Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nina Sokolova, la prima donna palombaro russa

Reading Time: 5 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: RUSSIA
parole chiave: Nina Sokolova

 

Nel   1941   la   città   di   Leningrado (l’odierna San Pietroburgo) era ormai   circondata   dalle   truppe   della Wermacht. Le linee di comunicazione con Mosca erano interrotte, la cittadinanza isolata e i rifornimenti stentavano ad arrivare. La resistenza all’invasore nazista sembrava sul punto di crollare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1943_Leningrad_Front_wikypedia-1-1024x791.jpg

L’unica via di collegamento rimasta con il resto dell’Unione Sovietica era attraverso le acque del lago Ladoga e del fiume Neva, le cui infrastrutture costiere erano oggetto di intensi attacchi da parte dei nazisti che cercavano in ogni modo di  mantenere l’assedio alla  città. La caduta di Leningrado avrebbe potuto compromettere l’intero fronte orientale e con esso il futuro della guerra in Europa.

Un   gruppo di  palombari, appartenenti ai reparti delle “Operazioni  Speciali Subacquee”, in russo Экспедиция подводных работ особого назначения (ЭПРОН – EPRON), riceve l’arduo compito di recuperare i carichi affondati nelle gelide acque del Ladoga e della Neva ed organizzare un sistema subacqueo per rimorchiare carri armati ed artiglieria lungo il fondo così da rafforzare la resistenza all’avanzata della Wermacht.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USSR_Flag_auxiliary_ships_EPRON.svg-1024x682.png

la bandiera del EPRON, in russo Экспедиция подводных работ особого назначения (ЭПРОН)

Il gruppo, formato da esperti palombari, sfidando il freddo, il buio e le correnti, recuperarono anche oltre 4.000 sacchi di grano preziosi per l’affamata popolazione di Leningrado. Il lavoro è stremante, sotto il continuo attacco delle forze tedesche, e le loro razioni giornaliere ridotte al minimo ovvero con circa 300 grammi di pane, qualche cereale e del grasso. Spinti dalla necessità gli uomini della EPRON riescono a trainare lungo il fondo del lago Ladoga anche una serie di cisterne ferroviarie piene di carburante.

Di fatto, nel 1941, EPRON salvò 36 navi e recuperò 74 navi affondate con un dislocamento totale di circa 25.000 tonnellate di stazza lorda. Queste unità di soccorso e salvataggio navale furono nel frattempo trasferite alla Marina sovietica (ancora sotto il nome di EPRON) ma, nel 1942, il reparto fu ribattezzato Servizio di salvataggio di emergenza della Marina (Аварийно-спасательная служба ВМФ), che divenne poi Servizio di ricerca e salvataggio di emergenza della Marina (поисково-спасательная служба ВМФ) nel 1979.

Una donna palombaro eccezionale
Tra quei palombari del 1941 vi era tuttavia un’eccezione, o meglio una donna eccezionale, Nina Sokolova.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sokolova__diving_card.jpg

Nina, nata nella cittadina di Cherepovets nel 1912, era la figlia maggiore di una famiglia numerosa di origine contadina ed operaia. All’età di 19  anni si trasferì a Leningrado per frequentare l’Istituto per i Trasporti Acquatici e diventare un ingegnere. Una carriera difficile per chiunque ed una scelta estremamente inusuale all’epoca per una donna.

Terminati con successo gli studi, nel 1936, Sokolova entra a far parte dell’EPRON ottenendo un’autorizzazione speciale dal Comandante responsabile, il  Contrammiraglio   Fotiy   Krylov, per   poter   operare come palombaro, di fatto la prima donna dell’Unione Sovietica. Tra gli incarichi iniziali vi è la supervisione dei palombari impiegati nella realizzazione di infrastrutture subacquee per il porto di Sochi e successivamente per la costruzione di un pontile di sbarco a Polyarny.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Lake_Ladoga_pipeline-1.jpg

Il progetto sul Lago Ladoga

Nell’autunno del 1941 i palombari del ventisettesimo distaccamento dell’EPRON, del quale Nina è ingegnere capo, ricevono l’ordine di posare sul fondo del lago Ladoga un cavo telefonico per ristabilire le comunicazioni tra Leningrado e Mosca. I subacquei lavorano incessantemente per oltre dieci giorni ma i primi tre cavi si rompono durante le operazioni di posatura. Finalmente in un deposito si recupera un cavo rinforzato che viene adagiato sul fondale con successo; è il 30 ottobre del 1941 ed il cavo continuerà a funzionare per il resto della guerra. Leningrado ha anche un disperato bisogno di carburante e per questo motivo inizialmente i palombari dell’EPRON costruirono una linea ferroviaria sul fondo del lago Ladoga, lungo la quale vennero trainati vagoni cisterna. Le operazioni furono lente e complesse.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è voennaya2-sokolova.jpg

Costruzione dell’oleodotto sul fondo del Lago Ladoga. Primavera 1942

A seguito di questa esperienza, e vista la crescente difficoltà nel garantire l’approvvigionamento di carburante alla città, Nina ha l’idea di posizionare un oleodotto sul fondo del lago. L’idea è assolutamente brillante ed ottiene immediata autorizzazione da parte del comando. Nel 1942 vengono compiute una serie di immersioni preliminari per identificare il percorso migliore. Finalmente nella primavera dello stesso anno iniziano i lavori di costruzione dell’oleodotto che si svilupperà per ben 21 km lungo il fondo del lago con profondità che raggiungono i 35 metri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nina-sokolova.jpg

I palombari, inclusa Nina, completeranno l’opera in 43 giorni. Dal giugno del 1942 al marzo del 1943 oltre 40 mila tonnellate di carburante passeranno nell’oleodotto alla completa insaputa degli assedianti. Sempre in quel periodo Nina Sokalova partecipa alle immersioni per posizionare anche un cavo elettrico sul fondo del lago, così da collegare la stazione idroelettrica di Volkhovskaya con Leningrado. Durante queste operazioni Nina rimase seriamente ferita ad un braccio e ad una spalla dal fuoco nemico. Una volta guarita ritornò in azione al fianco dei suoi compagni e, al termine dell’assedio, Nina Sokolova ricevette il grado di Colonnello.

Durante la sua carriera come palombaro Nina spenderà un totale di 644 ore in immersione e, per le azioni compiute con determinazione e coraggio,  venne insignita per due volte dell’Ordine della Stella Rossa, e decorata con l’Ordine della Guerra Patriottica. In ultimo venne nominata Eroe dell’Unione Sovietica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Red_star.jpg

Ordine della Stella Rossa

Al termine delle ostilità, a 34 anni d’età, Sokolova ottenne la posizione di professore di idraulica ed idrodinamica presso la Scuola Superiore Navale dove rimarrà sempre come insegnante fino al 1958, anno del suo pensionamento.  

Il 17 dicembre del 2001, all’età di 89 anni, Nina partì per la sua ultima immersione. Il suo nome venne inserito nell’Albo d’Oro di Leningrado ed il suo ricordo continua ad ispirare le future generazioni dei palombari russi.  

Giorgio Caramanna

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 222 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »