Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La sosta in secco “CE”…. un “made in Italy” a prova d’invaso!

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: COSTRUZIONI

parole chiave: Cantieristica, made in italy


Non dimentichiamo che la barca non è un “pesce” che vive sott’acqua o una “paperella” nata per galleggiare ed il suo elemento naturale non è (solo) il mare.
L’ingegno umano, che l’ha creata, ne giustifica il proprio “adattamento” in acqua in una tentata e più naturale possibile convivenza e resistenza. La barca si identifica, si completa e viene quindi ospitata, lì dove resine, acciai, allumini e un pò meno i legni, sono indeboliti e attaccati di continuo sopra e sotto il galleggiamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marinai-al-timone.jpg

Le barche, un pò come alcuni mammiferi marini, si adattano alla vita acquatica, ne assumono le caratteristiche e il trasformismo fisiologico, ma hanno polmoni e pelli “terrestri” che necessitano anche di ossigeno e di aria per respirare, riposare e proteggersi. Non sottovalutiamo dunque l’importanza di un giusto equilibrio “acqua/aria” per mantenere in salute le nostre amate barche … per rinnovare “protezioni cutanee” e per scongiurare future sorprese. Mettiamole dunque anche in secco, in meritato riposo, controlliamole e prendiamocene cura, sostenendole però correttamente, senza stress, imitando per punti una più uniforme reazione di galleggiamento. Non facciamole soffrire, assecondiamole e col giusto riguardo osserviamole nude, nell’armonia delle proprie forme, vestite d’intimo e di soli “tacchi” a spillo! In fondo le barche sono un po’ come le donne… soffrono ma quando si levano i “tacchi” sorridono nuovamente!

Questa è la filosofia che da diversi anni contraddistingue una ditta italiana, la Naval Tecno Sud, un’azienda di eccellenza del barese, specializzata nella progettazione e nella realizzazione di prodotti ad hoc per la cantieristica navale. La ditta produce una vasta gamma di cavalletti, puntelli, invasi, tacchi, selle, carrelli, bilancini e attrezzature per il trasporto di grandi yachts su nave. Sono tutti prodotti certificati CE in un processo interamente “Made in Italy”, dalla progettazione, costruzione, montaggio, imballaggio, spedizione e assistenza post vendita. Tutti i prodotti della Naval Tecno Sud garantiscono alti requisiti di qualità e affidabilità ma soprattutto il punto di forza dell’azienda barese è la certezza e la coerenza di essere nati appositamente per il settore cantieristico navale, per un più agevole, pratico e sicuro posizionamento a terra delle barche ottimizzandone i tempi e il lavoro, l’incolumità degli operatori coinvolti e la pulizia del cantiere. Flessibilità, modularità, semplicità di utilizzo, praticità, personalizzazione e standardizzazione del processo sono i punti chiave del loro successo. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 03-BARCA-TIRATA-IN-SECCO-1024x685-1.jpg

Vediamo brevemente quali sono i principi basilari da tenere sempre a mente nella corretta operazione di alaggio e di posizionamento a terra per “adagiare” la nostra barca.
Invasi, puntelli, tacchi, cavalletti nei punti cruciali, la barca perfettamente in piano e poggiata scaricando buona parte del proprio peso in chiglia, distribuito anche in “selle” per madieri o in “culle” da bagli personalizzate. La giusta distribuzione dei carichi, un perfetto equilibrio statico, una corretta pressione a tutti i punti stabiliti d’appoggio, evitando ogni possibile sollecitazione rischiosa alle appendici e accessori, sono alla base per un “alloggiamento a regola d’arte”.

Le tacche laterali o puntelli devono sopportare soltanto la spinta necessaria a mantenere in equilibrio e in posizione la barca, senza dunque sostenerne il peso assorbendone una minima spinta. Questa è la regola generale a patto che il laminato o la struttura non sia fatta di cartapesta! Non sottovalutiamo poi l’importanza del terreno, le caratteristiche e la solidità del piano di calpestio (piazzale) e del suo carico ammissibile per metro quadro, stabilendo così il giusto passo dei sostegni. Eventuali assestamenti possono provocare deformazioni o avvallamenti nel profilo del fasciame con rischi di danni strutturali, delaminazioni e scollamenti del ragno e/o controstampi e provocare la classica “bozza” … non solo antiestetica!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-malfato-b.png

Sono pochi gli invasi fatti veramente bene, nati e pensati per tale scopo.
Spesso bidoni d’olio, blocchi di cemento, pali di legno caricati a compressione e altri appoggi instabili di fortuna affollano piazzali e cantieri in … improbabili acrobazie di in-stabilità e di sicurezzaInvasare una barca non è da tutti! Ci vuole conoscenza e professionalità senza nessuno sconto e l’uso di attrezzature di sostegno a … prova di equilibrio. La ditta italiana Naval Tecno Sud, affermatasi con successo anche in ambito internazionale, utilizza grandi e piccoli accorgimenti per rendere la taccata il più possibile pratica, veloce e sicura:

Comodi agganci per collegare i vari cavalletti creando un solido invaso in sicurezza.
Solidi, pratici e funzionali spinotti per favorire in sicurezza l’inclinazione regolabile e l’estensione del telescopio.
Snodo a sfera che consente un’oscillazione graduale a 360°, senza mai “mettersi a taglio” per non danneggiare le carene, agevolando la manutenzione e lubrificazione.
Comoda presa per agire sulla vite di regolazione, per l’ultima fase della taccata.
Comoda maniglia per estendere il telescopio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-C-1024x257.png

Tutti i materiali utilizzati sono di primaria scelta e muniti di certificato di ferriera attestante la qualità diprodotto, e le caratteristiche meccaniche. La Società è inoltre specializzata nella produzione di rastrelliere e scaffali porta barche a più piani per “porti a secco” e altri articoli per la cantieristica navale e per la sicurezza nelle aree tecniche. La praticità della taccata, l’ottimizzazione degli spazi nei cantieri ed il potenziamento di prodotti già presenti sul mercato attraverso la certificazione e zincatura a caldo sono tra i molteplici vantaggi offerti dalla Naval Tecno Sud. Ogni prodotto viene consegnato e fornito con una serie di documenti d’accompagnamento:

Manuale per l’uso e la manutenzione
Attestazione delle verifiche di calcolo
Certificazione CE
Disegni di assieme della parte metallica
Garanzia 24 mesi

Il “CV50” (cavalletto verticale con telescopio e vite di regolazione ) o il “TAF100” (tacco fisso con singola portata di 100 tonnellate studiato per puntellare la chiglia di mega yacht a motore con dislocamento anche fino a migliaia di tonnellate ), il “TAR2T100”, il “ SET “ o il “modulo per barche a vela”, i “moduli per trasporto su navi” e tanti altri prodotti specifici per la cantieristica navale sono solo alcuni esempi di questa ditta per posizionare a terra un’imbarcazione a regola d’arte! In particolar modo, se costruita in vetroresina e se si prevede di lasciarla a terra per un lungo periodo (alcuni mesi). Non esistono vere e proprie normative per le operazioni di alaggio, varo e movimentazioni a terra, con la esclusione delle invasature carrello rimorchiabile (norme del codice della strada), a parte quella della buona tecnica ingegneristica, del buon senso e dell’esperienza nel campo. Alcune ordinanze emanate dai compartimenti marittimi zonali regolamentano tali operazioni, eventuali preventive formalità da espletare e norme speciali da adottare da parte dei cantieri navali.

Un’ importante prescrizione tecnica, secondo me condizione necessaria, è quella di nominare sempre un “Direttore tecnico” , munito dei titoli previsti dal REGOLAMENTO DI ESECUZIONE AL CODICE DELLA NAVIGAZIONE – TITOLO IV – CAPO VI – “Delle Abilitazioni Professionali del Personale Tecnico addettoalle costruzioni navali”. Il direttore tecnico è ritenuto personalmente responsabile della corretta esecuzione delle manovre e dell’adozione delle cautele, impartite all’occorrenza dall’Autorità Marittima o suggerite dall’esperienza marinaresca.

Condizione fondamentale al momento dell’insellamento delle unità sulle apposite invasature è quella di accertarsi che dette unità abbiano un dislocamento pari o inferiore alla capacità dell’invaso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-D-1024x436.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-E-1024x430.png

Ideale sarebbe disporre di un supporto (invaso) realizzato “su misura” e che permetta solo un minimo di regolazione (senza spinte laterali) sui punti di appoggio e avendo cura di sceglierli in corrispondenza di strutture di rinforzo (paratie, madieri, longheroni, ecc.). Così facendo si eviterà di sottoporre tutta la struttura a sollecitazioni anomale che in casi estremi possono portare anche a danni strutturali permanenti e delaminazioni.

Gli articoli prodotti dalla Naval Tecno Sud sono molti e le soluzioni proposte spaziano dagli invasi, cavalletti, puntelli, tacchi, selle fisse e trasportabili con carrelloni motorizzati, bilancini, carrelli trainati e stive e/o scaffali per natanti, scale, trabattelli e pannelli per verniciature. Vediamo solo alcuni prodotti di successo dell’azienda barese utilizzati da molti importanti cantieri nazionali ed internazionali:

Tacco fisso per chiglia: con portate da 5 a 100 tonnellate cadauno può essere utilizzato come invaso laterale per grandi barche a motore e per puntellare la prua e la poppa di barche a vela.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-F-1024x477.png

Tacco regolabile doppio telescopio: cavalletto per la chiglia dotato di telescopi e viti di regolazione, realizzato in varie altezze ed ideale per tutte le tipologie di barche a motore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-G-1024x496.png

Puntello verticale: Ideale per essere posizionato sui pattini di poppa di piccole, medie e grandi barche a motore e nelle misure più alte può essere usato per puntellare prua e poppa di barche a vela.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-H-1024x643.png

Cavalletti inclinazione fissa vela e motore: per barche a vela e grandi barche a motore. Collegandoli con barre di accoppiamento e catene con tenditori, creano un invaso in estrema sicurezza. Nelle grandi barche a motore, viene posizionato al traverso e verso la prora per meglio “abbracciare” la carena. Dotato di telescopio e vite di regolazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-I-1024x519.png

Modulo per barche a vela: È un modulo composto da due cavalletti con inclinazione regolabile ed un puntello centrale, con altezze variabili, tutti collegati tra loro con barre di accoppiamento scorrevoli, catene e tenditori. Ideale per taccare in massima sicurezza qualsiasi tipo di barche a vela, soprattutto quelle con carena delicata, in quanto il peso della barca viene distribuito sul bulbo e in parte sui puntelli centrali e sui cavalletti laterali che grazie alla regolazione dell’inclinazione raggiungono i punti più solidi della carena.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-L-1024x568.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-M-1024x387.png

Sella per barche a vela: invaso trasportabile con carrelli motorizzati dotati di forche e traversine che consentono di sollevare barca e sella in contemporanea. Viene realizzato in varie misure di larghezza, in relazione all’interno ruote del carrello e in varie lunghezze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-N-1024x489.png

La Naval Tecno Sud, sempre attiva alla ricerca di nuovi prodotti o ad ottimizzare attrezzature già esistenti per i Cantieri Navali, è da anni presente nei più importanti saloni nazionali e internazionali per far conoscere la qualità, l’originalità e lo stile italiano nel mondo. Naval Tecno Sud pensa dunque al mondo dei cantieri e così anche gli invasi hanno ora … anima e stile!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-O-1024x612.png

sella invaso per barca a vela da 50 tonnellate per il cantiere navale Cogeman di Fiumicino (Roma)

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 496 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »