If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Un passo avanti nella lotta contro il Covid: scoperti degli anticorpi che sembrano neutralizzare tutti i ceppi di SARS-CoV-2 conosciuti

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE SANITARIE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MEDICINA

parole chiave: coronavirus, anticorpi, nuove terapie,  COVID-19, Lawrence Berkeley National Laboratory, Virologia

 

E’ inevitabile che in un campo minato come quello della virologia le notizie si inseguano, offrendo ogni giorno nuove speranze. Senza entrare in merito alla sua validità, in cui tutti speriamo, riteniamo comunque importante segnalare la notizia che riguarda una nuova terapia anticorpale, oggetto di un articolo pubblicato il 14 luglio 2021 su Nature,  che sembra neutralizzare tutti i ceppi noti di SARS-CoV-2 e di altri coronavirus.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Antibodies-Surrounding-SARS-CoV-2-Particle-777x518-1.jpg

Una rappresentazione artistica degli anticorpi che circondano una particella SARS-CoV-2 da Scitechdaily.com

Sebbene i vaccini COVID-19 siano attualmente le uniche armi in grado di poterci difendere da questa maledetta pandemia, va riconosciuto che essi sono solo una faccia della medaglia in questa battaglia che sembra senza fine. Qualsiasi vaccino non può offrire la sicurezza di proteggerci al 100 %, e anche quelli disponibili per contrastare il coronavirus e le sue varianti devono essere affiancati da nuovi trattamenti che possano prevenire l’insorgenza di malattie gravi dopo una sempre possibile infezione.

A tal riguardo, sebbene le notizie si inseguano sulla rete (spesso diffondendo delle fake news) va chiarito che i vaccini, dopo quasi un’anno di applicazione, offrono una protezione ai vaccinati che riduce la possibilità di infettarsi e comunque diminuisce la gravità dell’infezione anche contro le nuove varianti. E’ quello che abbiamo al momento … per cui la vaccinazione, a meno di particolari situazioni sanitarie personali, è secondo la medicina ufficiale ancora costo efficace.

Non solo vaccini
Nell’ultimo anno sono stati compiuti progressi significativi nello sviluppo di terapie efficaci a base di anticorpi e in molti paesi sono attualmente disponibili vari farmaci, inizialmente autorizzati all’uso di emergenza (EUA) da parte della Food and Drug Administration statunitense e poi da alcune Agenzie europee.

L’articolo citato, pubblicato su www.scitechdaily.com, cita il Sotrovimab, definito la più recente terapia anticorpale contro il Covid. Il farmaco è stato sviluppato da GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology dopo un’ampia ricerca collaborativa di diversi scienziati statunitensi a seguito della scoperta di un anticorpo naturale che sembra avere una notevole efficacia contro il coronavirus in tutte le sue forme.

In realtà l’anticorpo, chiamato S309, non è nuovo ed era stato ritrovato nel 2003 nel sangue di un sopravvissuto alla SARS. La novità è che gli esperimenti in laboratorio hanno dimostrato che sembra essere in grado di neutralizzare efficacemente tutti i ceppi SARS-CoV-2 al momento conosciuti, nonché il virus SARS-CoV originale.

Ma come ci si è arrivati?
Jay Nix, leader del Consorzio di biologia molecolare con sede presso l’Advanced Light Source (ALS) del Berkeley Lab, ha eseguito la cristallografia a raggi X di campioni di anticorpi provenienti ​​​​da sopravvissuti del SARS generando delle mappe strutturali dettagliate di come questi anticorpi si legano alla proteina spike SARS-CoV-2.

Ma la storia non finisce qui. Il team di ricercatori ha iniziato uno studio di follow-up per esplorare in profondità quali fattori rendono gli anticorpi resistenti alla fuga virale e come alcuni anticorpi sono anche ampiamente reattivi contro virus diversi e correlati. In altre parole, la ricerca tiene quindi conto non solo della situazione attuale ma anche di possibili nuove mutazioni. Proprio utilizzando differenti analisi biochimiche e strutturali è stato identificato un potente anticorpo RBM (S2E128) con ampiezza tra i sarbecovirus correlati a SARS-CoV-2 e un’elevata barriera alla fuga virale.

I dati hanno evidenziato i principi e le caratteristiche alla base delle mutazioni tra gli anticorpi mirate al receptor-binding domain (RBD),  identificando epitopi (parti di antigeni che legano l’anticorpo specifico) e caratteristiche a cui dare priorità per lo sviluppo terapeutico contro le pandemie attuali e future. Questo ha consentito al team di ricerca di poter selezionare i contendenti più promettenti. La crescita in coltura cellulare e successivi studi sugli animali hanno permesso di progettare il farmaco sotrovimab basato sulla struttura di S309.

I risultati sono stati entusiasmanti e, alla fine di maggio, la Federal Drug Administration ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza del sotrovimab. Il 21 luglio,  Medicaid.ncdhhs,gov ha pubblicato un special bulletin (COVID 19 #173 Sotrovimab for Intravenous Infusion HCPCS Code Q0247: Billing Guidelines) in cui venivano riassunte le modalità dell’impiego dell’anticorpo monoclonale sperimentale Sotrovimab.

In estrema sintesi, gli studi hanno dimostrato che le persone con infezioni da COVID-19, da lievi a moderate, che avevano ricevuto in emergenza la terapia con Sotrovimab avevano avuto una riduzione dell’85% dei tassi di ospedalizzazione o morte, rispetto ai pazienti trattati con un placebo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Covid-19-cdc2-1024x910.jpg

Questo anticorpo, che si lega a un sito precedentemente sconosciuto sulla proteina spike del coronavirus, sembra neutralizzare tutti i sarbecovirus (sottogenere di virus appartenenti al genere Betacoronavirus come i Sarcoronavirus) conosciuti” ha affermato Jay Nix, del Biosciences Area di Berkeley Lab, a Scitechdaily.com “Inescapable” COVID-19 Antibody Discovery – Neutralizes All Known SARS-CoV-2 Strains (scitechdaily.com).

I Test effettuati sui criceti hanno suggerito che questo anticorpo potrebbe persino prevenire un’infezione da COVID-19 se somministrato a scopo profilattico. Il 07 agosto 2021 l’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) ha reso noto che è possibile utilizzare anche nei nostri ospedali l’anticorpo monoclonale Sotrovimab per la cura del Covid 19, andandosi così ad aggiungere agli altri anticorpi monoclonali già in uso nei nostri ospedali: bamlanivimab, etesevimab, casirivimab e imdevimab. Tutti approvati con autorizzazione di temporanea distribuzione, con un decreto del ministro della Salute dello scorso febbraio, fino al 31 gennaio 2022. Sebbene gli anticorpi monoclonali offrano una protezione limitata, da un paio di settimane a pochi mesi, si aggiungono alle armi disponibili in questa battaglia dolorosa. 

 

Riferimento
SARS-CoV-2 RBD antibodies that maximize breadth and resistance to escape” di Tyler N. Starr, Nadine Czudnochowski, Zhuoming Liu, Fabrizia Zatta, Young-Jun Park, Amin Addetia, Dora Pinto, Martina Beltramello, Patrick Hernandez, Allison J. Greaney, Roberta Marzi, William G. Glass, Ivy Zhang, Adam S. Dingens, John E. Bowen, M. Alejandra Tortorici, Alexandra C. Walls, Jason A. Wojcechowskyj, Anna De Marco, Laura E. Rosen, Jiayi Zhou, Martin Montiel-Ruiz, Hannah Kaiser, Josh Dillen, Heather Tucker, Jessica Bassi, Chiara Silacci-Fregni, Michael P. Housley, Julia di Iulio, Gloria Lombardo, Maria Agostini, Nicole Sprugasci, Katja Culap, Stefano Jaconi, Marcel Meury, Exequiel Dellota, Rana Abdelnabi, Shi-Yan Caroline Foo, Elisabetta Cameroni, Spencer Stumpf, Tristan I. Croll, Jay C. Nix, Colin Havenar-Daughton, Luca Piccoli, Fabio Benigni, Johan Neyts, Amalio Telenti, Florian A. Lempp, Matteo S. Pizzuto, John D. Chodera, Christy M. Hebner, Herbert W. Virgin, Sean P. J. Whelan, David Veesler, Davide Corti, Jesse D. Bloom and Gyorgy Snell,
pubblicato su Nature, 14 luglio 2021.

 

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 374 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »