If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Una cura per i coralli

Reading Time: 5 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Ricerca, genetica, coralli, bleaching

 

Il fenomeno dello sbiancamento di massa delle barriere coralline (coral bleaching) è causato dal riscaldamento degli oceani perché i coralli non sono in grado di far fronte a prolungati picchi di temperatura e muoiono.

Come abbiamo descritto in altri articoli su OCEAN4FUTURE, sebbene le barriere coralline rappresentino meno dello 0,1 percento del fondo oceanico del mondo, ospitano e favoriscono la vita di circa il 25 percento di tutte le specie marine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è coral-reef.jpg

Inutile dire che le ricadute sull’ambiente e sulle economie locali sono significative. Di conseguenza, sono in gioco i mezzi di sussistenza di 500 milioni di persone ed una ricaduta reddituale di oltre 30 miliardi di dollari.

Combattere il coral bleaching è quindi una necessità. Fino ad oggi gli scienziati sono limitati ad un vigile controllo delle barriere coralline attraverso campagne di ricerca su spot significativi. Secondo una nuova ricerca, sembrerebbe che trattare i coralli con un cocktail probiotico di batteri possa aumentarne la sopravvivenza. Questo trattamento potrebbe essere somministrato in anticipo rispetto a un’ondata di caldo per far sopravvivere i coralli in modo da riprendersi dalle alte temperature del mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è jewels_of_red_sea-1024x576.jpg

una barriera corallina nel Mar Rosso, foto KAUST

L’attuale cambiamento climatico sta portando ad un aumento delle temperature degli oceani che, anche con un drastico cambiamento di rotta, per una sorta di inerzia termica resteranno caldi per molti decenni.

L’aumento delle temperature, favorito dalle ondate di calore, di fatto interrompe la relazione tra i coralli e le loro alghe fotosintetiche simbionti provocandone la morte, il cui effetto visibile è il conseguente sbiancamento dei coralli (coral bleaching).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Raquel.Peixoto_probiotics.9894_KAUST.JWest_-1024x768.jpg

La dottoressa Raquel Peixoto,  del KAUST, discute l’importante ruolo svolto dai probiotici nel recupero dei coralli nel Marine Microbiomes Lab presso KAUST. Foto: KAUST / JWest

In un recente articolo pubblicato su Science.org  alcuni ricercatori del King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) hanno presentato uno studio decisamente interessante per i possibili sviluppi futuri. Gli scienziati, manipolando il microbioma dei coralli, hanno scoperto che si potrebbe migliorare la loro tolleranza allo stress utilizzando dei microrganismi benefici (in inglese Beneficial Microorganisms for Corals o BMC).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sciadv.abg3088-f5-717x1024.jpg

Per testarlo, il team ha selezionato sei ceppi batterici isolati dal corallo Mussismilia hispida e li hanno usati per inoculare colture sperimentali di M. hispida.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mussismilia-hispida-1024x769.jpg

il corallo Mussismilia hispida

Allo stesso tempo, i coralli sono stati esposti a un trattamento di stress termico, simulando un aumento della temperatura di 30 gradi Celsius per un periodo di 10 giorni, prima di tornare alla temperatura normale di conservazione di 26 gradi Celsius. In pratica hanno simulato gli effetti di un’ondata di calore. I ricercatori hanno monitorato nel tempo la salute dei coralli e misurato la diversità microbica ed i parametri metabolici nei trattamenti con e senza probiotici o stress da calore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Probiotics.mascjuice.9884_KAUST_JWest-727x1024.jpg

Gli scienziati del KAUST hanno creato un probiotico dal “succo di corallo”, una soluzione di acqua di mare contenente frammenti di corallo ed i microrganismi che vi vivono. Da questa miscela, i ceppi di batteri vengono selezionati per il loro potenziale genetico e metabolico per fungere da probiotici o microrganismi benefici per i coralli (BMC). Foto: KAUST / JWest

Inizialmente, non apprezzarono alcuna differenza: i coralli, con e senza probiotici, sembravano reagire in modo simile al picco prolungato di  temperatura ed entrambi si erano sbiancati, ma dopo l’abbassamento della temperatura, i ricercatori hanno osservato una ripresa inaspettata nel gruppo di coralli che era stato trattato con la miscela BMC probiotica.

olobionte ovvero l’insieme degli organismi “ospite” ed i micro-organismi che vivono in simbiosi con il corallo traendone un vantaggio reciproco

In pratica, il trattamento probiotico aveva migliorato la risposta e il recupero dei coralli dopo lo stress da calore, aumentando la loro sopravvivenza dal 60% al 100%. I ricercatori sostengono che i risultati ottenuti dimostrino che una miscela di BMC aiuti l’olobionte a mitigare gli effetti del “disturbo da stress post-calore” e quindi a ristrutturare i profili fisiologici e metabolici della colonia consentendone la sopravvivenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sciadv.abg3088-f1-893x1024.jpg

Durante il periodo di recupero, i coralli trattati con BMC avevano una minore espressione di geni coinvolti nella morte cellulare e nella successiva ricostruzione cellulare ed una maggiore espressione dei geni di protezione dallo stress termico.

Interessante il fatto che il trattamento con BMC abbia anche alterato il profilo del microbioma, incorporando alcuni dei batteri benefici ed altri cambiamenti nella struttura della popolazione.

Il termine microbioma indica la totalità del patrimonio genetico posseduto dal microbiota, mentre con il termine microbiota si fa riferimento alla totalità dei singoli microrganismi ⎼ batteri, funghi, archeobatteri e protozoi ⎼ e dei virus che vivono e colonizzano uno specifico ambiente in un determinato tempo. Per cui quando si parla di macrobioma si intende la totalità dei geni che quest’ultimo è in grado di esprimere.

Una ricerca interessante che apre molte strade che vanno oltre i coralli e la loro sopravvivenza …
.

immagini tratte dallo studio in riferimento

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

 

Riferimento
Santoro, E.P., Borges, R.M., Espinoza, J.L., Freire, M., Messias, C.S.M.A, Villela, H.D.M., Mattos, L.P., Vilela, C.L.S., Rosado, J.G., Cardoso, P.M., Rosado, P.M., Assis, J.M., Duarte, G.A.S., Perna, G. Rosado, A.S., Macrae, A., Dupont, C.L., Nelson, K.E., Sweet, M.J., Voolstra, C.R. & Peixoto, R.S.
Coral microbiome manipulation elicits metabolic and genetic restructuring to mitigate heat stress and evade mortality. Science Advances 7, eabg3088 (2021).| article

print
(Visited 43 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »