Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il viaggio di Imilcone – parte II

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: V – VI SECOLO a.C.
AREA: MAR MEDITERRANEO – OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Imilcone
.

Ma da quante navi e uomini era composta la spedizione di Imilcone?
Un quesito a cui, almeno per il momento, non si è in grado di dare una risposta certa. Possiamo però ipotizzare il tipo di navi che erano utilizzate nel commercio e nelle esplorazioni, e che quindi possono essere state utilizzate dal navigatore punico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Laja-nAVE-FENICIA.jpg

pitture rupestri datate tra il 1000 e il 700 a.C a Laja Alta

La scoperta di pitture rupestri indigene (datate tra il 1000 e il 700 a.C) a Laja Alta, presso Jimena de la Frontera in provincia di Cadice, che raffigurano una flottiglia di sette navi di vario tipo, ha contribuito ad arricchire la documentazione sul tipo di naviglio fenicio. Queste imbarcazioni presentano una prua alta, una poppa ricurva, una o due vele, un remo che è utilizzato come timone e quattro di queste dispongono di una fila di remi.

La datazione non corrisponde alle tempistiche del viaggio di Imilcone ma le caratteristiche delle imbarcazioni, nella fase in cui avvenne l’impresa, non erano cambiate di molto. Noi siamo a conoscenza da altre indicazioni, in questo caso bassorilievi assiri (che non si discostano molto da quelle egizi del XV), di imbarcazioni con le stesse caratteristiche manovrate sia a remi che a vela quindi con propulsione mista, e con una figura a prua che riproduce un cavallo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-fenicia-nave-assira-697x1024.jpg

I Greci chiamavano queste imbarcazioni gaulos (plurale gauloi) e hippos (plurale hippoi), il primo termine significava ‘vasca’ e si riferiva alla forma arrotondata, mentre il secondo faceva riferimento alla forma a testa di cavallo della prua.

La stabilità della nave sull’acqua si otteneva con pesi sul fondo, pietre o sabbia se si trasportavano le anfore, rammentando sempre che le navi antiche non sempre erano provviste di chiglia, o se presente era poco marcata e il fondo era molto piatto. I modelli di queste navi mercantili prevedevano attraversamenti in mare aperto, mentre non è escluso (come i bassorilievi ci riportano) che ne esistesse un altro tipo per il commercio nell’ambito della fascia costiera tra città vicine, o anche per la pesca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-prua-a-forma-di-testa-cavallo-della-nave-fenicia-hippos_1668629.jpg

Ricostruzione di un Hippos. Era forse una nave fenicia quella descritta come il cavallo di Troia?

Le dimensioni variavano a seconda dell’utilizzo, come così anche la propulsione. Nel primo caso, parliamo di legni della lunghezza di venti o trenta metri, larghi dai 5 agli 8 metri. Lo scafo, come già accennato, era tondeggiante e la poppa terminava con un fregio a forma di pesce, mentre della prua abbiamo già accennato. Per quanto riguarda la propulsione, in questo caso si parla solo di quella velica, con una vela a forma quadra (in verità più rettangolare che quadrata), mentre il timone era rappresentato da un remo con pale asimmetriche, fissato presso la poppa. Le navi del secondo tipo, molto probabilmente, erano più piccole e del tutto simili alle “sorelle” maggiori, ma come già accennato venivano utilizzate per operazioni di cabotaggio e di pesca (Strabone, Geografia II,3,4) presentando una propulsione mista. E non è escluso che siano state utilizzate queste ultime per il viaggio di Imilcone, proprio per la loro duttilità nel poter utilizzare una propulsione che meglio si adattava alle varie situazioni atlantiche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barco-fenicio.jpg

Concludendo, non si hanno prove materiali del viaggio a parte le notizie menzionate da alcuni scrittori antichi, poi confluite nell’opera di Avieno. Ma vi sono però evidenze archeologiche che fanno pensare e supporre che la presenza fenicia-punica sulla costa atlantica, li abbia spinti in cerca di nuovi accordi commerciali, soprattutto all’indomani della caduta del monopolio tartessiano, proprio verso l’estremo nord dell’Europa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è imilcone-1-1-689x1024.jpg

Alcuni studiosi sostengono il raggiungimento delle isole britanniche per lo sfruttamento della cosiddetta “via dello stagno”. Sia Moscati (“I Fenici. L’espansione fenicia”) che Gras (L’Universo fenicio) parlano di indizi di un traffico di stagno verso il sud-ovest della penisola iberica proveniente dalla costa meridionale della Bretagna, dalla Gran Bretagna e dalle isole Cassiteridi.

In effetti i Cartaginesi “blindarono” per lungo tempo lo stretto di Gibilterra, gestendo il monopolio del commercio dello stagno e utilizzando gli indigeni per il trasporto nell’oceano, almeno fino all’affermarsi della potenza romana sul Mediterraneo. Ma di questo parleremo in un altro articolo.

Giuseppe Ferrada

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

.

Bibliografia principale

Paolo Bernardini: I Fenici sulle rotte dell’Occidente nel IX sec. a.C. Cronologie, incontri, strategie. (Rivista della Scuola Archeologica Italiana di Cartagine)

Gabriella Amiotti: I precursori di Cristoforo Colombo nell’Atlantico e la cultura classica del grande navigatore (Vita e Pensiero)

Luca Antonelli: Rufo Festo Avieno Ora Maritima (Historika, studi di storia greca e romana)

Federica Cordano: La geografia degli antichi (Laterza editore)

Jean Rougé: La navigazione antica (Massari editore)

Lionel Casson: Navi e marinai dell’antichità (Mursia editore)

Sara Sebenico: I Mostri dell’Occidente Medievale

Cyprian Broodbank: Il Mediterraneo (Piccola Biblioteca Einaudi)

print
(Visited 97 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »