Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Impianto idrico a bordo, il fai da te a prova di norma – parte V

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICO
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: impianti di bordo
.

PRESE A MARE
Troppo spesso sono bistrattate e dimenticate, eppure di “valvole e prese a mare” si può affondare! Il sistema presa a mare è composto generalmente da passa-scafo, valvola, gomiti e T, raccorderia varia. Si commercializzano maggiormente in Ottone commerciale, Ottone DZR (marcato CR), Bronzo e in plastica rinforzata (dalle francesi Randex alle neozelandesi Trudesign e le Marelon-Forespar) o anche rinforzate con fibre di vetro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PRESE-A-MARE-ROVINATE.jpg
Non esiste alcuna certificazione ufficiale che definisce questi componenti come materiali nautici. Le prese a mare costruite in ottone commerciale, piuttosto che con leghe resistenti alla corrosione, possono essere molto pericolose.

Lo standard di riferimento per prese a mare e passa-scafi (small craft – Seacocks, through-hull e fittings), principali componenti del sistema di aspirazione e scarico a bordo dell’impianto idraulico è l’ISO 9093-1 del 1994. I cantieri produttori e i fornitori si limitano secondo questo standard di riferimento a dichiarare che i requisiti raccomandati per i raccordi metallici passanti dell’acqua sanitaria e non (dolce e salata) utilizzata in imbarcazioni fino a 24 m di lunghezza, sono: “I materiali devono essere resistenti alla corrosione ed entro un tempo pari a cinque anni, non deve manifestare alcun difetto che possa mettere in pericolo la tenuta, la forza o la funzione”. Si intuisce quindi una scadenza o un invito ad un rinnovo quinquennale.

Che fare allora?
Il problema è sempre lo stesso. Preferite sostituire il chartplotter con l’ultimo ritrovato touch o montare un bow truster per poter manovrare in porto con più facilità o spendere la stessa cifra per la sicurezza, anche se preventiva, della vostra barca?
In bronzo CB491K, ottone CW617N, ottone DZR o CR, che siano “Guidi” o “Maestrini” o altro, se cambiano colore e diventano molto rossi e marroni meglio sostituirli. In acciaio 316L è più complicato valutare il deterioramento. La nuova “plastica rinforzata” è considerata quasi indistruttibile; all’estero è molto usata e in Italia si comincia ad apprezzarla sempre più in sostituzione all’ottone commerciale, all’acciaio ma non ancora dell’ottone CR e ancor meno del Bronzo. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è valvola-a-sfera-saraciensca.jpg

valvola a sfera

La valvola a sfera (note come a saracinesca), che sia metallica o materiale composito, è sempre costituita da una sfera forata la cui tenuta è realizzata da due guarnizioni in materiale sintetico. Il bloccaggio della valvola è causato nella maggior parte delle volte, dalle incrostazioni che si formano sulla superficie della sfera, impedendole di ruotare liberamente tra le due tenute. È quindi buona norma aprire e chiudere frequentemente la valvola, pulendola, come migliore manutenzione. Attenzione ai portagomma, che siano integri alla vista non basta, spesso si sbriciolano come una fetta biscottata nel tentativo di sfilare un tubo. Occhio!

POMPA A PEDALE
E’ la pompa azionata da una leva. In commercio ve ne sono di tanti modelli e di diversa portata (9-12- 15 litri al minuto o più). Sono in materiale plastico e hanno una durata veramente lunga e si trovano ancora funzionanti su barche di 30 – 40 anni, ma come ogni cosa, anche questa va
controllata periodicamente per averla sempre efficiente.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è POMPA-A-PEDALE-.jpgLe vecchie pompe a pedale sono di una semplicità estrema essendo costituite da una valvola unidirezionale in ingresso, una in uscita e una camera con membrana che è mossa, all’esterno, da una leva che finisce sul pedale. L’unica possibilità di perdita è la rottura della membrana a parte un cattivo serraggio dei raccordi in ingresso ed uscita. Il meccanismo interno si smonta svitando tutte le viti davanti e dietro.

Attenzione perché c’é una forte molla all’interno e una volta aperto si possono sostituire tutte le parti in gomma di ricambio acquistabili in kit (vedi Whale o similari)

E’ consigliabile il montaggio a bordo di almeno una pompa a pedale. Risolve il problema dell’acqua in caso di guasti elettrici o meccanici all’autoclave. Consente di economizzare acqua e corrente e di evitare a chi dorme il rumore, anche se lieve, della fastidiosa pompa elettrica, peggio ancora se ad intermittenza! Queste sono le cose semplici e robuste che non si rompono mai, gradite specialmente in barca!

SERBATOIO ACQUE NERE
Semplici contenitori, wc chimici da camper, con maceratore incorporato, in acciaio, in polietilene da 10 litri, da 50 litri o più sono le “scatole nere” dell’impianto a norma UE. Dal 2017 la nuova direttiva 2013/53/UE ha introdotto l’obbligo per le nuove costruzioni di collegare i servizi igienici solo a serbatoi per le acque nere. Requisito essenziale ai fini dell’immissione in commercio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SERBATOIO-ACQUE-NERE-2.jpgTutto l’usato che naviga e galleggia come si deve comportare? Non c’è obbligo di dotarsi di serbatoi acque nere e di adeguarsi ma in alcune coste bagnate dal Mediterraneo e nostre mete estive (per esempio la Turchia) è vietato severamente sia in rada che nelle marine l’utilizzo di scarichi diretti. La convenzione MARPOL 73/78 sulla prevenzione dell’inquinamento marino, prevede lo scarico a mare di acque grigie e nere a determinate condizioni. Il decreto legge 182 del 24.06.2003 e la direttiva n° 6759 del 19 luglio 2005 regolano la materia per le unità da diporto omologate per il trasporto di meno di 15 persone a bordo (ovvero un pò tutti i diportisti).
A tutte le unità da diporto c’è il divieto di effettuare scarichi a mare dai servizi igienici di bordo nell’ambito dei porti, degli approdi e presso gli ormeggi dedicati alla sosta delle imbarcazioni, nonché entro il limite delle spiagge frequentate dai bagnanti.

Tutte le unità da diporto esistenti e quelle nuove omologate per il trasporto di un numero di persone inferiore a 15 e dotate di servizi igienici, possono effettuare lo scarico in mare dei liquami (solo se non trattati a norma Marpol) soltanto oltre il limite delle tre miglia dalla costa, in navigazione con rotta fissa ed alla massima velocità consentita. Le unità omologate al trasporto di più di 12 persone hanno anche l’obbligo di notifica dei rifiuti prodotti.

Obiettivo del decreto era di provvedere all’installazione su tutto il territorio nazionale (porti e marine) di sistemi adeguati dove le unità da diporto avrebbero potuto smaltire i loro “rifiuti organici” di bordo. Siamo dunque ancora tutti fuori legge se in rada, all’ormeggio o in marina (che paghiamo cara) proviamo ad usare i nostri wc e scaricare in mare direttamente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SERBATOIO-ACQUE-NERE.jpgDovremmo ogni volta allontanarci di 3-4 miglia per far pipì o disfarsi dei propri liquami? Nonostante scienziati siano concordi nel riconoscere al mare la capacità di riciclare completamente i liquami, sia grigi che neri (se assolutamente organici e adeguatamente prodotti senza “intrusi”), in realtà questa è una questione ancora aperta.

Il buon senso e la buona educazione dovrebbero naturalmente farci riflettere se poterlo fare o meno in una rada alla ruota con bagnanti che ci nuotano intorno. I decreti obbligano allo Stato e ai concessionari l’installazione ramificata di questa nuova “raccolta differenziata” ma siamo ancora in alto mare se non per rarissime eccezioni.
Chi a bordo ha una cassa nera, non la usa o non sa come usarla per mancanza del servizio di raccolta. Si bypassa o addirittura si smonta e si ricava un gavone libero, è il gioco è fatto. Per questo motivo evito di raccontare pregi e difetti di questo impianto a prova di ambiente ancora non molto usato. Una cosa però: vanno tenuti vuoti e puliti, s’intasano con una certa facilità, e poi diventano motivi di spurgo e questioni sporche da risolvere!

PROBLEMI E PRECAUZIONI
Se l’autoclave non si spegne automaticamente dopo un pò di tempo che si è chiuso il rubinetto, orientativamente intorno ai 10-20 secondi (escludendo il tempo per riempire un eventuale polmone), significa che qualcosa non funziona. Il circuito perde, il pressostato si è rotto, i serbatoi dell’acqua sono vuoti o bucati. In questi casi se c’è una perdita di pressione nel circuito bisogna solo esaminarlo tutto e, spesso, l’inconveniente si risolve stringendo una fascetta inox allentata, il flessibile della doccia che perde o una cartuccia del miscelatore a fine vita!
Se invece è il pressostato che non funziona, si può temporaneamente bypassarlo staccando i fili o cortocircuitandoli (senza staccarli dato che è un interruttore a “pressione”) e la pompa funzionerà in continuo … oppure togliendo il coperchio e provare a forzare i contatti a mano o ancora, molto
meglio, usare le tradizionali e fidate pompe a pedale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è attrezzi-barca-.jpg

Non ultimo, quali sono i 15 attrezzi utili da avere a bordo per una manutenzione base di idraulica a bordo?
Taglia tubi, fresa per rubinetti (per spianare la sede delle guarnizioni dei rubinetti), set di cacciaviti (testa piatta e a croce ), pinza per dadi (pappagallo), pinza a scatto, metro, set di lime, teflon, canapa e pasta verde, pinza per sifoni, sturalavandino (a ventosa o a molla), chiavi inglesi dalla 5 alla 28 mm, forbici robuste, silicone e pistola, seghetto per metalli, taglierino e spazzola setole metallo.

“Meno comodità si hanno, meno bisogni si hanno. Meno bisogni si hanno e più si è felici”
Jules Verne Buon Vento!

Sacha Giannini

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.
PARTE V

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 207 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »