Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La storia di Anne “Dieu Le Veut”, una pirata brettone nel mare dei caraibi

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: MAR DEI CARAIBI
parole chiave: Anne de Dieu Le Veut, Laurans de Graaf, Tortuga

 

Torniamo ad un’altra donna pirata: Anne “Dieu le Veut”, alla conquista dei Caraibi. Anne nacque a Gourin in Bretagna il 28 agosto 1661 e poco si conosce sulla sua giovinezza. La sua leggenda di donna futura pirata inizia intorno al 1675 quando fu deportata a Tortuga, durante il governo di Bertrand d’Ogeron de la Bouëre, governatore dell’isola nel 1665-1668 e nel 1669-1675. Anne, o Marie Anne, era stata deportata probabilmente per dei crimini minori che aveva compiuto in patria e, forse, aveva preferito alle galere locali di essere mandata nel nuovo mondo per farsi una nuova vita. Nelle colonie la vita non era certo facile ed una giovane donna non aveva molte scelte: o finire in uno dei bordelli del porto o trovarsi un marito.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cap_Francais_-_Gravure_ancienne_-_1728.jpg

Cap François, isola della Tortuga, sulla costa settentrionale dell’isola di Santo Domingo o Hispaniola

Sembra che nel 1684 sposò un bucaniere, Pierre Lelong, un francese nato a Morlaix nel 1650, che passò alla storia per essere il primo a stabilirsi, con una dozzina di uomini, sulle alture dell’isola della Tortuga, sul Capo che sarebbe stato chiamato Cap François (ora Cap Haiti). Sebbene fosse un filibustiere, Pierre Lelong aveva una visione imprenditoriale. Si stabilì a Petite Anse sulla riva destra del fiume Haut-du-Cap, sfruttando la sua buona esperienza nella cultura della manioca e del cotone. La sua attività diventò presto prospera e Lelong divenne uno dei più grandi proprietari terrieri della regione. Si diceva che fosse “paziente, tenace ed energico” e “generoso con gli umili”, cosa che lo distingueva dagli altri piantatori. Dall’unione con la giovane Anne nacque una bambina, Marie-Marguerite Yvonne Lelong, il 16 febbraio 1688 a Morlaix. Ma il padre non ebbe tempo per potersela godere in quanto morì durante una rissa il 15 luglio 1690 a Santo Domingo.  L’anno dopo, nel 1691, Anne si risposò con Joseph Chérel, un altro filibustiere,  che morì nel 1693 in un duello con Laurens de Graaf.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Graff_Lorens.jpg

Laurans de Graffe, Gesel van de West

Chi fu Laurens De Graaf?
Laurans Cornelis Boudewijn de Graaf fu un pirata e mercenario olandese che aveva inizialmente servito come ufficiale nella marina militare francese e poi, come tanti, era diventato un corsaro ai soldi dei Francesi. La sua fama si sparse rapidamente e venne chiamato con diversi nomi: Laurencillo o El Griffe (cosa che fa sospettare potesse essere di sangue misto) per gli Spagnoli, Sieur de Baldran o semplicemente De Graff dai Francesi, ma venne presto soprannominato Gesel van de West (in olandese: “Flagello d’Occidente”).

Come bucaniere era decisamente atipico: sempre vestito elegantemente con farsetti di pizzo ed aveva un suo codice di onore che lo portava a curare i nemici al termine della battaglia. Inoltre, era amante del bello e dell’arte al punto che aveva portato dei musici a bordo delle sue navi per allietarsi nei momenti di ozio. Ciononostante, al di là dei suoi modi eleganti, era un corsaro spietato che, con l’aiuto dei suoi filibustieri, arrivò a saccheggiare anche Veracruz, facendo 4.000 prigionieri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tortuga-histoire-des-avanturiers-1686.jpg

Mappa dell’isola della Tortuga (Tortue), un isola a nord dell’isola di Espagnola (Hispaniola – Santo Domingo)

Dopo aver preso la cittadinanza francese, nel 1683, saccheggiò la città di Campeche con la protezione del governatore di Santo Domingo. Tutto ebbe inizio il 6 luglio 1685 quando la ciurma di de Graaf partecipò all’assalto dei bucanieri a Campeche, sconfiggendo gli spagnoli.  La popolazione della città approfittando della lunga durata dello scontro si mise in salvo, portando con sé i propri beni. Cosa che fece infuriare ii bucanieri che, dopo due mesi di saccheggi poco fruttuosi, cominciarono ad incendiare le case ed accanirsi sui prigionieri. Un comportamento che creò delle divisioni e de Graaf decise di ripartire. Nei pressi della penisola dello Yucatán, si imbatté in una flottiglia spagnola, alla quale, dopo due giorni di battaglia disperata, riuscì miracolosamente a sfuggire, gettando fuori bordo carico e cannoni per alleggerire la sua nave. Negli anni che seguirono, Laurans de Graaf colpì ancora ripetutamente navi e possedimenti spagnoli e inglesi nel Mar dei Caraibi, combattendo in favore della Francia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tortuga17thcentury.jpg

l’isola della Tortuga ai tempi dei filibustieri

Un incontro fatale
Nel 1693, Anne, dopo la morte del suo secondo marito ucciso in duello proprio da de Graaf, lo andò a cercare, sfidandolo per vendicare la morte del marito. Laurans de Graaf sfoderò la sua sciabola ma Anne non si fece intimorire e gli puntò la sua pistola. Sbalordito dal coraggio di Anne, de Graaf, la spiazzò. Con il pretesto di non voler combattere contro una donna, invece di schernirla, la corteggiò e le propose di unirsi a lui, in matrimonio. Uno strano stratagemma ma funzionò. Dopo aver ottenuto l’annullamento del suo primo matrimonio, de Graaf mantenne la sua parola e sposò Anne nel luglio del 1693. Un anno dopo nacque Marie-Catherine de Graaf che, figlia di tal padre e di tal madre, ereditò un bel caratterino, al punto che, si racconta, una volta adulta sfidò a duello un uomo solo perché che l’aveva corteggiata con troppa insistenza. Ma questa è un’altra storia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pirati-1024x683.jpg

Anne non si limitò ad essere moglie ma decise di accompagnare il marito in mare, prendendo parte agli arrembaggi ma anche sostituendolo, se ci fosse stata la necessità, al comando della nave. A differenza della maggior parte delle donne pirata del periodo, Anne non nascose mai la sua femminilità. Contrariamente alle superstizioni che ritenevano che una donna a bordo portasse male, l’equipaggio considerava Anne come la loro mascotte fortunata e riservava una parte del bottino anche per lei. Fu in quel periodo che Anne fu descritta come coraggiosa, dura e implacabile, facendosi chiamare Anna di ”Dio lo vuole”, ovvero Anne de “Dieu Le Veut”. La storia più famosa di Anne racconta che durante un arrembaggio di una nave spagnola Laurans venne ferito. Anne non aspettò un secondo, e prese il suo posto come capitano della nave, conducendo la ciurma vittoriosamente nello scontro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pfm-la-espanola.jpg

carta dell’isola di Santo Domingo – Hispaniola

Nel 1693, Laurans de Graaf attaccò con successo la Giamaica inglese. In riconoscimento, gli fu conferito dalla Francia il titolo nobiliare di Cavaliere e la posizione di tenente maggiore e commissione di Ile-a-Vache. Negli anni che seguirono, Laurens de Graaf colpì ancora ripetutamente navi e possedimenti spagnoli e inglesi nel Mar dei Caraibi, combattendo in favore della Francia.

Durante l’attacco a Port-de-Paix, nel 1695, Anne e i suoi figli furono però catturati a Santo Domingo dagli Inglesi, come rappresaglia per le incursioni dei bucanieri francesi in Giamaica, e furono tenuti in ostaggio per tre anni. Portata prima a Vera Cruz in Messico, e poi a Cartagena in Colombia, entrambe città precedentemente saccheggiate da de Graaf, per essere giudicata, il suo destino apparve essere incerto. Di certo la sua cattura fece scalpore in quanto la fama di Anne era diventata così grande che quando il segretario francese Jérôme Phélypeaux conte di Pontchartrain venne a conoscenza di ciò, scrisse addirittura a Luigi XIV di Francia chiedendogli di far intervenire il re di Spagna per concederle una grazia. Alla fine Anne fu liberata grazie all’intercessione del re di Francia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-Jerome_Phelypeaux_comte_de_Pontchartrain_fin_XVIIeme-792x1024.jpg

Jérôme Phélypeaux

Cosa successe dopo non è noto. Poiché l’isola di Tortuga fu chiusa come base dei pirati nel 1697, molti pirati si trasferirono sul continente americano. Il Mississippi divenne una base ideale per esercitare la pirateria verso la Spagna, supportati dalla corona francese nella Guerra di successione spagnola nel 1700-1714. Dopo il 1698, secondo alcune leggende non confermate, Laurans de Graaf e Anne si stabilirono in Louisiana, fatto che confermerebbe la tesi della nuova base in territorio americano di de Graaf. Di certo il bucaniere morì nel 1704 nei pressi dell’odierna Biloxi. Nel dicembre del 1705, come riportato nel Loix et constitutions des colonies francoises de l’Amerique sous le vent, Anne ritornò in possesso dei suoi averi di famiglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è restituzione-dei-beni-de-graaf.jpg

Pochi anni dopo, nel 1710, all’età di 48 anni, la bella Anne de “Dieu le Veut” morì anche lei in Louisiana, portando con lei tutti i suoi segreti e ricordi di una vita decisamente avventurosa.

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 216 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »