If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Perché non dovete abbandonare le mascherine di protezione nell’ambiente?

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: mascherine di protezione individuale, Covid, inquinamento da plastiche

 

Milioni, anzi, miliardi di mascherine affollano strade, campagne, litorali e fondali marini del nostro Pianeta. Spesso frutto dell’ignoranza e della ignavia che sembrano voler prevalere su secoli di civiltà, quasi a voler dimostrare il fallimento di quelle teorie educative moderne che rifuggono l’importante funzione del controllo degli “istinti” a favore di una maggiore libertà di comportamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mascherine-guanti-ambiente-696x464-1.jpg

Le esperienze di questi ultimi cinquant’anni mostrano ancora una volta che la nostra specie, se non mantenuta con fermezza in un “recinto” etico e morale, si abbandona alla totale asocialità e anarchia, non solo non rispettando gli altri (la mia libertà finisce dove inizia quella dei miei simili) ma andando contro i nostri stessi interessi di sopravvivenza.

Nessuna forma vivente ha questi comportamenti; un animale tende a conservare il suo ambiente perché la sua sopravvivenza dipende da esso … questo non avviene purtroppo per l’Uomo che distrugge il suo habitat sfruttandone le risorse come se fossero infinite.

In questo breve articolo Nicola Di Battista da anni impegnato nella protezione ambientale del nostro territorio, affronta l’ultima, solo temporalmente, emergenza ambientale, legata all’abbandono dei dispositivi di protezione individuali comunemente noti come mascherine. Vi consiglio una attenta lettura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mascherine-protettive-problema-ambiente.jpg

Mascherine, mascherine
L’emergenza Covid-19 ha provocato un aumento esponenziale nella produzione e nel consumo delle maschere chirurgiche di protezione individuale in tutto il mondo. Parallelamente il Pianeta si trova ad affrontare un problema complesso e potenzialmente devastante ovvero il loro smaltimento corretto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è brian-yurasits-mascherine.jpg

A livello globale vengono utilizzati 65 miliardi di guanti ogni mese. Il numero delle mascherine è quasi il doppio: 129 miliardi al mese. Questo significa che ogni minuto vengono utilizzate 3 milioni di mascherine di cui gran parte vengono abbandonate nell’ambiente. Un recente studio documenta che ogni giorno vengono gettate 3,4 miliardi di mascherine o schermi facciali. Si stima che solo in Asia vengano buttate 1,8 miliardi di mascherine al giorno, la quantità più alta tra i continenti. La Cina, con la più grande popolazione mondiale (1,4 miliardi di persone) getta via quasi 702 milioni di mascherine al giorno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mascherine-1-1024x576.png

Le mascherine sono un dispositivo di protezione maggiormente utilizzato da quando è in atto la pandemia da Covid-19: leggera e comoda da indossare. Ma una singola mascherina chirurgica gettata irresponsabilmente – dai marciapiedi alle spiagge – rilascia migliaia di fibre microscopiche che minacciano l’ambiente che li riceve.

I dispositivi di protezione individuale, sono principalmente fatti di materiali plastici e non sono riciclabili.

Una mascherina chirurgica finita in mare rilascia fino a 173mila microfibre al giorno che vengono ingerite dai pesci che poi potremmo mangiare. Ci aspetteremmo un comportamento generale più virtuoso eppure questi dispositivi vengono dispersi ovunque sul territorio e nei mari

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è le-mascherine-il-nuovo-incubo-per-lambiente-in-appena-1-anno-sono-i-rifiuti-di-plastica-piu-abbandonati-1024x683.jpg

Alcuni studi hanno approfondito il meccanismo di degradazione foto-ossidativa delle fibre di polipropilene presenti nei tre strati delle mascherine chirurgiche e ha fornito un primo dato quantitativo relativo alla cessione di microplastiche. Inutile dire che la situazione è preoccupante.

In particolare, lo studio ha fornito un dato relativo alla stabilità oltre il limite di utilizzo delle mascherine che non era ancora disponibile in letteratura. Il lavoro sperimentale è stato condotto dall’Università Bicocca di Milano, sottoponendo queste mascherine usa e getta disponibili commercialmente ad esperimenti di invecchiamento artificiale, designati per simulare ciò che avviene nell’ambiente quando una mascherina abbandonata inizia a degradarsi a causa dell’esposizione agli agenti atmosferici e, in particolare, alla radiazione solare.

Un processo che può durare diverse settimane prima che il materiale giunga al mare, dove è poi sottoposto a stress meccanici prolungati indotti dal moto ondoso. È qui che avviene il maggior rilascio di microfibre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dove-gettare-mascherine.jpg

Una singola mascherina chirurgica esposta alla luce UV-A per 180 ore é in grado di rilasciare centinaia di migliaia di particelle del diametro di poche decine di micron. Come già acclarato per altre tipologie di microplastiche, quali ad esempio quelle prodotte dalla degradazione dei materiali utilizzati per il confezionamento di alimenti o generate durante il lavaggio di tessuti sintetici in lavatrice, sono possibili sia danni da ostruzione agli animali marini, in seguito alla loro ingestione, sia effetti tossicologici dovuti alla veicolazione di contaminanti chimici e biologici (batteri e virus ma anche sostanze chimiche tossiche). Preoccupa inoltre la presenza di frazioni sub-micrometriche (nanoplastiche), potenzialmente capaci di attraversare le barriere biologiche. Oltre ai danni sopra citati vi é da aggiungere quello dovuto agli elastici laterali di esse che, una volta in mare, possono impigliare e soffocare gli animali marini.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è campagna-mascherine-ministero-brignano.jpg

Il consiglio che oggi vi voglio dare  é  quello di smaltire correttamente le mascherine, quindi di non buttarle per terra o in spiaggia o in mare, riponendole negli appositi contenitori e, con un semplice gesto, di rompere entrambi gli elastici laterali al fine di evitare di creare trappole non intenzionali che potrebbero uccidere i nostri amici animali. Pensateci … basta poco per avere un mondo migliore e dipende solo da noi.

Nicola Di Battista

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

(Visited 114 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »