Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il cratere sottomarino di Mahuika, il dio del fuoco dei Maori

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO

parole chiave: cratere, tsunami

 

Nel 2003, Dallas Abbott del Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University, membro dell’Holocene Impact Working Group (HIWG), pubblicò uno studio scientifico che aveva identificato la posizione di un grande cratere sottomarino sul bordo meridionale della piattaforma continentale della Nuova Zelanda. Questo studio fa parte delle ricerche effettuate dall’HIWG per scoprire passati impatti da parte di corpi celesti sul nostro pianeta e la generazione conseguente di mega tsunami.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mahuika.gif

In particolare, il cratere scoperto, chiamato Mahuika, dal dio del fuoco adorato dai Maori, si troverebbe a sud delle isole Snares, 120 km a sud-ovest dell’isola di Stewart, è di grandi dimensioni, con una larghezza stimata di circa venti chilometri ed una profondità di oltre 153 metri.

Tutto iniziò in Antartide
I ricercatori, basandosi su anomalie chimiche, fossili e minerali trovati in una carota di ghiaccio estratta dal Siple Dome in Antartide, hanno ipotizzato che, intorno al 1443 d.C., avvenne nel Pacifico l’impatto di un corpo celeste di piccole dimensioni che generò un tremendo tsunami. Le tracce di questo evento furono poi ritrovate fino a 130 metri sul livello del mare a Jervis Bay in Australia.

La teoria di Dallas Abbott e dei suoi colleghi della Columbia University è che in tempi relativamente recenti, circa 600 anni fa, avvenne un evento importante nel Pacifico, un impatto di un corpo astrale tale da sconvolgere tutta l’area. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è studio-abbott-su-mega-tsunami.png

Incidenza di comete e meteoriti, e fenomeni correlati, tra lo 0-1800 d.C. Le registrazioni di meteoriti per la Cina e il Giappone si basano su Hasegawa (1992), mentre le registrazioni di meteoriti per l’Europa provengono da Rasmussen (1991). Le occorrenze di picco sono ombreggiate. Il record della cometa asiatica si basa su Hasegawa (1992). Le date calibrate al radiocarbonio sotto i Mystic Fires of Tamaatea provengono da Molley et al. (1963) per il legno della foresta e da McGlone& Wilmshurst (1999) per torbiere e torbiere. La cronologia dei mega-tsunami si basa su ventinove radiocarbonati di conchiglie marine (Bryant 2001) con cinque ulteriori date di spettrometria di massa ad accelerazione (AMS) dalla Turaregion del New South Wales. Il diagramma è stato costruito sommando le distribuzioni dell’età del calendario derivate dalle ventinove date. I cali dell’ultimo millennio sono un artefatto delle inversioni di età nella cronologia del radiocarbonio da studio citato

I ricercatori scoprirono che le fonti locali citavano che, intorno all’anno 1400, gli indigeni della Nuova Zelanda dovettero abbandonare i loro insediamenti costieri meridionali e trasferirsi nell’entroterra, forse per il gran numero di eruzioni vulcaniche. Teoria che fu ritenuta possibile in quanto è noto che in Nuova Zelanda, durante il XV secolo, avvenne veramente una forte attività vulcanica, che aveva formato nel Golfo di Hauraki, vicino ad Auckland, l’isola di Rangitoto. A seguito delle eruzioni , molte specie animali si estinsero in Nuova Zelanda, tra cui i moa, una specie di uccelli incapaci di volare, l’aquila di Haast gigante e gli Adzebill, anche loro dei predatori incapaci di volare.

Il cratere del dio del fuoco dei Maori
Quest’ultima scoperta apre però uno scenario diverso. Il ritrovamento di sabbia di origine marina sull’isola di Stewart alla quota di 220 metri sul livello del mare ed a Hellfire Hut e 150 metri sul livello del mare a Mason Bay fece ipotizzare che doveva essere avvenuto un impatto di forte potenza nelle acque prospicienti. La risposta fu un grande tsunami, con onde alte un centinaio di metri, forse generato da un urto di un corpo extraterrestre sulla Terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tsunami-da-impatto.jpg

I geologi marini scoprirono, sul bordo meridionale della piattaforma continentale della Nuova Zelanda, la presenza di depositi di sedimenti generati da un maremoto che avevano un’età, stimata al C-14, intorno al 1500 d.C. I sedimenti furono ritrovati anche sul lato orientale dell’isola di Lord Howe, nel mezzo del Mar di Tasmania, il che implicava che dovesse essersi creato un cratere più ad est. In pratica, doveva essere stato un evento di magnitudine straordinaria per generare delle onde così alte.

I più grandi terremoti in età storica conosciuti produssero tsunami con onde alte tra i 40 ed 60 metri, per cui Abbott ipotizzò che queste grandi onde potessero essere state generate proprio dalla collisione di un grande meteorite. Le ricerche effettuate a Mahuika dimostrarono che il fondo del mare nel suo intorno è disseminato di “schegge” di vetro, non ancora coperte dal limo, e che quindi dovevano essersi formate in tempi abbastanza recenti, cosa che comprovava una corrispondenza temporale con l’evento tsunami.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tectiti.jpg

tectite

Queste schegge vetrose, chiamate tectiti, si formano quando un impatto massiccio liquefa il sedimento, proiettandolo nell’atmosfera. Sulla zona della piattaforma continentale della Nuova Zelanda le tectiti furono trovate fino ad oltre 220 chilometri dal cratere, con diversi colori che vanno dall’arancione al verde chiaro alla luce visibile. Dovette essere un impatto di grande magnitudine visto che, secondo i calcoli di un geografo della Wollongong University, Ted Bryant, lo tsunami generato raggiunse la costa del Nuovo Galles del Sud con onde alte fino a 130 metri. Secondo Bryant l’evento catastrofico avvenne il … 13 febbraio 1491.

Nel 2003 un ingegnere navale, Cedric Bell, effettuò delle indagini sulle anomalie magnetiche delle isole meridionali della Nuova Zelanda, da cui emerse una scoperta sorprendente: un numero considerevole di giunche cinesi aveva fatto naufragio sulla costa sud-orientale dell’Isola del Sud. Apparentemente i sopravvissuti erano riusciti a sbarcare e avevano costruito baracche di pietra, seminato risaie e allestito allevamenti ittici e fonderie per la produzione di ferro. Furono condotti dei testi di spettrografia di massa e di datazione al carbonio 14, scoprendo che una delle fonderie era stata costruita prima dell’arrivo degli europei, da un popolo sconosciuto (i Maori non erano in grado di lavorare il ferro). Doveva quindi essere stato un popolo straniero, culturalmente avanzato, arrivato con giunche in Nuova Zelanda molto prima dei Maori, degli Europei, addirittura prima dell’arrivo delle flotte di Zheng He. La cosa sorprendente fu che la maggior parte delle loro navi affondò nel 1421 dopo Cristo, proprio nel periodo del presunto impatto che generò l’ipotetico tsunami.

Una tesi intrigante che non ha ancora trovato la prova definitiva per cui la genesi del cratere Mahuika rimane un argomento ancora controverso.

 

Fonte
(PDF) Cosmogenic mega-tsunami in the Australia region: Are they supported by Aboriginal and Maori legends? (researchgate.net)

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 68 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »