If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le due vite dell’incrociatore Dogali

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: REGIA MARINA

parole chiave: Dogali

 

Le navi possono aver più vite: cambiare nome, bandiere e ruolo ma mantengono sempre il loro imprinting iniziale che le accompagna, come seguendo un destino non scritto, fino alla loro dismissione. Oggi Guglielmo Evangelista ci racconta la storia avventurosa di un incrociatore della regia marina italiana, il Dogali, una nave che nella sua vita operativa solcò gli oceani del mondo sotto due bandiere fino alla sua dismissione, dopo oltre 40 anni di onorato servizio.

 

L’incrociatore protetto Dogali fu costruito in Gran Bretagna nel 1887 per conto della Grecia che tuttavia vi rinunciò quando la nave era quasi ultimata. Fu così che la regia marina italiana, che in quegli anni stava sviluppando una linea di unità proprio di quel tipo, la acquistò. La vita di questa nave fu molto intensa e si concretò in buona parte in lunghe crociere all’estero, specialmente in America. Durante l’ultima di queste, dopo aver toccato numerosi porti del Pacifico ”nell’ottobre 1907 il Dogali rientrò in Atlantico raggiungendo Montevideo dove cessò la sua attività sotto bandiera italiana. Venne infatti venduto al governo dell’Uruguay”.

Con queste testuali parole si conclude il capitolo che il libro “Gli incrociatori italiani” dell’’Ufficio Storico della Marina Militare dedica all’attività di questa nave. Ad essa, quindi, non fu riservata la demolizione, ma una seconda vita sotto un’altra bandiera; in queste righe cercheremo di ricostruirne le successive vicende. La Marina dell’Uruguay aveva una storia molto antica e fra i suoi comandanti annoverò anche Giuseppe Garibaldi (1) ma, terminata l’era dei feroci conflitti sudamericani, si ridusse a poco: il Paese era sostanzialmente tranquillo ed aveva perso l’aggressività di un tempo,  e quindi  l’impiego della Marina si ridusse alla vigilanza costiera e fluviale, al supporto delle operazioni terrestri dell’esercito e ai trasporti per conto dello Stato.

All’inizio del ‘900 disponeva di quattro cannoniere di tipo eterogeneo e di una piccola nave trasporto, tutte non recenti e armate con artiglierie di piccolo calibro. Sotto il presidente Williman la marina uruguaiana ricevette un certo impulso: nel 1907 fu fondata l’Accademia Navale e furono acquisiti il regio incrociatore Dogali, in seguito ribattezzato Montevideo, una cannoniera ed alcune navi ausiliarie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2.jpg

L’incrociatore raffigurato in un francobollo. In secondo piano la cannoniera 18 del Julio (Coll. dell’autore)

L’obiettivo della marina uruguayana, più che di disporre di un mezzo da combattimento con cui sfidare o difendersi dai suoi potentissimi vicini, era quello di avere una nave di dimensioni relativamente grandi, con una struttura ed apparecchiature complesse in modo da formare al meglio il personale e poter affrontare lunghe navigazioni; una formazione che sarebbe stata impossibile da ottenersi  sulle piccole unità a disposizione e, non per nulla, il Montevideo venne classificato come incrociatore-scuola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3.jpg

Nello stretto di Magellano (da Aportes a la historia de la marina de guerra nacional)

Secondo le fonti uruguayane l’idea della cessione da parte dell’Italia sarebbe nata causalmente. Quando il Dogali, dopo la crociera nell’oceano Pacifico, giunse a Montevideo  il guardiamarina Carlos Olivieri (2) della cannoniera 18 de Julio, che all’epoca era l’”ammiraglia” della piccola flotta uruguaina, salì a bordo per una visita protocollare al comandante Bonino. Durante la conversazione informale che seguì  il comandante riferì  che la nave  era stata sul punto di essere ceduta a una marina del Pacifico, ma alla fine non se n’era fatto nulla.  D’altra parte la vendita era ormai la soluzione migliore perché l’unità, logorata dalle lunghe navigazioni lontano dalla patria, avrebbe avuto bisogno di radicali lavori che non sarebbero stati giustificati dall’età.  

Olivieri riferì la cosa al suo superiore, il Capitano di Vascello Juan Escabini. Questi, che conosceva l’interesse del Presidente della Repubblica  per il potenziamento della marina, visto che la nave era disponibile decise di informare il Governo che dette parere favorevole. La transazione si concluse rapidamente e l’unità fu venduta per 500.000 lire (3); naturalmente il primo comandante fu il Capitano di vascello Juan Escabini.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 4.jpg

poppa del Montevideo dove, sopra la scritta, si apriva l’oblò del camerino del comandante (da Aportes a la historia de la marina de guerra nacional)

Le vicende successive non sono particolarmente interessanti, ma rendono bene l’idea di quella che poteva (e forse può essere anche oggi) la vita di una piccola marina. Il principale impiego del Montevideo furono le missioni di rappresentanza nei porti dello Stato e degli stati vicini (viajes de confraternidad) o per il trasporto di personale diplomatico:  l’Argentina, dove si recò in numerose occasioni, il Cile, raggiunto nel 1910 passando per lo stretto di Magellano, e gli scali brasiliani fino a Rio de Janeiro.

Nell’ottobre del 1917 l’Uruguay dichiarò guerra alla Germania confiscando le navi tedesche presenti nei suoi porti, ma non prese mai parte ad operazioni belliche: al Montevideo vennero date però disposizioni sull’approntamento dei pezzi e sui posti di combattimento nel caso di  eventuali incontri ostili di nazioni in guerra.

Le condizioni della nave, ormai ultratrentenne, decaddero rapidamente e dopo un primo ciclo di lavori nel 1920-21 ne seguì un altro più radicale nel 1924 che, assieme ai periodici interventi di manutenzione, ne alterarono sensibilmente le caratteristiche originarie. Dopo essere stata messa a disposizione del  Servizio idrografico dell’Esercito, nel novembre del 1928 l’incrociatore fu inviato in missione a Fray Bentos all’imbocco del fiume Uruguay, ma  nel viaggio di ritorno a Montevideo si incagliò in un bassofondo sabbioso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 5-568x1024.jpg

Il Montevideo in corso di demolizione (da Aportes a la historia de la marina de guerra nacional)

Benché non avesse riportato danni , una volta recuperato  sembra  che non abbia svolto ulteriore attività. Il 31 marzo 1931 il Ministro della Guerra e Marina ne ordinò la radiazione assieme alla cannoniera 18 de julio, compagna di tante crociere ed esercitazioni. L’unità così concluse il suo servizio dopo 44 anni di servizio e 82 missioni importanti sotto bandiera uruguayana (4).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 6.jpg

Una bellissima inquadratura della cannoniera Paysandù (dal web)

Uscito di scena il Montevideo i legami navali con l’Italia non si persero e nel tempo si sono rinnovati fino ai giorni nostri quando, nel 1935, i Cantieri Narvali di Ancona costruirono le tre cannoniere Paysandù, Salto e Rio Negro che sarebbero rimaste in servizio fino alle soglie del 2000. Ancora nel 2020-21 sono stati consegnati due elicotteri Agusta AB412 già appartenuti alla Guardia Costiera.

 

Guglielmo Evangelista

 

Note

Caratteristiche Sotto bandiera italiana Sotto bandiera uruguaiana
dislocamento (tonn.) 2200 2602
velocità 19,5 nodi 15 nodi
Armamento principale 6-152 6-152
Armamento secondario 9-57 9-27 (?)
mitragliere 2  –
lanciasiluri 4  –
potenza 7197 HP 7500 HP
ufficiali 6 16
equipaggio 232 171

 

  1. Garibaldi ebbe il comando della corvetta Costitution, della goletta Proceda e del brigantino Peresia con i quali sostenne uno scontro sfortunato contro l’ammiraglio argentino William Brown. In vari passi delle sue Memorie, pubblicate la prima volta a  Firenze nel 1860, Garibaldi ricorda diversi episodi della sua vita di marinaio al servizio dell’Uruguay, svoltasi fra il 1843 e il 1848. 
  2. Molti anni dopo il contrammiraglio Carlos Olivieri divenne  il decano della marina uruguayana. Scrisse Aportes a la historia de la Marina de guerra nacional da cui sono state tratte varie informazioni presenti in questo articolo. 
  3. Considerato che la nave fu pagata 156.000 sterline, al cambio dell’epoca meno di 4 milioni di lire; nel complesso si trattò di un discreto affare. 
  4. Benché piuttosto anziano, il Montevideo non lo era particolarmente per certi standard delle marine sudamericane: per fare un paio di esempi vanno ricordati l’incrociatore corazzato argentino Pueyrredon del tipo Garibaldi rimasto in servizio per 57 anni e le cannoniere paraguayane Humaità e Parguay del 1930 ancora oggi in servizio, benché con compiti di stazionari. E questo senza contare il peruviano Puno del 1870 che, nonostante la sua incredibile età e infinite ricostruzioni, svolge tuttora le funzioni di nave ospedale per la Guardia Costiera distaccata sul lago Titicaca. 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

in anteprima il crucero Montevideo (Cartolina dell’epoca)

 

print
(Visited 166 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »