Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Endurance, persa e ritrovata tra i ghiacci antartici

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MARE ANTARTICO
parole chiave: Shackleton

 

Il silenzio del pack è interrotto da una serie di rumori che testimoniano le ultime fasi dell’Endurance, intrappolata da oltre dieci mesi nella morsa del ghiaccio. La resistenza dello scafo non riesce più a sopportare le immense pressioni dovute al movimento del ghiaccio circostante e la nave scompare inghiottita dalle fredde acque antartiche del Mare di Weddel. È il 21 Novembre del 1915 e mentre l’Europa è sconvolta dagli orrori della “Grande Guerra” ventotto uomini iniziano una lotta per la sopravvivenza ai limiti, e forse oltre i limiti, del possibile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sir_ErnestShackleton.jpgErnest Shackleton, l’indiscusso leader del gruppo, era divenuto famoso a seguito della spedizione “Nimrod” (dal nome della nave usata) che prevedeva di raggiungere le coste del continente antartico e procedere a piedi verso il polo sud. La spedizione si svolse tra il 1907 ed il 1909 ma, giunti a solo 97 miglia dal Polo Sud, a corto di provviste, Shackleton decise di interrompere la spedizione mettendo la sicurezza dei suoi uomini al di sopra della gloria individuale.

Rientrato nel Regno Unito ad acclamato come un eroe Shackleton iniziò subito ad organizzare una nuova spedizione in Antartide, chiamata “Spedizione Imperiale Trans-Antartica”, con lo scopo di attraversare l’intero continente antartico dopo essere approdati nella Baia di Vahsel (nel Mare di Weddel) passando per il polo sud e raggiungendo il Mare di Ross.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The_Endurance_crew.jpg

L’8 agosto del 1914 Shackleton, insieme ad altri 27 membri della spedizione, partì da Plymouth (Inghilterra) a bordo dell’Endurance alla volta del continente antartico. Dopo quasi quattro mesi di navigazione la nave penetrò il pack del Mare di Ross. Per oltre un mese il capitano della nave cercò di avanzare tra i blocchi di ghiaccio ma, nonostante fosse piena estate antartica, il pack si dimostrò più compatto del solito e il 18 gennaio del 1915 l’Endurance restò intrappolata nel ghiaccio. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Endurance_wreck_ice.jpg

Gli uomini resistettero per quasi dieci mesi nella speranza che i movimenti del ghiaccio in qualche modo liberassero la nave dalla morsa letale nella quale era caduta. Purtroppo, questo non accadde, e alla fine, la nave, schiacciata dalle enormi pressioni sul suo scafo affondò. Per Shackleton ed i suoi uomini iniziò un viaggio epico a piedi sui ghiacci, trasportando con l’aiuto delle slitte tutto quanto fosse possibile recuperare dal relitto, incluse due scialuppe di salvataggio, la Dudley Docker e la James Caird.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dragging_lifeboat.jpg

Dopo quasi cinque mesi di lenta traversata il gruppo trovò finalmente uno spazio di mare aperto e raggiunse, dopo cinque giorni di navigazione a bordo delle due scialuppe, Elephant Island. Era il 15 aprile del 1916 quando Shackleton raggiunse quell’isola completamente deserta e fuori dalle rotte commerciali. Decise quindi di adattare una delle scialuppe, la James Caird per una traversata di quasi 800 miglia tra le tempestose acque antartiche nel tentativo di raggiungere l’isola della Georgia Australe dove si trovava una base baleniera.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Endurance_map-1024x880.png

Una parte del gruppo rimase invece in attesa dei soccorsi. Shackleton e altri cinque uomini tentarono quindi la pericolosa traversata. Dopo due settimane di navigazione, e grazie alle incredibili capacità di navigazione di Frank Worsley, comandante dell’Endurance, navigando in condizioni estreme raggiunsero finalmente le coste della Georgia Australe. Purtroppo, la scialuppa sbarcò sul lato opposto dell’isola rispetto alla base baleniera e Shackleton insieme a Worsley ed un altro membro del gruppo (Crean) dovettero attraversare il difficile territorio montuoso dell’isola senza neanche l’aiuto di una carta. Ci vollero 36 ore di cammino per raggiungere la base baleniera. Nelle settimane successive Shackleton organizzò  il recupero di tutti i suoi uomini che poi torneranno sani e salvi alle loro case.

Il ritrovamento della Endurance
Dopo oltre 100 anni dalla sua scomparsa una missione di ricerca è stata organizzata per cercare di localizzare il relitto che giace a quasi tremila metri sul fondo del Mare di Weddel. La “Endurance-22 Expedition” ha iniziato la sua ricerca nel febbraio del 2022, includendo la raccolta di dati climatici e sullo stato dei ghiacci di quella regione antartica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Research_vessel_.jpg

La nave impiegata per la spedizione è stata il rompighiaccio “Agulhas”. Viste le elevate profondità, per localizzare il relitto, si è utilizzato un ROV. Dopo due settimane di lavoro, e non pochi problemi tecnici, finalmente il pomeriggio del 5 marzo sui monitor collegati al ROV immerso, a quasi tremila metri di profondità, è comparso il profilo del relitto dell’Endurance, adagiato sul fondo ancora in assetto di navigazione. L’area da esplorare era di circa 150 miglia quadrate (400 km2) ed era basata sull’ultima posizione dell’Endurance, registrata dal comandante Worsley. Tentativi fatti negli anni precedenti erano falliti causando anche la perdita di uno dei veicoli usati per la ricerca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ROV_Endurance.jpg

Questa volta i ROV di ultima generazione,  collegati alla nave da un sottile cavo in fibra ottica, hanno potuto operare per otto ore in immersione trasmettendo sia segnali video ad alta risoluzione che immagini sonar dell’ambiente subacqueo circostante. Il relitto è apparso in eccellenti condizioni grazie al fatto che le fredde e limpide acque del mare antartico hanno limitato la corrosione ed il degrado del legno. Sullo specchio di poppa si legge ancora chiaramente il nome Endurance in lettere di ottone sovrastante una stella, tributo al nome originario della nave “Polaris”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ernest-Shackleton-Endurance-Shipwreck-777x437-1.jpg

La spedizione ha raccolto un gran numero di immagini che verranno utilizzate per la realizzazione di materiale didattico e documentaristico. Nessuna parte del relitto è stata rimossa essendo inviolabile secondo gli accordi relativi al Trattato Antartico (l’Endurance è il numero 93 nella lista dei siti storici e monumenti contenuti nel trattato).

Al termine delle operazioni il gruppo di ricerca si è fermato sulla tomba di Shackleton (sepolto in Georgia Australe dove morì nel 1922 per un infarto all’età di 47 anni), portando con sé alcune immagini dell’Endurance. Alla fine, il grande Comandante si è finalmente riunito con la sua amata nave.

Giorgio Caramanna

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 217 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

27 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »