If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il combattimento del corsaro statunitense Prince of Neufchatel

Reading Time: 6 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO

parole chiave: Privateers. navi corsare

 

Nel corso della guerra del 1812 contro la Gran Bretagna, negli Stati Uniti i privati cittadini armarono numerosissimi bastimenti corsari (privateers nel lessico anglosassone) che attaccarono il commercio navale avversario.

Uno dei corsari di grande successo nonostante il suo breve periodo di attività, fu il brigantino goletta Prince of Neufchatel, registrato nel porto di New York. Oltre a catturare un gran numero di prede, l’equipaggio del Prince of Neufchatel fu protagonista di un feroce e vittorioso combattimento sostenuto contro i marinai della fregata britannica Endymion che tentarono di catturarlo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è modello-del-prince-of-neufchatel.jpg

modello del Prince of Neufchatel

Utilizzato inizialmente come bastimento mercantile, il Prince of Neufchatel all’inizio del 1814 fu trasformato da alcuni cittadini statunitensi in bastimento corsaro mentre si trovava alla fonda nel porto francese di Cherbourg. Stazzava 310 t, era armato con 17 o 18 cannoni e il suo equipaggio consisteva mediamente in 150 uomini. Era comandato dal capitano Ordronaux, un energico e risoluto francese che all’inizio della guerra aveva comandato un corsaro francese.

Tra marzo e settembre, Ordronaux effettuò almeno quattro crociere nel Canale della Manica e nel Canale del Nord, catturando più di 32 bastimenti mercantili britannici, alcuni dei quali armati. Nel corso delle crociere il corsaro fu inseguito da almeno 17 bastimenti da guerra britannici riuscendo sempre a sfuggir loro. Alla fine della sua ultima crociera, invece di rientrare in un porto francese, il corsaro si diresse a Boston, dove fu raddobbato e ad inizio ottobre si rimise nuovamente in mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prince-of-neufchatel-dettaglio-del-ponte-di-coperta.jpg

ricostruzione del Prince of Neufchatel – dettaglio del ponte

Il giorno 9 ottobre il Prince of Neufchatel, che rimorchiava un bastimento mercantile britannico catturato, si trovava a mezzo miglio a sud delle Nantucket Shoals, un’area di bassi fondali che si estende a est ed a sud dell’isola di Nantucket, quando avvistò un bastimento che immediatamente si mise al suo inseguimento. Supponendo correttamente che si trattasse di una fregata britannica, Ordronaux tentò di fuggire e alle tre del pomeriggio la fregata era ancora a 12 miglia di distanza; sfortunatamente alle 7 di sera il Prince of Neufchatel incappò in una calma di vento. Poiché la corrente minacciava di trascinarlo contro la costa, Ordronaux mollò il rimorchio e si ancorò, imitato dall’equipaggio della preda che si ancorò ad un quarto di miglio di distanza.

Anche il bastimento inseguitore si trovò immobilizzato dalla calma di vento; si trattava della fregata britannica Endymion comandata dal capitano Henri Hope. L’Endymion, varata nel 1797, era il prototipo e l’eponima della classe di 6 fregate da 40 cannoni da 24 lb copiate dalla fregata francese Pomone catturata nel 1794; la Royal Navy fece urgentemente costruire le fregate della classe Endymion nel 1813 per opporle alle grandi fregate statunitensi armate con cannoni da 24 lb (all’epoca la maggior parte delle fregate britanniche erano armate con cannoni da 18 lb). L’armamento dell’Endymion era costituito da 26 cannoni da 24 lb in coperta, da 16 carronate da 32 lb sul cassero e da 2 cannoni da 9 lb e altre 4 carronate da 32 lb sul castello.

Secondo le fonti statunitensi l’equipaggio del corsaro, che alla partenza da Boston era di 80 marinai, al momento dell’incontro con l’Endymion era ridotto a 37 a causa della necessità di imbarcare equipaggi di preda sui bastimenti catturati, ma questa affermazione sembrerebbe contraddetta dal fatto che il corsaro era uscito in mare da soli pochi giorni e non sembra possibile che avesse già potuto catturare tante prede; le fonti britanniche quali William James riportano un equipaggio di 130 uomini. Poiché si può ipotizzare che entrambe le parti avessero interesse a falsare, in più o in meno, l’entità reale dell’equipaggio del corsaro, gli uni per giustificare la sconfitta e gli altri per maggiormente glorificare la vittoria, la sua consistenza effettiva potrebbe essere stata superiore ai 37 uomini ma certamente molto inferiore al numero enunciato dalle fonti britanniche.

Verso le 8.30 della sera stessa quando era ormai scesa l’oscurità i marinai a bordo della preda segnalarono ad Ordronaux l’avvicinarsi di numerose scialuppe.

Si trattava delle cinque imbarcazioni della Endymion con a bordo 120 tra ufficiali, marinai e marines che il capitano Hope aveva inviato ad assalire il corsaro statunitense. Come era consuetudine della Royal Navy in queste azioni di scialuppe il distaccamento era al comando del primo ufficiale della fregata, tenente Abel Hawkins.

Perso il fattore sorpresa, le imbarcazioni della Endymion si accostarono al Prince of Neufchatel incuranti del fuoco dei suoi cannoni e della fucileria. L’attacco fu eseguito con grande abilità in quanto le cinque scialuppe circondarono completamente il corsaro: una a poppa, una a ciascun mascone e una su ciascuna fiancata.

Nonostante ciò i marinai statunitensi si difesero ferocemente con qualsiasi arma a disposizione, comprese le caviglie respingendo ogni tentativo dei britannici di salire a bordo; lo stesso capitano Ordronaux sparò più di ottanta colpi. Quei pochi assalitori che riuscirono a metter piede sul ponte del corsaro furono rapidamente messi fuori combattimento. Sembra che l’equipaggio del corsaro fosse stato motivato a difendersi dalla promessa del loro capitano di dar fuoco alla santa barbara piuttosto che arrendersi e che ad un certo punto del combattimento egli si fosse avvicinato al deposito della polvere con una miccia accesa in mano intimando ai suoi marinai di essere pronto a far saltare in aria la nave se avessero ceduto.

Dopo venti minuti di feroce combattimento le forti perdite subite costrinsero i britannici ad arrendersi: una delle scialuppe era affondata con la perdita totale tranne due dei 43 uomini che si trovavano a bordo, molti dei quali si suppose fossero annegati. A bordo di una seconda che fu catturata dei 36 uomini originari 8 erano morti e 20 erano feriti. Secondo le fonti dell’epoca statunitensi le perdite britanniche furono di 49 morti, 36 feriti e 30 prigionieri.

Secondo William James invece le perdite britanniche ammontarono a 28 morti, compreso il tenente Hawkins, e 35 feriti, oltre all’equipaggio di una scialuppa che fu fatto prigioniero. La differenza nel numero dei caduti può essere forse attribuita al fatto che molti dei marinai britannici della lancia affondata che gli statunitensi diedero per affogati in realtà fossero riusciti a salvarsi e a raggiungere la loro nave a nuoto.

Le perdite tra l’equipaggio statunitense furono di 7 morti e 24 feriti. Il capitano Hope riconobbe che l’equipaggio del corsaro si era difeso abilmente nel modo più coraggioso. Il giorno successivo, dopo aver inviato a terra gli ufficiali e i marinai britannici presi prigionieri, Ordronaux riuscì a sfuggire all’Endymion e a rientrare a Boston, dove il francese lasciò il comando e acquistò una quota di proprietà del bastimento. Il Prince of Neufchatel fu catturato nella sua successiva crociera dalle tre fregate britanniche Leander, Newcastle e Acasta che lo sorpresero il 28 dicembre dopo essere stato danneggiato da una tempesta.

L’Endymion invece dopo aver ripianato le perdite con ufficiali e marinai cedutigli da una fregata britannica diretta ad Halifax si unì alla squadra che bloccava il porto di New York. Il 14 gennaio 1815 ingaggiò combattimento con la fregata statunitense President che aveva lasciato l’ancoraggio di Staten Island per approfittare dell’allontanamento della squadra di blocco a causa di una bufera. Dopo essere stata danneggiata dalla Endymion durante un combattimento della durata di circa due ore, la fregata statunitense si arrese alle altre fregate della squadra britannica che erano sopraggiunte nel frattempo. Poiché la fregata statunitense aveva diretto il suo tiro principalmente contro le vele e il sartiame dell’Endymion usando palle ramate e incatenate, le perdite a bordo della fregata britannica furono abbastanza contenute, 11 morti e 14 feriti, molto inferiori a quelle sofferte nel combattimento contro un piccolo ma combattivo corsaro.

 

Fonti
James, Naval History of Great Britain
B.J. Lossing, The Pictorial Field-book of the War of 1812, New York, 1869.
E.S. Maclay, A History of American Privateers, New York, 1899.

 

 

Nelle fonti originali il Prince of Neufchatel è definito hermaphrodite brig, che equivale a brigantino goletta Il brigantino goletta aveva l’albero di trinchetto completamente armato di vele quadre, come il Prince of Neufchatel, mentre la goletta a gabbiole armava solo alcune vele quadre, gabbie o gabbiole, nei pennoni di parrocchetto e di velaccino.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 106 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »