Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Riusciranno a recuperare il tesoro del San Josè?

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVIII SECOLO
AREA: MARE DEI CARAIBI
parole chiave: Relitto, San Josè

 

E’ una vecchia storia … si scoprono antichi relitti ed iniziano subito diatribe legali su chi ne ha abbia la proprietà. Ultimo evento, ma solo temporalmente, la scoperta del relitto spagnolo della San Jose, il “Santo Graal” dei naufragi coloniali spagnoli rivendicato dalla Colombia, dalla Spagna e dai nativi boliviani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è EdgeTech-400-kHz-Side-Scan-Sonar-Imafe-of-the-San-Jose-Shipwreck.jpg

immagine sonar 3D EdgeTech 2200 (400Khz) – credito WHOI

Live Science ha pubblicato la notizia che il relitto del galeone spagnolo San Josè, da tempo ricercato dai cacciatori di tesori, è stato finalmente localizzato al largo della costa della Colombia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-jose-6-1.jpg

gruppo di tazze dal relitto, immagine, Woods Hole Oceanographic Institution)

All’epoca del naufragio la Colombia era una colonia spagnola, e il porto di Cartagena de Indias era un importante hub commerciale dove tutte le merci depredate nelle colonie sud americane, in particolare dal Perù e dalla Bolivia odierni, venivano immagazzinate nel suo forte, prima di essere trasferite in convoglio verso l’Europa. Ma il suo prezioso carico non arrivò mai a destinazione e giace da tre secoli nel fondo del mare. Il governo colombiano considera i preziosi contenuti nel relitto come un “tesoro nazionale” e vorrebbe recuperarlo per poi esporlo in un futuro museo da costruire a Cartagena. Inoltre, ha affermato di aver scoperto il relitto anche grazie agli esiti di nuove ricerche effettuate dal WHOI. Con un decreto presidenziale, le aziende interessate al recupero degli artefatti sulla nave dovranno firmare un “contratto” con il Governo colombiano in cui si impegnano di fornire un inventario dettagliato del suo ricco carico. L’azienda che potrebbe ottenere il contratto più spesso citata è la Maritime Archaeology Consultants (MAC) cha ha sede in Svizzera. Questo potrebbe però riaprire una vecchia ferita in quanto una società americana, la Sea Search Armada (SSA), aveva già richiesto, nel 1881, in quanto prima scopritrice del relitto, il legittimo diritto alla metà del tesoro del San José, una causa terminata nel 2011 quando una corte statunitense dichiarò che i resti del galeone erano di esclusiva proprietà del governo colombiano. 

Al decreto del Governo colombiano naturalmente si oppone anche la Spagna che afferma il relitto sia di sua proprietà, essendo stata una nave di stato, ma anche un gruppo indigeno boliviano i Qhara Qhara, che rivendicano il possesso del carico in quanto i loro antenati furono costretti a estrarlo dagli Spagnoli nel XVI – XVIII secolo. Per ora, tutte le eventuali cause faranno certamente ricchi gli avvocati in quanto il bottino in gioco è notevole, considerando che il galeone potrebbe contenere almeno 200 tonnellate di oro, argento e smeraldi, per un valore presunto di diverse centinaia di milioni di dollari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-josee-paint-scott.jpg

Il galeone San Jose spagnolo affondò nei Caraibi nel 1708 dopo una battaglia con gli inglesi. dipinto Samuel Scott

Raccontiamo ora la sua storia
Il San José era un galeone da 62 cannoni della marina spagnola durante la guerra di successione spagnola, un conflitto decennale che coinvolse la maggior parte dei principali potenze europee dopo la morte di Carlo II di Spagna nel 1700.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1708_OS_Wagers_Action-1.jpg

l’azione di Wagner contro la flotta spagnola – http://collections.rmg.co.uk/collections/objects/109359.html

Insieme alla nave gemella, San Joaquin, il galeone San José ed il Santa Cruz formarono la “Flotta Tierra Firme” spagnola del 1708. A Portobelo, nella moderna Panama, i galeoni imbarcarono un favoloso carico in oro, argento, perle e smeraldi Inca, destinato al tesoro spagnolo del re Filippo V (1683–1746). La flotta si diresse quindi alla città portuale di Cartagena de Indias (l’odierna Colombia) con due piccole scorte, Carmen e Nietto, servite da dodici navi di rifornimento in convoglio con uno squadrone francese pesantemente armato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Plan-Harbour_of_Carthagena-blog-image-1-768x1024.jpg

‘Piano del porto di Cartagena’ da indagini cartografiche condotte da Don Juan de Herrera, ingegnere capo a Cartagena [Don Juan de Herrera y Sotomayor, 1667-1732] – titolo ‘Una descrizione delle isole spagnole e degli insediamenti sulla costa delle Indie occidentali’ inciso da Thomas Jefferys, 1762 – Particolare dalla mappa  rgsp 917.29 J45 Riferimento: RGSSA catalogue

Le navi spagnole progettavano di ripararsi a Cartagena de Indias a causa dell’avvicinarsi della stagione degli uragani ma furono intercettate, il 7 giugno 1708, al largo della penisola di Barú, Colombia, da uno squadrone di quattro navi da guerra della Royal Navy britannica

HMS Expedition 74 cannoni Commodoro Charles Wager
Captain Henry Long
HMS Kingston 60       Captain Simon (Timothy) Bridge
HMS Pórtland 50       Captain Edward Windsor
BruloteVulture 8      Captain B. Crooke

sotto il comando dell’ammiraglio Charles Wager a bordo della HMS Expedition.

l’ammiraglio Sir Charles Wager

L’ammiraglio Charles Wager descrisse l’azione avvenuta l’8 giugno 1708 con queste parole: “Era appena il tramonto quando ingaggiai la nave ammiraglia [San José], e in circa un’ora e mezza, essendo allora abbastanza buio, la nave esplose. Io ero allora al suo fianco, ad una distanza ravvicinata, tanto che che il calore dell’esplosione è arrivato molto caldo su di noi e diverse schegge di assi e legno sono arrivate a bordo in fiamme. Li abbiamo presto gettati in mare. Credo che la fiancata della nave sia esplosa, perché ha causato un’onda [d’urto] che ci ha investito sul nostro lato. [Il galeone] affondò immediatamente con tutte le sue ricchezze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-jose-0-1024x805.jpg

cannoni del San Josè – credito ICANH

La battaglia fu una vittoria per gli inglesi: il San José colpito in pieno affondò quando la sua santa barbara, contenente le scorte di polvere da sparo, esplose. A seguito del naufragio solo 11 dei 600 membri dell’equipaggio del galeone sopravvissero.

Secondo National Geographic, all’inizio degli anni ’80, una compagnia statunitense chiamata Sea Search Armada affermò di aver localizzato il relitto del San José e propose un accordo al governo colombiano per condividere il tesoro. Ma il governo rifiutò il permesso per il recupero e, come spesso accade, la causa finì per vie legali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-jose-recovery-wreck.jpg

messa in mare del REMUS – credito WHOI

Nel 2015, il governo colombiano annunciò che la sua marina aveva localizzato il relitto in un “luogo diverso”, in parte grazie ad una ricerca da parte della Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), un’organizzazione privata no profit di ricerca e formazione con sede nel Massachusetts.

Con l’occasione la Colombia ricordò che, secondo una legge del 2013, tutti i relitti nelle sue acque facevano parte del patrimonio nazionale del Paese (stimati in circa 1.200). WHOI ha compiuto ricerche nella regione per diversi mesi, impiegando un veicolo subacqueo autonomo REMUS 6000 che impiega un sonar a scansione laterale EdgeTech 2200 (400Khz), per realizzare immagini tridimensionali del fondale marino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-jose-3-1024x477.jpg

Questa immagine non datata composta da un mosaico di foto scattate da un veicolo subacqueo autonomo, rilasciata dall’Istituto colombiano di Antropologia e Storia, mostra i resti del galeone spagnolo San Jose, caduto al largo della costa caraibica colombiana più di 300 anni fa. /AP

Alla fine il relitto del San José è stato ritrovato ad una profondità di circa 600 metri e investigato con delle telecamere per acquisire immagini, mostrando un eccezionale stato di conservazione nonostante i suoi 300 anni sott’acqua. Grazie alla mancanza di luce, sul relitto è cresciuta pochissima vita marina, e i suoi caratteristici cannoni e altri manufatti sono ancora chiaramente visibili).  I costi dell’operazione di recupero sono stati valutati in circa 70 milioni di dollari, essendo il relitto ad una profondità compresa tra i 600 e 1000 metri di profondità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-jose-artefacts.jpg

immagini dal relitto credito WHOI

Nel 2018, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, scienza e cultura (UNESCO) ha consigliato alla Colombia di “non sfruttare commercialmente” il relitto ma di preservarne il suo straordinario tesoro. Ma la diatriba legale non sembra essersi appianata … e si combatterà ancora, questa volta nei tribunali.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 399 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »