Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Un nuovo farmaco studiato da Pfizer sembra essere in grado di ridurre i ricoveri e i decessi a causa del COVID19 dell’89%

Reading Time: 4 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE SANITARIE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: COVID

parole chiave: COVID 19, farmaci
.

Torniamo al COVID o meglio alla lotta contro questo coronavirus che sembra non lasciarci mai. Per quanto se ne dica l’unico sistema di protezione, anche se parzialmente efficace, è attualmente la vaccinazione.

Il ciclo di due dosi e le novità
Secondo sperimentazioni effettuate in Centri avanzati di ricerche in Israele e negli Stati Uniti, suggeriscono l’opportunità di un booster (terza dose) per mantenere alto il numero di anticorpi e combattere la nuova ondata favorita dalle temperature invernali. E’ delle ultime ore la segnalazione della variante Omicron, scoperta in Sud Africa, dove molte fasce della popolazione non sono vaccinate. Purtroppo questo, secondo ricercatori statunitensi ed europei, favorisce  la generazione di nuove varianti per cui è necessario arrivare a vaccinare anche quelle parti del mondo lontane ma che sono, potenzialmente, delle bombe biologiche in cui il virus circola più liberamente. questo fattore fu identificato da studi della NATO (Multiple future) che oltre dieci anni fa segnalarono il pericolo di aree di diversa capacità di intervento che avrebbero causato la proliferazione di epidemie importanti.

Come abbiamo raccontato in articoli precedenti, si tratta di vaccini approvati e non sperimentali, come vengono descritti dai cosiddetti NO VAX. Va compreso che un vaccino diventa approvato solo dopo aver superato due o tre fasi di sperimentazione, effettuate su un numero crescente di volontari. Dopo di chè le Autorità sanitarie possono autorizzarne la distribuzione, che può iniziare con la vaccinazione sistematica secondo le regole approvate dagli Enti Farmaceutici. Questo non vuol dire che non viene più monitorato. Il monitoraggio, o 4 fase, è necessario per controllare eventuali effetti sulle varianti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pfizer-antivirale-ansa-1024x641.jpg

Non solo vaccini
Notizia recente è quella dei primi risultati ottenuti da Pfizer basati su uno dei tre studi clinici che l’azienda sta conducendo. Quelli delle altre due sperimentazioni sono attesi entro la fine dell’anno. Nonostante i risultati siano interessanti la cautela non è mai troppa. Pfizer prevede di presentare tutti i dati e richiedere l’autorizzazione in quel momento, il che significa che il nuovo farmaco potrebbe essere disponibile all’inizio del 2022.  Non si tratta di un nuovo vaccino ma di un farmaco (compressa) che agisce inibendo o rallentando un enzima chiamato proteasi, che il virus SARS-CoV-2 necessita per replicarsi … vediamo di capirne di più.

La sperimentazione
La pillola antivirale, PAXLOVID, è stata somministrata in uno studio clinico controllato con placebo a persone con COVID-19 che erano ad alto rischio di sviluppare una patologia grave. In realtà il PAXLOVID è una versione modificata di un antivirale, basato su un farmaco vecchio di decenni che fu sviluppato per la prima volta come terapia endovenosa durante l’epidemia di SARS, ma che ora si rivolge specificamente a SARS-CoV-2 e può essere assunto come pillola. Gli antivirali sono medicinali usati per il trattamento dell’influenza e, se assunti tempestivamente, possono ridurre i sintomi, la durata della malattia e le complicanze dell’influenza.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è paxlovid_full_20211106.jpg

La somministrazione congiunta di una bassa dose di ritonavir, un farmaco antiretrovirale, sembra aiutare a rallentare il metabolismo del principio attivo del Paxlovid, facendo in modo che resti attivo nell’organismo per periodi di tempo più lunghi.

Nel marzo 2021, Pfizer ha iniziato  la sperimentazione clinica fase 1 del PF-07321332 1 valutandone i dati di 1.219 adulti sani, provenienti da Nord e Sud America, Europa, Africa e Asia per valutare la sicurezza, la tollerabilità e la farmacocinetica del composto sperimentale. A luglio, si è passato ad uno studio di fase 2/3, EPIC-HR (Valutazione dell’inibizione della proteasi per COVID-19 in pazienti ad alto rischio), per valutarne efficacia e sicurezza quando in combinazione con il ritonavir, in pazienti con una diagnosi confermata di Infezione da SARS-CoV-2 ad alto rischio di progressione verso una malattia grave. Finalmente ad agosto, Pfizer ha avviato lo studio di fase 2/3, EPIC-SR (Valutazione dell’inibizione della proteasi per COVID-19 in pazienti a rischio standard), per valutare l’efficacia e la sicurezza nei partecipanti con una diagnosi confermata di infezione da SARS-CoV-2 che sono a rischio standard (cioè, non hanno fattori di rischio per malattie gravi). I primi dati hanno mostrato un rischio di ospedalizzazione e decesso diminuito dell’89% per qualsiasi causa correlata a Covid-19 nei soggetti che avevano ricevuto Paxlovid rispetto al gruppo di controllo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è covid-19-variant-inde-b-1-617-1.jpg

I partecipanti hanno ricevuto Paxlovid o un placebo per via orale ogni 12 ore per cinque giorni. Rispettivamente il 19 e il 21 per cento di coloro che avevano assunto il farmaco o il placebo ha segnalato effetti collaterali, la maggior parte dei quali di lieve entità. Lo 0,8% dei partecipanti che avevano ricevuto il farmaco è stato ricoverato entro 28 giorni dalla somministrazione, contro il 7% riscontrato tra coloro che avevano assunto il placebo. Al 28esimo giorno, riportano gli scienziati della Pfizer, non sono stati segnalati decessi tra coloro che avevano ricevuto Paxlovid, mentre dieci pazienti a cui era stato somministrato il placebo sono morti a seguito di complicazioni. Visti i risultati, Pfizer prevede di presentare i dati alla Food and Drug Administration (FDA) per l’autorizzazione all’uso di emergenza “il prima possibile”.

Ovviamente, come per tutti i farmaci, la probabilità, sicurezza e tollerabilità di un nuovo farmaco sono legate al numero di sperimentazioni effettuate, per cui il tempo ci darà maggiori conferme. Nel frattempo vaccinatevi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è molnupiravir-1024x480.jpg

Per completezza questa non è la prima pillola anti COVID-19. La FDA sta valutando quella prodotta da Merck, nota come Molnupiravir, un farmaco già approvato nel Regno Unito in grado di ridurre ricoveri e i decessi COVID-19 del 50%, se assunto entro cinque giorni.  

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

print
(Visited 109 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »