If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Linee guida di semeiotica per il diporto … ma non solo

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MEDICINA 

parole chiave: semeiotica, emergenza in mare, primo intervento

 

Trovarsi in località remote o difficilmente raggiungibili, sia materialmente che telefonicamente, può accadere per il diportista nautico più facilmente di quanto si pensi. È sufficiente essere all’ancora in una rada di un’isola, al riparo da condizioni meteo marine insostenibili per la navigazione  e  puoi renderti conto che, anche a pochi chilometri di distanza dalla civiltà, sei praticamente tagliato fuori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barca-a-vela-navigazione-1024x491.png

L’alta scogliera della baia che ci da riparo dai marosi può impedire ogni tipo di comunicazione sia VHF che telefonica. A meno di avere un telefono satellitare o una radio SSB (una dotazione che pochi possono permettersi di avere su piccole imbarcazioni) qualunque cosa accada a bordo della barca non avremo la possibilità di chiedere soccorso o aiuto. In queste situazioni se il problema riguarda la barca, la questione si potrà risolvere con relativa calma, ovviamente rispolverando tutte le nozioni di meccanica, carpenteria, elettrotecnica, idraulica che di volta in volta si rendono necessarie per intervenire sui guasti di bordo. Per questo la biblioteca del diportista nautico prevede una serie di manuali per la manutenzione, istruzioni per principianti che possono coprire molte emergenze.

Quando i problemi sono nostri
Poco o nulla c’è in circolazione se il problema riguarda la salute di uno dei membri dell’equipaggio, specialmente qundo si è a bordo delle imbarcazioni da diporto. Per questo mi è venuto in mente di redigere un piccolissimo sunto delle principali patologie che possono affliggere un componente dell’equipaggio e come riuscire a fare un’ipotesi diagnostica mentre ci dirigiamo in porto. Non prenderò in considerazione i traumi conseguenti ad incidenti, che a bordo sono purtroppo frequenti e che bene o male ognuno di noi è abituato a fronteggiare, entro certi limiti, durante i corsi di Medic First Aid o di pronto soccorso. Mi limiterò ad analizzare quelle patologie dolorose che normalmente riempiono le sale d’attesa dei pronto soccorso degli ospedali e darò dei semplici suggerimenti per aiutarvi a capire ciò che provoca il malessere.

Visto che siamo obbligati per legge ad avere a bordo una serie di farmaci, una volta formulata una possibile diagnosi, potremo in emergenza anche pensare di autosomministrarci un farmaco.

Attenzione, sebbene la prescrizione e la somministrazione di un farmaco sia un atto medico (ci sono stati casi in cui skipper troppo zelanti sono stati accusati di esercizio abusivo della professione), in caso di necessità e mancando il parere di un medico, il farmaco dovrà essere assunto per volontà e per mano del paziente stesso.

Ciò non toglie che, se si hanno delle minime basi, si potrà distinguere il dolore dovuto ad un’appendicite da quello di una colica renale o biliare ed agire con prudenza di conseguenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dolori-addomiamli.jpg

I dolori addominali
Qualora ci trovassimo di fronte ad un quadro di forte dolore addominale possiamo avvalerci di diversi metodi per risalire alle cause ed eventualmente intervenire.

In caso di possibile appendicite, per giungere alla diagnosi senza la possibilità di ricorrere ai dati di laboratorio e agli esami strumentali, un buon punto di partenza è sicuramente quello di valutare i segni clinici visibili e i sintomi che il paziente ci riferisceQuesta immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è i-punto-di-Macburney.png

Il sintomo principale è rappresentato da un dolore continuo che aumenta progressivamente, localizzato al quadrante inferiore destro dell’addome (punto di MacBurney). È abitualmente accompagnato da nausea, vomito e febbre. Dopo aver preso in considerazione lo stato clinico del soggetto possiamo affidarci ad alcuni segni di semeiotica medica. La manovra semeiologica più importante che possa venire in nostro soccorso per una diagnosi clinica di appendicite è la manovra di Blumberg.

Questa si esegue con il paziente in posizione supina e con l’addome, per quanto possibile, rilassato. La manovra consiste nel poggiare delicatamente le dita della mano sulla parete addominale ed esercitare una pressione in modo lento e progressivo. Successivamente si rilascia la mano dalla parete addominale in modo brusco. Se questo esame semeiologico riporta una “dolorabilità al rimbalzo” ci indica che ci può essere una possibile presenza di infiammazione a carico della parete addominale. Il segno sarà positivo e indice di appendicite se il soggetto avvertirà un dolore acuto trafittivo nel punto di Macburney.

Anche se nella maggior parte dei casi è necessario ricorrere all’intervento chirurgico di appendicectomia, talvolta forme lievi di appendicite si possono risolvere con la somministrazione degli antibiotici. In assenza di possibile intervento medico i farmaci più indicati sono sicuramente FANS (antinfiammatori non steroidi) e antibiotici ad ampio spettro.

Deve essere stigmatizzato che l’utilizzo di antinfiammatori deve essere limitato a minimizzare il dolore lancinante ma potrebbe mascherare la sintomatologia e portare ad un’evoluzione silente del processo infiammatorio.

Prima di descrivere la manovra, è bene sottolineare quali siano i sintomi di una colica biliare. Essa comporta un dolore acuto e intermittente che migra verso l’alto, il dorso e la regione sotto la scapola e la spalla destra. Altri sintomi da non sottovalutare sono poi nausea, vomito e in caso in cui il quadro sfoci in una colecistite acuta può insorgere anche febbre ed ittero. Un’altra manovra semiologica di semplice e rapida esecuzione che è bene tenere a mente è la manovra di Murphy che torna utile nel caso in cui la causa del dolore addominale sia una calcolosi biliare.

Anche in questo caso per la diagnosi, in assenza di una struttura dotata di strumenti diagnostici, possiamo avvalerci della semeiotica. La manovra di Murphy si esegue con la mano destra appoggiata a piatto sul quadrante superiore destro dell’addome. Si imprime una pressione con le punte dell’indice e del medio sotto la 10ª costa di destra, nel cosiddetto punto colecistico

Successivamente, sempre continuando a comprimere con le dita, si fa inspirare profondamente il paziente, così da spingere verso il basso e in avanti la colecisti fino a toccare la parete anteriore dell’addome. Se è presente una calcolosi biliare, il tocco dell’organo da parte delle due dita esacerberà il dolore, per cui il paziente smetterà bruscamente di inspirare. In caso di calcolosi è opportuno somministrare Ioscina butil bromuro 1f i.m. (conosciuto commercialmente con il nome Buscopan). Se la sintomatologia comprende, oltre alla componente spastica, anche un dolore subcontinuo, si può associare un analgesico non narcotico come: Diclofenac 1 f i.m. (nome commerciale Voltaren).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è calcoli-renali-1-1024x513.jpg

Calcoli renali … che dolore!!!

Un dolore colico, forte, improvviso ed intermittente può essere provocato anche dai calcoli renali. Il dolore rappresenta il sintomo più frequente e si sviluppa a cicli e parossismi della durata di 20-60 minuti. Insorge a livello lombare monolaterale, in corrispondenza del rene interessato dal processo litiasico. Con periodi di stasi e di riacutizzazione, dunque, il dolore si irradia in senso discendente fino alla regione sacrale, genitale e anteromediale della coscia.

Ci indirizzerà verso la diagnosi la manovra di Giordano in cui l’operatore che esegue la manovra si posiziona di fianco al paziente e con la parte ulnare della mano, posizionata di taglio, percuote con un colpo deciso nella loggia renale del paziente. Se il paziente, in seguito alla manovra, manifesta dolore, vi può essere una situazione di calcolosi renale

Una volta posta la diagnosi la terapia di base si fonda sul controllo del dolore ed abbondante idratazione, perciò per un primo approccio farmacologico sarà utile assumere dei FANS come il Diclofenac o il Ketorolac (Toradol).

In ogni caso, all’arrivo in porto, fatevi sempre visitare da un medico che nel caso  provvederà a farvi effettuare gli esami necessari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cirm.jpg

Ci fermiamo per ora qui … ma voglio ricordare che i naviganti di tutto il Mondo possono usufruire del CIRM (Centro Internazionale Radio Medico), una fondazione italiana che offre assistenza medica e che può essere contattata telefonicamente, via internet e tramite stazioni radio costiere.

Linda Maria Lucarini

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è linda-lucarini.pngLinda Maria Lucarini
ha conseguito la Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Perugia ed è attualmente un medico specializzando in radiodiagnostica presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Ovviamente è un’amante del mare e, cosa non comune, dalla nascita ha trascorso almeno un minimo di 150 giorni l’anno in barca, navigando nel Mar Mediterraneo. Pratica la subacquea ed è in possesso della Patente nautica.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

print
(Visited 167 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »