Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Alla scoperta della vita aliena con il John Webb Space telescope

Reading Time: 4 minutes

.

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: TELESCOPI SPAZIALI
parole chiave: Hubble, John Webb Space Telescope
.

Il James Webb Space Telescope (JWST), il più avanzato e costoso telescopio mai costruito, è stato lanciato con successo nello spazio il giorno di Natale 2021 con un volo Ariane VA256.  Il JWST sta ora viaggiando verso il suo punto di destinazione, il Lagrange point 2 (L2), a quasi un milione di miglia (1,6 milioni di km) di distanza dalla Terra. 

Arrivato a destinazione, si concentrerà su quattro aree di osservazione principali: l’origine dell’universo, la ricostruzione della distribuzione delle galassie nell’universo primordiale, la nascita di stelle, sistemi protoplanetari e pianeti. Oltre a scrutare le galassie, il telescopio da dieci miliardi di dollari sarà anche in grado di parlarci delle atmosfere degli esopianeti e forse identificare quelli che potrebbero ospitare qualche forma di vita. Tra le tante informazioni che stanno correndo in rete in questi giorni, anche  una curiosità. La NASA sta creando un dipartimento multidisciplinare, composto anche da religiosi, per valutare eventuali politiche di contatto. Il bando è già stato aperto. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è james-web-space-telescope.jpg

Un progetto concepito da più di 30 anni che ha comportato non solo la cooperazione di scienziati di tutto il mondo ma anche una partnership economica mai intrapresa in passato a questi livelli. Il James Webb Space Telescope project è infatti una joint venture della NASA, dell’Agenzia spaziale canadese e dell’Agenzia Spaziale Europea, che finanzierà il più grande e costoso osservatorio spaziale mai costruito. Il telescopio prende il nome da James E. Webb, amministratore della NASA dal 1961 al 1968 che aveva svolto un ruolo fondamentale nel programma Apollo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è WebbFlightPathAndDeployments-900x581-1.jpg

il viaggio del JWST verso L2

Il JWST è destinato a succedere all’ormai datato telescopio spaziale Hubble come missione di punta della NASA nella ricerca astrofisica. Sebbene abbia una massa di circa la metà di quella del telescopio Hubble, il suo specchio primario, un riflettore in berillio rivestito in oro di 6,5 metri di diametro, ha un’area di raccolta sei volte più grande, 25,4 m², utilizzando diciotto specchi esagonali di 0,9 m² .

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è differenza-specchi-hubble-e-jwst.jpeg

la differenza fra le superficie complessive degli specchi dei due telescopi

Il nuovo telescopico fornirà una migliore risoluzione e sensibilità agli infrarossi di Hubble e consentirà un’ampia gamma di indagini nei campi dell’astronomia e della cosmologia, consentendo una caratterizzazione atmosferica dettagliata di esopianeti ritenuti potenzialmente abitabili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagini-di-hubble-1024x693.jpg

Il James Webb Space Telescope catturerà immagini del cosmo nella banda dell’infrarosso, come si vede nell’immagine a destra, piuttosto che alla luce visibile, a sinistra (Immagine: NASA)

Nonostante il JWST sia stato progettato principalmente per l’astronomia del vicino infrarosso, può anche vedere la luce visibile arancione e rossa, nonché la regione del medio infrarosso. In particolare, nell’analisi del medio infrarosso è possibile distinguere gli oggetti con emissioni visibili nell’infrarosso da quelli più freddi (composti da detriti e pianeti). 

Queste bande, a causa dell’assorbimento atmosferico, sono difficilmente osservabili dai telescopi terrestri. Inoltre, i telescopi spaziali esistenti, come Hubble, non lavorano in queste bande perché i loro specchi non sono sufficientemente freddi (lo specchio di Hubble è mantenuto a circa 15 °C) quindi il calore irradiato disturba le bande infrarosse.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è james-web-space-telescope-1.jpg

Il JWST è composto da numerosi moduli scientifici contenuti nell’’Integrated Science Instrument Module (ISIM) che fornisce energia elettrica, capacità di raffreddamento e stabilità strutturale al telescopio. Tra gli strumenti scientifici vi è una termocamera a infrarossi, la NIRCam (Near InfraRed Camera), che ha una copertura spettrale che va dal visibile (0,6 μm) fino al vicino infrarosso (5 micrometri), uno spettrografo NIRSpec (Near InfraRed Spectrograph) che opererà nella stessa gamma di lunghezze d’onda, ed il MIRI (Mid-InfraRed Instrument), uno strumento per misurare l’intervallo di lunghezze d’onda dell’infrarosso medio-lungo da 5 a 27 μm. Sia il NIRCam che il MIRI dispongono di coronografi che bloccano la luce delle stelle per l’osservazione di bersagli deboli come pianeti extrasolari molto vicini a stelle luminose.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è distanza-hubble-vs-jwst-1.jpeg

JWST opererà in un’orbita attorno al Sole-Terra nel punto L2 (punto di Lagrange), a circa 1.500.000 km oltre l’orbita della Terra intorno al Sole, molto più distante dalla posizione di Hubble che orbita a soli 550 km al di sopra della superficie terrestre ed oltre la Luna, che si trova a circa 400.000 km dalla Terra. Di contro questa distanza renderà, almeno per il momento, impossibile l’invio di una missione con equipaggio per eventuali riparazioni dell’osservatorio, come fu invece fatto per Hubble.

Situazione
Il telescopio spaziale James Webb ha dispiegato con successo il suo enorme schermo solare venerdì 31 dicembre, segnando un’enorme pietra miliare nella sua lunga e complessa campagna di dispiegamento. Sta ora procedendo verso la sua destinazione, effettuando una serie di test scientifici e di calibrazione tra cui l’attivazione dello schermo e del telescopio ed il suo allineamento. Secondo lo Space Telescope Science Institute, le migliori immagini di JWST inizieranno ad apparire fra circa sei mesi dopo il lancio, anche se forse potremmo ricevere qualche anteprima. 

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 87 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »