriti a seguito di una violenta rollata della nave. Condizioni estreme che ostacolarono gravemente sia le operazioni aeree della portaerei che da terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-Stanton-DE-247.jpg

USS Stanton

Sebbene il monitoraggio continuò, non ci furono altri incontri fino al 15 aprile quando il cacciatorpediniere USS Stanton (DE-247) rilevò un contatto radar a 3.500 iarde nella fitta nebbia. Il caccia si avvicinò a 1.000 iarde prima di illuminare il contatto con un faro, che si rivelò poi essere il sommergibile U-1235. Il battello si immerse immediatamente ma lo USS Stanton effettuò tre attacchi con le bombe di profondità che culminarono con un’esplosione subacquea insolitamente grande.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U1235-TYPW-IX-40-1024x605.jpg

Un battello classe IX/40 a cui apparteneva l’U-1235

Quaranta minuti dopo, solo 1,5 NM dall’ultima posizione dell’U-1235, venne identificato anche l’U-880, che si era avvicinato al cacciatorpediniere mentre stava attaccando l’U-1235.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-880.jpg

una delle ultime foto dell’equipaggio dell’U-880 – credit www.uboat.net

Dopo essere stato colpito nella torretta, il sommergibile tentò di immergersi ma fu colpito dal lancio delle bombe di profondità. Anche questa volta le esplosioni risultarono di forte intensità al punto di preoccupare l’ammiraglio Ingram che, leggendo i rapporti di missione, si domandò se i battelli tedeschi stessero veramente trasportando qualche arma speciale. Nella notte tra il 18 e il 19 aprile, un PB4Y-1 Liberator del VPB-114 della USN, in volo da Terceira, Azzorre, avvistò il sommergibile U-805 in superficie. Il battello tedesco che era già allertato dal volume del traffico radiofonico statunitense nell’area, si immerse immediatamente e cambiò la sua rotta verso nord.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PB4Y-1-Liberator.jpg

PB4Y-1-Liberator – credi World War Photos

Il 21 aprile 1945, la First Barrier Force fu sostituita dalla Second Barrier Force, composta dalla portaerei di scorta USS Bogue (CVE-9), comandata dal capitano di vascello George J. Dufek, e da dieci cacciatorpediniere di scorta, più la portaerei USS Core (CVE-13), comandata dal capitano di vascello RS Purvis, e dodici cacciatorpediniere di scorta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-Bogue.jpg

USS Bogue (CVE-9)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS_Core_CVE-13_underway_at_sea_circa_in_1944_NNAM.1986.150.003.026.jpg

USS Core (CVE-13)

La seconda Forza di Barriera usò tattiche alquanto diverse rispetto alla prima: i cacciatorpediniere di scorta formarono una linea di fronte, posizionate ad intervalli di cinque NM, lungo le 120 miglia della barriera, con le portaerei posizionate alle estremità dello schermo.

Fine parte II – continua

Andrea Mucedola

 

PARTE I PARTE II PARTE III

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 205 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »