Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nerpa, un drone subacqueo armato di fucile

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: RUSSIA
parole chiave: UUV, anti seal, sistemi di difesa portuale

 

Abbiamo parlato spesso di mezzi senza pilota, di sistemi di difesa antiterroristici, di quanto sia diventata fragile la sicurezza degli hub commerciali marittimi di questo III millennio. Le notizie di nuovi sistemi di difesa portuale, sia passivi che attivi, sorprendono sempre ma questa notizia, apparsa sulla stampa specialistica, è decisamente curiosa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ru_NerpaUUV_2-1.jpg

Photo credit: Alexey Isaev, WARHEAD.SU da SI HUTTON

In realtà questo sistema autonomo anti-intrusione non è una novità, essendo stato presentato al Forum tecnico-militare internazionale ARMY 2018, dalla nota società statale russa Rostec.  Dalle notizie trapelate sulla stampa di settore, questo nuovo veicolo subacqueo autonomo chiamato Nerpa (dal nome della foca del Bajkal, Pusa sibirica) è dotato di un fucile subacqueo simile all’APS usato dagli Spetznaz navali. Sembrerebbe che Nerpa sia nato dalla collaborazione dell’azienda MAKO con TsNIITochMash, per essere utilizzato per ispezionare infrastrutture marittime portuali, navi alla fonda o in porto, ponti e, all’occorrenza, per contrastare eventuali incursioni di sommozzatori nemici.

Il pericolo incursionistico
Durante la guerra fredda la Russia potenziò la sua capacità di contrasto contro incursori nemici. Oltre ad una serie di lanciagranate anti-subacquei, installati sulle navi, vennero sviluppate, nel 1967, le Forze e mezzi di sabotaggio subacquei o PDSS (Подводные диверсионные силы и средства). In pratica unità di nuotatori da combattimento della Marina dell’URSS, e poi della Marina russa, per svolgere operazioni subacquee sia offensive che difensive, dislocate principalmente nelle basi della flotta sovietica del Mar Nero. Per quanto riguarda il contro-sabotaggio la Marina Russia ha probabilmente dispiegato alcuni team nei teatri di impiego più recenti, dalla Siria alla Crimea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è spp-1-pistola-subacquea.jpg

SPP-1M

Secondo alcuni storici, la Marina sovietica decise di creare il PDSS dopo l’incidente di Lionel Crabb. Gli operatori sono addestrati ad eseguire ispezioni in carena per la ricerca di eventuali ordigni e sono armati con un pugnale ed una pistola subacquea SPP-1M a quattro canne non rigate, ciascuna contenente una cartuccia. Le sue munizioni si presentano come un caricatore di quattro cartucce che viene inserito nella culatta della pistola. I sommozzatori hanno in dotazione il fucile d’assalto subacqueo APS (Avtomat Podvodny Spetsialnyy o “Special Underwater Assault Rifle”), un’arma da fuoco subacquea progettata all’inizio degli anni ’70 e adottata nel 1975. 

Sparare sott’acqua
Come sapete le armi da fuoco convenzionali sono estremamente inefficaci sott’acqua in quanto l’acqua, essendo molto più densa dell’aria, esercita una resistenza molto maggiore, rallentando rapidamente la velocità dei proiettili. Se utilizziamo armi “convenzionali” sparare contro bersagli subacquei ad una distanza maggiore di due metri è praticamente inutile. I proiettili fuoriusciti dalla canna tenderanno presto a rallentare e cadere verso il basso. A tal riguardo, ai tempi dell’Unione Sovietica, furono progettati diversi fucili subacquei, i cosiddetti fucili ad ago, in grado di sparare dardi di metallo al posto dei proiettili che potevano così raggiungere distanze maggiori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aps-russo-1024x408.jpg

Il più celebre fu sicuramente il già citato l’APS, con un design che ricordava l’arma sovietica di eccellenza, il fucile automatico Kalašnikov o AK-47, ma con un caricatore molto più lungo che conteneva i suoi caratteristici proietti ad ago. Un successivo miglioramento dell’APS, per poterlo impiegare anche al di fuori dell’acqua con proiettili convenzionali, fu l’ASM, realizzato alla fine degli anni ’90, ma questa è un’altra storia. Ogni PDSS team è composto da 50-60 operatori e, attualmente, ci sono 13 unità PDSS destinati nelle basi navali della flotta russa ed a supporto delle operazioni all’estero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aps-2.jpg

Operatori PDSS armati con la loro dotazione standard

Autonomia e freddo
L’impiego di operatori subacquei è costretto principalmente dai … limiti umani, ovvero autonomia, condizioni ambientali e disponibilità. Per questo motivo, in questi ultimi decenni sono nate diverse alternative: dai mammiferi (beluga nel caso russo) armati con speciali armi anti intrusione agli UUV, introdotti inizialmente con compiti di ricognizione sonar per la scoperta di ordigni e poi per la loro neutralizzazione. L’utilizzo futuro di sistemi unmanned è un passo in avanti, seguito da molte Marine, che di fatto ha migliorato il fattore endurance e la capacità di impiego in acque con basse temperature e scarsa visibilità.

Il Нерпа, o Nerpa, è essenzialmente un veicolo subacqueo senza pilota (UUV) che, oltre alla dotazione tipica dei droni subacquei è anche armato con un fucile subacqueo, molto simile ad un APS. Progettato da Rostec, il Nerpa è propulso da un’elica posteriore e due propulsori ausiliari interni per un migliore controllo della profondità e manovrabilità. La testa presenta un rigonfiamento pronunciato per un piccolo sonar ad alta frequenza, che consentirebbe anche al veicolo di “scoprire” sott’acqua eventuali oggetti indesiderati. Dopo la ricognizione il drone deve riemergere per poter inviare i dati alle stazioni di controllo a terra oppure collegarsi ad un nodo subacqueo di ricezione acustico.

Torniamo un attimo all’arma, che ne fa uno strumento peculiare. Si tratta di fatto di un fucile in grado di poter sparare sott’acqua, probabilmente un APS, forse modificato, da 5,66 mm che, secondo SI HUTTON, assicurerebbe una portata di 30 metri a 10 metri di profondità, che si ridurrebbero a 11 metri a 40 metri di profondità. I 26 proiettili contenuti nel caricatore standard verrebbero sparati ad una velocità iniziale di 360-340 metri al secondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ru_NerpaUUV_Cutaway.jpg

Secondo SI HUTTON i suoi limiti sarebbero: 50 metri di profondità,  la durata della batteria (circa 4 ore), e una limitante bassa velocità di pattugliamento (1 nodo). Questo lo renderebbe di fatto poco impiegabile in zone di corrente. Viste le dimensioni, il Nerpa potrebbe essere messo a mare da piccole imbarcazioni o dalle banchine portuali che dovrebbero poi occuparsi del recupero a fine missione. Il costo di sviluppo del veicolo subacqueo è stato stimato in oltre 10 milioni di rubli (circa 115.000 euro).

Non è noto se questo mezzo verrà alla fine adottato dalla Marina russa, ma è più probabile che sarà acquistato come integrazione piuttosto che sostituzione dei subacquei PDSS, che resteranno comunque il sistema d’arma di eccellenza. 

 

Fonti

Nerpa anti-diver UUV
http://www.hisutton.com/Nerpa_Armed-UUV.html

Rostec ha mostrato un prototipo di robot anti-sabotaggio subacqueo all’Army-2018
https://nationalinterest.org/blog/buzz/check-out-russia%E2%80%99s-bizarre-anti-diver-underwater-drone-171575

La Russia ha sviluppato il primo drone subacqueo al mondo dotato di mitragliatrice
https://ria.ru/20180821/1526952109.html

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 361 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »