Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La Colonna Traiana

Reading Time: 7 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: ROMA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: colonna traiana, flotte romane, Traiano

 

La più appariscente espansione territoriale conseguita dai Romani in epoca imperiale avvenne al di là del Danubio e dell’Eufrate, sebbene questi due grandi fiumi fossero stati fino allora considerati come confini naturali dell’Impero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_traiano.jpg

Busto di Traiano

La marcia delle legioni di Traiano verso l’altopiano transilvanico e verso il bacino mesopotamico può apparire, a prima vista, come una serie di operazioni esclusivamente terrestri, considerate in un’ottica continentale. Tuttavia, in entrambe le direttrici di avanzamento si rese necessario un importante contributo delle navi, utilizzate con efficacia dallo stesso imperatore, che fu peraltro un sicuro conoscitore delle cose navali ed anche un provetto skipper. Plinio il Giovane riferisce infatti che il principe, quando voleva mostrare sui mari il proprio vigore fisico, si sedeva al timone e gareggiava con i più forti dei suoi amici nel fendere le onde, nel domare i venti avversi, nel superare a forza di remi le più forti correnti.

Le guerre Daciche vennero intraprese da Traiano nel 101 d.C. per riaffermare i diritti di Roma sanciti dal trattato di pace che era stato accordato da Domiziano al re dei Daci, Decebalo, ma che quest’ultimo non voleva più onorare. Di tali guerre abbiamo solo poche descrizioni storiche, molto sommarie e lacunose, fortunatamente affiancate dalla più incantevole delle testimonianze iconografiche: la splendida striscia narrativa costituita dalla lunga sequenza di raffinati bassorilievi marmorei che si avvolgono ad elica, dal basso verso l’alto, attorno al fusto della colonna Traiana.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_colonna_traiana.jpg

La Colonna Traiana, monumento eccelso del maggiore dei Fori imperiali

L’importanza del contributo delle navi alle operazioni contro la Dacia è comprovata dalle numerose scene navali che vi sono scolpite,  in posizione di grande visibilità.

Si inizia proprio dai bassorilievi più in basso, che mostrano lo scenario iniziale della prima guerra Dacica, sulla riva destra del Danubio, davanti ad una fortezza legionaria romana: alla banchina vi sono tre navi da carico fluviali impiegate per il trasporto logistico degli approvvigionamenti (esemplificati da sacchi di frumento e botti di vino) necessari alle truppe. Subito dopo, si vedono molte altre unità navali utilizzate per realizzare i due ponti di navi sui quali le legioni attraversarono il fiume per invadere la Dacia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_3navi-1024x576.jpg

Tre navi della Flotta Pretoria Ravennate in partenza da Ancona per la seconda Guerra Dacica. In piedi sulla poppa della nave centrale, l’imperatore Traiano

Agli inizi dell’anno seguente, mentre Traiano svernava nella fortezza di Viminacio, molto più a valle le forze romane furono messe in difficoltà da un attacco improvviso di Decebalo. I bassorilievi della colonna mostrano pertanto l’avvio d’una imponente spedizione della flotta danubiana (la Classis Moesica) in soccorso delle città assediate: imbarco di materiali su una nave da carico; approntamento di una nave da guerra; trasferimento di uomini e cavalli, imbarcati su navi da trasporto; partenza della flotta (simboleggiata da due navi rostrate), la cui nave ammiraglia, in primo piano, viene pilotata direttamente da Traiano; sbarco delle forze romane sulla riva destra del basso Danubio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_imbarcomateriali.jpg

Imbarco di materiali su una nave da carico fluviale (nelle sculture navali romane, non c’è mai proporzione fra uomini e navi, perché si preferiva dare maggior evidenza alle figure umane)

La vittoria della cavalleria romana sbarcata dalle navi è anche rappresentata sulle metope del monumentale Trofeo di Traiano, eretto qualche anno dopo in quell’area (ad Adamclisi).

Sulla colonna, il ritorno dell’imperatore in una fortezza più a monte viene illustrato dalla presenza di una nave da guerra davanti allo stesso Traiano che riceve la sottomissione di due capi barbari. Subito dopo, l’attraversamento del fiume su di un terzo ponte di navi costituisce l’inizio della fase finale della prima guerra Dacica, destinata a concludersi con la sottomissione di Decebalo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_sbarco_rostrata-1024x702.jpg

Le violazioni del trattato successivamente compiute dal re costrinsero Traiano a muovere contro di lui un’altra e definitiva guerra, che doveva portare all’annessione della Dacia. All’inizio, tutto navale, di questa seconda guerra Dacica (estate 105) la colonna Traiana conferisce un risalto particolare, verosimilmente corrispondente all’elevata importanza che venne allora attribuita alla spedizione navale, per le sue dimensioni eccezionali. La sequenza delle scene navali inizia da un’ampia rappresentazione della partenza notturna della flotta (Classis Praetoria Ravennatis), con Traiano al posto di comando, e si conclude nella spira superiore, estendendosi per una lunghezza maggiore dell’intero perimetro della colonna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_2navi-1024x713.jpg

Due delle navi della Flotta Mesica partite in soccorso delle città assediate sul basso Danubio. In primo piano, Traiano al timone

Prescindendo dalle discordi interpretazioni dei vari studiosi, l’itinerario più logico illustrato dai bassorilievo dovrebbe essere: partenza da Ancona ed arrivo a Pola, dopo una navigazione con mare agitato; successiva traversata verso Aquileia (da cui si raggiungeva con breve tragitto la Sava, ove imbarcarsi sulla Classis Pannonica); seguono due sbarchi navali, prima da una prora rostrata sulla riva danubiana, poi da una grossa nave oneraria in una località marittima che potrebbe essere Tomi sul Mar Nero (evidentemente una parte dei trasferimenti delle truppe avvenne lungo un’altra rotta su di un convoglio di navi onerarie).

Mentre Traiano concludeva le operazioni per fare della Dacia una provincia romana, il suo legato in Siria, Aulo Cornelio Palma Frontoniano, procedeva all’annessione dell’Arabia Nabatea (che includeva le coste settentrionali del Mar Rosso e la penisola del Sinai, fino all’area di Petra), quale azione preliminare al progetto di Traiano per la sistemazione delle regioni orientali. In tale contesto l’imperatore fece anche riscavare completamente l’antico canale navigabile fra il Nilo ed il Mar Rosso. Il canale, che partiva dal vertice del Delta per sfociare in prossimità di Arsinoe (odierna Suez), assunse quindi il nome di Traiano (Fossa Traiana o Amnis Traianus). L’imperatore lo fece proteggere, a monte, dalla nuova fortezza di Babilonia d’Egitto (il forte che domina tuttora la città vecchia del Cairo) e, alla foce, dalla piazzaforte che assunse anch’essa il nome di Fossa Traiana. Questa via d’acqua d’importanza strategica, poiché consentiva al traffico navale mercantile romano di raggiungere dal Mediterraneo le lucrose rotte commerciali con l’Arabia Felice, con l’India e con l’estremo Oriente, rimase in funzione per tutta la durata dell’Impero, venendo poi tutelata anche in epoca bizantina. Proprio per assicurare la protezione di tali rotte, Traiano provvide ad istituire una flotta militare permanente nel Mar Rosso (la Classis Arabica).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_sbarco_oneraria-1024x576.jpg

Sbarco di Romani da una nave rostrata (presumibilmente sul Danubio)

Fra i molti ulteriori provvedimenti assunti da Traiano a favore della navigazione, vanno ricordati altri canali navigabili e dei porti marittimi. Fra i primi, vi furono, in particolare: il ripristino del canale di collegamento fra il Tigri e l’Eufrate, una Fossa Traiana sul Tevere (l’attuale canale di Fiumicino) ed un progetto di canale affidato a Plinio il Giovane per collegare al mare il lago Sapanca, vicino a Nicomedia (odierna Izmit). Fra i nuovi porti, spiccano per importanza quello di Centumcellae, ovvero Civitavecchia – i cui imponenti lavori di costruzione sono descritti in una lettera del predetto Plinio –, e soprattutto il grandioso bacino interno, perfettamente esagonale, del porto imperiale di Roma (il Portus Augustus Urbis Romae, attuale Porto).

Nel 113 d.C. Traiano intraprese la sua spedizione militare in Oriente, poiché i Parti avevano violato l’accordo sull’Armenia, regno tributario dei Romani. Con un consistente corpo di spedizione, l’imperatore si imbarcò a Brindisi sulle navi della Classis Praetoria Misenensis e si trasferì nel Mediterraneo orientale, sostando al Pireo ed in alcuni porti dell’Asia minore e sbarcando infine in Siria, al termine di una navigazione nella burrasca invernale, nel gennaio 114. Altre forze raggiunsero la zona di operazione dalla Dacia, navigando nel Mar Nero da Tomi a Trebisonda.

Dopo aver annesso l’Armenia e condotto varie altre imprese in Mesopotamia con il sostegno logistico della flotta sull’Eufrate, l’imperatore svernò ad Antiochia, proprio quando questa città venne colpita da un disastroso terremoto. Per gli interventi di soccorso furono fatte affluire dall’Egitto le navi della Classis Augusta Alexandrina, come si può desumere dalle lettere scritte in quell’epoca dal giovane classiario Claudio Terenziano imbarcato sulla liburna Nettuno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti12_sbarco_rostrata-1024x702.jpg

Sbarco di Romani da una grande nave oneraria con le vele serrate (evidentemente approdata al termine di una navigazione marittima)

Nella successiva fase della guerra Partica, Traiano fece largamente ricorso alle flotte, sia nell’alto corso del Tigri, ove impiegò delle navi ch’egli stesso aveva fatto costruire nelle vicine selve, sia sull’Eufrate, che scorrendo non lontano da Antiochia costituiva la più agevole via di penetrazione verso la Mesopotamia. Giunto nel punto di minor distanza fra i due grandi fiumi, collegati fra di loro da un antico canale, egli fece ripristinare la navigabilità di questa via d’acqua artificiale e vi transitò con la flotta dell’Eufrate per andare ad impossessarsi, poco più a valle,  delle maggiori città bagnate dal Tigri, inclusa Ctesifonte, la capitale dei Parti.

L’imperatore proseguì la sua navigazione con cinquanta navi verso la foce del fiume, ove ricevette la sottomissione del re Attambelo della Mesene, lo stato della Mesopotamia meridionale che venne così acquisito dall’Impero romano come regno cliente. Giunto infine nelle acque del Golfo Persico egli vi navigò per un tratto, rammaricandosi di non avere più tempo per raggiungere l’ormai vicinissima India. Vi lasciò comunque una flotta a protezione del traffico navale romano.

Rientrato poi in navigazione sull’Eufrate fino a Babilonia, Traiano fece sedare alcuni fermenti nelle regioni conquistate ed impose infine un re ai Parti. L’Optimus princeps concluse così il suo ottimale principato, considerato l’apogeo dell’Impero e l’inizio del suo “secolo d’oro”.

Domenico Carro

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 162 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »