Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La marina giapponese sperimenta gli F 35B sulla portaelicotteri Izumo

Reading Time: 7 minutes

,
livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MARINE MILITARI
parole chiave: Marina giapponese, F 35

 

E’ strano come corsi e ricorsi storici si inseguono, sui mari del mondo … dalla fine della seconda guerra mondiale molte cose sono cambiate nel Pacifico e, dopo un periodo di monopolio statunitense, in questi ultimi anni vecchie e nuove potenze marittime hanno rinnovato le loro costruzioni, costruendo unità portaeromobili, volendo confermare l’importanza della componente aeronavale nelle operazioni marittime del III millennio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è izumo-portaerei-giapponese.jpg

JS Izumo

Ultimi eventi sono state le operazioni di due F-35B del Corpo dei Marines statunitense (USMC), appartenenti al Marine Fighter Attack Squadron 242 con sede in Giappone, a bordo della porta aeromobili giapponese JS Izumo.

L’importanza della componente aeronavale: un punto di forza da sempre della marina nipponica
Nel corso dell’ultima guerra mondiale, il Giappone dimostrò di possedere una forza aeronavale di tutto rispetto sia dal punto di vista tecnologico che tattico. Lo stato maggiore della marina nipponica si dimostrò efficiente e con una visione strategica incentrata sull’uso di diverse portaerei (la Kido Butai).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è kido-butai-attacco-a-pearl-harbour-1024x547.jpg

la formazione navale giapponese per l’attacco a Pearl harbour

Dopo la sconfitta la Marina imperiale giapponese (日本海軍 Nippon Kaigun per “Marina dell’impero del Grande Giappone”) fu sciolta nel 1947 dall’accettazione della Dichiarazione di Potsdam. Le navi furono disarmate e alcune di esse, come la corazzata Nagato, furono acquisite dalle potenze alleate come riparazione dei danni di guerra. Le restanti navi furono impiegate in compiti di supporto e, in particolare, per lo sminamento delle migliaia di mine navali posate nell’area intorno alle coste giapponesi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corazzata-Nagato-giappone.jpg

corazzata Nagato

Il futuro della flotta fu limitato dalla nuova Costituzione giapponese, firmata nel 1947, che con l’articolo 9 specificò che il popolo giapponese rinunciava per sempre alla guerra come diritto sovrano della nazione e alla minaccia o all’uso della forza come mezzo per risolvere le controversie internazionali. Questo comportò che il Giappone fu autorizzato a mantenere forze militari solo a fini di autodifesa. Una limitazione che già si prevedeva temporanea, visto il corso della politica del nuovo Giappone sempre più orientato verso un rapporto preferenziale con gli Stati Uniti. Dall’altra parte gli Statunitensi, che avevano mantenuto una presenza militare sul territorio, avevano intravisto una certa utilità a favorire lo sviluppo nella regione di forze amiche in grado di contribuire al mantenimento della sicurezza marittima.

Nel 1952, venne creata la Coastal Safety Force, costituita all’interno dell’Agenzia per la sicurezza marittima, incorporando la flotta delle unità di dragaggio con le poche unità di altura, per lo più cacciatorpediniere, fornite dal programma di cooperazione con gli Stati Uniti. Nel 1954, in seguito all’approvazione della nuova legge sulle forze di autodifesa, fu creata la JMSDF come ramo navale delle Forze di autodifesa giapponesi (JSDF).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Harukaze-caccia-1024x577.jpg

il caccia Harukaze

Nel 1956, la cantieristica nipponica costruì il suo primo cacciatorpediniere di produzione nazionale dalla seconda guerra mondiale, l’Harukaze. Da quel momento le unità giapponesi diventarono, a similitudine di quelle dei Paesi membri della NATO, un’importante componente per la lotta contro i sommergibili sovietici nel Pacifico. In quel periodo furono anche avviati importanti progetti di unità da impiegare nel  pattugliamento navale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ddg-172-jds-shimakaze-hatakaze-class-destroyer-japan-maritime-self-defense-force.jpg

DDG 172 – il caccia giapponese shimakaze classe hatakaze della Japan Maritime Self Defense Force

Dopo la fine della Guerra Fredda, il JMSDF incominciò ad inviare le sue unità nelle zone di conflitto, partecipando attivamente sia ad operazioni internazionali, sotto l’egida delle Nazioni Unite, sia a coalizioni nell’ambito delle operazioni di sicurezza marittima (antipirateria).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Kongo-caccia-1024x333.png

classe Kongō

Nel 1993 il JMSDF commissionò il suo primo cacciatorpediniere, Kongō, equipaggiato con il sistema di combattimento integrato Aegis, un’unità che venne poi impiegata anche in esercitazioni navali congiunte con gli Stati Uniti. Il JMSDF continuò in quegli anni ad inviare un certo numero di cacciatorpediniere nell’Oceano Indiano in attività di scorta per le navi alleate nell’ambito dell’operazione Enduring Freedom delle Nazioni Unite. Ci furono momenti di grande tensione, basti ricordare le operazioni contro le forze nordcoreane, quando unità giapponesi ingaggiarono ed affondarono, il 22 dicembre 2001, una nave spia nordcoreana nello scontro di Amami-Ōshima.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Amami-Oshima-scontro-nave-spia-coreana.jpg

la nave spia armata coreana fu affondata dalle unità giapponesi al largo di Amami-Oshima

Si trattò di uno scontro, che durò circa sei ore, tra quattro unità della Guardia Costiera Giapponese ed una nave armata nordcoreana, nei pressi dell’isola di Amami-Ōshima, nel Mar Cinese Orientale. Il peschereccio spia nordcoreano si rifiutò di fermarsi ed iniziò un violento scontro a fuoco che si concluse con l’affondamento del peschereccio. L’evento avvenne oltre le acque territoriali giapponesi ma entro la zona economica esclusiva (ZEE), dove il Giappone può esercitare diritti esclusivi sulla pesca e l’estrazione mineraria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitragliera-recuperata-dal-relitto-della-nave-spia-coreana.jpg

mitragliera recuperata dal relitto della nave spia coreana

Dai caccia alle porta aeromobili
Durante le operazioni di questi ultimi anni si è notata una rivisitazione del concetto operativo della marina giapponese, culminata con la pianificazione di una nuova classe di “portaelicotteri”, dichiarata come cacciatorpediniere classe Hyūga ma di fatto poi classificata come portaelicotteri dal Lloyd’s Register.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DDH-hyuga.jpg

portaelicotteri classe Hyūga

Questo suscitò un certo numero di polemiche in quanto, sempre facendo riferimento all’articolo 9 citato, l’impiego di portaerei fu visto come il voler riacquisire una capacità offensiva. Il JMDF ribatté che, a similitudine della marina statunitense, che considerava le grandi portaerei come portaerei di attacco mentre le portaerei minori (portaeromobili) come unità anti sommergibili, di fatto la nuova costruzione si identificava in una portaelicotteri quindi con compiti non offensivi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è classe-Izumo-jpeg.jpg

cacciatorpediniere portaelicotteri Izumo

Nel novembre 2009, il JMSDF annunciò i piani per una “portaelicotteri” più grande, il cacciatorpediniere per elicotteri classe Izumo. L’unità fu varata il 6 agosto 2013 ed ha recentemente ultimato la prima sosta di grandi manutenzioni (costata oltre 30 milioni di dollari) che ha permesso l’imbarco di aerei ad ala fissa. Grazie alle esperienze acquisite la nave gemella dell’Izumo, Kaga, sarà modificata probabilmente a partire da quest’anno.

Ma veniamo alla notizia del giorno, che sembra coronare un lungo periodo dal dopoguerra. E’ di notizia recente che due F-35B del USMC sono atterrati con successo sull’Izumo, utilizzando la manovra standard degli aerei short take-off and vertical-landing (STOVL). Per i non addetti ai lavori, in parole semplici, il pilota converte l’aereo in modalità hover mentre vola di fianco della portaerei, quindi si sposta lateralmente sul ponte prima di appontare.

Le operazioni hanno avuto successo anche se, sembrerebbe che i due aerei, avvicinatesi sul lato sinistro dell’Izumo, abbiano avuto qualche problema per evitare il cannone di prua. Una manovra che potrebbe essere pericolosa in determinate situazioni operative per cui è già stato previsto che nei prossimi lavori, nel 2024, il cannone sarà spostato, di fatto liberando spazio sul ponte per le operazioni di volo.

In estrema sintesi, il JS Izumo ha dimostrato di essere in grado di effettuare operazioni di velivoli a decollo corto e atterraggio verticale (VSTOL), un fattore importante per svolgere operazioni aeronavali difensive e offensive in mare. Questa nuova capacità viaggia in parallelo con l’acquisizione della Difesa  giapponese di 42 F-35B per operare da Izumo e Kaga che imbarcheranno il primo velivolo dal 2023. Nel frattempo, la collaborazione con i velivoli dell’USMC consentirà alla marina giapponese di addestrare gli specialisti di volo della Izumo in attesa dell’entrata in servizio degli F-35B giapponesi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è f-35b-mmi-1024x503.jpg

Un’attività che la USN e il USMC hanno effettuato anche a favore di altre marine come la Royal Navy e la Marina militare italiana. Ricorderete le operazioni congiunte del 2021 al largo della costa della Virginia dalla portaerei ITS Cavour con gli F-35B della marina italiana.

Le due rinnovate portaeromobili giapponesi certamente troveranno un utile impiego nel Pacifico dove si assiste ad un potenziamento offensivo della marina cinese che si è dotata di due portaerei (e ne sta costruendo una terza). In un ipotetico conflitto le portaeromobili torneranno quindi ad essere significative per il controllo delle rotte, estendo il lungo braccio delle loro capacità offensive per una contesa che si combatterà ancora nei cieli dell’alto mare. Una capacità che si spera verrà consolidata anche nella marina militare italiana, mettendo fine alla situazione di stallo attuale.

Andrea Mucedola

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 254 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »