Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I mezzi di assalto, dalla mignatta ai siluri a lenta corsa: le azioni che cambiarono la guerra navale – prima parte

Reading Time: 7 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: mezzi insidiosi
.

 

Lo spirito del Serchio
Nel suo libro “Vita di Marinaio“, l’ammiraglio Gino Birindelli descrisse così l’attività giornaliera degli uomini a Bocca di Serchio: ” Noi andavamo in mare al mattino assai presto ed alla sera a buio fitto, dedicando il lavoro nelle ore di luce al continuo perfezionamento di ogni strumento e quello notturno all’addestramento alle vere e proprie operazioni belliche, di cui studiavamo le tattiche. Al Serchio si era creata, in modo vero, profondo e sincero, quella “banda di fratelli che costituiva un ideale dei giovani allievi dell’Accademia Navale” ed essere uniti come consanguinei non era retorica, come non lo era il volere dare in ogni possibile modo tutto quello che si poteva ad un’Italia che amavamo sopra ogni cosa. Là si creò quello “spirito del Serchio” che nessuno di noi ha mai potuto dimenticare“.

Questi mezzi erano inquadrati in un reparto speciale, nato nel 1939 come Iª Flottiglia M.A.S., che cambiò ufficialmente la propria denominazione in “Xª Flottiglia M.A.S.” il 14 marzo 1941. Il loro motto era Memento Audere Semper per la 1ª Flottiglia MAS e fu cambiato con Per il Re e per la bandiera per la Xª Flottiglia MAS. Il loro compito era l’attacco occulto al naviglio nemico in rada e nei porti, tramite i mezzi insidiosi, ed in mare aperto con l’uso di mezzi veloci.

Nessuno era al corrente della loro esistenza, nemmeno alcuni vertici di Supermarina. Il loro comandante era il capitano di corvetta Junio ​​Valerio Borghese, un valoroso sommergibilista che troveremo anche comandante del sommergibile Scirè nell’azione di Gibilterra. Il concetto strategico originale era di essere pronti ad attaccare, in caso di guerra, simultaneamente tutte le basi principali britanniche  nel  Mediterraneo. Di fatto, quando l’Italia entrò in guerra, il 10 giugno 1940, il progetto si rivelò ancora immaturo data l’inaffidabilità delle apparecchiature sia di respirazione che di attacco. 

Il primo attacco
La prima azione fu  programmata nella notte tra il 25 ed il 26 agosto 1940, contro tre corazzate britanniche della Flotta del Mediterraneo.

iride

Il Regio Sommergibile Iride comandato da TV Francesco Brunetti

Il 12 agosto del 1940 il Regio sommergibile Iride, al comando del tenente di vascello Brunetti,  partì dalla Spezia e raggiunse il 21 agosto il Golfo di Bomba (in Cirenaica)  dove si trovavano ridislocati la torpediniera Calipso, che trasportava gli operatori dei maiali ed i mezzi e la nave appoggio Monte Gargano.

Al ritorno da una missione furono scoperti casualmente da alcuni aerei britannici. Il sommergibile e le navi furono attaccate a mezzogiorno da tre aerosiluranti inglesi Fairey Swordfish, proprio nel momento in cui, dopo aver imbarcati i mezzi, il sommergibile stava per immergersi. Uno dei velivoli sganciò un siluro da circa 200 metri che andò a segno sul sommergibile il quale spezzato in due affondò in pochi istanti, seguito in breve tempo dalla nave appoggio, a sua volta centrata da un altro siluro. Gli uomini dei “maiali” (fra cui Birindelli, Tesei, Toschi e Durand de La Penne) si tuffarono immediatamente e furono in grado di recuperare i S.L.C. e sette marinai intrappolati nel relitto che giaceva sul fondo ad una profondità di circa quindici metri di profondità con purtroppo molti caduti.

gondar

il Regio Sommergibile Gondar sul quale è visibile il contenitore del S.L.C.

contmaiali

Contenitori stagni per i S.L.C. aperti. Sullo sfondo la banchina Giovannini dell’arsenale di La Spezia

Il tentativo successivo fu l’esecuzione di una doppia operazione contro Alessandria d’Egitto e Gibilterra (colonia inglese a sud della Spagna) pianificata per la fine di settembre 1940. Per questa missione furono designati due sommergibili, il R. Smg Gondar ed il R. Smg Scirè, modificati per trasportare tre S.L.C. ciascuno in contenitori speciali (vedi foto). Questa modifica ai contenitori presso-resistenti poteva permettere ai sommergibili di potersi immergere più in profondità (l’Iride con a bordo i S.L.C. aveva una limitazione operativa ai 30 metri).

siluro

La missione, però, fu interrotta da notizie intelligence che avvisarono che che le navi da guerra inglesi si erano allontanate dal porto. Sfortunatamente, sulla rotta di rientro, il Gondar (al comando dello stesso comandante dell’Iride, il TV Brunetti) fu intercettato dal cacciatorpediniere australiano Stuart. Brunetti ordinò l’immersione rapida a 80 metri ma la nave individuò il sommergibile con l’ecogoniometro ed incominciò a lanciare le cariche di profondità. Alle 22.30 si unirono alla caccia il cacciatorpediniere H.M.S. Diamond ed una corvetta, cui si aggiunsero altre unità che saturarono l’area colpendo alla fine il battelloGravemente danneggiato il sommergibile dovette quindi emergere. Una volta a galla, fu chiamato l’abbandono nave ma alcuni uomini, tra cui il comandante Brunetti, avviarono le manovre di autoaffondamento ed il sommergibile s’inabissò su un fondale di 2000 metri a circa 110 miglia da Alessandria. L’equipaggio fu tratto in salvo dallo Stuart. A seguito dell’affondamento del Gondar, i servizi segreti britannici iniziarono ad insospettirsi circa l’esistenza di un reparto speciale della Regia Marina italiana; in particolare si chiesero che cosa fossero quei tre strani cilindri presenti sul ponte del sommergibile e perché nell’equipaggio c’erano così tanti sommozzatori.

scire'

il Regio Sommergibile Scirè in uscita da La Spezia

Nell’agosto del 1940 il sommergibile Scirè fu anch’esso modificato per il trasporto dei maiali rimuovendo il cannone prodiero ed riducendo la torretta. Sul ponte di coperta furono quindi installati tre cilindri (uno a proravia della torretta e due a poppavia affiancati), nei quali potevano essere contenuti i S.L.C.. Per migliorare la mimetizzazione fu pitturato con una tinta verdolina, più adatta per confonderlo col cielo notturno. Con il sommergibile Scirè la X flottiglia M.A.S. incominciò una serie di azioni straordinarie tra cui l’attacco ad Alessandria d’Egitto che vedremo più avanti. 

Operazioni B.G. 1 e B.G. 2: attacco a Gibilterra
Il 24 settembre 1940 il sommergibile lasciò la base di La Spezia per l’operazione B.G. 1, un attacco di tre S.L.C. contro la base britannica di Gibilterra. Ma il 29 settembre, ad una cinquantina di miglia da Gibilterra gli fu ordinato di interrompere la missione essendo la forza inglese fuoriuscita. Il 21 ottobre fu lanciato un nuovo attacco, sempre contro Gibilterra, l’operazione B.G. 2. Il sommergibile salpò dalla base di La Spezia con tre team di operatori: il capitano del Genio Navale Teseo Tesei con il sergente palombaro Alcide Pedretti, il TV Gino Birindelli con il secondo capo Damos Paccagnini ed il TV Luigi Durand de la Penne con il secondo capo palombaro Emilio Bianchi.

l1vol5-gibilterraIl 30 ottobre 1940 arrivò in prossimità della base inglese ed il sommergibile rilasciò con successo i tre S.L.C.. Il primo mezzo, con la coppia de la Penne e Bianchi, venne subito avvistato da una motovedetta che, senza comprendere che cosa fosse, lanciò una carica esplosiva nelle loro vicinanze; il maiale riportò dei danni, tra cui la bussola necessaria per effettuare l’avvicinamento finale, e fu fatto precipitare verso il fondo.

I due assaltatori si diressero quindi a nuoto verso la costa spagnola. Il secondo maiale, con a bordo Teseo Tesei e Alcide Pedretti, arrivò in superficie fino all’entrata del porto. Gli operatori, al momento dell’immersione per la fase finale dell’avvicinamento occulto, si accorsero che i loro respiratori ad ossigeno non funzionavano per cui furono costretti ad affondare il mezzo e nuotare verso la costa spagnola. 

sommLa terza coppia, composta da Birindelli e Paccagnini, nonostante una grave avaria al respiratore di Paccagnini ed una perdita nel vano batteria del mezzo, proseguì verso il bersaglio riuscendo faticosamente a superare le reti anti siluro del porto. A lentissimo moto i due operatori si avvicinarono alla corazzata Bahram ma, a circa 70 metri di distanza, improvvisamente, il motore del S.L.C. si fermò ed il mezzo discese verso il fondo. Birindelli, restato solo a causa dell’impossibilità di Paccagnini di seguirlo per il malfunzionamento dell’ARO, sganciò la carica (ricordo che pesava ben 300 chilogrammi) e cercò di trascinarla da solo verso la nave inglese. Uno sforzo titanico che dovette però sospendere, stremato dallo sforzo, a poche decine di metri dall’obiettivo. Attivò quindi il timer e raggiunse Paccagnini in superficie. Insieme raggiunsero terra ma furono catturati dagli Inglesi prima di ricongiungersi, come da pianificazione, con gli altri quattro operatori sulla costa spagnola. Poco dopo, la carica del S.L.C. esplose ma, a causa dell’eccessiva distanza dal Bahram, non causò danni alla nave da battaglia.

Così si concluse la prima missione di attacco a Gibilterra. L’insuccesso, dovuto ad una tecnologia non ancora matura, provocò una battuta d’arresto nel programma suggerendo numerosi miglioramenti tecnici del sistema … ma di questo parleremo nel prossimo articolo.

fine prima parte – continua

Andrea Mucedola 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

 

        

.
PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

GENESI.

PARTE I PARTE II

PARTE III PARTE IV

PARTE V PARTE VI

PARTE VII

 

 

print

(Visited 2.288 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »