If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il circolo polare artico, fatti e curiosità

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA E CLIMATOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: circolo polare, eclittica, Artico, geopolitica

 

L’estate climatica sta finendo e ci avviciniamo alla stagione di passaggio verso l’inverno dove le temperature nel nostro emisfero ed alle nostre latitudini sono meno alte. Eppure ci sono aree in cui le escursioni termiche hanno parametri diversi, e le temperature sono mediamente sempre più basse rispetto alle zone temperate. Oggi parliamo del Circolo Polare Artico, un cerchio immaginario che delimita un’area di circa 14,5 milioni di chilometri quadrati, poco meno del 3% della superficie terrestre. Al suo nord troviamo la regione artica, comunemente chiamata Artico, dove si trova il Polo Nord.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CIRCOLO-POLARE-ARTICO-1900x1080-1-1024x582.jpg

I circoli polari sono dei paralleli geografici che coincidono, quasi esattamente, ai confini delle zone in cui si verificano la notte polare e il giorno polare durante i solstizi.

In realtà, a voler essere precisi, questa descrizione è approssimativa in quanto i limiti sono affetti dalla rifrazione atmosferica che “piega” i raggi luminosi vicino all’orizzonte ed al moto della Terra intorno al Sole lungo l’eclittica. Essendo l’asse del nostro pianeta inclinato rispetto all’equatore celeste di 23°27′ (più precisamente 23° 26′ 22″), in un determinato momento esistono aree della Terra che ricevono maggiore o minore insolazione perché, ricevendo i raggi solari in modo obliquo, si scaldano di meno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eclitica.gif

Un altro fattore che influisce è la precessione dell’asse terrestre dovuta all’attrazione del Sole e della Luna ed al fatto che la forma del nostro pianeta non è esattamente sferica (come ci fa comodo rappresentare). Questo fa sì che la linea degli equinozi (cioè il segmento congiungente i due punti dell’orbita terrestre in cui si verificano gli equinozi) vari nel tempo. Infine vi sono delle oscillazioni dell’asse di minore entità (circa 20′) e con un periodo più breve (circa 18,6 anni) per un fenomeno detto nutazione. A causa di questi moti nelle regioni polari, nei relativi periodi estivi, il Sole si abbassa sull’orizzonte, senza mai tramontare (il famoso sole di mezzanotte), sfiorando il punto più basso dell’orizzonte e quindi ricomincia a salire. Invece in quelli invernali non sorge mai al di sopra dell’orizzonte, arrivando al massimo a schiarire il cielo con una luce vespertina nelle ore centrali del giorno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sole-di-mezzanotte.png

Per quanto sopra, pur partendo dal presupposto che l’inclinazione dell’asse terrestre rispetto all’eclittica varia sensibilmente col passare del tempo, è stato stabilito di fissare il valore di 66° 33′ 39″ di latitudine ai due circoli polari. Quest valore è stato calcolato facendo la differenza tra la verticale (90°) dell’inclinazione dell’asse di rotazione della Terra (latitudine dei poli) e il piano dell’eclittica (23° 26′ 22″).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è artic-population.jpg

I cerchi polari sono spesso chiamati in causa come limiti delle regioni polari della Terra a causa del loro ambiente climatico intrinseco. Nel caso del circolo polare artico sono interessati diverse regioni geografiche: la Groenlandia, le Svalbard e altre isole polari, le parti settentrionali della terraferma della Siberia, dell’Alaska e del Canada, le coste del Labrador, il nord dell’Islanda, ed un lembo della costa settentrionale della Norvegia, Finlandia e della Svezia.

Una curiosità
Attualmente il circolo polare artico attraversa anche l’isola di Grímsey, Islanda, ma per il fenomeno della processione e della nutazione, la sua attuale posizione si sta “muovendo” verso nord di circa 15 metri all’anno. All’inizio del XXI secolo il Circolo passava già vicino all’estrema punta settentrionale dell’isola e, secondo i calcoli, attorno alla metà di questo secolo ritornerà verso sud.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è orbis-et-globus.jpgQuesto movimento è ben conosciuto e già nel XVIII secolo gli indicatori geografici, che segnavano la posizione del Circolo, erano stati spostati verso nord. In pratica, venivano eretti sulla terra ferma dei semplici monumenti che indicavano il punto di passaggio del circolo Questo ne facilitava lo spostamento nell’anno successivo. Dal 2017 è stata inaugurata al Circolo Polare Artico nell’isola di Grímsey una sfera di pietra del peso di otto tonnellate e tre metri di diametro. L’opera d’arte ha una forma sferica per essere meglio spostata intorno all’estremità nord dell’isola in accordo con lo spostamento del Cerchio.

Perché si parla sempre più spesso dei circoli polari e, in particolare, di quello artico?
L’area tra il circolo polare ed i poli viene chiamata Artico nell’emisfero nord e Antartide in quello meridionale. A differenza dell’Antartide, che nasconde un vasto continente di terre ricoperte dai ghiacci, la maggior parte dell’Artico è coperta dall’Oceano Artico, ed è parzialmente ghiacciato, con uno spessore attualmente compreso tra i 2 a 3 metri secondo i dati del National Snow & Ice Data Center.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-Arctic_circle.svg.png

Il cambiamento climatico sta accelerando lo scioglimento dei ghiacci rendendo sempre minore il processo per cui il ghiaccio marino artico cresce e cala con le stagioni senza mai scomparire del tutto. In altre parole, sembrerebbe che lo strato di ghiaccio e la sua estensione si stiano mediamente assottigliando. L’interesse, come vedremo, non è solo climatologico ma riguarda alcuni aspetti geopolitici non trascurabili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ghiaccio-estensione-mar-artico.png

Gran parte dell’Artico è costituito dall’acqua salata dell’Oceano Artico dove alcune parti rimangono congelate per tutto l’anno (o quasi tutto) e costituiscono la banchisa (detta anche ghiaccio marino). Si tratta di una vasta ed inospitale area geografica,  dello spessore di circa tre metri,  spesso completamente coperta da una coltre di neve. Per quanto possa sembrare strano, a causa delle basse temperature, il ghiaccio è invece composto da acqua dolce. Questo perché durante il processo di congelamento, i sali minerali restano in soluzione e ciò che viene congelato è semplicemente acqua pura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è banchisa-artica-1024x674.png

La grande banchisa artica non è costante e varia stagionalmente, raggiungendo a marzo i 15 milioni di km² e scendendo a settembre ad un’estensione di 6,5 milioni di km². La parte della banchisa alla deriva, ovvero che galleggia liberamente, consiste invece in lastroni di ghiaccio che si spostano sulla superficie dell’acqua in balia delle correnti marine e dei venti. Quando compattati insieme formano una massa di grandi dimensioni chiamata pack. Quando si distaccano, trasportati dalle correnti marine, formano gli iceberg che, grazie alla bassa densità del ghiaccio puro (inferiore a quella dell’acqua di mare), galleggiano, mantenendo però circa il 90% del loro volume sommerso.

Il ghiaccio marino ha un’importanza fondamentale per la vita sulla Terra, contribuendo a determinare il clima terrestre. Di fatto, come una grande coperta, esso avvolge l’oceano, isolandolo e diminuendo così la dispersione del calore dal mare verso l’atmosfera. Inoltre il ghiaccio della banchisa, essendo bianco, è molto riflettente, e contribuisce alla quantità di radiazione solare che viene rispedita nello spazio per riflessione, per cui la diminuzione stagionale a causa dello scioglimento delle banchise. Questo comporta una minor riflessione dei raggi solari e quindi un ulteriore riscaldamento del pianeta.

Parlando sempre di clima, durante i mesi invernali dell’emisfero settentrionale, l’Artico è uno dei luoghi più freddi e più bui della Terra, decisamente inospitale per gli umani. Almeno per ora … 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Neve-nera-in-Artico-allarme-scioglimento-dei-ghiacci.jpg

Al di sopra del circolo polare artico si apre un territorio di estremo interesse che si stima possa contenere il 13% delle risorse di gas naturale non ancora scoperte ed un … mare di petrolio. Ad esempio è stato valutato che il versante artico dell’Alaska contiene il 6% dei maggiori giacimenti petroliferi degli USA e uno dei 100 maggiori giacimenti di gas naturali al mondo.

Inoltre, l’Artico è anche ricco di minerali, come nichel, rame, titanio, ferro ed altri preziosi minerali. Alcuni di questi materiali sono sepolti nei fondali dell’Oceano Artico ma potrebbero diventare industrialmente disponibili nei prossimi anni. Una ragione di più per le nazioni geograficamente interessate per cercare di accaparrarsi tali ricchezze. Ma non solo. L’Istituto Artico ha evidenziato che il governo della Groenlandia ha espresso interesse facilitare degli investimenti esteri per aiutare a diversificare la sua economia (attualmente basata sulla pesca) con grandi progetti minerari e infrastrutturali per sfruttare le sue risorse naturali che comprendono anche minerali rari, necessari per l’industria elettronica. In particolare ha identificato come un potenziale partner la Cina. Un interesse pericoloso in quanto un investimento cinese in Groenlandia fornirebbe una forte posizione strategica nell’area, alle porte del continente americano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rotte-del-nord.png

nuove sfide geopolitiche: le rotte artiche prossime e venture, da www.businessinsider.com.au

Altro fattore non trascurabile è la disponibilità futura di nuove rotte che ridurrebbero considerevolmente i tempi di trasferimento e i consumi di carburante delle compagnie di navigazione. Voglio citare la rotta del Mare del Nord lungo la costa artica russa che ridurrebbe il viaggio marittimo tra Europa e Asia orientale a 13.600 km, alleggerendo il traffico via il canale di Suez di circa 10000 chilometri e, soprattutto, diminuendo il tempo di transito di 10-15 giorni. Altro passaggio è quello di nord ovest, da sempre ricercato nella storia della marittimità, che potrebbe diventare reale presto.

Inutile dire che gli interessi aumentano e non è escluso che si apriranno nei prossimi vent’anni nuovi contenziosi in quelle acque … e non ci saranno sfere sufficienti a stabilire quei confini.

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 83 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

25 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »