Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Impianto idrico a bordo, il fai da te a prova di norma – parte IV

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICO
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: impianti di bordo

 

LE TUBOLATURE DI BORDO, FASCETTE, CENTRALINA E FILTRI
Fino a una decina di anni fa (spesso mi capita ancora di trovarne tracce a bordo di vecchi cabinati), si trovavano impianti idraulici in barca realizzati con tubi di gomma flessibile, tipo “pompa verde da giardino”. Non si prestava così tanta attenzione. Oggi con avvento della tecnologia si è fatto un grande passo avanti anche nella tecnica degli impianti idraulici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TUBOLATURE-E-FASCETTE.jpg

Per fortuna oggi le tubolature si trovano a prezzi accessibili a tutti. In relazione al liquido che vi deve passare, le variabili per poter scegliere oculatamente le giuste tubazioni sono quanto ne deve passare, a che temperatura, pressione, la distanza e il percorso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uubolature-1024x1024.jpg
Quelle in “Armorvin“, spesso trasparenti con il rinforzo spiralato armato, sono ancora largamente utilizzate per aspirazione e scarico acqua di mare, anche se le ritengo ormai superate per essere usate in un intero schema di adduzione acqua dolce. Sono inadatte per pressioni alte, il fissaggio avviene con fascette metalliche a raccorderia in ottone o bronzo, tendono a riempirsi di vegetazione all’interno, trasudano gli odori e nel tempo hanno antiestetici ingiallimenti.

Le tubolature in PVC, Polietilene (PE) o Polipropilene di tipo “Plug and Play” con innesti rapidi conici auto stringenti sono ottim3 ma assolutamente da non piegare e curvare (da raccordare).

Il multistrato, malleabile grazie ad uno strato interno in alluminio, è ottimo e può essere invece curvato e quindi adatto in barca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è John-Guest-tube-1024x965.jpg

Qualche anno fa, sono nati i tubi semi rigidi e flessibili, con i raccordi a innesto rapido chiamati “John Guest”, con il quale si realizzano impianti in modo professionale, velocemente e con una perfetta tenuta della pressione. Si innestano semplicemente spingendo il tubo all’interno dei raccordi senza che vi sia necessità di fare altro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è raccordo-john-guest.jpg

raccordo John Guest

Quando l’impianto va in pressione, l’acqua tenta di spingere il tubo verso l’esterno che s’incastra ancora meglio nel raccordo. I tipi Whale o John Guest sono i più diffusi sistemi di tubazioni semirigidi flessibili in polietilene, ideali per schermature idriche nautiche sia per acqua calda, fredda, riscaldamento, compresi quelli pressurizzati. Questi tubi sono commercializzati in rotoli, a metraggio. Di colore azzurro per l’acqua fredda e rosso per quella calda.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FASCETTE-.jpg

Le FASCETTE stringi tubo sono componenti molto importanti da avere sempre a bordo in quantità e di diverse misure. Devono essere in acciaio inox e dimensionati per il tubo a cui sono collegati. Effettuate un controllo costante del loro serraggio, usura e se sono datate, sostituitele. Non si lubrificano e non si spazzolano, non si stringono “a morte” e se ci sollevano dubbi, si sostituiscono e basta. Costano poco e sono i ricambi essenziali più utilizzati e presenti in ogni imbarcazione. Si consiglia, soprattutto nei passa-scafi a mare la doppia fascetta perché vibrazioni, pressioni o difetti della stessa possono allentare la “morsa” e causare danni anche seri. 

CENTRALINA o “clarinetto”
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CENTRALINA-.jpgE’ un collettore lineare parallelo che raggruppa tutte le diramazioni, ognuna con la propria valvola di chiusura, in modo tale da poter isolare, in caso di necessità, l’utenza desiderata. La centralina riceve l’acqua dall’autoclave, da cui parte poi per ogni singola utenza. Non è indispensabile per il funzionamento ma utile. Sono sempre usate nelle abitazioni, in barca però usiamole con valvole anti corrosione.Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CENTRALINA-2.jpg

FILTRI
Non sono indispensabili ma se li montiamo è molto meglio. All’entrata dell’autoclave e prima della distribuzione dell’acqua alle utenze. Eliminano il cloro, piombo, sedimenti e contaminazioni organiche, ripuliscono l’acqua dalla torbidità, rimuovono i cattivi odori e i solidi in sospensione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FILTRI-.jpg

Possono essere a cartucce di Sali, a Carboni Attivi e altre sostanze filtranti e depuranti. Il filtro è quindi una delle prime componente dell’impianto da controllare quanto l’autoclave da problemi!

SERBATOI
Ne esistono di materiali diversi: acciaio inox, alluminio, neoprene o pvc, polietilene e vetroresina. Collocati normalmente al centro, a sx e dx e nel punto più basso per una miglior distribuzione dei pesi o, più raramente, a poppa sotto le cuccette o uno (più piccolo di tipo morbido) a prua.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SEBATOIO-1.jpg

Tutti i serbatoi nella parte alta sono dotati di un tubo di grosso diametro per il riempimento, attraverso il bocchettone montato di solito in coperta, e uno più piccolo, indispensabile per lo sfiato dell’aria che ha la funzione anche del troppo pieno, con lo scarico messo nella parte più alta della fiancata, sotto alla falchetta. Controllare se ostruito da impurità. Spesso uno sfiato tappato inganna sulla capacità di rifornimento del pieno di acqua. La pressione esercitata nel serbatoio, non trovando sfogo dallo sfiato, si comprime fino a diventare un tappo e impedire il riempimento (spesso nei serbatoi di acciaio quando, durante il pieno, si sentono rumori di assestamento della lamiera può essere un segnale di questo problema facilmente risolvibile, pulendo lo sfiato). Sono dotati (almeno quasi tutti) di un’apertura d’ispezione nella parte superiore per la pulizia interna quando questa si rende necessaria. Nella parte bassa è posizionato l’innesto del tubo di aspirazione dell’autoclave ed eventualmente un utile bypass per alimentare il circuito delle pompe a pedale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SERBATOIO-2.jpg

Sono realizzati in:
Acciaio inox 
un materiale igienicamente ideale; sono i più sicuri e durano molto a lungo prima di dare problemi di perdite. Controllare gli angoli interni e che le saldature angolari siano integre (si spera eseguite bene al Tig o con elettrodi adatti e compatibili con il tipo di acciaio da saldare). La ruggine è in agguato, particolarmente in quei punti. Costruiti spesso per realizzare una forma particolare di adattamento allo scafo. Fondamentale è l’ispezionabilità attraverso tappi flangiati e imbullonati di dimensioni adatte. Spesso hanno paratie forate anti-sbattimento e rollio. Attenzione ad utilizzare l’amuchina per disinfettare, i composti clorati fanno bucare i serbatoi inox (succede spesso).
Alluminio
compatibili per barche costruite con questo materiale o raramente in vetroresina, meno usati in Italia e più all’estero.
Neoprene o Pvc
sono morbidi, a forma cilindrica o triangolare, che si prestano molto bene per quei gavoni nei quali non si potrebbe infilare nessun altro serbatoio, oppure nel triangolo di prua, non molto indicato per i pesi. Hanno una capacità che varia da 50 litri fino a 175 e oltre. E’ necessaria un’accurata pulizia dei gavoni per evitare tagli o forature.
Polietilene
Probabilmente i serbatoi migliori e più diffusi in assoluto. Ormai i cantieri montano quasi tutti questi in polietilene rigido perché economici, duraturi, pratici e leggeri. Si vedono su molte barche, soprattutto recenti e a vela e hanno sopra un grosso tappo svitabile per la pulizia e l’ispezione. Hanno anche il pregio di non amplificare il rumore dello sbattimento del liquido, contenuto nel serbatoio, durante la navigazione.
Vetroresina
non vengono più costruiti e sono invece ancora presenti nelle barche di una certa età. Strutturali allo scafo l’interno è trattato con speciali vernici per alimenti per evitare l’inquinamento dell’acqua.

Come pulirli?
Aceto di vino bianco da 0,50 Euro/litro. E’ naturale, disinfettante e non aggressivo. Poi possiamo divertirci e provare con Ipoclorito di Sodio (amuchine, candeggine varie), Pura Tank, Aqua Clean, Micropur Forte, ioni d’argento o sali quaternari di ammonio, fino al detersivo per piatti poco clorato. Buona pulizia!

Fine IV parte – continua

Sacha Giannini

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.
PARTE V

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 218 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »