Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Una nuova devastante eruzione nelle isole che “saltano avanti e indietro”

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: vulcanologia, Tonga

 

La Terra a volte ci ricorda quanto siamo insignificanti a fronte delle sue potenzialità … i media di tutto il mondo hanno mostrato le immagini, prese dal satellite Copernicus dell’eruzione di un vulcano nelle isole Tonga. Il vulcano è ben noto e si trova sott’acqua tra due isole (Hunga Tonga e Hunga Ha’apai) che in realtà sono i resti del bordo occidentale e settentrionale della sua caldera

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hunga_tonga_hunga_apai_ile_vie.jpg

I tongani le chiamavano le isole che “saltano avanti e indietro“, significando la loro attività conosciuta sin dai tempi antichi. I primi europei a vedere le isole furono  gli esploratori olandesi Willem Schouten e Jacob Le Maire nel 1616, sebbene l’esploratore britannico capitano James Cook le visitò più volte nel 1777 ed apprese i loro nomi tongani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2019_CKS_17699_0016_000schouten_willem_corneliszoon_journal_ou_relation_exacte_du_voyage_dans-1024x503.jpg

Le isole sono composte di una roccia vulcanica molto resistente che si rafforzò a seguito dell’eruzione del 2015 quando la cenere vulcanica, che forma gran parte di Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, reagì con la calda acqua oceanica circostante, trasformando la cenere in roccia molto più dura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tonga_2015.jpg

Le due isole sono studiate da tempo e recentemente hanno attratto l’attenzione dei ricercatori del Goddard Space Flight Center della NASA che ritengono possano essere usate come modello per comprendere le forme vulcaniche su Marte. La loro morfologia, più volte plasmata dall’azione del mare e delle eruzioni, confrontata a quella dei crateri del pianeta rosso, ha fatto ipotizzare che una volta su Marte vi fossero violente ma brevi inondazioni. Una teoria che sembra essere stata recentemente provata dalla sonda  Perseverance nel cratere Jezero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vecchio-letto-di-un-fiume-su-Marte.jpeg

il delta di un antico fiume torrenziale su Marte nel cratere Jezero

Il risveglio del vulcano
Il vulcano Hunga Tonga-Hunga Haʻapai  il 20 dicembre 2021, dopo circa sei anni di relativa tranquillità, si è rifatto sentire, generando un grande pennacchio visibile da molto lontano. Immediatamente il Volcanic Ash Advisory Center di Wellington ha emesso un avviso di pericolo alle compagnie aeree per evitarne il sorvolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hunga_tonga-satellite-gen-2022-01-copernicus-1024x481.jpg

Le prime segnalazioni si riferivano a boati udibili fino a 170 km di distanza, seguite dall’eruzione iniziale. Di fatto le immagini satellitari Copernicus,  prese il 24 dicembre, confrontate digitalmente con quelle del 10 aprile 2021, hanno mostrato che l’area vulcanica era aumentata di dimensioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hunga-Tonga-Hunga-Haapai-digitised.jpg

Dopo un’interruzione del fenomeno, l’eruzione è ripresa il 13 gennaio con una enorme nuvola di cenere che ha raggiunto la quota di 17 km. Ma il fenomeno più estremo è avvenuto il 15 gennaio quando il vulcano ha eruttato con una potenza circa sette volte quella dell’eruzione del 20 dicembre 2021, accompagnato da numerose segnalazioni di forti boati registrati anche nelle Fiji, fino alla lontana Nuova Zelanda. Il Pacific Tsunami Warning Center ha emesso un allarme tsunami per le Samoa americane, affermando che c’era una minaccia di “fluttuazioni del livello del mare e forti correnti oceaniche che avrebbero potuto rappresentare un pericolo lungo le spiagge“. 

Di fatto alle 17:30 del 15 gennaio un maremoto ha effettivamente colpito le aree costiere di Tonga con onde di 1,2 metri a Nuku Alofa. Un allarme tsunami è stato emesso per alcune parti della costa orientale dell’Australia e della Tasmania.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TONGA-ERUZIONE.gif

I canali a infrarossi della telecamera satellitare mostrano la violenta emissione di cenere vulcanica e anidride solforosa dal vulcano. (Credito immagine: NOAA)

In Nuova Zelanda, che dista più di 2.300 km da Tonga, l’Agenzia nazionale per la gestione delle emergenze ha dichiarato che le aree costiere della costa settentrionale e orientale dell’Isola del Nord potrebbero osservare “correnti forti e insolite e ondate imprevedibili sulla costa“. Intanto le onde di Tsunami stanno attraversando il Pacifico e sono attese anche sulle coste della California.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tonga-plume.jpeg

Secondo il capo dei servizi geologici di Tonga, Taaniela Kula, l’eruzione ha avuto un raggio di 260 km con pennacchi di gas, fumo e cenere che hanno raggiunto la quota di 20.000 metri e sarà annoverata come una delle più grandi negli ultimi 30 anni. 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 236 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »