If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Finding Nemo, il pesce pagliaccio questo sconosciuto

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Pomacentridae
,

Ricorderete tutti il simpatico e curioso pesciolino Nemo del film della Walt Disney “Finding Nemo”. Nella storia il piccolo pesciolino viene catturato da un amatore per essere poi conservato in un acquario, cosa che purtroppo avviene nel mondo reale molto spesso. Nemo è un Pesce pagliaccio, o anemone fish, un pesce della sottofamiglia degli Amphiprioninae appartenente alla famiglia dei Pomacentridae, la stessa dei Chromis chromis mediterranei. 

Tassonomicamente i Pomacentridi sono  suddivisi in quattro sottofamiglie: gli Amphiprioninae, i Chrominae, i Lepidozyginae ed i Pomacentrinae. Tra i Chrominae, il pesce forse più conosciuto è il Chromis chromis, conosciuto comunemente come Castagnola, unico rappresentante dei Pomacentridi nel Mediterraneo.

300px-Chromis_chromis_2

Chromis chromis

La castagnola (Chromis chromis) popola i fondali rocciosi poco profondi dove, da adulta, vive in banchi numerosi sparsi a mezz’acqua. Si può spesso osservare anche sulle praterie di Posidonia oceanica. Gli esemplari giovanili delle castagnole possiedono una bellissima livrea blu e si possono osservare spesso in prossimità di cavità, crepacci ed altri ambienti ombreggiati che prediligono essendo infastiditi dalla luce.

Habitat
Ma torniamo a Nemo. I pesci pagliaccio sono nativi delle calde acque degli oceani Indiano e Pacifico, tra cui la Grande Barriera Corallina ed il Mar Rosso. Vivono sul fondali poco profondi e protetti come le lagune e gli atolli. Non sono presenti in Atlantico. I Pesci pagliaccio sono onnivori e occasionalmente possono nutrirsi anche del cibo non digerito dagli anemoni. Sebbene forse non si possa parlare di una vera e propria simbiosi, i due animali hanno vantaggi reciproci.  Si è notato, ad esempio,  che la materia fecale dei pesciolini nutre gli anemoni e l’azoto prodotto aumenta la quantità di alghe locali, aiutando l’anemone nella crescita dei tessuti e nella sua rigenerazione.

2-clownfishInoltre, il combattivo pesce pagliaccio difende l’anemone dai suoi predatori e uccide i parassiti. In cambio, l’anemone viene utilizzato dai pesci pagliaccio come nido sicuro per le loro uova in quanto difficilmente altri pesci si avventurano tra i tentacoli. 

Ma come fa il pesce ad essere immune dal veleno dell’anemone?
Ci sono diverse teorie su come possano sopravvivere; ad esempio si pensa che il rivestimento di muco del pesce potrebbe essere basato su zuccheri piuttosto che proteine. Ciò significa che anemoni potrebbero non riuscire a riconoscere il pesce come una potenziale fonte di cibo e non sparano le loro nematocisti. Un’altra teoria è che l’evoluzione delle specie ha favorito l’acquisizione di una immunità alle nematocisti e le tossine prodotte dall’anemone. La sperimentazione ha mostrato che un tipo di pesce pagliaccio, l’Amphiprion perculapuò sviluppare resistenza alla tossina da Heteractis magnifica ma non ne è totalmente protetto in quanto, in caso sia privo di muco può essere colpito dalle  nematocisti del suo ospite.
La vita sociale
Interessante la sua vita sociale: in un gruppo di pesci pagliacci si genera una gerarchia di dominanza piuttosto rigida. La femmina più grande e più aggressiva si colloca al primo posto. Solo un maschio ed una femmina del gruppo si riproducono attraverso la fecondazione esterna. Pesce pagliaccio sono ermafroditi sequenziali, il che significa che si sviluppano prima come maschi, e, in maturità diventano femmine. Se la femmina è rimossa dal gruppo o muore, il maschio di dimensioni maggiori  diventerà una femmina. Bizzarro ma non raro in natura.

Il ciclo riproduttivo è spesso correlato con il ciclo lunare. E’ stato scoperto che i tassi di deposizione delle uova  presentano un picco nel  primo e terzo trimestre della Luna. La tempistica di questa progenie significa che le uova si schiudono intorno alla luna piena ovvero nei periodi di luna nuova. Una spiegazione di questo orologio lunare è che le maree primaverili producono le maree più alte durante la luna piena. La schiusa avviene in ore notturne, durante l’alta marea che può ridurre la predazione da parte di altri pesci, consentendo una maggiore capacità di fuga nel momento  più delicato.

old-black-ocellaris-clownfish-3-1

.
Il nido viene attentamente vigilato e chiunque si avvicini (ed i subacquei lo sanno molto bene) viene incoraggiato ad allontanarsi. Sempre i sub avranno sperimentato le beccatine non molto amichevoli contro la maschera. La fecondità delle femmine varia da 600 a 1500 uova, a seconda delle loro dimensioni. Contrariamente alla maggior parte delle specie animali, la femmina prende solo occasionalmente responsabilità per le uova che è quindi a cura dei maschi. Il genitore maschio custodisce le uova fino alla schiusa che avviene circa dieci giorni più tardi. 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 870 times, 3 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share