Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il relitto del HMS Britannic

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: RELITTI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Britannic
,

Da Cousteau ad oggi
Nel 1975, quasi 60 anni dopo il suo affondamento, il relitto dell’HMS Britannic fu scoperto ed esplorato da Jacques Cousteau. Basandosi sui racconti dei sopravvissuti, Cousteau riteneva che la nave fosse stata affondata, a similitudine del Lusitania, da un siluro sotto il ponte, tra le paratie due e tre. La posizione del relitto del Britannic è oggi ben nota, 37 ° 42’05 “N 24 ° 17’02” e si trova ad una profondità di  122 metri.

2015-11-10_new_14445572_I4

L’esplorazione del relitto è dedicata a subacquei tecnici e, essendo elencato come sacrario di guerra, ogni spedizione deve essere sempre approvata dai governi britannico e greco.

Nelle prime esplorazioni subacquee fu possibile osservare le macchine di prua e le due gru di carico in coperta e prodiere, ambedue ancora ben conservate. L’albero di trinchetto si trovava piegato sul fondo del mare nei pressi del relitto con la coffa ancora attaccata su di esso. La campana non fu mai trovata. La ciminiera numero 1 fu ritrovata a pochi metri dal ponte barca mentre le altre tre furono osservate nel campo di detriti al largo della poppa. Cousteau riportò che il relitto del Britannic era ancora in ottime condizioni, e gli unici segni di deterioramento erano la sala giochi per bambini e alcuni alloggi, ma il resto della nave era ancora in ottime condizioni.

Nel 1995, una spedizione di Robert Ballard, che precedentemente aveva ritrovato la RMS Titanic e la corazzata tedesca Bismarck, identificò il relitto utilizzando un avanzato sonar a scansione laterale. Le immagini successive furono ottenute tramite dei ROV (veicoli controllati a distanza via cavo). Ballard ritrovò tutti i fumaioli della nave, citati da Cousteau, ancora in  buone condizioni ma non riuscì a trovare le ancore delle mine ormeggiate posate dal sommergibile tedesco.

Triton 3300 one man submarine filming at the Britannic

il minisommergibile monoposto Triton 3300 mentre filma il Britannic

Nel novembre 1997, un team internazionale di subacquei guidati da Kevin Gurr utilizzando apparecchiature a circuito aperto trimix, visitarono e filmarono il relitto, di fatto producendo le prime immagini video in formato digitale. Nel settembre 1998, un altro team di subacquei fece una spedizione sul relitto utilizzando dei veicoli di propulsione subacquea, per potersi spostare rapidamente da un punto all’altro dello scafo. Nel nuovo filmato furono ripresi i quattro telegrafi, un timone e un telefono di macchina sul ponte di comando.

John Chatterton fu il primo subacqueo a visitare l’interno del relitto con un rebreather a circuito chiuso ma i suoi sforzi per penetrare il tunnel dei fuochisti furono ostacolati dalla scarsa affidabilità. La pianificazione della spedizione è ancor oggi considerata come uno dei più impegnativi progetti di esplorazione di relitti.

britannic pavia

Nel 1999, i GUE, subacquei tecnici esperti in  immersioni in grotta, condussero numerose immersioni all’interno del Britannic. I filmati furono in seguito trasmessi da National Geographic, BBC, History Channel e Discovery Channel. Nel settembre 2003, una spedizione guidata da Carl Spencer ritornò nel relitto. Questa fu la prima spedizione dove tutti i subacquei utilizzarono rebreather a circuito chiuso (CCR).

Durante l’immersione, Rich Stevenson scoprì che diverse porte stagne erano rimaste aperte, probabilmente a causa degli effetti dell’esplosione che potrebbe aver distorto i telai delle porte di chiusura, bloccando la chiusura automatica delle serrande di sicurezza. Nelle immersioni furono scoperte un certo numero di ancore da mina ormeggiata, confermando che il Britannic fu affondata proprio da una mina navale. In seguito Evan Kovacs, un subacqueo tecnico e direttore della fotografia subacquea presso l’Advanced Imaging Lab, Woods Hole Oceanographic Institution in Massachusetts effettuò quattro spedizioni (nel 2006, 2009, 2015 e 2016). Kovacs, che aveva esplorato il Titanic nel 2005 per History Channel, visitò il Britannic nel 2006 cercando di scoprire le differenze nella costruzione e le modifiche apportate alla sua gemella. La spedizione, finanziata da History Channel, con quattordici subacquei esperti, aveva lo scopo di determinare cosa aveva causato il rapido affondamento del Britannic. Il team tornò sul sito del relitto il 17 settembre ma l’esplorazione fu interrotta a causa del limo in sospensione che causò condizioni di visibilità pari a zero.

Alla fine, tramite i nuovi filmati e le esplorazioni fu compresa la causa della tragedia: le serrande di sicurezza, contorte dall’esplosione della mina, si bloccarono in apertura causando l’allagamento delle strutture interne.

Carl Spencer
Un breve ricordo di Carl Spencer, un esperto esploratore subacqueo che, il 29 maggio 2009, perse la vita sul Britannic durante le attività di ripresa all’interno del relitto per National Geographic. Carl Spencer era un subacqueo tecnico estremamente competente e conosceva molto bene il relitto del Britannic essendo alla sua terza spedizione. L’incidente accadde per una serie di errori dovuti ad una errata etichettatura di una bombola che lo portò a respirare ossigeno a circa 120 piedi. Nonostante i tentativi di salvarlo, il trattamento nella camera iperbarica della nave non ebbe successo.

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

,
Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print
(Visited 311 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »