Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il recupero della capsula spia perduta – parte II

Reading Time: 9 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Satelliti spia, Trieste, DSV 1
.

Si arrivò quindi alla fase esecutiva
Prima dell’inizio delle operazioni di recupero furono effettuate prove a terra e in mare per testare la funzionalità della benna e consentire ai membri dell’equipaggio di esercitarsi nel trasferimento della capsula dal Trieste II (DSV 1) alle navi di superficie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7748446342_c8c10aabac_c.jpg

Il DSV 1 alloggiato nel bacino allagabile del USS White Sands – photo credit CIA declassificata

Un’unità operativa integrata (IOU), composta dal USS Apache e dal USS White Sands, una nave ausiliaria di supporto per il DSV 1, lasciò San Diego per il sito scelto per le prove “in mare”. I primi test furono però deludenti. Il DSV 1, quasi immediatamente dopo l’immersione, ebbe diversi problemi al sonar, alle fotocamere, ai sistemi di navigazione ed agli impianti elettrici. Giunto sul fondo, il braccio manipolatore mostrò notevoli difficoltà a lavorare sulla finta capsula. Il problema maggiore fu la mancanza di percezione della profondità all’esterno dell’oblò, cosa che rendeva estremamente difficile manovrare la benna sopra il bersaglio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7748444698_2ad2e12696_k-1024x829.jpg

il DSV 1 a bordo della nave supporto, predisposto per il recupero … notare la benna sul lato sinistro del battello – photo credit CIA declassificata

Durante le manovre, il cavo del verricello uscì dalla carrucola e si ruppe facendo cadere la benna. La sua perdita (la benna pesava circa 450 chili) causò una risalita incontrollata del battello subacqueo di circa 400 piedi prima che il suo equipaggio potesse fermare la salita. Ci vollero poi 45 minuti per ritrovare la benna sul fondo ed il bersaglio. Alla fine, incapace di recuperare entrambi gli oggetti con il braccio meccanico, il batiscafo emerse con la benna appennellata verso il basso.

Dopo essere rientrati a San Diego per rifornirsi ed effettuare le necessarie modifiche, il gruppo navale ritornò subito in mare ma, ancora una volta, il test non ebbe successo.  Questa volta il batiscafo non fu nemmeno in grado di localizzare il bersaglio sul fondo dell’oceano ed ebbe un nuovo guasto al computer di navigazione, cosa che lo fece emergere a circa cinque miglia dal punto di destinazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USNS-De-Steiguer.jpg

Questo ritardo dell’approntamento incominciò a preoccupare la CIA in quanto la nave da ricerca USS De Steiguer stava già transitando nella zona di ricerca. Dopo una terza prova, sebbene ancora affetta da problemi, fu deciso di far raggiungere comunque la zona di operazioni.

In zona
Il 20 ottobre, il De Steiguer comunicò di aver identificato la capsula sul fondo e di averla fotografata. Giunti in zona, l’USS Apache e il White Sands si prepararono per l’operazione ed alle 20:30 il White Sands iniziò ad allagare il bacino interno per permettere la messa a mare del DSV 1. Un’operazione che risultò non facile per la presenza di una fastidiosa onda lunga. Mentre l’USS Apache posizionava i trasponder subacquei (DOT) necessari per la navigazione del batiscafo, il White Sands si diresse sulla posizione dove il De Steiguer aveva posizionato un trasponder per contrassegnare la presunta posizione della capsula. Un’ora e 45 minuti dopo l’inizio dell’immersione, il DSV 1 si fermò ad una profondità a circa 300 piedi dal fondo. Sebbene avesse scoperto diversi contatti al sonar, il batiscafo non riuscì ad ottenere  nessun contatto visivo e temette di trovarsi in una posizione sbagliata. Dopo numerosi tentativi l’equipaggio decise di terminare la ricerca ed iniziò la risalita.

La mattina dopo, il tempo cominciò a peggiorare e lo fece costantemente nei giorni successivi con raffiche di vento di 30 nodi e moto ondoso con onde alte oltre tre metri (un mare agitato o mare 5). Questo impedì il recupero del DSV1 che dovette essere preso a rimorchio dall’USS Apache insieme alla stessa nave di supporto. Il 10 novembre l’USS Apache, a corto di carburante, fu rilevato dal USS Current. A causa delle avverse condizioni meteorologiche, l’USS White Sands e il DSV 1 vennero portati a ridosso sul lato sottovento delle Isole Hawaii. Questo consentì al batiscafo di essere finalmente recuperato e stivato nel bacino allagabile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è benna-aperta-credito-CIA.jpg

la benna in posizione aperta – photo credit CIA declassificata

Il contrammiraglio Paul L. Lacy Jr., comandante delle forze sottomarine della flotta del Pacifico, suggerì alla CIA di sospendere le operazioni fino ad un miglioramento delle condizioni meteorologiche ma l’Agenzia richiese di riprovare immediatamente, aumentando se necessario il supporto aggiuntivo della Marina. Vennero quindi assegnati due rimorchiatori, l’Abnaki e il Coucall, per una maggiore flessibilità di impiego nei movimenti dei mezzi. Il 24 novembre il Gruppo navale tornò nella zona di operazioni e l’USS Apache individuò tutti i DOT che risultarono ancora tutti funzionanti. A causa del maltempo, l’immersione fu ritardata fino al 30 novembre.

Durante la discesa, l’equipaggio del DSV 1 (Bartels, Stryker e Taylor) incontrò nuovamente problemi: il sonar andò in avaria e, a circa 15.000 piedi di profondità, un’interruzione di corrente causò la perdita sul computer di parte dei dati della navigazione. Inoltre, a causa dello sgancio della benna, il batiscafo dovette procedere inclinato su un fianco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è equipaggio-dsv-1.jpg

l’equipaggio del DSV 1 (Bartels, Stryker e Taylor) era composto (da sinistra) il comandante  capitano di corvetta Malcolm Bartels, il tenente di vascello Dick Taylor e il capitano di corvetta Phil Stryker – Photo Credit: Richard Taylor, Jack Myers

Possiamo immaginarci la tensione di quei momenti. Ad un certo punto fu ricevuto il segnale di uno dei trasponder che permise al DSV 1 di orientarsi e dirigersi verso la posizione presunta della capsula. Nell’oscurità apparve la capsula sul fondo ma il battello era troppo abbrivato e, a causa dell’inerzia, andarono oltre il bersaglio. Tornati in prossimità si attivò la spia dell’allarme batterie a basso voltaggio. Questa nuova avaria impedì la posa un nuovo trasponder vicino al bersaglio e, con la poca energia rimanente (4 celle della batteria erano ormai esaurite), fu deciso di interrompere la missione, e riemergere.

A causa del costante peggioramento del tempo, le operazioni furono nuovamente interrotte. Due giorni dopo, raffiche di trenta nodi, con onde di oltre due metri, quasi causarono una tragedia. Il 5 dicembre la USS White Sands, mentre rimorchiava il DSV 1, rallentò e si fermò. Questo causò che il cavo di rimorchio si allentò e si avvolse attorno all’elica. Nel tentativo di cambiare il cavo di rimorchio, un’onda strappò il batiscafo che andò alla deriva. L’USS Apache riuscì a riprenderlo e rimorchiarlo, mentre il USS White Sands, immobilizzato era in balia delle onde. A questi punto il Comandante in mare saggiamente decise di tornare a Pearl Harbor con l’intenzione di riprendere le operazioni dopo Natale.

Il 7 gennaio 1972 il direttore del programma HEXAGON, Col. Frank S. Buzard, espresse la sua preoccupazione ai vertici dell’NRO, ipotizzando un possibile tentativo della marina sovietica di recuperare la capsula con il suo prezioso carico nel caso si fosse sospesa l’attività. Le operazioni restarono però sospese. Il 16 agosto 1972, l’NRO comunicò che i sovietici non solo non avevano la capacità di recuperare la capsula ma non c’era nessuna prova che sapessero che si era schiantata. La CIA sottolineò che sebbene la Marina sovietica avesse nel Pacifico un rimorchiatore spia, per monitorare i movimenti delle navi di supporto ai sottomarini nucleari, il 10 luglio, giorno di caduta della capsula, la nave intelligence non era vicino all’area dello splash down. Buzard, facendo riferimento ai rapporti della Defense Intelligence Agency, una delle tante agenzie di Intelligence statunitensi, rispose che i Sovietici non solo potevano essere al corrente della caduta della capsula ma avrebbero potuto avere la capacità di recuperare oggetti a quella profondità. Inoltre, aggiunse che le operazioni di salvataggio dovevano aver insospettito i Russi.

Il risultato di questa diatriba fu che cinque giorni dopo il Gruppo navale lasciò nuovamente Pearl Harbor per la zona di ricerca. Tentativo ancora una volta dalle avverse condizioni meteorologiche. La Marina decise quindi di mettere la USS White Sands in bacino, rinviando le operazioni alla successiva primavera. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-scoperta-della-capsula.jpg

foto scattata dal USNS De Steiguer search team il 20 ottobre 1971 alla profondità di 16,400 piedi – photo credit USN

Come previsto dalla USN, le operazioni furono riprese l’8 aprile e, alle 17:00 del 25 aprile 1972, Bartels, Stryker e Taylor iniziarono la loro nuova immersione. Dopo circa 5 ore, finalmente, avvistarono nell’oscurità una massa aggrovigliata di metallo e cablaggi schermati e due pezzi frastagliati di lamina d’oro di circa sette pollici di diametro. Poi a seguire, a circa 260 iarde di distanza, un altro componente e, finalmente,  la capsula. 

Dopo nove minuti di delicate manovre e sei tentativi, la benna arrivò in posizione per recuperare le pellicole fotografiche. Il batiscafo si sollevò dal fondo, rimanendo immobile per dieci minuti per consentire al limo e al fango di defluire, e quindi, ristabilita la visibilità, iniziò una lenta risalita. Dieci minuti dopo l’equipaggio si accorse che pezzi di pellicola iniziavano a staccarsi e perdersi nel blu. Quasi a metà strada dalla superficie, il rullo iniziò a spezzarsi in segmenti di circa 80 centimetri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è il-recupero-della-pellicola-.jpg

le pellicole incominciarono a disgregarsi all’interno della benna sotto gli occhi dei sommozzatori – photo credit CIA declassificata

Quando il DSV 1 arrivò in prossimità della superficie, intorno alle 2:30 del 26 aprile, ovvero dopo più di nove ore dall’inizio dell’immersione, del prezioso carico era rimasto ben poco. Circa dieci minuti prima dell’arrivo dei sommozzatori, gli ultimi metri di pellicola si disintegrarono sotto i loro sguardi in una nuvola di polvere marrone rossastra lasciando solo brandelli di inutilizzabili.

Le lezioni acquisite
Le foto scattate durante l’operazione e l’analisi post-recupero indicano che la capsula si ruppe all’impatto e la pellicola si srotolò in parte anche sul fondo dell’oceano. Solo la parte superiore della capsula sembrò essere rimasta intatta. Nonostante le tante difficoltà ed i risultati ottenuti, la missione fu considerata un successo, grazie soprattutto all’abilità dell’equipaggio. Dai numerosi rapporti emerse che furono fatti molti errori, sia nella scelta dei mezzi di supporto che nell’organizzazione logistica, ma dobbiamo considerare che erano gli anni ’70. Localizzare un oggetto così piccolo ad una tale profondità, in un luogo così remoto ed in condizioni marine e meteorologiche difficili fu comunque un’impresa notevole. Tra le lesson learned, la CIA sottolineò: 

– la necessità di armonizzare a priori le operazioni per evitare di effettuare ricerche in posizioni errate. Ciò avrebbe consentito un uso migliore del DSV 1 già  dalla prima immersione;

– le operazioni del batiscafo erano state ostacolate dalle condizioni meteorologiche per cui era necessario studiare dei metodi alternativi di supporto e recupero del mezzo per operare anche in condizioni limite;

– la lentezza di movimento del Gruppo navale aveva limitato il numero di immersioni nella zona di ricerca (le navi, muovendosi a circa tre nodi, avevano bisogno di almeno tre giorni per il transito verso la zona di operazioni).

Nonostante tutto l’operazione dimostrò che era possibile eseguire il recupero di oggetti in acque profonde e le lezioni acquisite dalla USN sulle tecniche di recupero, rilevamento e navigazione subacquea, divennero poi normativa internazionale negli anni seguenti.

Una curiosità
Nonostante la segretezza dell’operazione, la notizia trapelò in parte e la rivista Undersea Technology pubblicò nel luglio 1972 un breve articolo sull’operazione di salvataggio raccontando che il Trieste II (DSV-1) aveva recuperato un “piccolo pacco elettronico” grazie alla “più grande operazione del suo genere mai realizzata con successo al mondo“. L’uscita dell’articolo sollevò naturalmente molte polemiche sulla fuga di notizie per ovvie ragioni di sicurezza. Solo nel 2012 la documentazione segreta venne declassificata. Le immagini che abbiamo inserito fanno parte della documentazione declassificata originale

Il Trieste II (DSV 1) nel 1972 ricevette per l’operazione un encomio di merito e rimase in servizio attivo nella flotta del Pacifico fino all’inizio degli anni ’80. Fu radiato nel 1984 e poi trasferito al US Naval Undersea Museum nell’agosto 1988 per l’esposizione museale.

Per gli amanti del mare questa storia può rappresentare solo una curiosità, per altri rappresenta una storia di vita, di uomini, di sfide al limite del possibile che solo il mare può regalare.   

Andrea Mucedola

 

PARTE I PARTE II

 

Fonti
Lee J. Mathers and Lieutenant Commander Beauford E. Myers, U.S. Navy (Retired), The Navy’s Deep Ocean grab, January 2013  Naval History Magazine Volume 27, Number 1R. Frank Busby Associates, Remotely Operated Vehicles (Rockville, MD: National Oceanic and Atmospheric Administration, 1979).

Robert Perry, A History of Satellite Reconnaissance, vol. 3B, Hexagon, BYE 17017-7 (National Reconnaissance Office, 1973).

Elizabeth Noble Shor, Scripps Institution of Oceanography: Probing the Oceans, 1936 to 1976 (San Diego, CA: Scripps Institution of Oceanography, 1978).

F. N. Spiess and R. C. Tyce, Marine Physical Laboratory Deep Tow Instrumentation System, Scripps Institute of Oceanography Reference Series 73-4 (1973).

David W. Waltrop, “An Underwater Ice Station Zebra: Recovering a KH-9 Hexagon Capsule from 16,400 feet below the Pacific Ocean,” Quest: The History of Spaceflight Quarterly, vol. 19, no. 3 (August 2012).

 

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 184 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »