Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il piano dell’operazione C3/Herkules per l’invasione di Malta: i dettagli – parte III

Reading Time: 9 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MALTA – MAR MEDITERRANEO
parole chiave: piano di invasione, Malta, Regia Marina italiana, Royal Navy

 

Il Piano 
Entriamo ora nella descrizione del piano di invasione. Il 29 maggio 1942, l’ammiraglio Luigi Sansonetti, Sottocapo di Stato Maggiore della Regia Marina italiana, scrisse al Comando Supremo proponendo:
Per assicurare maggiormente il segreto sui punti di sbarco prescelti si propone che nella corrispondenza ufficiale e negli ordini operativi in corso da parte di tutti gli uffici interessati siano adottate le seguenti denominazioni convenzionali:
Zona di sbarco principale = Zona Famagosta;
Zona di Marsa Scirocco = Zona Larnaca;
Zona di Gozo = Zona Cipro;
Zona di Mellieha = Zona Alessandretta;
Zona di Tuffieha = Zona Beyrouth;
Zona di Maddalena = Zona Giaffa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hekules-1024x755.png

Giorno X
Gli aerei da combattimento tedeschi e italiani dovevano essere sopra Malta a partire dalle 04:00 del mattino. I loro bersagli sarebbero state tutte le  installazioni difensive all’interno della zona di atterraggio dei paracadutisti, insieme agli aeroporti, alle posizioni antiaeree e alle fortificazioni costiere. Era previsto anche di schermare, con cortine fumogene, l’area di atterraggio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-da-battaglia-andrea-doria.jpg

Andrea Doria, nave da battaglia classe Duilio. Varata nel 1913 la nave svolse una modesta attività nel corso della prima guerra mondiale operando poi intensamente nel primo dopoguerra. Tra il 1937 e il 1940 venne sottoposta a radicali lavori di riammodernamento, eseguiti presso i cantieri di Trieste, e in questa nuova configurazione partecipò al secondo conflitto mondiale. Le modifiche allo scafo, all’apparato motore e a buona parte delle sovrastrutture furono le stesse delle Cavour, così come anche la ristrutturazione dell’armamento principale con l’eliminazione della torre centrale da 305 e la ritubazione dei rimanenti cannoni da 305mm in 320 mm. Rispetto alle Cavour mancano le sei torrette binate da 120mm intorno al ridotto centrale, sostituite da 4 torri trinate concentrate ai fianchi delle torri principali di prua. Furono invece installati  dieci pezzi antiaerei da 90/50, con una visione per l’epoca molto avvenieristca in quanto la minaccia aerea alle corazzate non era tenuta in grande considerazione negli ambienti militari. Decisamente interessante fu la protezione subacquea, con cilindri assorbitori modello Pugliese dal nome dell’ingegnere e generale del Genio Navale che la progettò, la cui efficacia rimane controversa e non fu né confermata né smentita dalle vicende belliche.

Nella mattinata del giorno X le due navi da battaglia classe Doria e otto cacciatorpediniere avrebbero eseguito il bombardamento contro costa nelle aree di Alessandretta Beiruth e Giaffa a nord di Sliema e sui due versanti di Mellieħa. Dal pomeriggio sarebbero avvenuti dei finti sbarchi nelle stesse aree, con stendimenti di cortine fumogene, fuoco controcosta da parte di un cacciatorpediniere e sbarco di nuotatori guastatori, mentre nelle zone centrali dell’isola sarebbero stati aviolanciati molti manichini ed alcuni paracadutisti per ingannare le difese.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7.-Fliegerdivision-Bundesarchiv_Bild__Fallschirmjager_auf_Flugplatz.jpg

paracadutisti della VII disione tedesca

Erano previsti, a favore delle divisioni paracadutisti Folgore e della 7° germanica, che disponevano di batterie di cannoni da paracadutare a terra, tre lanci distanziati di qualche ora (alle 14.00 e alle 16.00 ed alle 19.00 del giorno X) con il compito di realizzare una testa di sbarco larga circa 12 km e profonda circa 2 Km.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è divisione-folgore.png

I paracadutisti italiani della Divisione Folgore dovevano conquistare l’aeroporto, tra l’altro ancora in costruzione e mal presidiato, di Qrendi, con il compito secondario ma non meno importante di prepararlo per l’uso dell’Asse il prima possibile. Il compito successivo dei paracadutisti era di stabilire un perimetro difensivo e controllare l’accesso all’area di sbarco. L’Asse si aspettava un rapido contrattacco dalla zona di Luqa/Hal Far, seguito da un altro, probabile, proveniente da Zebbuj. Nel contempo ipotizzavano una scarsa reazione dall’area di Mdina, sull’altopiano di Dingli.

Notte del Giorno X e giorno X+1
Per aumentare le possibilità di successo dello sbarco, esso sarebbe avvenuto nell’area dove gli Inglesi non si aspettavano attacchi in in forza: l’inospitale costa meridionale. Quella linea di costa era così accidentata e difficile che solo Fort Benghaisa aveva artiglieria costiera in grado di coprirla. La zona di sbarco principale, nome in codice “Famagosta“, si estendeva da Hajia-is-Soda a ovest a Wied-il-Bassasa a est, una distanza di circa 5.900 metri. Su quelle rocce gli Italiani pianificarono di sbarcare, nella notte del giorno X, circa 14.000 uomini della Divisione Friuli e del Reggimento San Marco.  Nel contempo il Genio doveva installare due teleferiche, eliminare le difese passive e sistemare spiagge e viabilità verso l’interno con gli 8.600 uomini della Livorno a seguire.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fasi-delladdestramento-osservate-dal-Console-Santi-Quasimodo-e-dallAmmiraglio-Vittorio-Tur-di-spalle-..jpg

Fasi dell’addestramento del raggruppamento Camicie Nere da Sbarco osservate dal Console Santi Quasimodo e dall’Ammiraglio Vittorio Tur (di spalle) nel Golfo di Le Grazie di Portovenere (La Spezia)

Complessivamente in sole quindici ore dovevano sbarcare 24000 uomini, 45 Semoventi (8 da 75) e 56 cannoni da 75mm. Per rendere le cose ancora più complicate, gli sbarchi dovevano iniziare prima dell’alba e avvenire in dieci punti separati cosa che avrebbe costretto i reparti a disperdersi. Che lo sbarco della prima ondata e della Livorno avvenisse entro questa finestra temporale era necessario perché solo dopo che questo fosse stato completato le navi avrebbero iniziato il viaggio di tredici ore di ritorno in Sicilia per imbarcare le divisioni Assietta e Napoli. Queste avrebbero dovuto imbarcarsi in sole dodici ore ed arrivare a Malta la mattina del giorno X+2.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è assietta-_rgt_fanteria_029-780x1024.png

La zona di sbarco secondaria, denominata in codice “Larnaca“, si estendeva attorno alla baia di Marsa Scirocco, in essa era previsto che il forte Benghisa, dopo il bombardamento eseguito dalla Duilio e da una squadriglia di cacciatorpediniere, sarebbe stato attaccato da 300 pionieri aliantisti tedeschi, che dovevano occupare il Forte contemporaneamente allo sbarco delle forze speciali italiane sull’isolotto di Fileda e su punta Delimara. Effettuate queste azioni preliminari, sarebbero sbarcate in sette punti sulla costa parte del raggruppamento CC.NN. da sbarco, che dovevano creare la testa di ponte per permettere la messa a terra del Reparto corazzato tedesco nell’area dell’idroscalo britannico di Kalafrana.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sbarco-SMarco-motobragozzi.jpg

esercitazione da moto bragozzi di marinai del reggimento San Marco

Per quanto riguardava la conquista dell’isola di Gozo, zona “Cipro”, sarebbe stata effettuata con lo sbarco in tre zone di costa, su nove punti di mille uomini di due battaglioni da sbarco (uno del San Marco ed uno del  CC.NN.) seguiti dai 9200 uomini della Divisione Superga), con due batterie di cannoni da 75/18 mm e 32 semoventi. Questo sbarco dopo solo tre ore di distanza dai primi sbarchi nell’isola di Malta, e doveva concludersi entro le successive dodici ore. L’obiettivo dei tre raggruppamenti, che comportava nella parte meridionale dell’isola il Forte di Chambray, sarebbero state le località di Rabat e Shaghra, in modo da tagliare l’isola in due parti e controllarne tutte le strade. Poiché sull’isola non erano presenti fortificazioni e armi pesanti né ne era stata organizzata la difesa, ci si aspettava che quella parte dell’invasione fosse facile. Col senno del poi oggi sappiamo che la difesa maltese sarebbe consistita, in quella parte dell’isola, da solo 3000 uomini tra esercito, RAF, polizia e guardia nazionale per cui presumibilmente la resistenza sarebbe stata minima. Una volta completata l’occupazione nel giorno x+2, sarebbero sbarcati sull’isola un gruppo da 149/40 e sarebbero arrivati due pontoni, ciascuno con un cannone da 305, per battere la città di Malta.

Nel Giorno X+2
La Divisione Friuli si sarebbe radunata attorno al villaggio di Bubakra, quindi doveva puntare a est verso l’aeroporto di Hal Far dove sarebbe stata trasportata la Divisione La Spezia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dicvisione-la-spezia.jpgIl suo sforzo successivo sarebbe stato quello di collegarsi con la forza di invasione di Larnaca e ripulire il resto dell’area del porto di Marsa Scirocco, fondamentale per la spedizione dell’Asse. A sinistra, avrebbe collaborato la Divisione Livorno che dopo aver essersi radunata attorno al villaggio di Gudia si sarebbe diretto verso Marsa Scala e proseguito per la penisola di Delimara verso Fort Delimara. Nel caso che la resistenza avesse imposto l’arrivo della divisione aerotrasportata, le operazioni si sarebbe dovute sviluppare ulteriormente, da parte della Divisione Livorno assieme ai i paracadutisti, per realizzare un’energica puntata verso l’aeroporto di Luqa, allo scopo di conferire sicurezza sul fianco sinistro delle Divisioni Friuli e La Spezia, operanti su Marsa Scirocco.

Giorno X+3

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 4th_Infantry_Division__Livorno__Mountain_Collar_Insignia.png

mostrina della Divisione Livorno

Mentre le Divisioni di fanteria Livorno e Friuli ripulivano la parte orientale di Malta, a Marsa Muscetto sarebbe iniziato lo sbarco dell’ultimo contingente, il XXV Corpo d’armata con i suoi supporti. La Divisione Assietta si sarebbe radunata nella zona di Dingli (tenuta dai paracadutisti tedeschi) e la Divisione Napoli si sarebbe posizionata attorno al villaggio di Qrendi (tenuto dai paracadutisti italiani). Ogni ulteriore proseguimento delle operazioni sarebbe stato stabilito, come di logica, al momento e sul posto. 

Giorni X+4 e X+5

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1st_Infantry_Division__Superga__Mountain_Collar_Insignia.png

mostrina della Divisione Superga

L’atto finale dell’invasione sarebbe stato effettuato da un singolo reggimento di fanteria della Divisione Superga, che sarebbe sbarcato dopo la conquista di Gozo sulla costa nord di Malta a est della St. Paul’s Bay e che avrebbe poi dovuto puntare a Madliena dive si sarebbe congiunto con la divisione Assietta.  Questa, una volta riorganizzata doveva puntare verso la città di Rabat e la costa nord. Non sarebbe stato facile perché le strade erano strette ed in cattive condizioni. La Divisione Napoli, dopo essersi radunata intorno al villaggio di Siggiewi, sarebbe a sua volta avanzata verso nord, sulla destra dell’Assietta, dirigendosi verso la costa nord. Nel frattempo la città di La Valletta sarebbe stata attaccata dalle Divisioni Friuli e Livorno e dal raggruppamento corazzato.

Giorno X+6
Il sesto giorno si sarebbero dovute eliminare tutte le ultime resistenze.

Logistica
Sia i 24.000 paracadutisti che i 80.000 uomini da sbarcare dal mare avevano grosse esigenze logistiche. Ogni paracadutista sarebbe atterrato con con sei litri di acqua e circa 10 kg di cibo e munizioni. Ci si aspettava che l’acqua durasse due giorni, il tempo necessario alle truppe sbarcate dal mare di raggiungere i paracadutisti. Se questo non fosse avvenuto a partire dal secondo giorno, i paracadutisti avrebbe avuto bisogno di circa 180 tonnellate di rifornimenti ogni giorno da ricevere con aviolanci o con avio rifornimenti, qualora fossero riusciti a prendere un aeroporto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è motolance-da-sbarco-1.jpg

Per le truppe da sbarcare dal mare l’idea era di sbarcare rifornimenti per cinque giorni dal primo giorno dell’invasione, trasportati con le truppe della prima ondata. Ogni uomo sarebbe sbarcato con circa due litri di acqua e 20 kg di munizioni e cibo; altri quattro litri di acqua e 45 kg per uomo dovevano essere sbarcati autonomamente dalle truppe e poi trasportati nei luoghi di immagazzinamento. Un problema logistico non semplice. Per i 10.000 uomini della Divisione Friuli significava 470 tonnellate di cibo e munizioni, più 40 tonnellate di acqua, che sarebbero dovute essere dovrebbero essere sbarcate insieme ad armi di supporto, artiglieria e corazzati e rapidamente allontanate dalle aree di sbarco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Nave-Aspromonte.jpg

Lo sbarco iniziale di 24.000 uomini voleva dire che il primo giorno dovevano essere scaricati uomini, armi, mezzi e rifornimenti equivalenti a 113,000 tonnellate. La razione di acqua, distribuita prima dello sbarco, doveva durare due giorni, dopo di che si sarebbero utilizzate alcune navi cisterna che stazionavano al largo con circa 500 tonnellate di acqua, sufficienti per 50.000 uomini per tre giorni. Erano stati progettati sistemi di pompaggio per portare l’acqua dai siti di sbarco alle cime delle creste circostanti. Fu calcolato che se l’intera forza fosse sbarcata, per alimentarla, sarebbero stati necessari 2400 tonnellate al giorno di rifornimenti (il minimo vitale era di 700). Dato che per via aerea potevano affluirne solo  300 (se fosse stato disponibile un aeroporto) o 150 con aviolanci, la rapida occupazione del porto di Marsamuscetto sarebbe stata necessaria nel più breve tempo possibile.

Ultima considerazione, non poco importante, l’operazione sarebbe dipesa dalla effettiva cooperazione tedesca, dato che era subordinata alla fornitura da parte loro di 40.000 tonnellate di nafta e 12.000 tonnellate di benzina avio, senza le quali la Regia Marina e Regia Aeronautica sarebbero state paralizzate.

Fine III parte – continua

Gianluca Bertozzi

 

in anteprima, foto di un esercitazione pre-sbarco dei contingenti italiani

 

Fonti

– Operazione C3. Malta, Libro di Mariano Gabriele
– L’esigenza “C.3” (Operazione “HERCULES”) e il blocco di Malta nel contesto della guerra in Mediterraneo nel 1942 di Francesco Mattesini
– Caruana, Le tre previste invasioni di Malta
– Invasion of Malta, 1942 di John D. Burtt & Davide Pastore, 2011
– The axis and the intended invasion of Malta in 1942; a combined planning endeavor di Alessandro Vivarelli

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.

print

(Visited 704 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »