Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

San Nicola e la leggenda di Babbo Natale

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIE DEL MARE
PERIODO: III-XXI SECOLO
AREA: NATALE
parole chiave: San Nicola, Natale, Babbo Natale

 

Uno dei personaggi più famosi del Natale è Babbo Natale, che vive sulla montagna Korvatunturi, in una casa tra la neve, aiutato dagli elfi nella preparazione di doni per i bambini buoni. Certo come faccia a sapere quali siano i buoni ed i cattivi lo sa solo lui ma fa parte della sua leggenda. Di fatto, la notte del 25 dicembre, parte con la sua slitta trainata da renne magiche e fa le sue consegne portando dolci e regali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è San_Nicola_Santa_Claus-1.jpg

La sua leggenda è legata da un personaggio reale, Nicolaos di Myra, una città orientale dell’odierna Turchia. Nicolaos difese strenuamente la religione cristiana durante le persecuzioni dell’imperatore Costantino. Su di lui nacquero molte leggende che hanno come comun denominatore il suo grande amore per i bambini, al punto da essere considerato il loro santo protettore. Nel Medioevo si diffuse in Europa l’abitudine a commemorare il giorno presunto della morte di San Nicola, il 6 dicembre, con lo scambio di doni, soprattutto dolci e frutta, per i più giovani. Quest’usanza non si è persa, in particolare nei Paesi di religione protestante del Nord Europa dove ancora San Nicola porta i regali ai bambini. Questo probabilmente si affermò maggiormente durante la Riforma Protestante quando venne proibito il culto dei santi cattolico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Christkind.jpg

Christkind

La tradizione dei regali ai bambini, portati dal loro protettore (Santa Klaus) fu sostituita dal Christkind, uno spiritello bambino, solitamente rappresentato con dei capelli biondi ed ali angeliche, che sembra avesse origini da una leggenda nata nell’Alsazia, che parlava di un bambino che porta regali per conto di Gesù Bambino. La tradizione germanica arrivò poi nel Nuovo Mondo attraverso le colonie olandesi di New Amsterdam (rinominata dagli inglesi in New York) prima della conquista britannica del XVII secolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Santa-Through-the-Ages-Peggy-Jo-Ackley-bis-734x1024.jpg

l’evoluzione nel tempo di Babbo Natale – Santa Claus

La leggenda del Babbo Natale moderno nacque nell’Ottocento, soprattutto negli Stati Uniti, grazie allo scrittore Washington Irving che descrisse un Nicola (Santa Claus, una corruzione di Sanctus Nicolaus) che volava sui tetti delle case con una slitta per distribuire i doni ai bambini buoni, facendoli passare dal camino e lasciandoli sotto l’albero. Curiosa un’analogia con una tradizione germanica che narra di un mostro che si insinuava nelle case attraverso la canna fumaria durante la notte, aggredendo e uccidendo i bambini. Un sant’uomo catturò il demone imprigionandolo con dei ferri benedetti ed obbligandolo a passare di casa in casa per fare ammenda dei suoi peccati, portando dei doni ai bambini.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Thomast-Nast-santa-claus-1.jpeg

Santa, Thomast Nast

Fu alla fine dell’Ottocento che il vignettista Thomast Nast rappresentò Babbo Natale come un panciuto vecchietto, con vestito rosso bordato di pelliccia, con una folta barba bianca. Il colpo finale, decisamente commerciale, lo diede la Coca Cola, che lo mise su tutti i suoi manifesti.

La storia di San Nicola
Tornando invece al San Nicola originario, protettore dei bambini ma non solo, è interessante conoscere la sua vera storia. In una data non conosciuta dalla fine del III secolo all’inizio del IV secolo, Nikolaos si trasferì da Patara di Licia a Myra, dove venne ordinato sacerdote. Nicola mostrò subito uno spirito caritatevole e generoso verso i più deboli e, alla morte del vescovo della città, venne acclamato dal popolo come suo successore. Erano anni difficili, in cui le persecuzioni contro i Cristiani emanate dall’Imperatore Diocleziano mietevano vittime in tutto l’Impero. Anche Nicolaos venne imprigionato ma fu poi liberato dall’imperatore Costantino nel 313, riprendendo l’attività apostolica, sempre caratterizzata da una forte ortodossia della religione cristiana.

Un carattere non molto mite, visto che si racconta che, durante il concilio di Nicea, fu preso da un impeto d’ira, prendendo a schiaffi il teologo Ario che sosteneva che Dio era unico, eterno e indivisibile, e quindi il Figlio di Dio, in quanto “generato”, non poteva essere considerato Dio allo stesso modo del Padre proprio essendo la natura divina unica. Una teoria considerata eretica che portò non pochi problemi ad Ario.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sann-nivcola-el-atempesta.jpeg

Políptico Quaratesi, di Gentile da Fabriano (1370-1427) conservato nella Pinacoteca del Vaticano

Su San Nicola nacquero molte leggende legate alla sua carità e bontà ma anche ad eventi miracolosi come quando fece placare una furiosa tempesta, permettendo l’arrivo di abbondanti scorte di cibo nel porto della città di Myra. L’evento avvenne in un momento particolare in cui, a causa di una carestia, la popolazione era allo stremo. Si racconta che una nave in navigazione, con numerosi pellegrini, fu colta da una forte tempesta. I marinai invocarono l’aiuto del santo che apparve nel momento di maggiore pericolo, non solo confortandoli ed incoraggiandoli ma anche unendosi fisicamente ai loro sforzi, permettendo così l’arrivo della nave in salvo in porto. Nikolaos fu da subito molto apprezzato per la sua carità verso i più deboli, in particolare verso i bambini, ma anche per le sue doti di mediazione, caratterizzate da una notevole abilità e scaltrezza diplomatica nell’amministrazione, anche politica, della sua diocesi.

Secondo la tradizione Nikolaos morì a Myra il 6 dicembre, presumibilmente dell’anno 343, nel monastero di Sion, e da subito gli furono attribuiti numerosi miracoli, effettuati sia in vita che in morte. Fu così che la sua reputazione di santità si diffuse ampiamente in Oriente, raggiungendo Roma e l’Italia meridionale. Le sue spoglie furono conservate con grande devozione di popolo nella cattedrale di Myra fino al 1087 quando, per opera di sessantadue marinai, vennero traslate a Bari, dove tutt’oggi riposano. Anche Venezia custodisce alcuni dei frammenti appartenenti a San Nicola, ora custoditi all’interno della Abbazia di San Nicolò del Lido.

San Nicola, chiamato a Venezia San Nicolò, venne proclamato protettore dei marinai e della flotta navale della Serenissima ed ancora oggi è considerato il Protettore di pescatori, marinai, farmacisti, bottai, profumieri, ragazze in età da marito, scolari, vittime di errori giudiziari, avvocati, commercianti e mercanti.

Dall’Anatolia a Bari
Come testimoniano numerosi testi, il trasporto delle spoglie del santo fu malvisto dalla chiesa greco-ortodossa, e considerato come una vera e propria azione di pirateria. Tutto iniziò durante un viaggio per attività mercantili, iniziato da Bari per raggiungere la ricca città di Antiochia, da sempre un punto focale commerciale e porta del Medioriente. I marinai di una nave mercantile proveniente da Bari appresero che alcuni veneziani, anch’essi ad Antiochia per motivi commerciali, avevano l’intenzione di trafugare le spoglie di San Nicola a Myra, che era all’epoca sottomessa ai Saraceni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è san-nicol-a-corteo-bari-1024x575.jpg

la processione di San Nicola a Bari

I marinai baresi, lasciata Antiochia, decisero di fare rotta verso Andriaki, il porto di Myra, per trafugare in anticipo le preziose reliquie. Non fu cosa difficile, probabilmente non c’era interesse per i Saraceni che esse rimanessero in città, ed i Baresi riuscirono nel loro intento e salparono con i santi resti da Myra il 20 di aprile e giunsero a Bari la sera di domenica 9 maggio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è viaggio-spoglie-san-nicola-2.png

Il fatto ebbe un certo risalto che raggiunse anche Kiev e tutta la Russia, al punto da spingere il metropolita Efrem ad istituire in quella data la festa liturgica. La popolarità e devozione verso San Nikolaus è sopravvissuta in tutto il mondo ortodosso dell’Est, nonostante i settant’anni di comunismo del secolo scorso. Di fatto in Russia non vi è una chiesa, dal Mar Baltico fino a Vladivostok, in cui non sia presente un’icona del Santo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vladimir-principe-di-kiev.jpg

La venerazione per il Santo in Russia si deve a Vladimir, Principe di Kiev, su cui si racconta una storia curiosa. Vladimir, che aveva deciso di unificare le tante credenze pagane del suo popolo in un’unica religione inviò i propri ambasciatori a raccogliere informazioni sull’Islam, sull’Ebraismo e sul Cristianesimo nelle sue due forme principali, cattolico e ortodosso. Sempre secondo questa leggenda, scartò la prima perché proibiva il consumo di vino (“Quello di bere – disse – è il più grande piacere dei Russi”) e l’ebraismo che era legato alla dispersione di un popolo (in antitesi con la sua volontà di unificarlo) ed era stato adottato circa tre secoli prima dall’impero dei Kazari, acerrimi nemici della Rus’ di Kiev che aveva da poco sconfitti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vladimir-battesimo.jpg

battesimo di Vladimir. Si dice che Vladimir abbia vissuto due vite. Fino a 55 anni fu un valoroso guerriero, il resto della sua vita divenne un monaco sotto il nome di Ephraim. Quando morì, aveva 95 anni. Le sue reliquie furono trovate nel 1572, in una bara di pietra, scolpita dalle sue stesse mani in pietra calcarea bianca. Nonostante per più di cinque secoli, le sante reliquie riposarono nella terra, rimasero incorruttibili. 

Esaminò quindi le due fedi cristiane: i suoi emissari rimasero assai delusi del loro viaggio alla sede papale di Roma, probabilmente per la scarsa considerazione nei loro confronti, ma furono attratti dalla magnificenza della chiesa ortodossa e del rito greco. Forse la scelta del principe fu dettata da ragioni politiche, giustificate dai legami con l’impero bizantino, forse dai racconti ricevuti, ma di fatto il Principe Vladimir si fece battezzare secondo il rito ortodosso, imponendo a tutti ai sudditi della Russia di abbandonare le loro credenze pagane e di seguire il suo esempio. San Nicola divenne così da subito uno dei santi più venerati del mondo ortodosso.

Buon Natale

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 59 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »