If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Dall’ultimo rapporto scientifico IPCC: “Il cambiamento climatico si sta diffondendo, accelerando e intensificando “

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: CLIMATOLOGIA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: EMERGENZE AMBIENTALI
parole chiave: Clima, IPCC, riduzione delle emissioni

 

Gli eventi di quella estate infernale con ondate di caldo in Nord America, in Russia e nell’Europa orientale, incendi in Italia, Grecia e Turchia, inondazioni in Germania e nel nord Europa ma anche in India, Australia  e Cina, dovrebbero fornire motivazioni sufficienti per una maggiore consapevolezza ambientale. Il condizionale è sempre d’obbligo in quanto ai  buoni propositi si sostituiscono spesso gli interessi personali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è incendi_2-1024x684.jpg

Il 9 agosto è stato reso noto il rapporto periodico sullo stato delle conoscenze scientifiche sui cambiamenti climatici preparato dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) che descrive ancora una volta la crescita degli eventi estremi sul pianeta. Se non c’è limite al peggio quello che sta succedendo è già abbastanza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è variazioni-delle-precipitazioni.png

aumento stimato delle precipitazioni in relazione agli aumenti delle temperature – dal rapporto citato

Quest’anno il Gruppo 1, che riunisce principalmente i climatologi, si è riunito via internet per consolidare in un unico rapporto le risultanze raccolte dalla comunità scientifica, sintetizzando centinaia di studi pubblicati negli ultimi otto anni sulle riviste scientifiche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cambi-globali-clima.png

cambi nelle temperature medie globali – da studio citato

Il rapporto è purtroppo non confortante e, rispetto al precedente, pubblicato nel 2013, la situazione complessiva è peggiorata. Sintetizzando il comunicato stampa dell’IPCC, “Il cambiamento climatico si sta diffondendo, accelerando e intensificando“. Il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha detto che l’odierno IPCC Working Group 1 Report è di fatto un codice rosso per l’umanità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è inondazioni-passau2.jpg

le inondazioni che hanno sommerso la Germania

Il Rapporto espone in maniera scientifica una serie di dati che mostrano quanto velocemente sia in atto il cambiamento climatico ed afferma che non ci sono più dubbi sul fatto che l’apporto antropico abbia “inequivocabilmente riscaldato l’atmosfera, l’oceano e la massa terrestre“. Questo riscaldamento è in crescita e “ognuno degli ultimi quattro decenni è stato successivamente più caldo di qualsiasi decennio dal 1850“.

Il riscaldamento appare essere mediamente maggiore di quanto stimato nel Rapporto del 2013 e la temperatura superficiale media è di 1,09°C più calda rispetto al 1850 con un ritmo di crescita che mediamente non si osservava da 2000 anni. L’aumento dei livelli di CO², l’innalzamento del mare, l’assottigliamento dei ghiacci artici, e il ritiro dei ghiacciai sono fenomeni evidenti e contribuiscono tutti ad una trasformazione del clima del nostro pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IPCC-Climate-Change-2021-Report-Human-activities-are-making-extreme.jpg

La concentrazione di CO² (biossido di carbonio) nell’atmosfera ha raggiunto oltre 410 ppm, un livello che il pianeta non registrava da due milioni di anni. Questo cambiamento si riflette in effetti già chiaramente osservabili, scrive l’IPCC: i ghiacciai si stanno ritirando in tutto il mondo, il permafrost ghiaccio sta diminuendo drasticamente e la copertura glaciale della Groenlandia ha iniziato a sciogliersi, l’acidificazione degli oceani è importate portando in anossia vaste aree del mondo ed il livello medio del mare è in continuo aumento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cbfg-cumulonembo-flammagenitus-filippine.jpg

formazioni di Pyrocumulonimbus Clouds al di sopra del vulcano Taal nella eruzione del 2020 – Raproxen’s Photo”

Gli scienziati dell’IPCC riportano che il cambiamento climatico sta “già producendo fenomeni estremi in ogni regione del globo“, con ondate di calore, piogge intense, siccità e cicloni tropicali. Importante novità rispetto al precedente rapporto 2013, è la possibilità di produrre valutazioni sempre più accurate a livello regionale. Grazie all’impiego dei satelliti è possibile valutare le variazioni delle ondate di calore in quasi tutte le regioni del mondo anche se ancora non abbiamo sufficienti elementi per prevedere con maggiore accuratezza la siccità regionale e le conseguenze sull’agricoltura. Non pensiamo solo agli effetti sulle produzioni ma anche sulle situazioni di instabilità ambientale che porteranno l’aumento di epidemie e conseguenti migrazioni di masse disperate verso altre regioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è emissioni-dii-metano-ne-vari-scenari.png

variazioni in funzione delle emissioni di metano (CH4)

Per modellare il legame tra questi eventi estremi e il riscaldamento globale, gli scienziati ricordano che un’ondata di caldo estremo si è verificata in un dato territorio in media una volta ogni dieci anni durante l’era preindustriale (1850-1900). È stato valutato che con un aumento del riscaldamento medio globale di 2°C da quel momento, le ondate di calore estremo si verificherebbero 5,6 volte in dieci anni e sarebbero in media 1,9°C più calde. Con un riscaldamento globale di 4°C, queste ondate di calore si verificherebbero fino a 9,6 volte in dieci anni, praticamente quasi una volta all’anno. Non si tratterebbe solo di una maggiore frequenza per questi eventi estremi ma anche di una maggiore intensità. Se torniamo agli ultimi fenomeni di questa pazza estate non c’è da stare allegri … millimetri di pioggia caduti in due ore equivalenti alla quantità mensile, l’Europa tagliata in due con temperature che differiscono anche di venti gradi con punte di calore di 48 gradi nell’entroterra meridionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è variazioni-dei-fenmeni-estremi.png

Frequenza delle ondate di calore decennali: a sinistra, una volta ogni dieci anni tra il 1850 e il 1900, colonne di destra, sempre più frequenti a seconda del livello di riscaldamento.

Di fatto dal Rapporto emergono diversi punti importanti:

  • sono stati ipotizzati cinque nuovi scenari illustrativi per valutare la risposta climatica ad una gamma più ampia di variazioni delle emissioni dei gas serra (GHG), sull’uso del suolo (inclusi allevamenti intensivi) e sugli inquinanti atmosferici. Questo insieme di scenari include (aggiungerei finalmente) l’attività solare e le emissioni dei vulcani. I risultati sono forniti per il breve (2021-2040), medio (2041-2060) e lungo termine (2081-2100);

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è emissioni-di-combustibili-fossili-previsioni.png

  • diversi cambiamenti sono già irreversibili, tra cui l’innalzamento del livello del mare e lo scioglimento dei ghiacciai. A causa dell’isteresi del pianeta, anche interrompendo i flussi, ci vorrà molto tempo per tornare a condizioni meno invasive;
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è jokulsarlon-glacier-lagoon-the-crown-jewel-of-iceland-s-nature-4-1024x645.jpg

scioglimento dei ghiacci in Islanda

  • fenomeni come il collasso dei ghiacci marini o le variazioni delle correnti oceaniche, “non possono essere esclusi”. Non è escluso, anzi è probabile, che lo scioglimento accelerato del ghiaccio marino antartico o la distruzione delle foreste (perdendo quindi la loro capacità di assorbire CO²) potrebbero portare in alcune regioni a punti di non ritorno (tipping thresholds) che causerebbero effetti irreversibili;
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è I-ghiacci-dellAntartide-1024x576.jpg

scioglimento dei ghiacci in Antartide

  • l’impatto delle ondate di calore estremo sulle città altamente urbanizzate, in particolare di quelle costiere, sarà potenziato dalla combinazione dell’innalzamento del livello del mare e delle intense precipitazioni che causeranno straripamenti dei fiumi;
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gulf_stream_modis_lrg-1024x683.gif

variazioni della corrente del Golfo

  • il rallentamento della grande corrente oceanica atlantica, nota come AMOC (Atlantic meridional overturning circulation), di cui la Corrente del Golfo è un ramo, avverrà “molto probabilmente” nel corso del 21° secolo, portando una maggiore siccità nelle Regioni europee.

Quanto tempo abbiamo?
Sinceramente non credo in maniera assoluta alle previsioni temporali … il Pianeta non è eterogeneo e i cambiamenti in corso lo affliggeranno in maniera differenziata. Sebbene si parli di vent’anni per evitare il peggio non possiamo permetterci il lusso di aspettare. Il Rapporto raccomanda di “limitare le emissioni cumulative di CO2” e di raggiungere una “riduzione netta” delle emissioni dei gas serra, compreso il metano al fine di non superare di 1,5°C o addirittura 2°C la temperatura media rispetto al 1850, livelli ai quali le conseguenze saranno già gravi. Niente di nuovo rispetto ai rapporti precedenti se non ulteriori drammatiche conferme.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ipcc-august.jpg

Secondo il rapporto, sapendo che il pianeta emette circa 40 miliardi di tonnellate di CO² all’anno, ci sono ancora ventidue anni di emissioni a questo livello (circa 900 miliardi di tonnellate di emissioni) per rimanere al di sotto dei 2°C., o soli 7 anni e mezzo (300 miliardi di tonnellate), restando  al di sotto di 1,5°C. Non sorprende che la riduzione delle emissioni nel 2020, a causa del Covid 19, non abbia avuto un effetto notevole sulla concentrazione di CO² nell’atmosfera.

Di fatto i grandi Paesi inquinatori continuano nelle loro attività poco virtuose, la Cina in testa, in una corsa per accaparrarsi le risorse energetiche per un futuro che potrebbe dargli il potere in un mondo ormai distrutto. In questa lotta all’ultima risorsa il problema ambientale è per molti Paesi secondario. C’è un grosso problema … non basta agire in pochi per rallentare questa spirale perversa, lo dobbiamo fare tutti.

In generale, secondo il Summary for Policymakers allegato al Report, la temperatura superficiale globale continuerà ad aumentare. Ma con quale gradiente? Il riscaldamento globale di 1,5°C e 2°C sarà superato durante questo secolo a meno che non vi siano profonde e decise riduzioni delle emissioni. Sarà sempre più probabile un aumento della frequenza e dell’intensità dei fenomeni estremi marini (i.e. uragani) con ondate di calore che modificheranno gli habitat costieri e genereranno da un lato forti precipitazioni e dall’altro siccità agricole in alcune regioni del globo. Le caratteristiche degli oceani saranno influenzate dalle variazioni delle correnti marine e dalle riduzioni del ghiaccio marino artico. Sul territorio continuerà lo scioglimento delle coperture nevose e del permafrost. Molti cambiamenti dovuti alle emissioni di gas serra passate e future saranno irreversibili per secoli se non millenni, in particolare i cambiamenti nell’oceano, nelle calotte glaciali e nel livello globale del mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ipcc-climate-report-profound-changes-are-underway-in-earths-oceans-and-ice-a-lead-author-explains-what-the-warnings-mean-1024x601.png

Per limitare i futuri cambiamenti climatici è quindi necessario ridurre al più presto il riscaldamento globale indotto dall’Uomo, limitando le emissioni.

Nel Rapporto sono stati identificati degli scenari con emissioni di gas serra (Green House Gas) basse o molto basse (SSP1-1.9 e SSP1-2.6) che potrebbero portare in pochi anni a effetti percepibili sulle concentrazioni dei gas e della qualità dell’aria, almeno rispetto a scenari di emissioni di gas serra elevate e molto elevate (SSP3-7.0 o SSP5-8.5). In questi scenari contrastanti, si potrebbero iniziare a notare delle differenze in circa 20 anni. I tempi saranno comunque lunghi … e l’isteresi dei fenomeni richiederà decenni.

Sarà il solito sommario scientifico per i responsabili politici che verrà usato per fare propaganda elettorale o ci sarà un’effettiva presa di coscienza da parte dei Paesi? Gli interessi delle Grandi Potenze sono divergenti e non fanno sperare bene.

Che aggiungere, il rapporto è chiaro ed evidente e, nella sua freddezza matematica, non consente incomprensioni. La parola è ora ai decisori.

Andrea Mucedola
.
,

immagini dal Rapporto IPCC o dalla rete

.

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 222 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Francesco Brecciaroli Francesco Brecciaroli
    10/08/2021    

    Caro Andrea, ho letto con estremo interesse il tuo articolo. Trovo che finora, manchi, in tutti gli studi, un’analisi del rapporto fra inquinamento e popolamento demografico. In sostanza, vedo dalla figura 1 che la valutazione dell’incremento nelle precipitazioni copre aree polari, oceaniche, nel centro Africa, tutte aree di basso popolamento. Questo, ovviamente, non vuol dire che l’antropizzazione non influisca, ma che le cause di questa situazione nascono in aree di crescita demografica alta come i paesi orientali. Cioè, i paesi inquinatori son i paesi orientali e meno i paesi occidentali! Un abbraccio a te e alla tua famiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »