Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sulle onde della storia romana: Qui mare teneat …

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: CLASSICO
AREA: MILITARIA
parole chiave: battaglie navali
.

Le battaglie navali, da che mondo è mondo, vengono ingaggiate solo se valutate utili o necessarie, e non per gareggiare ai fini dell’assegnazione di un trofeo.
Tuttavia la storiografia più frettolosa e superficiale (cioè quella che si legge più facilmente, ha una maggiore diffusione e riscuote un più ampio gradimento) tende ad interpretare ogni combattimento in mare come una prova di abilità in cui fieramente vogliono cimentarsi entrambi i contendenti: qualcosa di concettualmente analogo alla strampalata sfida “birra e salsicce” nel film “Altrimenti ci arrabbiamo!”. Per chi non la ricorda, si è trattato del modo prescelto dai due protagonisti – Bud Spencer e Terence Hill – per decidere a chi dovesse andare un’autovettura sportiva di cui erano entrati in possesso: avendo scartato l’idea di giocarsela a braccio di ferro, perché il primo era un nerboruto marcantonio, oppure a carte, perché il secondo era un baro matricolato, si accordarono su di una bislacca gara di resistenza: vinceva chi riusciva ad ingurgitare più wurstel e boccali di birra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde08_esareme-1024x534.jpg

affresco di nave militare da Pompei

Trascurando gli aspetti grotteschi tipici di quel fortunato genere cinematografico, lo stesso criterio di scelta viene spesso attribuito ai condottieri che si affrontarono nelle maggiori battaglie navali della storia antica. Nelle relative narrazioni, infatti, è piuttosto frequente trovare espressioni del tipo: “temendo l’esercito nemico, ripose ogni speranza nella flotta”, oppure “decise di risolvere la guerra con una grande battaglia navale”.

Secondo questi commentatori, fra i quali figurano anche storici greci di peso, come Polibio, Plutarco, Appiano Alessandrino e Cassio Dione, la fortuna in guerra poteva essere orientata a proprio favore scegliendo autonomamente a quali forze, navali o terrestri, far combattere la battaglia finale, né più né meno come fa il duellante cui è lasciata la scelta delle armi. Ragionando in modo così semplicistico, si finisce per considerare le battaglie navali alla stregua di gare fra belligeranti che, per astuzia o per capriccio, hanno occasionalmente scelto quel peculiare tipo di competizione fra le varie altre possibili disfide.

Per non lasciarci fuorviare da interpretazioni fantasiose, osserviamo che, nell’intero arco dell’ultra millenaria storia di Roma, la sola guerra che è stata risolta scegliendo preventivamente le forze cui affidare il combattimento decisivo è stata quella fra Romani ed Albani, interamente delegata ai soli Orazi e Curiazi: si trattò evidentemente di un evento leggendario, tramandato in epoca arcaica da una tradizione talmente incerta da lasciare seri dubbi perfino a Tito Livio. Concentriamo allora l’attenzione sulle guerre condotte dai Romani in epoca storica, cioè a partire dal IV-III sec. a.C., quando delle consistenti flotte di Roma iniziarono a solcare il mare con crescente sicurezza e determinazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde08_nave-nilo-1024x576.jpg

Nave da guerra romana sul Nilo (Museo Archeologico Nazionale di Palestrina)

Dall’analisi dei conflitti che si svolsero ininterrottamente dalla prima Guerra Punica fino alla pace instaurata da Augusto, sempre con delle considerevoli implicazioni navali, emerge chiaramente la spiccata attitudine dei Romani ad utilizzare in modo oculato le proprie flotte da guerra per conseguire nel tempo dei risultati strategicamente importanti e duraturi, senza lasciarsi attrarre dal fascino dei successi più immediati ed appariscenti, ma effimeri.

L’altro importante elemento desumibile dall’esame delle predette guerre, così come dalla storia navale di tutti i tempi, è l’effettiva funzione delle flotte. Queste non sono uno strumento bellico alternativo agli eserciti, per duellare per mare anziché sul terreno, ma hanno un ruolo del tutto diverso, ancorché parzialmente complementare a quello delle forze terrestri. Se gli eserciti debbono difendere il proprio territorio ed eventualmente conquistarne altri, le flotte provvedono sia a proteggere le patrie coste ed a sbarcare su altre sponde, sia alla tutela della sicurezza dei traffici navali di proprio interesse, all’interdizione dei movimenti delle flotte avversarie ed al blocco dei rifornimenti navali nemici. Per essere in grado di assolvere tutti questi compiti, le forze marittime debbono tendere ad acquisire quella straordinaria posizione di forza e supremazia che noi Italiani chiamiamo il “dominio del mare”, espressione perfettamente coincidente con quella coniata dai Romani: imperium maris.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde08_nave-palatino-1024x576.jpg

Prora rostrata di una nave da guerra romana (Museo del Palatino, Roma)

Con il dominio del mare non ci si limita ad esercitare una sorta di prestigiosa sovranità sulla sconfinata distesa d’acqua (comunque soggetta all’incontenibile potenza del mare e dei venti), ma si possono gradualmente ottenere degli effetti di tale importanza strategica da propiziare la vittoria finale. Ciò in quanto la libera esecuzione di operazioni in mare e di sbarchi anfibi, il mantenimento dei propri rifornimenti navali vitali e l’inibizione dei traffici marittimi nemici comportano inevitabilmente una progressiva flessione delle sorti della guerra a proprio vantaggio.

I Romani ne furono perfettamente convinti e lo dimostrarono nei fatti, con delle decisioni sempre coerenti. Essi furono inoltre i primi a sintetizzare la complessa serie dei concetti strategici del potere marittimo (il sea power degli anglosassoni), apparentemente astratti e vagamente nebulosi, in una sola frase chiara, semplice, nitida, tagliente e lucente come una spada del miglior acciaio:

Qui mare teneat, eum necesse esse rerum potiri

Questo pensiero, scritto da Cicerone, che lo attribuisce a Pompeo Magno, esprime il convincimento che “chi è padrone del mare diviene padrone di tutto”: una concezione che ha evidentemente condizionato le scelte dei duci romani fin dalla prima Guerra Punica. Questo stesso concetto, che dopo gli antichi Romani sembrò dimenticato fino all’epoca moderna, è stato ripreso solo 200 anni fa dall’ufficiale di marina napoletano Giulio Rocco, che nelle sue Riflessioni sul potere marittimo (1814) lo formulò in termini pressoché identici:

Colui il quale ha il dominio dei mari necessariamente signoreggia

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mahan.jpg76 anni dopo l’ammiraglio statunitense Alfred Thayer Mahan scrisse il suo celebre The influence of sea power upon history, 1660-1783 (1890), universalmente considerato il testo fondamentale della teoria del potere marittimo. Nell’introdurre le proprie riflessioni storiche egli iniziò con un’analisi della strategia marittima vincente adottata dall’antica Roma nell’ampio scenario della seconda Guerra Punica. Ciò conferma il valore concettuale e la perenne validità dell’idea di dominio del mare concepita ed attuata dai Romani, anche se esaminata sotto la severa ottica professionale di uno dei maggiori studiosi navali dell’epoca moderna.

Ripercorrendo a volo d’uccello la storia navale romana, non è difficile avere una conferma della costante attenzione dei Romani all’esigenza del dominio del mare.
Questo è infatti stato, innanzi tutto, lo scopo verace della prima Guerra Punica, combattuta con enorme dispendio di energie e di risorse (equipaggi, flotte e denaro) fino a privare definitivamente i Cartaginesi della loro pur antica, smisurata e saldissima supremazia navale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde08_nave-vettii-1024x535.jpg

Trireme romana in navigazione a remi (Casa dei Vettii, Pompei)

I Romani ne fecero poi un uso continuo nei due secoli dell’espansione transmarina, poiché solo grazie al controllo ed alla padronanza dei mari essi poterono sbarcare su tutte le coste e le isole del Mediterraneo, procedendo quindi, sempre per via marittima, alla progressiva conquista delle varie province d’oltremare, fino a costituire il loro immenso impero tutt’attorno al Mare nostrum. Per conseguire questo risultato essi dovettero naturalmente fare i conti con le altre maggiori potenze navali rivierasche, sconfiggendone le rispettive flotte in modo da riconfermare la propria volontà di dominio sull’intero mare. Essi riuscirono anche a superare situazioni di estrema difficoltà, nelle rare occasioni in cui si trovarono a combattere contro avversari temporaneamente più forti sul mare, come accadde nelle guerre Mitridatiche; ma anche allora essi non persero mai di vista l’esigenza di ribaltare il rapporto di forze proprio nel teatro marittimo, fino ad annientare le flotte nemiche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sesto-pompeo-magno.jpg

Nel contempo i Romani sostennero una lunga ed onerosa serie di guerre contro la pirateria, perché questa costituiva una sfuggente ma insidiosa e letale minaccia alla libertà della navigazione. Tale impegno venne infine concluso vittoriosamente da Pompeo Magno, cui il Senato decretò il trionfo motivandolo, non a caso, “per aver restituito ai Romani l’imperium maris”. Dopo l’epocale vittoria di Azio, seguita a tre conflitti prevalentemente navali, il riferimento al dominio del mare rimase anche nella prosa di Augusto: a proposito della guerra sicula (mare pacavi) e nella celebrazione della pace, sempre riferita alla terra ed al mare (terra marique).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fabio-massimo.jpg

Quinto Fabio Massimo

Ma l’applicazione su più vasta scala della strategia del dominio del mare era già avvenuta, come si è detto, nella Seconda Guerra Punica, per sconfiggere Annibale nonostante le disastrose sconfitte che questi aveva inflitto alle legioni romane. Il sintomo esteriore di tale strategia fu il cosiddetto temporeggiamento di Quinto Fabio Massimo, criticatissimo dai “falchi” dell’epoca. Il felice risultato finale fece però scrivere ad EnnioUn uomo solo, temporeggiando, rialzò le nostre sorti.

Domenico Carro

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 78 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »