If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Reportage dall’isola del Giglio: ritorno al mare, ritorno alla vita – parte I

Reading Time: 7 minutes

livello elementare

.

ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ISOLA DEL GIGLIO

parole chiave: arcipelago toscano, immersioni

 

Dalle ultime immersioni nello splendido mare di Bosa erano passati quasi due anni. Abituato ormai da anni a sfruttare tutto l’anno per immergermi, mai mi sarei immaginato di dover affrontare una prova così dura e inaspettata in un momento in cui tutto il mondo cominciava una dura lotta contro un nemico invisibile e mortale. L’estate del 2020 non credo che la dimenticherò mai: al termine come tutti di un duro lockdown tra mille incertezze a causa di un tumore scoperto per caso, ero riuscito a trovare spazio in un ospedale romano dove uno staff mi aveva accolto, rassicurandomi su un intervento inaspettato che però non era certo una passeggiata. Vi risparmio tutti i particolari, tutto andò bene e iniziai la mia fase di recupero; quello fisico fu piuttosto rapido, ma non posso dire lo stesso di quello psicologico. Costretto come tutti da restrizioni dovute alla pandemia, mi dedicai anima e corpo al lavoro fino a quando, all’ennesimo urlo di dolore della bilancia, mi resi conto che stavo buttando al vento la mia vita. Poi, all’inizio dell’estate, in concomitanza con l’anniversario dell’operazione, decisi che dovevo tornare a combattere: visita medica di controllo, visita specialistica subacquea, e via con un programma di allenamento crescente ma implacabile… macinando chilometri di corsa crescenti ogni giorno, stringendo i denti come avevo appreso da ragazzo, con il supporto costante ed affettuoso di Tiziana. Se fosse vero l’antico proverbio giapponese, reso celebre da Ian Fleming, potremmo dire che “si vive solo due volte, la prima quando si nasce e poi quando si guarda la morte in faccia“. Mai mollare.

Ed eccomi ora su un traghetto verso l’isola del Giglio. In una giornata ancora calda di settembre, con il vento che taglia il viso e la pelle, non più abituata al sole, che brucia sotto gli ultimi raggi d’estate.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è arrivo-giglio.jpg

arrivo al Giglio

Per questo mio ritorno al mare, ho scelto l’isola del Giglio, un cono di granito che fa parte delle isole dell’Arcipelago toscano, un parco nazionale composto da sette isole: Elba, Giglio, Capraia, Montecristo, Pianosa, Giannutri e Gorgona. Isole antiche, frequentate dall’epoca preistorica e poi da Etruschi e Romani che hanno lasciato tracce della loro presenza.

Vere perle marine del Mar Tirreno, battute dal vento  e dal mare, dove leggende e storia si fondono insieme in un mare cristallino tra blu intensi e verde smeraldo. Il Giglio, per dimensioni la seconda isola dell’arcipelago, offre una costa spesso impervia dove si aprono baie sabbiose e piccole insenature lungo le quali fuoriescono dal mare faraglioni imponenti che proseguono negli abissi. La scelta non è stata casuale: i racconti di tanti amici e colleghi, tra cui un vecchio e indimenticabile amico, Giorgio Sciubba, ammiraglio pilota della Marina Militare, che aveva fatto dei fondali del Giglio una seconda casa, mi hanno guidato nella scelta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è diving-center-international-diving-top.jpg

International Diving, Giglio Porto – photo credit International diving

Mi sono appoggiato al International Diving di Gianmaria Vettore e Claudia Di Giuseppe, collocato a Giglio Porto, nei pressi di cala Saracena. Un supporto a 360 gradi che ci ha permesso di trovare un’eccellente sistemazione presso la Casa Rosada, un piccolo ma efficiente B&B. Partiti presto da Roma, dopo un viaggio di circa due ore, arriviamo a Porto Santo Stefano in tarda mattinata e prendiamo il traghetto per il Giglio, portando con noi la macchina.

Con il senno del poi l’abbiamo usata pochissimo ma essendo la prima volta abbiamo pensato di usarla per esplorare l’isola con maggior libertà. Il viaggio in traghetto dura circa un ora e, all’arrivo, ci rechiamo al diving per lasciare l’attrezzatura; come me è restata asciutta per due anni e, nonostante le manutenzioni di base, le sorprese possono essere sempre dietro l’angolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cala-saraceno-1024x768.jpeg

Cala del Saraceno

Mi immergo subito a Cala del Saraceno per verificare che tutto funzioni a dovere. L’ingresso in acqua è semplice; si cammina da riva trasportando gav e bombola e ci si veste comodamente in acqua … dopo una piana di ciottoli e materiali sfusi, si arriva ai limiti della piccola baia, un’antica pescera romana, e si scende dolcemente alla profondità di quattro metri, tra strisce di sabbia ed il limite superiore di una prateria di posidonia … sulla sinistra un grande masso liscio scende verso il basso quasi ad indicare la strada. Alla sua sommità una bella torre, detta torre del saraceno, domina la costa, ricordando i tempi in cui gli isolani dovettero difendersi dai feroci pirati che imperversavano il Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6417-1024x575.jpg

Gorgonie rosse alle Scole

Arrivato in una zona pianeggiante, mi fermo in ginocchio sul fondo mentre controllo le fruste e gli erogatori da eventuali perdite … mi sembra un eccellente posto per l’addestramento dei futuri subacquei e penso possa essere interessante farci un’immersione, spingendosi più nelle profondità, magari per fare delle belle immersioni notturne. Soddisfatto, esco dall’acqua e prendo accordi per la prima immersione che effettueremo nel pomeriggio. Claudia prende in consegna tutto il mio materiale che troverò direttamente a bordo della Ladybird, la loro barca appoggio. La prima impressione del centro immersioni è di grande efficienza e disponibilità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6380-1024x766.jpg

Pancratium maritimum o giglio di mare

Efficienza e professionalità
Dopo uno spuntino ci rechiamo a bordo, dove le prime impressioni vengono confermate. Lo staff è molto attento alle procedure per la prevenzione sicurezza e, in particolare, del COVID 19… non ci sono assembramenti e tutte le rubinetterie delle bombole sono protette da un sacchetto … il materiale personale è mantenuto in una sacca personale e vengono forniti dei sacchetti per proteggere gli erogatori. Anche le vestizioni sono effettuate in maniera alternata, per evitare contatti ravvicinati. Non ultimo i protocolli sono quelli approvati sulla base delle linee guida di Pasquale Longobardi, Presidente dell’Accademia Internazionale delle Scienze e Tecniche Subacquee.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2021-09-08-giglio.png

si riparte, Giglio 2021

Immergersi alle Scole
La prima immersione è alle Scole, a soli cinque minuti di navigazione, nel luogo tristemente famoso per la tragedia della Costa Concordia. Fu proprio l’urto contro gli scogli delle Scole a causare la falla sullo scavo che provocò il naufragio. Claudia mi racconta che questa immersione, in realtà, non è la sola immersione: è possibile effettuare almeno 7-8 percorsi differenti e tutti offrono la particolarità di fornire ottimi spunti per fotografi, grazie alla ricca biodiversità presente. Grazie ad un termoclino abbastanza superficiale le prime gorgonie rosse (Paramuricea clavata), si trovano a 18 metri di profondità, un lusso per i subacquei meno esperti e per i fotografi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6255-1024x575.png

Eunicella cavolinii o gorgonia gialla

Dopo aver ancorato proprio di fronte allo scoglio più grande, si scende su un fondale di circa 15 metri, ricoperto di massi che fungono da tana, da cui si parte per visitare la parete che si snoda sulla sinistra, dove si possono incontrare gorgonie rosse spesso completamente ricoperte di bouquet di Claveline. Sulla parete un bell’esemplare di Pancratium maritimum o giglio di mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2013-Elba-parazoanthus-16-9.jpg

Parazoanthus axinellae o margherite di mare su coralligeno 

Si incontra il Cristo con l’ancora in ricordo dei marinai deceduti in mare, posizionato sui 25 metri, proprio accanto ad un enorme masso che, poggiando sullo scoglio sottostante, forma un tettuccio ricoperto di splendide piccole margherite di mare (Parazoanthus axinellae), il cui giallo acceso è intervallato qua e là dal rosso brillante delle stelle marine: al riparo del tettuccio si incontrano grossi scorfani, corvine, cernie e musdee.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6265-1024x575.jpg

Paramuricea clavata o gorgonia rossa

Scendiamo poi verso destra, puntando l’esterno del sito per incontrare dapprima delle guglie molto alte, e subito dopo, le immancabili gorgonie rosse, che dai 30 metri ospitano numerosissimi esemplari di stella gorgone (Astrospartus), ormai diffusissima in tutto il Giglio anche a profondità ricreative.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6423-1024x575.jpg

Astrospartus o stella gorgone

Entrambi i percorsi hanno la particolarità di svilupparsi in parete ma vicino a scogli di grandi dimensioni, che diventano facili tane per cernie, murene, musdee e gronghi. Felicissimi anche gli incontri con numerosi nudibranchi, di dimensioni molto ridotte come flabelline, cratene, vacchette di mare, janolus ma anche i più grandi umbraculum.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è customer-success-raising-the-costa-concordia-featured-1024x768.jpg

sul punto di immersione si trova dove si arenò la Costa Concordia, di lei nessuna traccia se non una targa a perenne memoria di questo dramma del mare . foto dal web

Non ultimo, alla profondità di otto metri, si trova una targa commemorativa per i 32 deceduti nel tragico naufragio della Costa Concordia. Il ricordo va a quella notte in cui la grande nave da crociera andò incontro al suo destino, a seguito della scellerata decisione del Comandante di eseguire quell’inchino che avvicinò pericolosamente la Costa Concordia all’isola, facendola urtare sugli scogli delle Scole. Non fu un caso fortuito e sarebbe potuto essere peggio se la cinematica della nave, obbligata dal blocco di un timone, non la avesse riportata vicino al Giglio, facendola adagiare su un fondale poco profondo. La targa è stata posta proprio sulla porzione di scoglio che era rimasta all’interno dello scafo della nave; una volta rimosso lo scoglio è stato riposizionato nello stesso punto in cui avvenne l’impatto a perpetua memoria. Una bella prima immersione ricca di suggestione.

Immersione alle Scole
profondità minima 5 metri
profondità massima oltre i 60 metri

Torniamo in porto, ci aspetta una bella serata in un ristorante sul mare, naturalmente a base di pesce. La luna splende grande sul mare e l’aria è ancora gradevole … non potrebbe essere meglio.  A domani … torneremo in mare per scoprire nuove immersioni all’isola del Giglio … restate con me.

Fine prima parte – continua

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Se non diversamente attribuite, le foto appartengono all’autore, Andrea Mucedola 

,

PAGINA PRINCIPALE

PARTE I
PARTE II

print

(Visited 162 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »